Fantasy

GREEN

Gier Kerstin

Descrizione: Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell'oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l'altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.

Categoria: Fantasy

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2012

ISBN: 9788863802849

Trama

Le Vostre recensioni

 

Per la gioia di tutti i fans della saga dell’autrice tedesca, l’ultimo volume della trilogia approda in libreria e tiene i lettori con il fiato sospeso fino all’ultima riga.

La Gier riesce nella non facile impresa di chiudere brillantemente una storia fantasy divertente e originale, ricca di colpi di scena e assolutamente lontana dall’autoreferenzialità.

La vicenda, che si svolge in pochissime settimane stando al tempo del racconto, non risulta mai stiracchiata o noiosa, nemmeno sul finale, quando l’espediente narrativo scelto dall’autrice per sciogliere la matassa – non posso, ovviamente, svelar la fine – fa capolino improvvisamente, lasciando scorrere qualche brivido a chi, come me, non aveva affatto compreso il mistero.

Certamente l’opera strizza l’occhio al miglior filone del genere, mettendo al centro dell’avventura fantasy la storia d’amore tra Gwendolyn e Gideon, paladini del romanzo e viaggiatori nel tempo: ma la loro relazione è raccontata con grande freschezza e ironia dall’autrice, che già nel secondo volume aveva introdotto il personaggio che meglio di tutti porta una ventata di allegria nella trilogia, il bizzarro demone Xemerius che segue la protagonista nelle sue avventure alla scoperta dei segreti della Loggia che da secoli protegge il segreto dei viaggiatori nel tempo.

Lo stile è sempre vivace e scorrevole, il ritmo mai eccessivamente incalzante, così da permettere a chi legge di assaporare battute, luoghi e sensazioni senza l’assillo della scoperta.

Una trilogia consigliata anche e soprattutto alle più giovani, poiché priva di contenuti men che leciti o orrorosi, e al contempo carica di sogni e fantasia condita efficacemente con un po’ di salsa gotica. Vincente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kerstin

Gier

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gier Kerstin

Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo

L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Un’Aurora di poesia alle Parole di Lilly

Intervista a Charlie Risso