Letteratura inglese

HARRY POTTER

Rowling J. K.

Descrizione: Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Salani

Collana:

Anno: 1998

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Si inizia per gioco e poi gli occhi si incollano alle pagine: questo è l’effetto dei romanzi di Harry Potter. Ora la saga è terminata al cinema e in libreria, ma non cambia la voglia di leggerla, magari inlingua originale.

La nostra fantasia è limitata dalla bella versione cinematografica, ma scorrendo i romanzi riesce ancora a fare di testa sua, volando a cavallo delle scope o passando attraverso porte di mondi lontani. Si commuove di fronte all’affetto infantile di Hagrid o alla passione inconfessata dei silenzi di Ron ed Hermione.

Ma Harry senz’altro primeggia: per circa sette anni siamo spettatori della sua crescita, in bilico tra bene e male. Sin dal primo libro, infatti, quel frugoletto sa conquistare il lettore, che prova per lui tenerezza e compassione. Figlio di grandi maghi, privilegiato suo malgrado, è catapultato nella sventura, perché neonato perde i genitori, è colpito da colui che non deve essere nominato e ne resta segnato per sempre. Non è colpa sua e resta un po’ passivo di fronte agli eventi, come se spesso non sapesse come comportarsi. Questa sua esitazione lo rende piu’ simpatico, perché in fondo è un antieroe vincente.

Il tempo passa e lo vediamo trasformarsi: nel cuore dell’azione, dal quarto libro in poi, sembra acquisire una percezione che lo porta a non arretrare di fronte a un male che diventa terribile, occulto, psicologico. Il maghetto sa schierarsi con coraggio, sentimento che insieme all’amicizia è dominante. Un buon messaggio per noi.

Le atmosfere si fanno più gotiche e sono destinate ad un pubblico disincantato, soprattutto dal quinto libro in poi. Lasciano un po’ attoniti, come nella conclusione della storia di Silente, che suscita nel lettore la continua speranza che qualcosa possa cambiare.

Ma perché far crescere Harry in un mondo così buio e maligno? Sicuramente perché questa “goticità” è molto inglese, ma anche perché è un vero mondo di adulti ormai, protagonisti e lettori.

Nella sfida finale, il settimo libro, Harry cerca di eliminare per sempre Voldemord, impresa tutt’altro che semplice. Non basta ucciderlo perché la sua anima è racchiusa in oggetti misteriosi, gli Horcrux, che la estraniano dal corpo e le permettono di sconfiggere la morte. Quest’ultima è temuta da tutti, solo Harry non ne ha paura, l’ha vista negli occhi e affrontata più volte. Per questo cerca i tre doni della morte, che danno a chi li possiede un immenso potere. Solo il suo cuore puro e forte potrà utilizzarli senza esserne macchiato a sua volta.

Dopo lo scontro finale una serie di rivelazioni scioglie gli ultimi nodi della matassa e chiude l’intreccio una discussa “quiete dopo la tempesta”, che riprende narrativamente l’inizio della saga e ce ne fa sentire la nostalgia.

Ai memori delle lotte contro i draghi, delle pozioni o del canto delle sirene, resta un po’ di malinconia. Ma questa dolce sensazione è giusta e va accettata, perché corrisponde all’inevitabile magia del passare del tempo.

Abbiamo conosciuto un povero neonato apparentemente indifeso,  salutiamo infine un uomo adulto e consapevole di sé, meno magico ma mai troppo umano.

Tutta la saga di Harry:

1 – Harry Potter e la Pietra Filosofale (1998)

2 – Harry Potter e la Camera dei Segreti (1999)

3 – Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (2000)

4 – Harry Potter e il Calice di Fuoco (2001)

5 – Harry Potter e l’Ordine della Fenice (2003)

6 – Harry Potter e il Principe Mezzosangue (2005-2006)

7 – Harry Potter e i Doni della Morte (2007-2008)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

K.

J.

Rowling

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rowling J. K.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Acqua morta

Catozzi Michele

Roma, anni Settanta, i giovani in rivolta. Ma stavolta è tutto diverso. Patrizia e Michele, due ragazzi di opposta estrazione sociale, ribelli verso il proprio destino. Sullo sfondo, il mito della rivoluzione: non più prerogativa solo degli oppressi e degli emarginati, ma anche dei figli della Roma bene, come succede in "Rosso totale", intenso romanzo di Fabio Calenda. Sotto i nostri occhi scorrono gli anni Settanta, vividi come non mai, ripresi da un'angolazione del tutto inedita. Oltre a Patrizia e Michele ci sono Paolo, Lisa, Guido e via via gli altri, sempre più immersi in un clima di sfida. Una sfida contro il potere della politica e della società, di volta in volta compiacente o repressivo a seconda degli interessi in gioco? Oppure contro il potere che si cela all'interno delle mura domestiche? In ogni caso un potere mascherato da indifferenza, ma che può anche rivelarsi più feroce quando si manifesta nel rancore irriducibile di una madre nei confronti di sua figlia. In un continuo mutamento di prospettiva, tra pulsioni ideali e deliri ideologici, tra impegno sociale e protagonismo narcisistico, "Rosso totale" ci dice anche quello che non sapevamo sugli Anni di piombo. E oltre.

ROSSO TOTALE

Calenda Fabio

Celestial e Roy sono l’incarnazione del sogno americano: lui, pur provenendo da una famiglia della classe operaia della Louisiana, è riuscito a frequentare il college e ritagliarsi un posto nella società come dirigente, lei è una promettente artista emergente. Sposati da appena diciotto mesi, hanno una splendida casa ad Atlanta e stanno cercando di avere un figlio. Durante una visita ai genitori di Roy, la giovane coppia pernotta in un hotel. Dopo un litigio di poco conto, Roy esce dalla stanza per prendere del ghiaccio. Nella hall dell’albergo incontra una donna con un braccio fasciato, che gli chiede una mano per risolvere un problema con il condizionatore della propria stanza. Dopo aver scambiato quattro chiacchiere con la sconosciuta, Roy torna da Celestial, si riappacificano e si addormentano. All’alba vengono svegliati dalla polizia che butta giù la porta della stanza e arresta Roy con l’accusa di stupro. Ad additarlo come il proprio aggressore è la donna a cui ha prestato aiuto la sera precedente. La donna è bianca, Roy e Celestial sono afro-americani. Roy viene condannato a dodici anni per un crimine che non ha commesso, solo e unicamente in virtù del colore della sua pelle e del pregiudizio che ne consegue. Benché fieramente indipendente, Celestial si ritrova all’improvviso sola, povera e disarmata, trovando conforto in André, un amico d’infanzia da sempre innamorato di lei. Dopo cinque anni di carcere, la condanna di Roy viene commutata e lui si ritrova libero, pronto a tornare ad Atlanta e a riprendere in mano la propria vita, inconsapevole dei cambiamenti avvenuti negli anni della sua detenzione.

Un matrimonio americano

Jones Tayari

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela