Narrativa

GLI UOMINI DEL GIOVEDI’

Benacquista Tonino

Descrizione: A Parigi tutti i giovedì s'incontrano in luoghi di fortuna uomini dai destini e dalle condizioni diversissime tra loro, ma accomunati da pene di cuore. Le assemblee si svolgono nello spirito di tolleranza più completo: nessuno ha il diritto di ribattere alle testimonianze che vengono recate e il più religioso silenzio accoglie le confessioni di tutti. Tre i protagonisti principali di questo romanzo al maschile: un filosofo in guerra con l'ontologia della donna, uno scapolo impenitente convinto dell'esistenza di un complotto femminile planetario contro la sua virilità, e un marito tradito che si avventura alla scoperta della donna in tutte le sue varianti. Uno sguardo senza pregiudizi sul maschio contemporaneo, nutrito di autoironia e leggerezza.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2012

ISBN: 9788866321125

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Quando vediamo un capannello di uomini che parlano scambiandosi sguardi di seriosa complicità, magari fumando un sigaro o bevendo una birra, siamo portate a immaginare che parlino di lavoro. O tutt’al più di calcio. Solo se prendono a bisbigliare o esplodono in una grassa risata pensiamo che l’argomento della conversazione possa essere l’universo femminile.

Secondo il nostro stereotipo dell’uomo medio, le vicende amorose rappresentano per i maschi “avventure” di cui vantarsi o “legami” che costringono a ingiuste rinunce. Poi naturalmente ci sono gli sfigati, per i quali le donne diventano un tormento e le relazioni amorose si trasformano in “pene d’amore”.

Benacquista ci fa esplorare con ironia la sensibilità maschile, suscitando tenerezza, commozione e anche un sentimento molto simile alla solidarietà.

In una splendida ambientazione parigina, appena accennata ma al tempo stesso penetrante, un folto gruppo di uomini si incontra di giovedì per condividere esperienze sentimentali e riflessioni sulla vita di coppia. Ogni testimonianza è accolta con rispettoso silenzio da una platea di persone accomunate dal caso e da un forte desiderio di condivisione. Tra queste, ci sono i tre protagonisti: Denis Benitez, il cameriere che pare aver perso improvvisamente tutto il suo charme, e proprio nel momento in cui avrebbe voluto mettere la testa a posto; Philippe Saint-Jean, il tronfio intellettuale che, un po’ per vendetta un po’ per voglia di rivalsa, si lancia alla conquista di una vanitosa top model; Ives Lehaleur che, tradito dalla moglie perfetta, si perde tra le braccia delle donne di malaffare.

Esilarante l’episodio dell’intrusa che si installa in casa di uno di loro (non vi rovino la sorpresa!) e ben riuscito lo spostamento dell’obiettivo sulle interessanti amiche con cui Ives ama trascorrere il tempo libero.

Il testo cresce progressivamente, nella parte centrale la narrazione diventa particolarmente fluida e il finale è appagante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tonino

Benacquista

Libri dallo stesso autore

Intervista a Benacquista Tonino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le ecopoesie di Marcia Theophilo

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

1498, Milano. Leonardo da Vinci aveva atteso con ansia quel primo incontro con Frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico. Entrato nella cella del frate nel monastero francescano, nell’attesa che questi arrivi, Leonardo si sofferma su un dipinto che ritrae lo studioso. Un insieme di allegorie e di richiami alla geometria euclidea che lo colpisce infinitamente, di certo era stato il frate a scegliere ogni dettaglio. Per Leonardo, da sempre interessato a ogni branca del sapere, la matematica, il cui studio gli è stato precluso, rimaneva la regina di ogni scienza. Dal francescano avrebbe finalmente potuto apprendere quel sapere. L’incontro tra i due uomini, però, è funestato dalla morte del vicino di cella di Pacioli, un sedicente frate, in realtà un ladro, reo di aver trafugato degli antichi testi bizantini giunti in Italia in seguito alla rovinosa crociata condotta da Sigismondo Malatesta. Quei volumi sono di grandissimo interesse anche per Leonardo e Pacioli. Insieme, da Milano a Mantova, da Firenze a Urbino, attraversando un’Italia ormai al tramonto della felice epoca pacifica e indipendente, i due si metteranno sulle tracce dell’assassino e Leonardo scoprirà il misterioso enigma nascosto nel quadro che raffigura Pacioli.

La biblioteca segreta di Leonardo

Fioretti Francesco

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène