Letteratura latina

Heroides: Lettere d’amore

Ovidio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: I-recensiti

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Un classico della letteratura è senza tempo, trova un varco per emozioni che ti raggiungono anche dopo millenni e riesce a toccarti nel profondo.

Le Heroides di Ovidio, le sue lettere d’amorehanno questa qualità: eroine del mito scrivono ai loro amati ed elevano un canto che spesso è di sofferenza per essere state abbandonate.


La loro è una passione totale, tipica del sentimento femminile, ricambiata spesso con effimera superficialità, anch
e questa tipica di molti uomini.

Ovidio vivifica queste donne con una sensibilità affine alle nostre sofferenze d’amore. Assaporare queste corrispondenze fa percepire l’umanità che ci accomuna e che ci rende così interessanti.

Lo strazio di  Arianna, lasciata su unisola, è toccante. Quando scorge la nave di Teseo che si allontana esclama*: “Dove fuggi? […] Ritorna scellerato Teseo! Volgi il corso della tua nave! - […] Queste erano le mie grida, e quando non avevo più voce, erano i singhiozzi a parlare per me e alle mie parole si mischiavano le percosse sul petto.Se non mi potevi vedere, perché mi potessi almeno sentire le mie mani, con grandi gesti, facevan dei segnali.”

Sono donne rabbiose e piene di grinta, come Enone che a Paride scrive: “Tu sei più leggero delle foglie, quando senza il peso della linfa volteggiano ormai secche al soffio del vento capriccioso; e c’è meno peso in te che nella punta di una spiga che, leggera, si leva bruciata dai raggi del sole.”

C’è un lato umano in queste eroine e c’è una preziosa grandezza nelle nostre passioni umanissime.

La cornice letteraria in questo caso? Pura, classica poesia!

Le citazioni sono tratte dalla traduzione in prosa di Angela Cerinotti (P. Ovidio N., Heroides: Lettere d’amore, Acquarelli – Demetra, 1994).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ovidio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ovidio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Paul Overt, giovane autore con qualche buon romanzo alle spalle, incontra con grande emozione Henry St. George, lo scrittore da lui idolatrato, che lo mette in guardia dalle insidie dell’amore romantico, persuaso com’è che la vita di famiglia, con i suoi gravami, comprometta la creatività e l’integrità artistica. Esaltato e lacerato dalle parole del collega più anziano, Overt partirà per un lungo viaggio all’estero. Ma al ritorno, due anni più tardi, di fronte a una sorpresa dal sapore beffardo, si domanderà se il sublime sacrificio che avrebbe voluto imporsi fosse davvero così imperativo: e la lezione che avrà appreso sarà meno eccelsa, e più venefica, di quella impartitagli dal sommo, ineffabile Maestro.

La lezione del maestro

James Henry

PASSIONE VINTAGE

Wolff Isabella

Che sconquasso di passioni, commissario, quante falene intorno alla fiamma. Quando in una serie romanzesca come quella di Ricciardi irrompe un personaggio come l’aristocratica, misteriosa e bellissima Bianca, che si rivolge a lui perché non crede che il marito sia un omicida, è chiaro che il ciclone farà danni in quantità. Con Anime di vetro il già precario equilibrio sentimentale di Ricciardi è destinato a saltare, portandosi dietro un turbine di vicende. Con grande godimento dei lettori e delle lettrici.

Anime di vetro

De Giovanni Maurizio

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter