Narrativa

HITLER

Genna Giuseppe

Descrizione: Chi è lui? Chi lo ha generato davvero? Suo padre Alois Hitler, funzionario di dogana austriaco, se lo chiederà sempre. E senza risposta, perché nemmeno sul letto di morte la madre gli svelerà il segreto della sua nascita di illegittimo. E lo stesso ci chiediamo noi di Adolf Hitler: chi è? Chi lo ha generato? Da dove viene il lupo Fenrir che, nelle mitologie nordiche, a un certo punto del Tempo spezzerà la catena per irrompere schiumando di rabbia e annunciare la fine del mondo? Questo noi ci domandiamo, consapevoli che, se si comincia a spiegare, a rispondere alla domanda "perché?", si finisce per correre il rischio di giustificare. E invece lo strenuo sforzo, letterario e civile, di Genna è quello di attenersi alla cruda durezza dei fatti, di raccontarci passo per passo la vita di un uomo che ha incarnato il Male dei nostri tempi, facendone un'epica non celebrativa ma distruttiva, un'epica che si corrode nel suo farsi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2008

ISBN: 9788804573531

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Quanto è bravo Giuseppe Genna? Mi sbilancio? Il miglior scrittore italiano contemporaneo, a mio giudizio, capace di mantenere un equilibrio instabile tra lirica e cronaca, di far diventare poetico un linguaggio spaventosamente asciutto. Certo, a volte se ne compiace, eccede, esagera. Ma anche Maradona si concedeva qualche dribbling di troppo, per cui… Questo “Hitler” è una intensa prova di bravura. Una biografia scritta con lo stile e il passo del romanziere.

Lettore, preparati all’orrore. Preparati al buco nero, a toccare il non umano. Postumi, io e te, unificati dalla pietà e dalla colpa, superiamo ogni domanda, non chiediamoci “perché?”. Testimoniamo. Chiniamo il capo in meditazione e in intensa preghiera, interrompiamo la catena dell’orrore, io e te insieme. L’autore prende esplicitamente per mano il lettore e lo porta passo passo nell’abisso. L’orrore ha radici precise e profonde e viene tessuto attraverso filosofia, economia e politica. Genna indossa molti cappelli in quest’opera. Quello dello storico, certo. Quello del narratore puro, inevitabile. Quello del sociologo, a tratti. Quello dello psicologo, anche. Ma, alla fine, lui stesso rinuncia alla spiegazione. Certi orrori, anzi… l’orrore stesso non ha spiegazione.

Ricorre, per tentare di dare un’interpretazione, alla mitologia. A quel Fenrir, il lupo che, nella tradizione nordica, è destinato a spezzare la catena del Tempo e distruggere il mondo. Lo stesso lupo che appare al bambino Hitler, per guidarlo e ispirarlo. Anzi, per farsi ispirare. “Tu sei ciò che sei. Imparerò da te, perché io sono niente”, dice.

Non ci sono altre spiegazioni, Hitler è un problema metafisico planetario (parole di Genna), non solo un personaggio storico. Genna lo affronta dall’infanzia al suicidio, descrive l’adolescenza solitaria, ricca solo di delusioni e fallimenti. E di repentine, continue rinascite. Come se dalla morte di ogni suo sogno, Hitler traesse la forza per costruirne un altro, più grande e ambizioso, come nei crescendo delle cavalcate wagneriane tanto amate. Nulla viene nascosto, dalle perversioni sessuali ai rapporti incestuosi, dalle idee pseudo darwiniane sino alla geniale improvvisazione militare e ai rapporti con Roosvelt, Stalin, Churchill, Mussolini. Sino alla tragedia che la non-persona Hitler, come la definisce Genna, mette in atto.

La soluzione finale. Pagine nere di colore introducono pagine nere di contenuti nell’Apocalisse con figure (1941-1945), serie di testimonianze dirette dei campi di concentramento e sterminio. Dure, graffianti, dolorose. Un’alternanza irregolare di fatti storici, frasi asciutte, domande. Ma il quesito principale, vero ribaltamento e nemesi di Primo Levi, Genna l’aveva già posta al lettore nell’incipit: Confrontatevi con lui. Considerate se questo è un uomo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Genna

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genna Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

A diciotto anni, Imi ha finalmente realizzato il suo sogno di vivere a Londra. A bordo di un vecchio treno malandato ha lasciato l'orfanotrofio ungherese dove ha sempre vissuto e, nella metropoli inglese, si è impiegato in una caffetteria della catena Proper Coffee. Il suo sguardo è puro, ingenuo e pieno di entusiasmo: come gli altri orfani del villaggio di Landor, anche lui non permette mai al passato di rattristarlo, né si preoccupa troppo di ciò che il futuro potrebbe riservargli. Ha imparato a vivere nel presente, a godersi ogni più piccola emozione e si impegna di giorno in giorno, con costanza, a preparare un cappuccino sempre più delizioso. Le tante e minuziose regole che disciplinano la vita all'interno della caffetteria - riassunte nel Manuale del caffè cui i dirigenti della Proper Coffee alludono con la deferenza riservata ai testi sacri - gli sembrano scritte da mani illuminate capaci di individuare in anticipo la soluzione a qualsiasi problema pur di garantire il completo benessere di impiegati e clienti. La piramide gerarchica che ordina la Proper Coffee sembra a Imi assai più chiara e rassicurante del complesso reticolo di strade londinesi: che nascondono meraviglie, ma nelle quali è facile perdersi e disorientarsi. Dovrà passare molto tempo prima che Imi - grazie al cinismo di un collega spagnolo e ai saggi consigli della sua spensierata padrona di casa Lynne - cominci a capire la durezza di Londra e l'impietosa strategia delle regole riassunte nel Manuale del caffè. Tanto candore finirà per metterlo in pericolo: e sarà allora Morgan, il libraio iraniano dagli occhi profondi, a prendersi a cuore il destino di Imi - coinvolgendo nel suo audace progetto Margaret, vincitrice del premio Nobel per la letteratura: anziana e ormai stanca di tutto, ma ancora capace di appassionarsi alle piccole storie nascoste tra le pieghe della vita. Con la scrittura ferma, cesellata e limpidissima che da sempre è la cifra del suo stile, Nicola Lecca crea un'elegante fiaba contemporanea capace di affondare lo sguardo nei paradossi, nelle ipocrisie della società dei consumi e nell'affollata solitudine in cui ogni nostro bisogno ci consegna a una rete, appositamente tesa da altri per trarne profitto. La scelta di uno sguardo umile e "spoglio di tutto" come quello di un orfano pieno soltanto dei suoi desideri dà vita a pagine scintillanti, ironiche, capaci di illuminare la complessità del mondo e di emozionarci profondamente.

LA PIRAMIDE DEL CAFFE’

Lecca Nicola

Testo oltraggioso e umoristico, che vorrebbe restituire dignità ad alcune figure e tipi umani stigmatizzati dallo status quo: il ruffiano, il porco maschilista, il poliziotto corrotto, lo speculatore ecc.

Difendere l’indifendibile

Block Walter

Virus

Canassa Vigliani Alessandro