Narrativa

HITLER

Genna Giuseppe

Descrizione: Chi è lui? Chi lo ha generato davvero? Suo padre Alois Hitler, funzionario di dogana austriaco, se lo chiederà sempre. E senza risposta, perché nemmeno sul letto di morte la madre gli svelerà il segreto della sua nascita di illegittimo. E lo stesso ci chiediamo noi di Adolf Hitler: chi è? Chi lo ha generato? Da dove viene il lupo Fenrir che, nelle mitologie nordiche, a un certo punto del Tempo spezzerà la catena per irrompere schiumando di rabbia e annunciare la fine del mondo? Questo noi ci domandiamo, consapevoli che, se si comincia a spiegare, a rispondere alla domanda "perché?", si finisce per correre il rischio di giustificare. E invece lo strenuo sforzo, letterario e civile, di Genna è quello di attenersi alla cruda durezza dei fatti, di raccontarci passo per passo la vita di un uomo che ha incarnato il Male dei nostri tempi, facendone un'epica non celebrativa ma distruttiva, un'epica che si corrode nel suo farsi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2008

ISBN: 9788804573531

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Quanto è bravo Giuseppe Genna? Mi sbilancio? Il miglior scrittore italiano contemporaneo, a mio giudizio, capace di mantenere un equilibrio instabile tra lirica e cronaca, di far diventare poetico un linguaggio spaventosamente asciutto. Certo, a volte se ne compiace, eccede, esagera. Ma anche Maradona si concedeva qualche dribbling di troppo, per cui… Questo “Hitler” è una intensa prova di bravura. Una biografia scritta con lo stile e il passo del romanziere.

Lettore, preparati all’orrore. Preparati al buco nero, a toccare il non umano. Postumi, io e te, unificati dalla pietà e dalla colpa, superiamo ogni domanda, non chiediamoci “perché?”. Testimoniamo. Chiniamo il capo in meditazione e in intensa preghiera, interrompiamo la catena dell’orrore, io e te insieme. L’autore prende esplicitamente per mano il lettore e lo porta passo passo nell’abisso. L’orrore ha radici precise e profonde e viene tessuto attraverso filosofia, economia e politica. Genna indossa molti cappelli in quest’opera. Quello dello storico, certo. Quello del narratore puro, inevitabile. Quello del sociologo, a tratti. Quello dello psicologo, anche. Ma, alla fine, lui stesso rinuncia alla spiegazione. Certi orrori, anzi… l’orrore stesso non ha spiegazione.

Ricorre, per tentare di dare un’interpretazione, alla mitologia. A quel Fenrir, il lupo che, nella tradizione nordica, è destinato a spezzare la catena del Tempo e distruggere il mondo. Lo stesso lupo che appare al bambino Hitler, per guidarlo e ispirarlo. Anzi, per farsi ispirare. “Tu sei ciò che sei. Imparerò da te, perché io sono niente”, dice.

Non ci sono altre spiegazioni, Hitler è un problema metafisico planetario (parole di Genna), non solo un personaggio storico. Genna lo affronta dall’infanzia al suicidio, descrive l’adolescenza solitaria, ricca solo di delusioni e fallimenti. E di repentine, continue rinascite. Come se dalla morte di ogni suo sogno, Hitler traesse la forza per costruirne un altro, più grande e ambizioso, come nei crescendo delle cavalcate wagneriane tanto amate. Nulla viene nascosto, dalle perversioni sessuali ai rapporti incestuosi, dalle idee pseudo darwiniane sino alla geniale improvvisazione militare e ai rapporti con Roosvelt, Stalin, Churchill, Mussolini. Sino alla tragedia che la non-persona Hitler, come la definisce Genna, mette in atto.

La soluzione finale. Pagine nere di colore introducono pagine nere di contenuti nell’Apocalisse con figure (1941-1945), serie di testimonianze dirette dei campi di concentramento e sterminio. Dure, graffianti, dolorose. Un’alternanza irregolare di fatti storici, frasi asciutte, domande. Ma il quesito principale, vero ribaltamento e nemesi di Primo Levi, Genna l’aveva già posta al lettore nell’incipit: Confrontatevi con lui. Considerate se questo è un uomo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Genna

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genna Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cronache di un’illusione

Nicola D'Avino

DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO

Ferraresi Caterina

Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro