Letteratura francese

Gli ultimi giorni

Queneau Raymond

Descrizione: Nella Parigi del quartiere latino, della Sorbona e dei piccoli caffè giovani e vecchi ingannano il tempo tra conversazioni di filosofia e letteratura. E il tempo è il vero protagonista di questo romanzo, inteso ciclicamente come ritorno e alternanza ma inteso anche come unica e ineludibile direzione che consegna l'uomo alla vecchiaia e alla morte.

Categoria: Letteratura francese

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788854135079

Recensito da Michele Nenna

Le Vostre recensioni

Gli ultimi giorni di Raymond Queneau, personaggio poliedrico della letteratura francese del ‘900, vede il susseguirsi di vicende che coinvolgono due gruppi generazionali, collocati tra il Quartiere latino e la Sorbona di Parigi.

Da un lato ci sono i giovani che arrivano dalla provincia per compiere i loro studi nell’università della capitale, dall’altro ci sono degli uomini anziani (sui settantanni circa) che frequentano con assiduità i cafè e le trattorie della città, tirando le somme sulle proprie vite.
Coloro che più risaltano dalle pagine del romanzo sono il giovane Tuquedenne e il signor Brabbant. Il primo è un ragazzo che, dopo aver ottenuto il diploma, si trasferisce da Le Havre (che ha dato i natali allo stesso Queneau) a Parigi per compiere gli studi di filosofia; il secondo invece è uomo anziano, di professione “truffatore immobiliare”.

I due gruppi finiranno per fondersi tra loro per i motivi più disparati. Ad esempio, due amici di Tuquedenne saranno coinvolti nei cattivi affari di Brabbant, contendendosi un posto da segretario. Brennuire, amico del truffatore, ospiterà nel proprio salotto un incontro tra intellettuali parigini a cui parteciperanno alcuni dei giovani studenti universitari protagonisti dell’opera.

Capitolo dopo capitolo, il lettore prende coscienza delle novità stilistiche introdotte da Queneau nella stesura dell’intero romanzo.
Con l’intento di distaccarsi dalla tradizione letteraria francese della prima parte del ‘900, lo scrittore apporta innovazioni sia sul piano strutturale, sia sul piano lessicale, come lo stesso traduttore (Francesco Bergamasco per le edizioni Newton Compton) chiarisce nella “Nota del traduttore”.

Al centro della trama: il tempo, che per i giovani studenti trova espressione in un avvenire positivo e ricco di buoni propositi, mentre per gli anziani rappresenta l’avanzare della fatale “ora X”, ossia l’avvicinarsi della morte.
Quest’ultimo scenario in particolare condurrà il professore Tolut, compagno di Brabbant ed ex docente di geografia della scuola superiore di Le Havre, al suicidio davanti agli occhi di Tuquedenne e Rohel.

Dietro tutti questi avvenimenti che segnano l’evolvere del romanzo, Queneau colloca una figura particolare, vale a dire quella di Alfred, barista indovino/astrologo che dispensa consigli e previsioni a titolo gratuito al signor Brabbant. A lui verranno intitolati ben cinque capitoli, in cui gli verrà concesso spazio per dar voce ai propri monologhi interiori, descrivendo le scene a cui assiste nel bar in cui lavora e i personaggi che lo frequentano.

A ciascun personaggio verrà affidato un finale che, come la particolarità dell’opera vuole, si andrà poi a fondere con quelli degli altri personaggi, creando interessanti sviluppi.

In Italia Queneau ha trovato l’elogio di Italo Calvino, il quale lo ha definito “un eccezionale esempio di scrittore sapiente e saggio, sempre controcorrente rispetto alle tendenze dominanti dell’epoca e della coltura francese in particolare“. Come dargli torto?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raymond

Queneau

Libri dallo stesso autore

Intervista a Queneau Raymond

In questo libro, quasi un saggio, non troverete nessuna formula segreta. Questo manuale non vuole essere un pretenzioso codice fatto di regole, né tanto meno un vademecum o un prontuario di idee. Piuttosto, in questa raccolta si può riflettere e ragionare sulla struttura e sulla morfologia della parte letteraria nelle canzoni di musica leggera. Sul suo modello generale, sulle caratteristiche principali e su alcuni spunti di sviluppo e scrittura. Vedremo quindi i canoni architettonici di questa particolare forma di narrazione chiamata canzone. Una parte è dedicata all'importanza delle figure retoriche, in un parallelismo tra il racconto e la canzone. Si trattano temi come struttura, metrica, poetica, stile e originalità. Si analizza dal punto di vista comunicativo il messaggio. Ci si sofferma brevemente sull'importanza dell'alfabeto, del valore archetipico di immagini evocative. L'ultima parte contiene una serie di consigli di scrittura creativa e nelle pagine conclusive compare un glossario della canzone contenente la terminologia più usata dagli autori, e un altro piccolo glossario su alcuni degli elementi narrativi trattati. L'intento di "Il testo e la figura del paroliere" è dunque di stimolare coloro i quali si approcciano per la prima volta al testo di una canzone, semplificando l'orientamento e mettendone in luce gli aspetti più importanti. Ma l'obiettivo è anche di generare riflessioni sulla funzione e sul ruolo della canzone di musica leggera nella società.

Il testo e la figura del paroliere

Pozzati Simone

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe

Theresa Osborne, giornalista di Boston, divorziata e madre di un ragazzino dodicenne, raccoglie sulla spiaggia, durante una vacanza, una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l'uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Profondamente turbata da emozioni che non riesce a frenare, Theresa si avventura, grazie anche a fortunate coincidenze, in una località turistica della costa alla ricerca del protagonista di questo amore infelice.

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

Sparks Nicholas

Buon compleanno Barbara, dalla redazione di www.i-libri.com

Aurora nel buio

Baraldi Barbara