Fantascienza

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas

Descrizione: Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Categoria: Fantascienza

Editore: Mondadori

Collana: Oscar bestsellers

Anno: 2012

ISBN: 9788804624264

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Nato a Cambridge l’undici marzo 1952 e deceduto a Santa Barbara l’undici maggio 2001, Douglas Noel Adams è noto e ricordato dal grande pubblico per la serie di romanzi intitolati “Guida Galattica per autostoppisti”, una saga che, episodio dopo episodio, diventa sempre più arzigogolata e complessa, tanto che persino lo stesso autore, nelle note introduttive, arriva a riconoscerne la contraddittorietà.

Era il lontano 1971, Douglas giaceva felicemente sbronzo a Innsbruck, Austria, quando l’idea del titolo fece capolino per la prima volta nella sua mente. Dopo due giorni di digiuno il tracannarsi due Gosser forti non si era rivelata forse l’idea più saggia. Lo confermava l’incapacità di reggersi sulle gambe. Eppure, a distanza di sei anni segnati da tracolli finanziari, fallimenti e una laurea in inglese, fu proprio questa circostanza a determinare l’ascesa e la consacrazione dell’autore.

L’otto marzo 1978, alle dieci e mezzo di sera, Radio 4 della BBC trasmise il primo episodio di un grande successo che inaugurò il filone della fantascienza umoristica. E fu sempre nello stesso periodo che Douglas, oltre alla creazione dell’alieno Ford Prefect, del paranoico androide Marvin, di Arthur Dent e di tutti gli altri protagonisti che popolano le pagine della Guida, contribuì alla scrittura e sceneggiatura dei telefilm del Dr. Who, altro pluripremiato personaggio dell’eccentrico autore.

Brevemente la trama. Pianeta Terra. Un giorno come tanti. Per l’omissione di un semplice, ma distruttivo  ordine di revoca, del corpo celeste blu non resta altro che polvere. Ford Perfect è tra i terrestri da ben quindici anni, ma di fatto è originario di Betelgeuse: riesce a scampare alla disintegrazione portando con sé quello che forse sarà l’ultimo umano della storia, Arthur Dent. E fra presidenti galattici al centro dello scandalo, extraterrestri imbarazzanti, androidi depresso-paranoici, potenti topi e chi più ne ha più ne metta,  l’avventura ha il suo inizio!!

Amici lettori, lasciate a casa ogni logica, ogni certezza e ogni sicurezza: sì, perché in “Guida galattica per autostoppisti”, non c’è spazio per tutto ciò, non c’è spazio per la consuetudine e per l’abitudine, per l’ordine e per il regolare scorrere del tempo. La storia procede senza criteri, eppure, battuta dopo battuta,  contraddizione dopo contraddizione, il racconto si fa sempre più vivo e avvincente, intrappola nella sua trama, nella meraviglia, nella pura e semplice disumanità.

Non stupitevi dunque, amanti della fantascienza classica, nel riscoprirvi spiazzati e vittime del caos dinanzi alla lettura di un testo che è talmente surreale da suscitare reazioni sconcertanti. La sensazione di perplessità e il dubbio aumentano nello scorrere delle vicende, e questa sensazione caratterizza e rende apprezzabile la “Guida”. L’essere “fuori dagli schemi” è al tempo stesso il lato negativo e quello positivo, tanto che in conclusione quest’opera o la si odia o la si ama, purché la si legga con il giusto spirito e nel momento opportuno.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Douglas

Adams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Adams Douglas

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe

NIHAD SIREES: Stiamo combattendo contro la storia ufficiale di un regime

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna elegante, austera e vestita completamente di nero è sveglia da ore. Sta fissando, attraverso una piccola feritoia nel muro, un pezzo di cielo che volge all'azzurro mentre le stelle lentamente scompaiono. Sa che quello squarcio di cielo è l'unica cosa che riuscirà a guardare per il resto della sua vita. L'ultima pietra che, per decreto del palatino, la condanna a essere murata viva in quella stanza è appena stata posata. Ma la contessa Erzsébet Bathory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita. Erzsébet è solo una bambina innamorata dei libri quando, nella dimora in Transilvania dove vive insieme alla sua famiglia, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non potrà mai dimenticare. Neanche quando, a soli undici anni, è costretta a sposare l'algido, freddo e violento Ferenc Nadasdy; Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sarvar è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Questo le procura non pochi nemici e coincide con l'emergere dell'anima più nera della donna. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Si tratta di una cospirazione? O siamo di fronte a una donna malvagia e perversa? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere e lottare in un mondo dominato dagli uomini?

La contessa nera

Johns Rebecca