Giallo - thriller - noir

Grigio come il sangue

Lusetti Lorena

Descrizione: Questa è la terza avventura per l’investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con “L’Ombra della Stella”, ritrovata poi in “Terra alla Terra”. Questo romanzo si svolge nella periferia estrema di Bologna, in un enorme palazzo grigio cemento, in una zona trascurata e degradata. In questo grande condominio, troppe persone negli ultimi anni sono rimaste vittime di incresciosi incidenti. Stella viene chiamata da una inquilina per indagare su queste morti, apparentemente non collegate tra loro. E Stella indaga, in quel suo modo così personale, fino alla soluzione del mistero. Nel suo percorso si appoggia al commissario Marconi, con il quale ha un rapporto di amore e odio, ma che le è indispensabile per le informazioni che le occorrono nell’indagine. Ritroviamo anche la precedente proprietaria dell’agenzia investigativa, Silvia, uccisa da Stella nel primo romanzo, che continua ad apparire accanto a lei nei momenti meno prevedibili. Molti sono i personaggi che ruotano attorno a Stella, portati all’estremo nella loro caratterizzazione, facenti parte del sottobosco di una grande città.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Damster

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 978-88-6810-180-0

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Grigio come il sangue di Lorena Lusetti  è la terza avventura di Stella Spada, che ha concluso il secondo episodio nel bel mezzo di… una sparatoria!

Ritroviamo la più sommaria dei detective della narrativa nostrana (“Gli scheletri nel mio armadio sono così tanti che dovrei comprare un ripostiglio più grande”) in ospedale: ha perso qualche pezzo (“Senza un rene… ne è valsa la pena. Era il prezzo per uccidere Esposito, e l’ho pagato volentieri”), ma viene dimessa e la sua personalità determinata e bizzarra sopravvive.
Così come persistono gli alterchi con il bel commissario Marconi (“Io mi sono fatto manovrare da te come un burattino, ho fatto quello che volevi. Sei in debito con me”), che nutre concreti sospetti sulla di lei tendenza a risolvere da sé i problemi (“Non ti è concesso di fare il giustiziere. Devi lasciare che la polizia faccia il suo lavoro, non ti fidi di me?”).

Con qualche aiuto psicotropo (“Ringrazio la sorte che ha preservato dall’incendio la scorta di spinelli lasciata da Jack, il fotografo dell’agenzia, morto accidentalmente per mano mia…”) – un’allusione alla cocainomania di Sherlock Holmes? – la brillante Stella deve risolvere l’enigma della seriale morte degli abitanti di un grigio complesso condominiale nella periferia bolognese, ove non vige un regolamento ma la ferrea consuetudine delle leggi non scritte (“Qui non funzionerebbe niente se non rispettassimo i turni”) e ove i ragazzi – tra essi Marco, al quale Stella si affeziona – sono in balia di spacciatori senza scrupoli.

La signora Bianchi, una donna tradita dal marito, è precipitata dal terrazzo. Si tratta di suicidio?
Esposito è morto dissanguato. Si è ferito mentre imbottigliava il vino in cantina?
E che dire di Lamberti, scomparso nel nulla, e ritrovato cadavere con il vestito di Babbo Natale in un locale di servizio?
Come ci è finita la signora Minghetti nel cassonetto dei rifiuti?
E la giovane Aline si è davvero suicidata?

Sulla strada delle indagini Stella incontra Carletti, personaggio ambiguo in odore di pedofilia (“Non mi capiterà più un’occasione come questa, in fondo è come se me lo avesse chiesto lui. Mi chino e lo afferro per le gambe. Ė leggero come una piuma… Gli do una spinta forte, sarebbe bastata anche la metà. Plana come un pipistrello…”) e il pusher Grugno: due profili odiosi dei quali l’investigatrice si sbarazza alla sua maniera spiccia (“Come faccio a crederle? Ė l’ultima che ha visto Carletti vivo”) in spregio ai sospetti di Marconi (“Già, che motivo avrebbe avuto per uccidere Carletti? E per uccidere Silvia…?”).
E che dire degli strani condomini: la disabile Adelina, che ha ingaggiato l’indagine di Stella, gli stralunati consorti dei defunti, la virago Marta Bergonzini (“I pomodori di Marta. Non mi chiedo più come hanno fatto a crescere così grandi, è evidente che ha utilizzato un ottimo concime”)…
Tra l’altro Stella deve tenere a bada anche l’assicuratore Anselmi e Vladimir, giovane animatore di un centro sociale del quale si è invaghito il barista Benito… insomma Lorena Lusetti è in perfetta forma e dimostra il suo spirito vivace roteando una girandola di macchiette e personaggi che trascinano il lettore nel vortice della Stella.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Lusetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lusetti Lorena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dalla splendida collina di Capodimonte nota come «la Posillipo povera», Rosa osserva Napoli e ripensa alla madre morta. C’è qualcosa che la unisce a quella donna, qualcosa che va oltre il legame di sangue e che risiede in «un guasto» che ha marchiato le vite di entrambe. Alla ricerca di quel guasto, Rosa rivive la storia di sua madre, Vincenzina, dall’incontro con il suo futuro padre, Rafele, alla nascita di un amore nato in mezzo alla povertà e alla lordura del borgo dei Vergini, dove la guerra sembra non finire mai. Come in un film proiettato solo nella sua mente, Rosa passa in rassegna la morte di suo padre Refele, la decisione di Vincenzina di iniziare a praticare il prestito a usura e la richiesta a Rosa di accompagnarla nei suoi giri per le vie del quartiere, per aiutarla a conteggiare gli interessi. Ma il flusso di memoria di Rosa è una giostra che non può fermarsi. E allora davanti agli occhi le appaiono per magia anche altre persone. «Anime finte» che, come gli attori di una compagnia teatrale, salgono sul palco e recitano la loro parte: Annarella, l’amica d’infanzia, la sua tentatrice; Angiulillo, un ragazzo assoldato dai NAR e dalla camorra per compiere la strage di Bologna; Emilia, una tenera e primitiva down; il maestro Nunziata, sognatore incandescente; il trans Maria. Una galleria di gente esclusa dalla storia a cui Rosa sente di dover restituire quella dignità che è stata rubata loro dalla società. Perché la povertà non finisce mai, pensa Rosa, è la gente che decide di dimenticarla. Con la prosa poetica e originale che le è valsa la candidatura al Premio Strega 2015, Wanda Marasco riesce nell’impresa di scrivere un secondo romanzo all’altezza delle aspettative: barocco ma accessibile, coraggioso ma spietato.

La compagnia delle anime finte

Marasco Wanda

In questo libro si raccontano storie di «matti» che, grazie all’aiuto di familiari, amici, operatori e alla loro forza di volontà, hanno ritrovato la voglia di vivere. Dimostrando che, assieme e con gli strumenti giusti, la vita può migliorare. Anche con meno medicine e più umanità. Attraverso dieci ritratti, viene presentato quello che il Servizio di salute mentale di Trento ha fatto per affrontare i diversi aspetti della malattia, tra luci ed ombre, successi e battute d’arresto. Oltre alle storie di chi ha vissuto la malattia, infatti, ci sono commenti, riflessioni e critiche di operatori, medici, cittadini. Due brevi racconti, all’inizio e alla fine del libro, proiettano nella dimensione della follia, dando un segnale di speranza. Spiegando che dal 13 maggio 1978, quando venne approvata la legge Basaglia, qualcosa è stato fatto, ma soprattutto che sono state poste le basi per rispondere alla legge 180 con una nuova proposta (legge «181»), affinché tutti i «matti» possano avere pari dignità ed essere curati bene dappertutto. Nessuno escluso.

Psichiatria mia bella

De Stefani Renzo

C’è una strana donna che se ne sta buttata come un pacco alla stazione di Firenze Santa Maria Novella. Incurante di sé, immemore di tutto, sprofonda di tanto in tanto in visioni inquietanti di Medioevo, durante le quali si esprime in latino o in fiorentino antico. Ricoverata in ospedale, finalmente ricorderà qualcosa, il proprio nome: Beatrice. In realtà la giovane ragazza custodisce un grande segreto, la chiave per un manoscritto di incredibile valore, storico e alchemico. Come sa bene chi sta cercando in ogni modo di rapirla... E’ possibile che Dante Alighieri non si sia fermato alla terza cantica, ma abbia volutamente celato al mondo la parte finale, la più importante, del suo capolavoro, la cosiddetta quarta cantica? Che ne abbia rimandato la divulgazione in attesa di tempi più favorevoli e più predisposti alla comprensione del suo sconvolgente testamento spirituale? E’ il Dante Alighieri occulto, il Grande Maestro che si nasconde sotto “il velame delli versi strani”, il centro di tutto questo thriller esoterico. Una caccia al manoscritto inedito, ricca di delitti e colpi di scena, che arriva a svelare il significato più recondito sotteso all’opera dantesca.

LA QUARTA CANTICA

Tamà Patrizia

A differenza dei vangeli che conosciamo, quello di Saramago svela sentimenti e intimità del personaggio, in una dimensione umana e a noi vicina. Gesù nasce da donna e dunque reca in sé debolezza, amore, sensualità. Gesù è un bambino scapestrato, un fanciullo della sua età, e un adolescente insicuro come tutti gli altri. Tuttavia, egli è anche creatura divina, generata da Dio, e in quanto tale subisce tutto il mistero e lo sconcerto di una lontananza incolmabile. Gesù vaga, vive nel deserto, apprende l'arte dei pastori, abbandona la famiglia e impara dal "Nemico di Dio" a crescere conoscendo il significato del dolore, della rinuncia, della sofferenza.

IL VANGELO SECONDO GESU’ CRISTO

Saramago José