Letteratura femminile

HISTOIRE D’O

Réage Pauline

Descrizione: "Se c'è una parola che mi pervade l'animo quando penso a O, questa è pudore. Sarebbe troppo arduo motivarla. E quel vento che corre incessante, che attraversa tutte le stanze. Così soffia anche in O uno spirito, non saprei dir quale, sempre puro e violento, senza tregua, senza ombre. Uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli onori, né l'estasi né la nausea. L'Histoire d'O, dall'inizio alla fine, procede come un'azione travolgente. Evoca un discorso più che una mera effusione; una lettera più che un diario intimo. Ma a chi è indirizzata la lettera? E chi vuole persuadere il discorso? A chi domandarlo? Non so neppure chi lei sia." (Jean Paulhan)

Categoria: Letteratura femminile

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN: 9788886534987

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Chi avrà pietà di coloro che attendono? E’ così facile riconoscerli: per la loro dolcezza, per il loro sguardo falsamente attento, per la loro assenza“.

E’ l’attesa la protagonista assoluta di queste pagine: l’attesa che si compia la violenza fisica e che arrivi l’assuefazione al dolore; l’attesa della mortificazione brutale e della conseguente redenzione. Questo stato di aspettazione ha il corpo e la mente di O, con le sue camicette leggere, le gonne aperte sul davanti, con le calze ed i guanti da sfilare – all’occorrenza – dal corpo svestito dei suoi indumenti intimi, per essere più facilmente preda delle voglie brutali ed improvvise dei suoi padroni.

O si lascia possedere e sodomizzare da più uomini per compiacere il suo amato René, l’uomo che la condurrà al castello di Roissy per consegnarla al gioco perverso e al dominio illimitato di sconosciuti, coperti da mantelli e calzamaglia aperte sul sesso pronto all’uso.

O, lucida e attenta, vive la sua progressiva e inumana sottomissione con la consapevolezza del suo spossessamento. Il corpo è un oggetto che non le appartiene, la sua volontà è plasmata, annientata, avvinta dalla paura di deludere e quindi perdere Renè. “E questo era a tal punto vero che quando René allentava la sua stretta, quando sembrava assente, o la lasciava con indifferenza, o quando restava a lungo senza vederla…tutto in lei moriva, soffocava…Il giorno non era più il giorno, né la notte la notte, ma macchine infernali che alternavano la luce e l’oscurità, per torturarla”.

La paura dell’abbandono diventa per O la ragione del suo annullamento, sino a consegnare le “chiavi” della propria esistenza al suo nuovo padrone Sir Stephen, amico fraterno di René. A lui O svenderà se stessa, lasciandosi profanare, sino a fargli lacerare le sue terga – troppo strette – e sino a farla sanguinare. Da lui si lascerà colpire regolarmente da uno scudiscio, affinché i segni del dominio dell’uomo su di lei rimangano impressi sulla carne. A lui O concede di trasformare il proprio fisico, indossando quotidianamente un bustino per assottigliare la vita, dopo essere stata misurata e studiata dalla perversa consigliera e complice dello scempio di Sir Stephen, Anne-Marie. Per il suo nuovo padrone O accetta la devastazione del suo corpo fino al gesto estremo di farsi marchiare a fuoco le terga con le sue iniziali e di farsi forare il lobo sinistro del sesso per applicarvi dei ferri che, ad ogni passo, le oscillano fra le gambe e a cui – all’occorrenza – applicare la catena di un guinzaglio.

O si trasforma nell’oggetto di cera da esibire come un trofeo, nell’animale – coperta solo da una maschera di piume – da condurre alle feste per soddisfare la curiosità e la perversione dei tanti osservatori. Nella sua agghiacciante lucidità, O è testimone consapevole della sua trasformazione, necessaria quanto l’amore per il suo padrone. In O, come si legge nel commento di Jean Paulhan al libro, soffia “uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli orrori, né l’estasi né la nausea”. L’autrice, nota con lo pseudonimo di Pauline Réage, non esita, non procede intimidita nel consegnare al lettore O, la donna che esprime un ideale virile: quello della sottomissione, del bisogno di un buon padrone, da cui farsi nutrire, lavare, truccare, battere con avidità di sofferenza, “fino alla lacerazione o alla rottura”.

“Histoire d’O” sconvolge, scuote, scandalizza, impressiona, lasciando il lettore spesso inorridito. Non c’è nella schiavitù e nell’annichilimento della donna alcuna comprensione e ciò che spiazza e disarma è la docile sottomissione di O, che non chiede di essere salvata ma di essere condotta, di mano in mano, da un padrone all’altro. Il lettore, dapprima partecipe, arriva a sentirsi a tal punto avvinto, da desiderare di affrancarsi e di abbandonare O al suo destino per lasciarla, sola, alla sua amara ed incomprensibile attesa.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pauline

Réage

Libri dallo stesso autore

Intervista a Réage Pauline


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Salwa Bakr sulle donne e la letteratura araba

Una brutta costruzione di cemento in equilibrio su un precipizio appare tra le curve della strada costiera. Sarà un bar? Una trattoria per camionisti? È comunque il primo locale pubblico dopo chilometri di curve percorse sotto il peso di un'afa opprimente. L'uomo e la donna viaggiano da ore sotto il sole implacabile, e sono di pessimo umore per qualcosa che è successo la sera prima. Quella breve vacanza avrebbe dovuto riavvicinarli, ma niente sta andando per il verso giusto. Hanno proprio bisogno di un caffè, così decidono di fermarsi. La breve pausa distensiva si prolunga però oltre ogni possibile previsione, caricandosi di una tensione crescente. L'oste, un personaggio sgradevole e untuoso, li stordisce di chiacchiere e continua a servirgli piatti che loro non hanno ordinato. All'arrivo del conto, esorbitante, l'irritazione dell'uomo raggiunge il culmine. È una catena di eventi che sarebbe possibile spezzare in qualsiasi momento, e che invece si dipana inesorabilmente fino all'attimo in cui tutto collassa, così che una giornata storta come ne possono capitare a chiunque si trasforma in un incubo senza ritorno. Tra Friedrich Dürrenmatt e Patricia Highsmith, un thriller psicologico ad alta tensione.

Una giornata nera

Costa Aldo

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio