Narrativa

Graffio

Rosenfeld Tessa

Descrizione: A parte la bravura come immobiliarista, Nikla Poggiardo è odiosa nell'insofferenza verso i bambini, autolesionista nell'ingozzarsi fino al vomito, inadeguata nella scelta scellerata del compagno di vita, il plurimaritato notaio Cesare de Nistris, con il quale intrattiene rapporti intimi, dapprima incandescenti, poi via via sempre più degradanti. Vittima di un abuso che la lascia tramortita, fugge da Roma verso il Salento. Ma anche qui, nella terra natia, i demoni che la perseguitano non le danno tregua. Dopo svariate peripezie, sarà l'avventura con un uomo rozzo e volgare a segnare per Nikla un prima e un dopo, lasciandola alla deriva con un regalo avvelenato. Qualcosa di così inaspettato da costringerla a ribaltare, tra rabbia e sbalordimenti, l'intera sua esistenza.

Categoria: Narrativa

Editore: Linea Edizioni

Collana: Linea narrativa

Anno: 2021

ISBN: 9788831499569

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Tessa Rosenfeld nasce a Santa Monica, da padre americano e madre italo-russa. Graffio (Linea Edizioni), il suo primo romanzo, è ambientato a Roma e nel Salento dove risiede con il marito Fabio Calenda e due adoratissimi cani. Un romanzo d’eccellenza che Mariolina Venezia descrive come “un’audace ricerca della verità”.

Il romanzo Graffio racconta la storia di Nikla Poggiardo, una donna tormentata, preda della bulimia e delle delusioni sentimentali. Immobiliarista di successo, non lo è altrettanto nelle scelte d’amore. Ama il notaio Cesare De Nistris, sposato con la “iena parlante”, ovvero Prisca Dall’Arte de Nistris:

L’erre strascicata, l’intonazione supponente da grillo parlante. Riconoscerebbe quella erre arrotondata in mezzo a Trafalgar Square. Non può essere! Invece sì. La iena parlante è ripresa in primo piano. Sta discettando di membri guizzanti con la conduttrice. Sue le labbra sottili delineate a matita, suo l’ovale a diamante, suo il collo da cigno, ancora sodo, suo il caschetto alla  Anna Wintour ma più corto, pur di non far da copiona; soprattutto suo lo sguardo ‘ti vedo ma non ti calcolo, per me conti meno di zero’ stemperato da occhiali scuri. A quanto pare le montature a farfalla non fanno più tendenza. Basta lei a far tendenza”.

Così Nikla fugge nel Salento, ma anche qui le cose non vanno meglio. Gli attacchi bulimici, e non solo, si susseguono:

“Si precipita in bagno. La vista della iena provoca un violento conato di nausea. China sul water ficca indice e medio in gola e rigurgita rape, bile e un pezzetto intonso di cracker. L’attacco bulimico lascerà i soliti segni in bella vista: volto gonfio e ragnatela di vene inerpicate come tanti filamenti blu attorno alle palpebre.”

Chissà, forse, se imparasse ad amare un po’ di più se stessa, potrebbe trovare il tanto inseguito amore? Si prospetta felicità anche per lei?

Al centro della narrazione di Graffio c’è la figura di una donna dura, rabbiosa, che non concede scampo. La trama è ben congegnata, a tratti anche ironica; il romanzo è scritto con una prosa che conquista nella sua ruvidezza. Una lettura  “graffiante”, per gli amanti delle storie d’amore complicate, che inducono emozioni contrastanti in chi sta leggendo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tessa

Rosenfeld

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rosenfeld Tessa

Nella casa di Pintor, Ruth, Noemi, Ester, discendenti da una famiglia nobile andata in rovina, il servo Efix con grande fatica riesce a conservare il decoro, coltivando l'ultimo podere rimasto. In passato una quarta sorella, Lia, era fuggita in continente e Efix era stato involontariamente causa della morte del padre che cercava di fermarla. Morta anche Lia, torna alla casa materna Giacinto, suo figlio, un giovane dissoluto che manda in rovina le zie. Noemi, legata da un ambiguo sentimento al nipote, rifiuta le nozze con don Predu a cui era stato venduto il podere. Efix che si era allontanato dalla casa da lui creduta maledetta per sua colpa, vi fa ritorno e muore il giorno stesso delle nozze tra Noemi e don Predu, avendo ritrovato la pace.

Canne al vento

Deledda Grazia

Sir Hugo Coal non è mai stato un filantropo. Anche quando non vegetava su una sedia a rotelle, aveva la tendenza a considerare gli esseri umani - le loro azioni, i loro movimenti - meno comprensibili e meno eleganti dell'enorme scheletro di sauro che andava pazientemente ricostruendo. Ma quanto vede ora accadere nelle stanze della sua villa, nei rari momenti in cui i familiari non lo costringono a fissare una parete, gli piace anche meno. E' infatti evidente che Fledge, il nuovo fascinoso, ambiguo maggiordomo, sta ordendo una sua trama assai sinistra. Ed è altrettanto evidente che di quella trama la moglie e la figlia di Sir Hugo, e lui stesso, fanno - consapevolmente? - parte. Resta poco chiaro in che modo Sir Hugo, possa modificare gli eventi con il suo "sguardo di lucertola". Ma in questo fare dello sguardo un'arma letale, McGrath è maestro - come dimostra anche Grottesco, sontuoso ibrido fra le atmosfere notturne della grande letteratura gotica e i ritmi fulminanti della black commedy.

Grottesco

McGrath Patrick

Isola della Maddalena, 1864. Mentre l'anarchico Bakunin approda al porto di Caprera, accolto da Garibaldi in persona e dalla sua corte di fedelissimi, nell'unica osteria dell'isola il vecchio capitano inglese Daniel Roberts apprende dell'improvvisa morte di Loriga, proprietario dell'emporio del paese. Solo pochi giorni prima, il commerciante aveva raccontato di aver visto la Réula, la macabra processione di fantasmi che, secondo una leggenda popolare, sarebbe presagio di sventure. Ma il maresciallo Bachisio Tanchis e il giovane brigadiere De Rosas non possono dar retta alle superstizioni e si mettono alla ricerca di un colpevole. Daniel Roberts, intanto, inizia a indagare per conto proprio assistito dal parroco, l'energico e anticonformista don Mamia... Non ci vuole molto per far emergere i loschi e pericolosi maneggi elaborati da Loriga nel corso degli anni. Ma il mistero è più profondo, e affonda le sue radici nei rapporti tra il commerciante e la composita popolazione dell'isola. Tra pescatori napoletani, scalpellini liguri e militari piemontesi, tra interessi del giovane Regno d'Italia e antichi segreti locali, ci vorrà tutto l'acume degli investigatori - e l'intervento di Garibaldi - per sbrogliare la matassa.

La processione dei fantasmi

Lioni Gianluca

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo