Fantascienza

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas

Descrizione: Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Categoria: Fantascienza

Editore: Mondadori

Collana: Oscar bestsellers

Anno: 2012

ISBN: 9788804624264

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Nato a Cambridge l’undici marzo 1952 e deceduto a Santa Barbara l’undici maggio 2001, Douglas Noel Adams è noto e ricordato dal grande pubblico per la serie di romanzi intitolati “Guida Galattica per autostoppisti”, una saga che, episodio dopo episodio, diventa sempre più arzigogolata e complessa, tanto che persino lo stesso autore, nelle note introduttive, arriva a riconoscerne la contraddittorietà.

Era il lontano 1971, Douglas giaceva felicemente sbronzo a Innsbruck, Austria, quando l’idea del titolo fece capolino per la prima volta nella sua mente. Dopo due giorni di digiuno il tracannarsi due Gosser forti non si era rivelata forse l’idea più saggia. Lo confermava l’incapacità di reggersi sulle gambe. Eppure, a distanza di sei anni segnati da tracolli finanziari, fallimenti e una laurea in inglese, fu proprio questa circostanza a determinare l’ascesa e la consacrazione dell’autore.

L’otto marzo 1978, alle dieci e mezzo di sera, Radio 4 della BBC trasmise il primo episodio di un grande successo che inaugurò il filone della fantascienza umoristica. E fu sempre nello stesso periodo che Douglas, oltre alla creazione dell’alieno Ford Prefect, del paranoico androide Marvin, di Arthur Dent e di tutti gli altri protagonisti che popolano le pagine della Guida, contribuì alla scrittura e sceneggiatura dei telefilm del Dr. Who, altro pluripremiato personaggio dell’eccentrico autore.

Brevemente la trama. Pianeta Terra. Un giorno come tanti. Per l’omissione di un semplice, ma distruttivo  ordine di revoca, del corpo celeste blu non resta altro che polvere. Ford Perfect è tra i terrestri da ben quindici anni, ma di fatto è originario di Betelgeuse: riesce a scampare alla disintegrazione portando con sé quello che forse sarà l’ultimo umano della storia, Arthur Dent. E fra presidenti galattici al centro dello scandalo, extraterrestri imbarazzanti, androidi depresso-paranoici, potenti topi e chi più ne ha più ne metta,  l’avventura ha il suo inizio!!

Amici lettori, lasciate a casa ogni logica, ogni certezza e ogni sicurezza: sì, perché in “Guida galattica per autostoppisti”, non c’è spazio per tutto ciò, non c’è spazio per la consuetudine e per l’abitudine, per l’ordine e per il regolare scorrere del tempo. La storia procede senza criteri, eppure, battuta dopo battuta,  contraddizione dopo contraddizione, il racconto si fa sempre più vivo e avvincente, intrappola nella sua trama, nella meraviglia, nella pura e semplice disumanità.

Non stupitevi dunque, amanti della fantascienza classica, nel riscoprirvi spiazzati e vittime del caos dinanzi alla lettura di un testo che è talmente surreale da suscitare reazioni sconcertanti. La sensazione di perplessità e il dubbio aumentano nello scorrere delle vicende, e questa sensazione caratterizza e rende apprezzabile la “Guida”. L’essere “fuori dagli schemi” è al tempo stesso il lato negativo e quello positivo, tanto che in conclusione quest’opera o la si odia o la si ama, purché la si legga con il giusto spirito e nel momento opportuno.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Douglas

Adams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Adams Douglas


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il giovane Simon vive come un animale ai margini di un bosco preistorico eppure futuribile. Ci vive con il Polacco che dovrebbe essere suo padre. Dopo visite di misteriosi militari, si mette in viaggio per la Capitale al seguito del Polacco, il folle eroe di guerra chiamato a compiere un'oscura missione urbanistica e militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all'improvviso, sull'orlo di un riscatto mai immaginato.

Genesi 3.0

Calvisi Angelo

Le madri atroci

Dazieri Sandrone

Una sera, un affermato regista turco, che vive a Roma da alcuni anni, prende in gran fretta un aereo per Istanbul, la città dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa scatena una serie di ricordi che sembravano sopiti: oltre alla madre affascinante ed elegantissima, il padre, misteriosamente scomparso per dieci anni (in Italia?), e altrettanto misteriosamente ricomparso; le zie zitelle, assetate di vita e di Martini, e i loro giovani amanti; e poi i fratelli, la fedele cuoca. E un amore, un amore perduto. Ma mai dimenticato. Stanza dopo stanza, i ricordi diventano più reali e la Istanbul della sua infanzia e adolescenza sembra riprendere forma. Ma con il passato il protagonista dovrà anche fare i conti. A questa storia se ne intreccia, imprevedibilmente, un'altra. Perché sullo stesso aereo Roma-Istanbul c'è, insieme al marito e a una coppia di amici, una donna. Il loro è un viaggio d'affari e di piacere, per festeggiare un evento importante. Finché accade qualcosa, e il loro futuro cambia direzione. Tra caffè e hammam, amori irrisolti e tradimenti svelati, melanconia e voluttà, il regista e la donna si sfiorano e, alla fine, si incontrano. Proprio come in un film di Ozpetek. Solo che stavolta è lui - forse - il protagonista.

Rosso Istanbul

Ozpetek Ferzan

Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni '60 (che compra e distrugge in bizzarre gare amatoriali) è convinto di essere uno scrittore di talento incompreso. Il riconosci-mento economico e letterario arriverà quando, sotto pseudonimo, comincerà a pubblicare thriller da autogrill, Potrebbe finalmente scappare da Milano, dalla madre rompiballe e dal fratello artista con cui vive, ma un infarto improvviso stravolge ogni piano. Da un ospedale di periferia Franco si ritrova a dover ripensare la propria vita. Con lui, un agguerrita gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della condizione umana. Un romanzo egregiamente scritto per chi nella vita non riesce a sfondare, anche per cause "contingenti". Perché solo uno spirito illuminato sa scherzare sulla propria morte.

Grandi momenti

Krauspenhaar Franz