Fantasy

GREEN

Gier Kerstin

Descrizione: Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell'oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l'altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.

Categoria: Fantasy

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2012

ISBN: 9788863802849

Trama

Le Vostre recensioni

 

Per la gioia di tutti i fans della saga dell’autrice tedesca, l’ultimo volume della trilogia approda in libreria e tiene i lettori con il fiato sospeso fino all’ultima riga.

La Gier riesce nella non facile impresa di chiudere brillantemente una storia fantasy divertente e originale, ricca di colpi di scena e assolutamente lontana dall’autoreferenzialità.

La vicenda, che si svolge in pochissime settimane stando al tempo del racconto, non risulta mai stiracchiata o noiosa, nemmeno sul finale, quando l’espediente narrativo scelto dall’autrice per sciogliere la matassa – non posso, ovviamente, svelar la fine – fa capolino improvvisamente, lasciando scorrere qualche brivido a chi, come me, non aveva affatto compreso il mistero.

Certamente l’opera strizza l’occhio al miglior filone del genere, mettendo al centro dell’avventura fantasy la storia d’amore tra Gwendolyn e Gideon, paladini del romanzo e viaggiatori nel tempo: ma la loro relazione è raccontata con grande freschezza e ironia dall’autrice, che già nel secondo volume aveva introdotto il personaggio che meglio di tutti porta una ventata di allegria nella trilogia, il bizzarro demone Xemerius che segue la protagonista nelle sue avventure alla scoperta dei segreti della Loggia che da secoli protegge il segreto dei viaggiatori nel tempo.

Lo stile è sempre vivace e scorrevole, il ritmo mai eccessivamente incalzante, così da permettere a chi legge di assaporare battute, luoghi e sensazioni senza l’assillo della scoperta.

Una trilogia consigliata anche e soprattutto alle più giovani, poiché priva di contenuti men che leciti o orrorosi, e al contempo carica di sogni e fantasia condita efficacemente con un po’ di salsa gotica. Vincente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kerstin

Gier

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gier Kerstin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Il sorriso degli dei

Nievo Stanislao

In un paese pressoché sconosciuto del Piemonte risiede una comunità che apparentemente si occupa del recupero di orfani e ragazzi difficili. Maila è una di loro, ha diciotto anni, si veste di nero, ordina scarpe e libri da Internet e fa esperimenti con erbe, fiori e piante. Non parla volentieri con gli alti, a differenza loro vive con conflitto la sua natura; spesso vorrebbe essere una ragazza normale, ma le è concesso tutto tranne questo. La quiete del paese è interrotta: due grossi lupi aggrediscono un uomo del posto. Da quel momento per Maila tutto cambierà: le apparirà uno strano segno sul petto, incontrerà un ragazzo dal nome misterioso e dovrà salvare la sua gente dall'attacco degli Artigli Rossi, un gruppo di licantropi assetati di odio e carne. Ed eccola Maila, in viaggio fino agli Alti Tatra, accompagnata da Othar, un valoroso guerriero. Riuscirà a portare la testa del capo dei nemici nel regno sotterraneo di Ayta, il luogo di confine fra la vita e la morte, in cui i lupi accompagnano le anime nell'aldilà? Una cornice fantasy per tanti temi di bruciante attualità come l'inquietudine degli adolescenti, la necessità dell'integrazione, le regole del “branco”, la diffidenza e il pregiudizio nutrite nei confronti di chi non ci somiglia. Camilla Morgan-Davis, giovane promessa del fan- tasy, parla il linguaggio della sua età. Con il suo ro- manzo generazionale, tocca le corde dell'anima dei suoi coetanei con una riflessione sul mondo di oggi che supera la letteratura di genere tracimando in una disanima sociale.

IL CANTO DELLA NOTTE

Morgan-Davis Camilla

De Amicis, Edmondo – IL TAMBURINO SARDO (Cuore, 1886)