Narrativa

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi

Descrizione: Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

Categoria: Narrativa

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788889920718

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Ancora una volta le Edizioni Hacca, sempre attentissime al fermento presente e passato di quell’hinterland torinese spesso emblema di una realtà ben più ampia, portano in libreria un’opera degna di essere letta, in questo caso assaporata e goduta con lo spirito pioneristico della scoperta.

Ciò non faccia pensare ad un libro di avventure o azione: Gymkhana – Cross piuttosto è un testo dal sapore nostrano e genuinamente italiano, ma profondamente intriso di una coscienza-incoscienza di fabbrica così lontana dall’immaginario collettivo attuale, da potersi considerare un tuffo in un’altra realtà.

In un susseguirsi di episodi – racconti che intrecciano in verità una sorta di romanzo minimalista, l’autore rappresenta un’epoca e un mondo che forse è durato lo spazio di un istante, ma che in questa Italia è stato, e dunque, val la pena conoscere.

La sapiente e ricca introduzione di Sergio Pent è strumento probabilmente indispensabile per il lettore che  giunge così con la giusta predisposizione alla lettura del libro che, per parte sua, è scritto con grandissima scorrevolezza e semplicità, specchio linguistico perfetto della pozza cristallina e poco profonda (ma per ciò stesso trasparente) della coscienza del protagonista.

Nell’altrettanto illuminante postfazione di Giuseppe Lupo si cita un’opinione di Calvino sull’opera di quest’autore, che cifra perfettamente(e ciò non stupisce) il lavoro di Davì, il quale – si dice – ci restituisce “la faccia allegra e scooteristica del mondo industriale”.

Una lettura fluida e intelligente, tutt’altro che scontata, consigliata a tutti ma in particolare a chi desideri riscoprire quello spirito sereno e al contempo fatalista di un’Italia che purtroppo non c’è più e spesso viene dimenticata nel prevalere di una certa immagine più triste ed oscura che si è ormai radicata nella nostra idea evolutiva del contesto “fabbrica”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Davì

Libri dallo stesso autore

Intervista a Davì Luigi

Un inno alla leggerezza. E non a quella che fa rima con frivolezza, ma un invito a sgravarsi, a liberarsi dei troppi pesi che ci mettiamo addosso. Perché di insostenibile c'è soltanto l'affanno per voler essere diversi da ciò che si è. Poesie che hanno la forza di un'esortazione e sono agili come canzoni pop. Parlano dell'accettarsi, nel bene e (soprattutto) nel male. Dell'avere dubbi e sbagliare, nella vita come in amore. Questo libro è un elogio dell'imperfezione, dell'errore, dello sbaglio, parole per esseri imperfetti perché vivi. E dell'equivoco, dell'errore, dell'approssimazione, ci si veste con fierezza. Alessandra Racca si dimagrisce il passo per essere leggera al mondo e poggiarci sopra, camminando, l'essenziale: la luminosa trasparenza dell'imperfezione.

Consigli di volo per bipedi pesanti

Racca Alessandra

Che cosa va punito? In che modo? Con quali obiettivi? Come dobbiamo intendere la responsabilità e la colpa? Questioni come queste sono strettamente correlate ai mutevoli contesti politico-ideologici, alle tendenze culturali, all'evoluzione del pensiero filosofico e anche ai paradigmi elaborati dalle scienze. Il libro offre un quadro dei temi e dei problemi di fondo del diritto penale contemporaneo, sottolineando il rapporto di forte tensione, e in alcuni casi di contraddizione, tra i principi che dovrebbero conformare un diritto penale liberaldemocratico degno di questo nome e il concreto diritto penale che viene applicato nei tribunali.

Prima lezione di diritto penale

Fiandaca Giovanni

Non hanno neanche il tempo di fare conoscenza, i nuovi investigatori del commissariato di Pizzofalcone. Mandati a sostituire altri poliziotti colpevoli di un grave reato, devono subito affrontare un delicato caso di omicidio nell'alta società. Le indagini vengono affidate all'uomo di punta della squadra, l'ispettore Giuseppe Lojacono, siciliano con un passato chiacchierato ma reduce dal successo nella caccia a un misterioso assassino, il Coccodrillo, che per giorni ha precipitato Napoli nel terrore. E mentre Lojacono, assistito dal bizzarro agente scelto Aragona, si sposta tra gli appartamenti sul lungomare e i circoli nautici della città, squassata da una burrasca fuori stagione, i suoi colleghi Romano e Di Nardo cercano di scoprire come mai una giovane, bellissima ragazza non esca mai di casa, e il vecchio Pisanelli insegue la propria ossessione per una serie di suicidi sospetti.

I bastardi di Pizzofalcone

De Giovanni Maurizio

Le canzoni di Narayama

Fukazawa Scichirō