Fantascienza

Gli umani

Haig Matt

Descrizione: Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Categoria: Fantascienza

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero

Anno: 2014

ISBN: 9788806218096

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Che cos’è un essere umano? «Per quanti di voi non lo sapessero, un umano è una forma di vita reale a locomozione bipede, di media intelligenza, che conduce un’esistenza ampiamente illusoria su un piccolo pianeta intriso d’acqua in un angolo assai solitario dell’universo. Agli altri, compresi coloro che mi hanno mandato quaggiù, dirò invece che gli umani presentano sotto molti aspetti un livello di stranezza esattamente pari alle aspettative. E non c’è dubbio che al primo avvistamento sia impossibile non restare inorriditi dal loro aspetto fisico. Soltanto le facce contengono già ogni sorta di ripugnanti bizzarrie. Un naso centrale protuberante, labbra coperte da un sottile strato cutaneo, rudimentali organi uditivi detti “orecchie”, occhi piccoli e “sopracciglia” inspiegabilmente prive di scopo. Nell’insieme, tali caratteristiche costringono l’osservatore a un lungo esercizio mentale di elaborazione e assuefazione». Se deciderete di porre questa domanda all’innominato protagonista dell’opera, non otterrete altra risposta, se non questa.

Non doveva fare altro: doveva distruggere i risultati conseguiti dal professor Andrew Martin con la dimostrazione dell’ipotesi di Riemann e il gioco era fatto, la missione conclusa con successo, il destino dell’universo salvato e il ritorno a casa assicurato. Mai avrebbe invece ipotizzato, l’alieno chiamato a prendere il posto del docente, di poter anche solo immaginare di finire con l’apprezzare la vita terrestre così ricca di cose (“Come le stanze, perché sono tutte immancabilmente quadrate e rettangolari?”) e di emozioni (“L’amore, la sessualità, la paternità? Che scopo hanno?”) a lui sconosciute: lui che al contrario credeva di conoscere tutto di quella realtà, di quella natura umana così dedita alla guerra e alla distruzione. Eppure, questo disincantato nuovo Andrew dal carattere guerrafondaio, con la tendenza a rinunciare ai valori per  deplorevoli principi, si affeziona alla razza così temuta dai suoi superiori e finisce per rivelarsi un pessimo extraterrestre e un simpatico essere umano che, giorno dopo giorno, si sottopone a una sempre più intensa educazione sentimentale.

Il Vonnadoriano – senza famiglia, emozioni, sentimenti, empatia, dolore e amici – si ritroverà a sbrogliare la matassa dell’emotività umana, per ivestire il ruolo di padre di un adolescente depresso e distrutto dal confronto con un figura paterna geniale, e il ruolo di  marito di una donna disillusa.

Gli umani” di Matt Haig è un testo ironico e intelligente, rapido, capace di guardare alla prospettiva antropica con occhi esterni, in grado di far sorridere il lettore tra una disavventura e l’altra, capace di far riflettere su quello che vuol dire essere umani. Ė un romanzo adatto sia a chi ama la fantascienza, sia a chi muove i primi passi verso questa e dunque cerca qualcosa che, pur surreale,  non sia troppo complicato…

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matt

Haig

Libri dallo stesso autore

Intervista a Haig Matt


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto

Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

XY

Veronesi Sandro

I racconti e le confidenze di due donne sui loro 'attacchi amorosi', quasi una sorta di malattia. Oltre a ciò, seguono i racconti degli assalti maschili, un piccolo esercito di vogliosi e innamorati.

Attacchi d’amore

Idolina Landolfi - Ester Pes

A Ondine, in Louisiana, non succede mai niente. L'unico fatto degno di nota risale a molti anni prima, quando scomparve misteriosamente Elijah Landry, un ragazzo del posto. C'è chi dice che sia affogato nel lago, chi sostiene che sia scappato. Iris e Collette, due amiche inseparabili, si preparano a passare l'estate dei loro quattordici anni fra noia e sogni di fuga dal monotono paese. Iris, trascinata al cimitero da Collette, cerca di rompere la noiosa routine improvvisandosi medium, e richiama l'attenzione di un fantasma. Da quel momento l'estate delle due amiche diventerà un vero incubo horror e il segreto di Elijah Landry, il ragazzo scomparso, verrà tragicamente svelato. Titolo originale: ''Shadowed Summer'' (2009).

L’ESTATE DEI FANTASMI

Mitchell Saundra