Narrativa

Graffio

Rosenfeld Tessa

Descrizione: A parte la bravura come immobiliarista, Nikla Poggiardo è odiosa nell'insofferenza verso i bambini, autolesionista nell'ingozzarsi fino al vomito, inadeguata nella scelta scellerata del compagno di vita, il plurimaritato notaio Cesare de Nistris, con il quale intrattiene rapporti intimi, dapprima incandescenti, poi via via sempre più degradanti. Vittima di un abuso che la lascia tramortita, fugge da Roma verso il Salento. Ma anche qui, nella terra natia, i demoni che la perseguitano non le danno tregua. Dopo svariate peripezie, sarà l'avventura con un uomo rozzo e volgare a segnare per Nikla un prima e un dopo, lasciandola alla deriva con un regalo avvelenato. Qualcosa di così inaspettato da costringerla a ribaltare, tra rabbia e sbalordimenti, l'intera sua esistenza.

Categoria: Narrativa

Editore: Linea Edizioni

Collana: Linea narrativa

Anno: 2021

ISBN: 9788831499569

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Tessa Rosenfeld nasce a Santa Monica, da padre americano e madre italo-russa. Graffio (Linea Edizioni), il suo primo romanzo, è ambientato a Roma e nel Salento dove risiede con il marito Fabio Calenda e due adoratissimi cani. Un romanzo d’eccellenza che Mariolina Venezia descrive come “un’audace ricerca della verità”.

Il romanzo Graffio racconta la storia di Nikla Poggiardo, una donna tormentata, preda della bulimia e delle delusioni sentimentali. Immobiliarista di successo, non lo è altrettanto nelle scelte d’amore. Ama il notaio Cesare De Nistris, sposato con la “iena parlante”, ovvero Prisca Dall’Arte de Nistris:

L’erre strascicata, l’intonazione supponente da grillo parlante. Riconoscerebbe quella erre arrotondata in mezzo a Trafalgar Square. Non può essere! Invece sì. La iena parlante è ripresa in primo piano. Sta discettando di membri guizzanti con la conduttrice. Sue le labbra sottili delineate a matita, suo l’ovale a diamante, suo il collo da cigno, ancora sodo, suo il caschetto alla  Anna Wintour ma più corto, pur di non far da copiona; soprattutto suo lo sguardo ‘ti vedo ma non ti calcolo, per me conti meno di zero’ stemperato da occhiali scuri. A quanto pare le montature a farfalla non fanno più tendenza. Basta lei a far tendenza”.

Così Nikla fugge nel Salento, ma anche qui le cose non vanno meglio. Gli attacchi bulimici, e non solo, si susseguono:

“Si precipita in bagno. La vista della iena provoca un violento conato di nausea. China sul water ficca indice e medio in gola e rigurgita rape, bile e un pezzetto intonso di cracker. L’attacco bulimico lascerà i soliti segni in bella vista: volto gonfio e ragnatela di vene inerpicate come tanti filamenti blu attorno alle palpebre.”

Chissà, forse, se imparasse ad amare un po’ di più se stessa, potrebbe trovare il tanto inseguito amore? Si prospetta felicità anche per lei?

Al centro della narrazione di Graffio c’è la figura di una donna dura, rabbiosa, che non concede scampo. La trama è ben congegnata, a tratti anche ironica; il romanzo è scritto con una prosa che conquista nella sua ruvidezza. Una lettura  “graffiante”, per gli amanti delle storie d’amore complicate, che inducono emozioni contrastanti in chi sta leggendo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tessa

Rosenfeld

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rosenfeld Tessa

Questo libro ci porta nel laboratorio di Elena Ferrante, ci permette di dare uno sguardo nei cassetti da cui sono usciti i suoi primi tre romanzi e poi i quattro capitoli dell'"Amica geniale", offrendo un esempio di passione assoluta per la scrittura. La scrittrice risponde a non poche delle domande che le hanno fatto i suoi lettori. Dice, per esempio, perché chi scrive un libro farebbe bene a tenersi in disparte e lasciare che il testo faccia il suo corso. Dice i pensieri e le ansie di quando un romanzo diventa film. Dice com'è complicato trovare risposte in pillole alle domande di un'intervista. Dice delle gioie, delle fatiche, delle angosce di chi narra una storia e poi la scopre insufficiente. Dice dei suoi rapporti con la psicoanalisi, con le città in cui è vissuta, con l'infanzia come magazzino di mille suggestioni e fantasie, con la maternità, con il femminismo. Il risultato è l'autoritratto di una scrittrice al lavoro.

La frantumaglia

Ferrante Elena

Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua "infanzia schifa" e le "cose da matti che gli sono capitate sotto Natale", dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ognuno ha potuto leggervi la propria rabbia e assumere il protagonista ad "exemplum vitae".

Il giovane Holden

Salinger J. D.

Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life

Fante John