Narrativa

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara

Descrizione: Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

Categoria: Narrativa

Editore: Imprimatur

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897949701

Trama

Le Vostre recensioni

La scrittrice Barbara Alberti, già protagonista della trasmissione  di Radio 24  La guardiana del faro, ci racconta dell’amore e di altri demoni attraverso la lettere degli amanti a lei inviate e i racconti letti durante la trasmissione radiofonica.

Un’occasione per affrontate temi come la maternità, la crisi matrimoniale, la fine della giovinezza e il fantasma della vecchiaia: donne che parlano alle donne e uomini che non sanno bene come collocarsi nel rapporto, sempre in bilico tra un fuori e dentro la coppia che rivela spesso un’inadeguatezza e una povertà d’animo disarmanti.

Donne stiamo attente, ci stanno levando tutto. Se ci levano anche la vecchiaia siamo fritte”.

L’ironia pungente dell’autrice è il filo conduttore di questa raccolta versatile e capace di rivelare un cosmo di pensieri ed emozioni dentro le quali è facile ritrovarsi e ritrovare frammenti della propria vita, spunti di riflessione e di tragica comicità.

Con le madri i figli diventano oggetto e soggetto d’amore, vittime e carnefici, ossessione e incubo. Uomini che sono amanti e figli, mostri a due teste, ingordi e spietati nel prendersi ciò che non appartiene loro.

Le donne si fanno protagoniste di queste pagine con la consapevolezza e la forza che le contraddistingue in amore come nella vita, una forza fatta di tante fragilità sommate e di scelte necessarie, come quelle delle protagoniste di  Donna di piacere estratto dal romanzo omonimo della Guardiana. Prostitute e amanti, dispensatrici di piacere e studiose d’amore sono le signore di un bordello che non è luogo di perdizione ma di liberazione dall’ipocrisia e dalla mediocrità rispettabile della società moderna.  

 “Una sola cosa è più difficile che farci amare da un uomo quando non ci ama ancora: liberarsene quando non ci ama più”.

Un testo che ha dentro di sé tanti generi e che si fa testimonianza, poesia, voce per raccontare di noi, di ciò che siamo e di ciò a cui non avevamo ancora pensato. Ci ritroviamo, leggendo, noi stesse, donne, a raccontare e a farci protagoniste di un pensiero, di un’emozione e di una rivelazione.

Fuori dal piagnisteo tradizionale, se va tutto bene il parto è il più perfetto momento erotico di una donna. […] Quando il figlio esce, proprio nel momento che più si teme, non senti dolore, ma come un fiume di fuoco. Nessun amante è così intimo e potente, nessun piacere è uguale a quel piacere. E’ un piacere che ti acquieta per un anno – poveri padri! E’ un rivale terribile, il bambino

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Barbara

Alberti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Alberti Barbara

Un segreto covato tutta la vita condiziona fortemente la donna che lo custodisce finché, d'improvviso, la liberazione, e di qui una vera e propria rinascita. Attraverso la narrazione si viene a contatto con un'eroina bella e innamorata e per questo debole e spaurita, ma che non esita ad agire contravvenendo agli ordini del marito e a sua insaputa, atteggiamento questo che già dice molto sulla tipologia femminile brontëana. All'ingenuità di Marian, la protagonista, si contrappone la falsità dell'astuta istitutrice Foxley, le cui trame malefiche sono infine smascherate da un arrabbiatissimo Douro, marito di Marian, non senza contribuire a creare un pathos sottile circa l'evolversi della vicenda. Ciò che caratterizza in maniera singolare questo racconto ancora acerbo della nostra autrice è quel senso di suspance tanto abilmente convogliato dalla pur semplice trama. Intrighi, bugie e duplicità brillantemente superati in nome dell'amore si fondono armoniosamente per far sbocciare quella tecnica narrativa che sarà il piccolo grande segreto racchiuso nella penna di Charlotte Brontë.

Il segreto

Brontë Charlotte

Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

RACCONTO (21 pagine) - HORROR - "L'Inferno non è un posto per ragazzi." "Catia Pieragostini ha un talento sovrannaturale"- Horror Magazine Quattro classici bravi ragazzi di una tranquilla cittadina italiana di provincia, decidono che la notte di Halloween sarà lo scenario perfetto per mettere in atto un oscuro piano segreto. Lungo la via, ci sarà chi tenterà di avvisare uno di loro che il sentiero della malvagità, una volta imboccato, può portare fino a un punto di non ritorno...

Medium

Pieragostini Catia

«In zona San Siro a Milano una macabra scoperta ha funestato questa mattina il lavoro di Khalid Buhar, macchinista dell’impresa edile Milano Costruzioni, mentre si accingeva a spianare il terreno a ridosso di una vecchia villa, abbattuta per far posto a un nuovo ipermercato di proprietà del magnate svizzero Karl Heimer. Stava operando con la scavatrice quando, dalle macerie, sono improvvisamente venuti alla luce alcuni resti umani». Guido Barbieri, professore di storia in pensione, non ha dubbi: si tratta di Angela Pozzi, scomparsa a 17 anni nel lontano 1965. Una ragazza della quale lui, diciottenne, era follemente innamorato. Ma sembra che la morte di Angela Pozzi interessi solo a lui e di riflesso alla figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva. La magistratura ha infatti gatte da pelare molto più urgenti e pressanti. Sarà però un nuovo inaspettato delitto a richiedere l’intervento deciso di Daniele Ferrazza, un commissario di polizia giudiziaria che nutre per Laura un interesse non soltanto professionale. Il commissario si troverà ad affrontare un caso oscillante tra passato e presente, all’apparenza indecifrabile. Tanto indecifrabile da sfuggire ai canoni classici dei fatti di sangue. La vera protagonista del romanzo è come sempre Milano, con la trasformazione che ha subito, dagli anni Sessanta ad oggi, da città industriale a città di servizi multietnica, dove sono scomparse le latterie, i trani, il fumo delle ciminiere e lo smog delle caldaie a carbone, lasciando il posto ad asettici uffici, al proliferare dei media, al trionfo del digitale. Una mutazione nella quale si specchia il rapporto non facile tra un padre cresciuto sull’onda ideologica di un Novecento che non c’è più e una figlia pragmatica e interamente dedita alla carriera professionale, e nella quale la presenza ingombrante dei media nei casi giudiziari diventa la normalità. “Oggi i processi si fanno in televisione”, commenta uno dei personaggi. Una realtà del nostro tempo che qui trova l’ennesima conferma.

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi

Bastasi Alessandro