Narrativa

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara

Descrizione: Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

Categoria: Narrativa

Editore: Imprimatur

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897949701

Trama

Le Vostre recensioni

La scrittrice Barbara Alberti, già protagonista della trasmissione  di Radio 24  La guardiana del faro, ci racconta dell’amore e di altri demoni attraverso la lettere degli amanti a lei inviate e i racconti letti durante la trasmissione radiofonica.

Un’occasione per affrontate temi come la maternità, la crisi matrimoniale, la fine della giovinezza e il fantasma della vecchiaia: donne che parlano alle donne e uomini che non sanno bene come collocarsi nel rapporto, sempre in bilico tra un fuori e dentro la coppia che rivela spesso un’inadeguatezza e una povertà d’animo disarmanti.

Donne stiamo attente, ci stanno levando tutto. Se ci levano anche la vecchiaia siamo fritte”.

L’ironia pungente dell’autrice è il filo conduttore di questa raccolta versatile e capace di rivelare un cosmo di pensieri ed emozioni dentro le quali è facile ritrovarsi e ritrovare frammenti della propria vita, spunti di riflessione e di tragica comicità.

Con le madri i figli diventano oggetto e soggetto d’amore, vittime e carnefici, ossessione e incubo. Uomini che sono amanti e figli, mostri a due teste, ingordi e spietati nel prendersi ciò che non appartiene loro.

Le donne si fanno protagoniste di queste pagine con la consapevolezza e la forza che le contraddistingue in amore come nella vita, una forza fatta di tante fragilità sommate e di scelte necessarie, come quelle delle protagoniste di  Donna di piacere estratto dal romanzo omonimo della Guardiana. Prostitute e amanti, dispensatrici di piacere e studiose d’amore sono le signore di un bordello che non è luogo di perdizione ma di liberazione dall’ipocrisia e dalla mediocrità rispettabile della società moderna.  

 “Una sola cosa è più difficile che farci amare da un uomo quando non ci ama ancora: liberarsene quando non ci ama più”.

Un testo che ha dentro di sé tanti generi e che si fa testimonianza, poesia, voce per raccontare di noi, di ciò che siamo e di ciò a cui non avevamo ancora pensato. Ci ritroviamo, leggendo, noi stesse, donne, a raccontare e a farci protagoniste di un pensiero, di un’emozione e di una rivelazione.

Fuori dal piagnisteo tradizionale, se va tutto bene il parto è il più perfetto momento erotico di una donna. […] Quando il figlio esce, proprio nel momento che più si teme, non senti dolore, ma come un fiume di fuoco. Nessun amante è così intimo e potente, nessun piacere è uguale a quel piacere. E’ un piacere che ti acquieta per un anno – poveri padri! E’ un rivale terribile, il bambino

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Barbara

Alberti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Alberti Barbara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una raccolta che prende il via dai ricordi, dal vissuto recente e passato, dal mondo di oggi e da quello scomparso. Un Sepulveda al suo meglio, con 1a sua consueta e straordinaria capacità di convertire ogni riflessione, ogni denuncia in un racconto affascinante. Come nel brano che dà il titolo alla raccolta. Nel 1990 torna per la prima volta in Cile, dopo quattordici anni di esilio,con una fotografa, che otto anni prima ha catturato un'immagine in cui si vedono cinque bambini. Lo scopo del viaggio è ritrovare quei cinque bambini e fotografarli. Uno di loro, però, non c'è più... La sua storia è il pretesto per raccontare che cos'è successo al Cile, e com'è il paese dopo diciassette anni di dittatura...

RITRATTO DI GRUPPO CON ASSENZA

Sepùlveda Luis

Testo oltraggioso e umoristico, che vorrebbe restituire dignità ad alcune figure e tipi umani stigmatizzati dallo status quo: il ruffiano, il porco maschilista, il poliziotto corrotto, lo speculatore ecc.

Difendere l’indifendibile

Block Walter

Una brutta costruzione di cemento in equilibrio su un precipizio appare tra le curve della strada costiera. Sarà un bar? Una trattoria per camionisti? È comunque il primo locale pubblico dopo chilometri di curve percorse sotto il peso di un'afa opprimente. L'uomo e la donna viaggiano da ore sotto il sole implacabile, e sono di pessimo umore per qualcosa che è successo la sera prima. Quella breve vacanza avrebbe dovuto riavvicinarli, ma niente sta andando per il verso giusto. Hanno proprio bisogno di un caffè, così decidono di fermarsi. La breve pausa distensiva si prolunga però oltre ogni possibile previsione, caricandosi di una tensione crescente. L'oste, un personaggio sgradevole e untuoso, li stordisce di chiacchiere e continua a servirgli piatti che loro non hanno ordinato. All'arrivo del conto, esorbitante, l'irritazione dell'uomo raggiunge il culmine. È una catena di eventi che sarebbe possibile spezzare in qualsiasi momento, e che invece si dipana inesorabilmente fino all'attimo in cui tutto collassa, così che una giornata storta come ne possono capitare a chiunque si trasforma in un incubo senza ritorno. Tra Friedrich Dürrenmatt e Patricia Highsmith, un thriller psicologico ad alta tensione.

Una giornata nera

Costa Aldo

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria