Narrativa

GRANDI USTIONATI

Nori Paolo

Descrizione: "Allora, io ho avuto un grave incidente mi è bruciata la macchina io c'ero dentro. Mi dispiace molto per la mia macchina. Bruciata distrutta rottamata." - "Puoi abbassare il braccio, che non ci arrivo, infilarti l'ago? mi ha chiesto un'infermiera qua l'altro giorno.Non è colpa mia se sei bassa, le ho risposto. lo che di solito son sempre così gentile. lo qui bisogna mettere a posto le cose ho pensato. Ricominciamo a scrivere, intanto."

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Mini Marcos

Anno: 2012

ISBN: 9788871686240

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Vi aspettate un’opera drammatica sulla dolorosa esperienza dei grandi ustionati?

Credete di leggere il tortuoso percorso di guarigione di chi ha rischiato di morire arso vivo durante un incidente d’auto?

Pensate di affrontare la cronaca di giornate trascorse nel reparto asettico di un ospedale?

“Grandi ustionati” di Paolo Nori – che comunque trae spunto dall’esperienza ospedaliera e di dolore occorsa a un grande ustionato – non è niente di tutto questo. Per una serie di motivi.

Primo fra tutti lo stile di questo scrittore originale e contagioso.

“Perché il cervello, non è che te puoi indirizzarlo ove vuoi te, il cervello, che te gli dici Pensa delle cose belle, al cervello, e lui il cervello comincia a pensare a delle cose che ti fanno star bene no, non funziona così. Era bello, se funzionava così, era comodo.”

Una sorta di pittura naif realizzata con pensieri e parole. Con candore e anacoluti. A volte ai limiti del nonsense.

Prendo in prestito da “Così in terra” di Davide Enia (un romanzo che ho letto in questi giorni) il pensiero che mi ha accompagnato durante la lettura di Paolo Nori: “… per scardinare la lingua ci vuole consapevolezza … la conosce così bene da potersi permettere di violarla …”

Un altro motivo di interesse è l’ironia che pervade lo scrivere di Nori: “Per esempio io avevo pensato di prendere Rocco da parte di dirgli Rocco, facciamo un patto; il primo di noi che esce prende l’impegno che entro tre giorni là fuori ne ustiona un altro”. Manzoniana? Pirandelliana? (Sto provocando l’autore, che ampiamente ironizza su chi lo paragona ad altri scrittori).

Ancora, mi ha avvinto il modo personale di rappresentare dialoghi e discorso diretto. Ne scelgo uno, per meglio esprimere cosa intendo:

“Perché hai quella faccia? Mi chiede un’infermiera.

Eh, le dico, adesso Rocco è guarito ormai andrà a casa, io invece chissà quando vado.

Perché, mi dice l’infermiera, che ormai sei guarito anche tu?

No per via del reparto, le dico, che se vado a casa io poi dovete chiudere.

Ma non preoccuparti, mi dice. E’ giugno, la stagione dei barbecue, vedrai che tra qualche giorno si riempie, qua dentro.”

Nel romanzo ci sono almeno due splendidi inserti-divagazione: l’allucinata “Fischiò” e il racconto sul mare (“Al mare, io sono vent’anni che non ci vado, al mare …”)

Infine ho apprezzato l’utilizzo, deliziosamente subdolo, del testo: per criticare i critici, i premi letterari, le case editrici.“Allora Cristina ha chiamato questa scrittrice Federica Ganassi, non si chiama Federica Ganassi, dico Federica così per dire, perché non mi ricordo come si chiama questa scrittrice, di sicuro non Federica Ganassi, che Federica Ganassi è una mia amica che ha un cane bellissimo che si chiama Rocco, proprio come Rocco …”

Un autore contagioso, dicevo. Che questo libro, vero, ha proprio incantato, tanto per dire, be’ per quel che riguarda il libro ma anche il suo autore, così restio ai paragoni e così colto, perfino …

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte prima – i-LIBRI

[…] 23/10 ore 18.30: Aperitivo con Paolo Nori http://www.i-libri.com/libri/grandi-ustionati-di-paolo-nori/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Nori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nori Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Due sorelle, all'inizio degli anni Settanta: l'università, le lotte nel movimento studentesco, la disubbidienza femminista, l'amore e il sesso sperimentati come liberazione, la politica come passione. Succede qualcosa, qualcosa di oscuro che le coinvolge. Aprile 2003: una serie di eventi casuali pone Giulia di fronte agli interrogativi inquietanti sulla morte della sorella Viola, avvenuta trent'anni prima. Sullo sfondo, la Milano di oggi, in bilico fra la memoria delle proprie radici morali e i nuovi miti del presunto progresso; e quella di ieri, con i suoi quartieri, le osterie, la cultura vissuta come rivoluzione, le ingenuità e gli eccessi di una partecipazione politica che credeva negli ideali.

VIOLA

Paccini Pervinca

"La famiglia è un tema ricorrente e centrale della mia narrativa. Il mio nuovo romanzo attraversa la storia di una famiglia lungo diverse generazioni, concentrandosi questa volta sul rapporto tra fratelli e sorelle, su come si amano, si feriscono e tradiscono, ma anche su come si stimano e si sacrificano l'uno per l'altro. Sono emozionato alla prospettiva di condividere questo nuovo libro con tutti i miei lettori." (Khaled Hosseini)

E l’eco rispose

Hosseini Khaled

Non hanno neanche il tempo di fare conoscenza, i nuovi investigatori del commissariato di Pizzofalcone. Mandati a sostituire altri poliziotti colpevoli di un grave reato, devono subito affrontare un delicato caso di omicidio nell'alta società. Le indagini vengono affidate all'uomo di punta della squadra, l'ispettore Giuseppe Lojacono, siciliano con un passato chiacchierato ma reduce dal successo nella caccia a un misterioso assassino, il Coccodrillo, che per giorni ha precipitato Napoli nel terrore. E mentre Lojacono, assistito dal bizzarro agente scelto Aragona, si sposta tra gli appartamenti sul lungomare e i circoli nautici della città, squassata da una burrasca fuori stagione, i suoi colleghi Romano e Di Nardo cercano di scoprire come mai una giovane, bellissima ragazza non esca mai di casa, e il vecchio Pisanelli insegue la propria ossessione per una serie di suicidi sospetti.

I bastardi di Pizzofalcone

De Giovanni Maurizio

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery