Narrativa

HITLER

Genna Giuseppe

Descrizione: Chi è lui? Chi lo ha generato davvero? Suo padre Alois Hitler, funzionario di dogana austriaco, se lo chiederà sempre. E senza risposta, perché nemmeno sul letto di morte la madre gli svelerà il segreto della sua nascita di illegittimo. E lo stesso ci chiediamo noi di Adolf Hitler: chi è? Chi lo ha generato? Da dove viene il lupo Fenrir che, nelle mitologie nordiche, a un certo punto del Tempo spezzerà la catena per irrompere schiumando di rabbia e annunciare la fine del mondo? Questo noi ci domandiamo, consapevoli che, se si comincia a spiegare, a rispondere alla domanda "perché?", si finisce per correre il rischio di giustificare. E invece lo strenuo sforzo, letterario e civile, di Genna è quello di attenersi alla cruda durezza dei fatti, di raccontarci passo per passo la vita di un uomo che ha incarnato il Male dei nostri tempi, facendone un'epica non celebrativa ma distruttiva, un'epica che si corrode nel suo farsi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2008

ISBN: 9788804573531

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Quanto è bravo Giuseppe Genna? Mi sbilancio? Il miglior scrittore italiano contemporaneo, a mio giudizio, capace di mantenere un equilibrio instabile tra lirica e cronaca, di far diventare poetico un linguaggio spaventosamente asciutto. Certo, a volte se ne compiace, eccede, esagera. Ma anche Maradona si concedeva qualche dribbling di troppo, per cui… Questo “Hitler” è una intensa prova di bravura. Una biografia scritta con lo stile e il passo del romanziere.

Lettore, preparati all’orrore. Preparati al buco nero, a toccare il non umano. Postumi, io e te, unificati dalla pietà e dalla colpa, superiamo ogni domanda, non chiediamoci “perché?”. Testimoniamo. Chiniamo il capo in meditazione e in intensa preghiera, interrompiamo la catena dell’orrore, io e te insieme. L’autore prende esplicitamente per mano il lettore e lo porta passo passo nell’abisso. L’orrore ha radici precise e profonde e viene tessuto attraverso filosofia, economia e politica. Genna indossa molti cappelli in quest’opera. Quello dello storico, certo. Quello del narratore puro, inevitabile. Quello del sociologo, a tratti. Quello dello psicologo, anche. Ma, alla fine, lui stesso rinuncia alla spiegazione. Certi orrori, anzi… l’orrore stesso non ha spiegazione.

Ricorre, per tentare di dare un’interpretazione, alla mitologia. A quel Fenrir, il lupo che, nella tradizione nordica, è destinato a spezzare la catena del Tempo e distruggere il mondo. Lo stesso lupo che appare al bambino Hitler, per guidarlo e ispirarlo. Anzi, per farsi ispirare. “Tu sei ciò che sei. Imparerò da te, perché io sono niente”, dice.

Non ci sono altre spiegazioni, Hitler è un problema metafisico planetario (parole di Genna), non solo un personaggio storico. Genna lo affronta dall’infanzia al suicidio, descrive l’adolescenza solitaria, ricca solo di delusioni e fallimenti. E di repentine, continue rinascite. Come se dalla morte di ogni suo sogno, Hitler traesse la forza per costruirne un altro, più grande e ambizioso, come nei crescendo delle cavalcate wagneriane tanto amate. Nulla viene nascosto, dalle perversioni sessuali ai rapporti incestuosi, dalle idee pseudo darwiniane sino alla geniale improvvisazione militare e ai rapporti con Roosvelt, Stalin, Churchill, Mussolini. Sino alla tragedia che la non-persona Hitler, come la definisce Genna, mette in atto.

La soluzione finale. Pagine nere di colore introducono pagine nere di contenuti nell’Apocalisse con figure (1941-1945), serie di testimonianze dirette dei campi di concentramento e sterminio. Dure, graffianti, dolorose. Un’alternanza irregolare di fatti storici, frasi asciutte, domande. Ma il quesito principale, vero ribaltamento e nemesi di Primo Levi, Genna l’aveva già posta al lettore nell’incipit: Confrontatevi con lui. Considerate se questo è un uomo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Genna

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genna Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov

Quando nel 1985 Robert Ward pubblicò Red Baker, romanzo accolto da un enorme successo di critica e vincitore del Pen West, non sapeva che il libro fosse destinato a scomparire dalle librerie per un bel po’ di tempo. Riapparve più avanti, sull’onda di un feroce passaparola. Red Baker era divenuto una sorta di oggetto di culto fra scrittori come Robert Stone, Richard Price, Michael Connelly, Cristopher Hitchens, James Crumley, Laura Lippman. Oggi Ward è autore di undici romanzi e un libro di nonfiction. Red Baker è stato paragonato a Il grande Gatsby di Fitzgerald e soprattutto a Furore di Steinbeck, per la capacità di dare voce alle classi più svantaggiate e meno rappresentate.

Io sono Red Baker

Ward Robert

L'Exposition Universelle et Internationale de Bruxelles del 1958 è il primo evento del genere dopo la Seconda guerra mondiale. La tensione politica tra la Nato e i paesi del blocco sovietico è al suo culmine. In piena Guerra fredda, dietro la facciata di una manifestazione che si propone di avvicinare i popoli della Terra, fervono operazioni d'intelligence in cui le grandi potenze si spiano a vicenda. Incaricato di sovrintendere alla gestione del pub Britannia nel padiglione inglese è un giovane copywriter del Central Office of Information di Londra, Thomas Foley, che si trova così catapultato al centro di un mondo d'intrighi internazionali di cui diventa un'inconsapevole pedina.

EXPO 58

Coe Jonathan

Genova. Una famiglia ebrea negli anni delle leggi razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E’ giusto cercare di restare comunque nella terra dove ti stanno perseguitando o è meglio fuggire? Se sì, dove? Ci sarà un paese realmente disposto ad accoglierti? Ma alla tragedia che muove dall’alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell’eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell’anima ci riporta a un tragico recente passato.

Questa sera è già domani

levi Lia