Letteratura inglese

HARRY POTTER

Rowling J. K.

Descrizione: Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Salani

Collana:

Anno: 1998

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Si inizia per gioco e poi gli occhi si incollano alle pagine: questo è l’effetto dei romanzi di Harry Potter. Ora la saga è terminata al cinema e in libreria, ma non cambia la voglia di leggerla, magari inlingua originale.

La nostra fantasia è limitata dalla bella versione cinematografica, ma scorrendo i romanzi riesce ancora a fare di testa sua, volando a cavallo delle scope o passando attraverso porte di mondi lontani. Si commuove di fronte all’affetto infantile di Hagrid o alla passione inconfessata dei silenzi di Ron ed Hermione.

Ma Harry senz’altro primeggia: per circa sette anni siamo spettatori della sua crescita, in bilico tra bene e male. Sin dal primo libro, infatti, quel frugoletto sa conquistare il lettore, che prova per lui tenerezza e compassione. Figlio di grandi maghi, privilegiato suo malgrado, è catapultato nella sventura, perché neonato perde i genitori, è colpito da colui che non deve essere nominato e ne resta segnato per sempre. Non è colpa sua e resta un po’ passivo di fronte agli eventi, come se spesso non sapesse come comportarsi. Questa sua esitazione lo rende piu’ simpatico, perché in fondo è un antieroe vincente.

Il tempo passa e lo vediamo trasformarsi: nel cuore dell’azione, dal quarto libro in poi, sembra acquisire una percezione che lo porta a non arretrare di fronte a un male che diventa terribile, occulto, psicologico. Il maghetto sa schierarsi con coraggio, sentimento che insieme all’amicizia è dominante. Un buon messaggio per noi.

Le atmosfere si fanno più gotiche e sono destinate ad un pubblico disincantato, soprattutto dal quinto libro in poi. Lasciano un po’ attoniti, come nella conclusione della storia di Silente, che suscita nel lettore la continua speranza che qualcosa possa cambiare.

Ma perché far crescere Harry in un mondo così buio e maligno? Sicuramente perché questa “goticità” è molto inglese, ma anche perché è un vero mondo di adulti ormai, protagonisti e lettori.

Nella sfida finale, il settimo libro, Harry cerca di eliminare per sempre Voldemord, impresa tutt’altro che semplice. Non basta ucciderlo perché la sua anima è racchiusa in oggetti misteriosi, gli Horcrux, che la estraniano dal corpo e le permettono di sconfiggere la morte. Quest’ultima è temuta da tutti, solo Harry non ne ha paura, l’ha vista negli occhi e affrontata più volte. Per questo cerca i tre doni della morte, che danno a chi li possiede un immenso potere. Solo il suo cuore puro e forte potrà utilizzarli senza esserne macchiato a sua volta.

Dopo lo scontro finale una serie di rivelazioni scioglie gli ultimi nodi della matassa e chiude l’intreccio una discussa “quiete dopo la tempesta”, che riprende narrativamente l’inizio della saga e ce ne fa sentire la nostalgia.

Ai memori delle lotte contro i draghi, delle pozioni o del canto delle sirene, resta un po’ di malinconia. Ma questa dolce sensazione è giusta e va accettata, perché corrisponde all’inevitabile magia del passare del tempo.

Abbiamo conosciuto un povero neonato apparentemente indifeso,  salutiamo infine un uomo adulto e consapevole di sé, meno magico ma mai troppo umano.

Tutta la saga di Harry:

1 – Harry Potter e la Pietra Filosofale (1998)

2 – Harry Potter e la Camera dei Segreti (1999)

3 – Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (2000)

4 – Harry Potter e il Calice di Fuoco (2001)

5 – Harry Potter e l’Ordine della Fenice (2003)

6 – Harry Potter e il Principe Mezzosangue (2005-2006)

7 – Harry Potter e i Doni della Morte (2007-2008)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

K.

J.

Rowling

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rowling J. K.

Regalo di Natale

Ferrara. È una notte afosa di inizio agosto...

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico.

Mazzoni Lorenzo

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

Il romanzo è ambientato in Germania, nella Foresta Nera. Da qui il titolo, “Darkland”, terra oscura, ovvero la Foresta Nera, ma al tempo stesso la Germania. Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre casualmente delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a delle persone scomparse 25 anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l’ispettore della Kripo che aveva seguito il caso all’epoca, riprendono a indagare. Nel corso delle indagini, i due protagonisti si trovano coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un viaggio che il riporterà indietro nel tempo. Un viaggio che li riporterà ai campi di sterminio nazisti. La ripresa delle indagini coincide con una serie di nuove sparizioni, questa volta a Friburgo. Perché sono riprese? Cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha deciso di riprendere gli esperimenti mai conclusi ad Auschwitz da Joseph Mengele, l’angelo della morte. A che scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? Chi c’è veramente dietro gli omicidi? Per arrivare a capirlo dovranno richiedere l’aiuto del Bundesverfassungschutz, i servizi segreti. E cosa dovrà essere annunciato di sconvolgente dai neonazisti il 30 aprile del 2015, in occasione del 70° anniversario della morte di Adolf Hitler?

Darkland

Grugni Paolo