Narrativa

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi

Descrizione: Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

Categoria: Narrativa

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788889920718

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Ancora una volta le Edizioni Hacca, sempre attentissime al fermento presente e passato di quell’hinterland torinese spesso emblema di una realtà ben più ampia, portano in libreria un’opera degna di essere letta, in questo caso assaporata e goduta con lo spirito pioneristico della scoperta.

Ciò non faccia pensare ad un libro di avventure o azione: Gymkhana – Cross piuttosto è un testo dal sapore nostrano e genuinamente italiano, ma profondamente intriso di una coscienza-incoscienza di fabbrica così lontana dall’immaginario collettivo attuale, da potersi considerare un tuffo in un’altra realtà.

In un susseguirsi di episodi – racconti che intrecciano in verità una sorta di romanzo minimalista, l’autore rappresenta un’epoca e un mondo che forse è durato lo spazio di un istante, ma che in questa Italia è stato, e dunque, val la pena conoscere.

La sapiente e ricca introduzione di Sergio Pent è strumento probabilmente indispensabile per il lettore che  giunge così con la giusta predisposizione alla lettura del libro che, per parte sua, è scritto con grandissima scorrevolezza e semplicità, specchio linguistico perfetto della pozza cristallina e poco profonda (ma per ciò stesso trasparente) della coscienza del protagonista.

Nell’altrettanto illuminante postfazione di Giuseppe Lupo si cita un’opinione di Calvino sull’opera di quest’autore, che cifra perfettamente(e ciò non stupisce) il lavoro di Davì, il quale – si dice – ci restituisce “la faccia allegra e scooteristica del mondo industriale”.

Una lettura fluida e intelligente, tutt’altro che scontata, consigliata a tutti ma in particolare a chi desideri riscoprire quello spirito sereno e al contempo fatalista di un’Italia che purtroppo non c’è più e spesso viene dimenticata nel prevalere di una certa immagine più triste ed oscura che si è ormai radicata nella nostra idea evolutiva del contesto “fabbrica”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Davì

Libri dallo stesso autore

Intervista a Davì Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia

Dietro le sembianze di una sonnolenta località di villeggiatura dell'Appennino, il paese di Castagneto nasconde un enigma collettivo fatto di insanabili rivalità, odi non saziati, antichi amori mai sopiti, nuove e disperate passioni e cocenti solitudini. Vittorio, uno storico quarantenne impegnato in una ricerca sui campi di battaglia della Linea Gotica, vi giunge per due settimane di vacanza con la famiglia, ancora oppresso da un lutto recente che rischia di trasformarsi in una cupa ossessione di morte; Carla, sua moglie, nutre invece il bruciante desiderio di una seconda: maternità. Durante il trascorrere delle due settimane, la coppia senza quasi rendersene conto si troverà coinvolta nei conflitti in corso dietro la rassicurante facciata del paese: un vortice in cui Vittorio e Carla rischieranno di precipitare irrimediabilmente, finché una repentina esplosione di violenza degna di una tragedia elisabettiana non verrà a tracciare il confine tra i perduti e i salvati. Un romanzo che ha il respiro e la lingua di un piccolo classico e il cuore duro di un thriller, in cui il lettore viene risucchiato pagina dopo pagina.

PAESAGGIO CON INCENDIO

Aloia Ernesto

Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili.

Dona Flor e i suoi due mariti

Amado Jorge

IL SILENZIO IMPERFETTO – di Aldo Penna