Letteratura inglese

HARRY POTTER

Rowling J. K.

Descrizione: Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Salani

Collana:

Anno: 1998

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Si inizia per gioco e poi gli occhi si incollano alle pagine: questo è l’effetto dei romanzi di Harry Potter. Ora la saga è terminata al cinema e in libreria, ma non cambia la voglia di leggerla, magari inlingua originale.

La nostra fantasia è limitata dalla bella versione cinematografica, ma scorrendo i romanzi riesce ancora a fare di testa sua, volando a cavallo delle scope o passando attraverso porte di mondi lontani. Si commuove di fronte all’affetto infantile di Hagrid o alla passione inconfessata dei silenzi di Ron ed Hermione.

Ma Harry senz’altro primeggia: per circa sette anni siamo spettatori della sua crescita, in bilico tra bene e male. Sin dal primo libro, infatti, quel frugoletto sa conquistare il lettore, che prova per lui tenerezza e compassione. Figlio di grandi maghi, privilegiato suo malgrado, è catapultato nella sventura, perché neonato perde i genitori, è colpito da colui che non deve essere nominato e ne resta segnato per sempre. Non è colpa sua e resta un po’ passivo di fronte agli eventi, come se spesso non sapesse come comportarsi. Questa sua esitazione lo rende piu’ simpatico, perché in fondo è un antieroe vincente.

Il tempo passa e lo vediamo trasformarsi: nel cuore dell’azione, dal quarto libro in poi, sembra acquisire una percezione che lo porta a non arretrare di fronte a un male che diventa terribile, occulto, psicologico. Il maghetto sa schierarsi con coraggio, sentimento che insieme all’amicizia è dominante. Un buon messaggio per noi.

Le atmosfere si fanno più gotiche e sono destinate ad un pubblico disincantato, soprattutto dal quinto libro in poi. Lasciano un po’ attoniti, come nella conclusione della storia di Silente, che suscita nel lettore la continua speranza che qualcosa possa cambiare.

Ma perché far crescere Harry in un mondo così buio e maligno? Sicuramente perché questa “goticità” è molto inglese, ma anche perché è un vero mondo di adulti ormai, protagonisti e lettori.

Nella sfida finale, il settimo libro, Harry cerca di eliminare per sempre Voldemord, impresa tutt’altro che semplice. Non basta ucciderlo perché la sua anima è racchiusa in oggetti misteriosi, gli Horcrux, che la estraniano dal corpo e le permettono di sconfiggere la morte. Quest’ultima è temuta da tutti, solo Harry non ne ha paura, l’ha vista negli occhi e affrontata più volte. Per questo cerca i tre doni della morte, che danno a chi li possiede un immenso potere. Solo il suo cuore puro e forte potrà utilizzarli senza esserne macchiato a sua volta.

Dopo lo scontro finale una serie di rivelazioni scioglie gli ultimi nodi della matassa e chiude l’intreccio una discussa “quiete dopo la tempesta”, che riprende narrativamente l’inizio della saga e ce ne fa sentire la nostalgia.

Ai memori delle lotte contro i draghi, delle pozioni o del canto delle sirene, resta un po’ di malinconia. Ma questa dolce sensazione è giusta e va accettata, perché corrisponde all’inevitabile magia del passare del tempo.

Abbiamo conosciuto un povero neonato apparentemente indifeso,  salutiamo infine un uomo adulto e consapevole di sé, meno magico ma mai troppo umano.

Tutta la saga di Harry:

1 – Harry Potter e la Pietra Filosofale (1998)

2 – Harry Potter e la Camera dei Segreti (1999)

3 – Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (2000)

4 – Harry Potter e il Calice di Fuoco (2001)

5 – Harry Potter e l’Ordine della Fenice (2003)

6 – Harry Potter e il Principe Mezzosangue (2005-2006)

7 – Harry Potter e i Doni della Morte (2007-2008)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

K.

J.

Rowling

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rowling J. K.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un bambino osserva il mondo degli adulti con la sua voce tersa e visionaria. Il padre che guida velocissimo cantando jingle di Carosello, ma da quando la moglie si è ammalata spesso ferma l'auto di colpo e «fa la faccia della morte». La madre che era una hippy ma da quando ha perso i capelli usa parrucche che la fanno sembrare un'astronauta. Rimasto solo, ormai adolescente, il protagonista sprofonda nell'alcol e negli psicofarmaci finché non manda a fuoco la casa. E comincia la sua iniziazione all'abisso, dove droga e irrefrenabile desiderio sessuale ricalcano il meccanismo dell'attesa e del consumo che riempie le nostre esistenze.

LA VITA OSCENA

Nove Aldo

Avvolti in atmosfere sinistre e inquietanti, popolati da creature sospese tra la vita e la morte, assetate di sangue e portatrici di sciagure, questi 15 racconti di Joseph Sheridan Le Fanu hanno profondamente influenzato la narrativa fantastica e dell'orrore. La fantasia di Le Fanu risveglia invincibili paure ancestrali, creando un uniiverso oscuro e sconvolgente.

CARMILLA – di J. Sheridan Le Fanu

Le Fanu Joseph Sheridan

Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas

Ostaggi – 8 aprile 2017, ore 20:45, al Nuovo Teatro Ariberto di Milano