Letteratura latina

Heroides: Lettere d’amore

Ovidio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: I-recensiti

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Un classico della letteratura è senza tempo, trova un varco per emozioni che ti raggiungono anche dopo millenni e riesce a toccarti nel profondo.

Le Heroides di Ovidio, le sue lettere d’amorehanno questa qualità: eroine del mito scrivono ai loro amati ed elevano un canto che spesso è di sofferenza per essere state abbandonate.


La loro è una passione totale, tipica del sentimento femminile, ricambiata spesso con effimera superficialità, anch
e questa tipica di molti uomini.

Ovidio vivifica queste donne con una sensibilità affine alle nostre sofferenze d’amore. Assaporare queste corrispondenze fa percepire l’umanità che ci accomuna e che ci rende così interessanti.

Lo strazio di  Arianna, lasciata su unisola, è toccante. Quando scorge la nave di Teseo che si allontana esclama*: “Dove fuggi? […] Ritorna scellerato Teseo! Volgi il corso della tua nave! - […] Queste erano le mie grida, e quando non avevo più voce, erano i singhiozzi a parlare per me e alle mie parole si mischiavano le percosse sul petto.Se non mi potevi vedere, perché mi potessi almeno sentire le mie mani, con grandi gesti, facevan dei segnali.”

Sono donne rabbiose e piene di grinta, come Enone che a Paride scrive: “Tu sei più leggero delle foglie, quando senza il peso della linfa volteggiano ormai secche al soffio del vento capriccioso; e c’è meno peso in te che nella punta di una spiga che, leggera, si leva bruciata dai raggi del sole.”

C’è un lato umano in queste eroine e c’è una preziosa grandezza nelle nostre passioni umanissime.

La cornice letteraria in questo caso? Pura, classica poesia!

Le citazioni sono tratte dalla traduzione in prosa di Angela Cerinotti (P. Ovidio N., Heroides: Lettere d’amore, Acquarelli – Demetra, 1994).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ovidio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ovidio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Il bugiardo patologico, il parassita, l’altruista, l’uomo del mistero: sono solo alcuni dei manipolatori psicologici, quelli che le donne incontrano ogni giorno e che le trasformano in vittime di molestie, stalking e talvolta peggio. L’autrice analizza i 10 profili più diffusi, il comportamento, le peculiarità, attraverso le testimonianze delle vittime; ne riassume le caratteristiche principali e spiega come non cadere nella loro trappola.

Il manipolatore affettivo e le sue maschere

Mammoliti Cinzia

Al termine di un drammatico iter processuale durato dal 1988 al 2003 i giudici italiani hanno condannato a ventidue anni i militanti di Lotta continua Ovidio Bompressi, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri per l'omicidio del commissario Luigi Calabresi avvenuto nel 1972. Eppure in Italia una parte larga e talvolta autorevole dell'opinione pubblica continua a credere nell'estraneità totale di Lc a quel delitto. Ventimila pagine di atti processuali documentano un'altra storia, un'azione che per Giampiero Mughini è nata «dalle viscere di Lotta continua», a cominciare dalla campagna implacabile condotta contro Calabresi, indicato senza alcuna verità come capro espiatorio della tragedia di piazza Fontana. Fondatore e direttore di «Giovane critica», una delle riviste che hanno modellato l'anima del Sessantotto, ex direttore responsabile di giornali provenienti dall'area di Lotta continua, a lungo lui stesso un innocentista, Mughini percorre in queste pagine un itinerario doloroso in nome della «verità» e del bilancio ideale della sua generazione.

GLI ANNI DELLA PEGGIO GIOVENTU’

Mughini Giampiero

Una nuova primavera si affaccia, e tenta uomini e donne con i suoi profumi, ma anche il male è nell'aria. Manca una settimana a Pasqua nella Napoli del 1932. Al Paradiso, esclusiva casa di tolleranza nella centralissima via Chiaia, Vipera, la prostituta piú famosa, è ritrovata morta, soffocata con un cuscino. L'ultimo cliente sostiene di averla lasciata ancora viva, il successivo di averla trovata già morta. Chi l'ha uccisa, e perché? Ricciardi deve districarsi in un groviglio di sentimenti e motivazioni. Avidità, frustrazione, invidia, bigottismo. Amore. La scoperta di passioni insospettabili si accompagna alla rivelazione di una città molto diversa da come appare. Sotto i nostri occhi prendono forma, vivissimi e veri, illuminati da dettagli sorprendenti, sorretti da una genuina vocazione narrativa, i mercati, i vicoli, le strade, i mestieri, la rete rigogliosa dei commerci vecchi e nuovi, accanto alla vigliaccheria e al coraggio, alle violenze arroganti di chi pensa già di essere impunito per sempre perché indossa una camicia nera. Tanto che uno dei compagni di Ricciardi, il dottor Modo, vecchio estimatore di Vipera, finisce per cacciarsi in un guaio molto serio... E il romanzo, come non mai, sembra costruirsi da solo, incantevole e potente, sotto le mani abili di chi sa dosare e mescolare gli ingredienti piú diversi, come accade nelle vere ricette del periodo pasquale di cui è insaporita la storia.

Vipera

De Giovanni Maurizio