Letteratura francese

Gli ultimi giorni

Queneau Raymond

Descrizione: Nella Parigi del quartiere latino, della Sorbona e dei piccoli caffè giovani e vecchi ingannano il tempo tra conversazioni di filosofia e letteratura. E il tempo è il vero protagonista di questo romanzo, inteso ciclicamente come ritorno e alternanza ma inteso anche come unica e ineludibile direzione che consegna l'uomo alla vecchiaia e alla morte.

Categoria: Letteratura francese

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788854135079

Recensito da Michele Nenna

Le Vostre recensioni

Gli ultimi giorni di Raymond Queneau, personaggio poliedrico della letteratura francese del ‘900, vede il susseguirsi di vicende che coinvolgono due gruppi generazionali, collocati tra il Quartiere latino e la Sorbona di Parigi.

Da un lato ci sono i giovani che arrivano dalla provincia per compiere i loro studi nell’università della capitale, dall’altro ci sono degli uomini anziani (sui settantanni circa) che frequentano con assiduità i cafè e le trattorie della città, tirando le somme sulle proprie vite.
Coloro che più risaltano dalle pagine del romanzo sono il giovane Tuquedenne e il signor Brabbant. Il primo è un ragazzo che, dopo aver ottenuto il diploma, si trasferisce da Le Havre (che ha dato i natali allo stesso Queneau) a Parigi per compiere gli studi di filosofia; il secondo invece è uomo anziano, di professione “truffatore immobiliare”.

I due gruppi finiranno per fondersi tra loro per i motivi più disparati. Ad esempio, due amici di Tuquedenne saranno coinvolti nei cattivi affari di Brabbant, contendendosi un posto da segretario. Brennuire, amico del truffatore, ospiterà nel proprio salotto un incontro tra intellettuali parigini a cui parteciperanno alcuni dei giovani studenti universitari protagonisti dell’opera.

Capitolo dopo capitolo, il lettore prende coscienza delle novità stilistiche introdotte da Queneau nella stesura dell’intero romanzo.
Con l’intento di distaccarsi dalla tradizione letteraria francese della prima parte del ‘900, lo scrittore apporta innovazioni sia sul piano strutturale, sia sul piano lessicale, come lo stesso traduttore (Francesco Bergamasco per le edizioni Newton Compton) chiarisce nella “Nota del traduttore”.

Al centro della trama: il tempo, che per i giovani studenti trova espressione in un avvenire positivo e ricco di buoni propositi, mentre per gli anziani rappresenta l’avanzare della fatale “ora X”, ossia l’avvicinarsi della morte.
Quest’ultimo scenario in particolare condurrà il professore Tolut, compagno di Brabbant ed ex docente di geografia della scuola superiore di Le Havre, al suicidio davanti agli occhi di Tuquedenne e Rohel.

Dietro tutti questi avvenimenti che segnano l’evolvere del romanzo, Queneau colloca una figura particolare, vale a dire quella di Alfred, barista indovino/astrologo che dispensa consigli e previsioni a titolo gratuito al signor Brabbant. A lui verranno intitolati ben cinque capitoli, in cui gli verrà concesso spazio per dar voce ai propri monologhi interiori, descrivendo le scene a cui assiste nel bar in cui lavora e i personaggi che lo frequentano.

A ciascun personaggio verrà affidato un finale che, come la particolarità dell’opera vuole, si andrà poi a fondere con quelli degli altri personaggi, creando interessanti sviluppi.

In Italia Queneau ha trovato l’elogio di Italo Calvino, il quale lo ha definito “un eccezionale esempio di scrittore sapiente e saggio, sempre controcorrente rispetto alle tendenze dominanti dell’epoca e della coltura francese in particolare“. Come dargli torto?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raymond

Queneau

Libri dallo stesso autore

Intervista a Queneau Raymond


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato. Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione. Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare.

I sensi dell’eros, l’amore in tutti i sensi

Autori vari

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

Un senatore dell’antica Roma, giunto al termine della vita, decide di intraprendere la sua ultima impresa: il racconto della storia dell’umanità. La sua narrazione si incentra sul popolo delle Cleft, una comunità ormai scomparsa di donne che vivevano in una sorta di paradiso terrestre, procreando senza essere fecondate dagli uomini e mettendo al mondo solo bambine, destinate a perpetuare la loro specie. Ma la nascita inattesa di una creatura strana e sconosciuta, un maschietto, infrange per sempre l’armonia della piccola comunità, mettendone a repentaglio l’esistenza stessa.

Una comunità perduta

Le videopoesie di Massimo Rotundo