Letteratura latina

Heroides: Lettere d’amore

Ovidio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: I-recensiti

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Un classico della letteratura è senza tempo, trova un varco per emozioni che ti raggiungono anche dopo millenni e riesce a toccarti nel profondo.

Le Heroides di Ovidio, le sue lettere d’amorehanno questa qualità: eroine del mito scrivono ai loro amati ed elevano un canto che spesso è di sofferenza per essere state abbandonate.


La loro è una passione totale, tipica del sentimento femminile, ricambiata spesso con effimera superficialità, anch
e questa tipica di molti uomini.

Ovidio vivifica queste donne con una sensibilità affine alle nostre sofferenze d’amore. Assaporare queste corrispondenze fa percepire l’umanità che ci accomuna e che ci rende così interessanti.

Lo strazio di  Arianna, lasciata su unisola, è toccante. Quando scorge la nave di Teseo che si allontana esclama*: “Dove fuggi? […] Ritorna scellerato Teseo! Volgi il corso della tua nave! - […] Queste erano le mie grida, e quando non avevo più voce, erano i singhiozzi a parlare per me e alle mie parole si mischiavano le percosse sul petto.Se non mi potevi vedere, perché mi potessi almeno sentire le mie mani, con grandi gesti, facevan dei segnali.”

Sono donne rabbiose e piene di grinta, come Enone che a Paride scrive: “Tu sei più leggero delle foglie, quando senza il peso della linfa volteggiano ormai secche al soffio del vento capriccioso; e c’è meno peso in te che nella punta di una spiga che, leggera, si leva bruciata dai raggi del sole.”

C’è un lato umano in queste eroine e c’è una preziosa grandezza nelle nostre passioni umanissime.

La cornice letteraria in questo caso? Pura, classica poesia!

Le citazioni sono tratte dalla traduzione in prosa di Angela Cerinotti (P. Ovidio N., Heroides: Lettere d’amore, Acquarelli – Demetra, 1994).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ovidio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ovidio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tommaso ha 26 anni e zero prospettive. È stato appena scaricato dalla ragazza, fa un lavoro che non gli piace e - di male in peggio - si è convinto che nella vita non potrà mai avere qualcosa di più. Per fortuna ci sono gli amici, Pietro e Leonardo, che vivono con lui. Un trio indivisibile. Così, quando Leo si innamora in un bar di una ragazza californiana di nome Kimberly e il mattino successivo si ritrova solo nel letto, i tre decidono di partire alla sua ricerca. Anche se la California ha quasi 36 milioni di abitanti, anche se i loro unici indizi sono una foto, un iPod rosa e la certezza che lavori come cheerleader per una grossa squadra del Golden State. L'amore, in fondo, è anche pazzia, no? Fingendosi giornalisti per accedere alle quinte di stadi e palazzetti, daranno il via a una spericolata "caccia alla donna" che toccherà San Diego, Los Angeles e Las Vegas, al ritmo delle canzoni punk rock preferite della ragazza. Un'avventura on the road fondata sullo sport a stelle e strisce, sull'amore e - soprattutto - sull'amicizia. Preso dalla disperazione Leonardo ha creato un sito per ritrovare Kimberly. Fate un salto su www.kimberlydovesei.com per ascoltare le canzoni punk rock dell'iPod rosa della ragazza californiana!

Ti sogno, California

Bertoldi Mattia

Ho scritto questo libro perché non volevo andasse perduto quanto vissuto durante undici lunghi anni alla cassa di un supermercato. Soprattutto non volevo andasse perduta la memoria, seppur minima, di alcune delle persone con cui sono venuta in contatto. Un contatto vero, umano, che è andato oltre i gesti e le parole che il mio angusto ruolo richiedevano. Poi c'erano i foglietti di carta che affollavano le tasche del mio camice e la penna sempre a portata di mano per rispondere alla mia vocazione alla poesia. Ho cercato di andare oltre, di oltrepassare l'arida meccanicità che il mio lavoro in sé richiedeva, ho alzato lo sguardo dai numeri del display per incontrare gli occhi di chi mi stava davanti. Ho cercato di vedere le persone così come sono, con le loro debolezze e le loro grandezze e di affidarmi al fatto che non sapevo altro di chi mi stava di fronte se non che era il mio prossimo, nel senso più ampio e lato del termine. Un essere umano con la sua storia invisibile, una persona cui dovevo rispetto, attenzione e gentilezza cosi che quei pochi istanti in cui eravamo in relazione si aprissero a un tempo altro. Ho cercato di 'scoprire tra la polvere quotidiana il granello di purezza che c'è', è ancora Simone Weil, anche se non sempre ho trovato la purezza, forse perché si esprime solo a sprazzi, in attimi che pure esistono e quando arrivano illuminano il tempo, ne levigano il senso.

Le stanze inquiete

Argentino Lucianna

Basato sulla sceneggiatura originale di Mario Puzo, La famiglia Corleone è il prequel de Il Padrino, con tutti i personaggi della saga della famiglia Corleone. New York, 1933. Le gang criminali della città hanno prosperato all’epoca della Grande Depressione, ma con la fine del proibizionismo una guerra infuria tra i vari clan per il controllo degli affari. Per Vito Corleone nulla è più importante del futuro della propria famiglia. In particolare ha a cuore il maggiore sei suoi sei figli, Sonny. Vito vorrebbe che diventasse un onesto uomo d’affari, ma Sonny - 17 anni, irrequieto e impaziente - vuole altro: seguire le orme del padre e diventare parte del vero business di famiglia.

LA FAMIGLIA CORLEONE

Falco Ed

Rapsodia su un solo tema

Morandini Claudio