Saggi

Ho fatto nascere gli animali

Marengo Silvio

Descrizione: Ho fatto nascere gli animali. Diario di un veterinario (Silvio Marengo)

Categoria: Saggi

Editore: Astegiano

Collana: Animali

Anno: 2006

ISBN: 9788861080065

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ho fatto nascere gli animali di Silvio Marengo

Scrivete ciò che sapete”, è uno dei consigli che Stephen King dà agli aspiranti scrittori in On writing (ndr: cliccate qui per leggere il nostro commento all’opera). Mentre viene attribuita a Ernest Hemingway questa convinzione: «Tra tutte le cose che conoscete e quelle che non conoscete, tirate fuori qualcosa, inventandola, che non sia una rappresentazione ma una cosa completamente nuova, più vera di qualsiasi altra viva e vera».

Silvio Marengo – veterinario nel cuneese – con l’opera intitolata Ho fatto nascere gli animali mette in pratica il consiglio di King e, in questo saggio che si è aggiudicato il premio internazionale Castel Govone 2020 nella sezione dedicata alla saggistica (ndr: cliccate su questo link), racconta esperienze realmente vissute nel corso della sua interessante professione attraverso una sequenza di episodi che testimoniano sia l’importanza di svolgere con passione il proprio lavoro, sia le emozioni che possono scaturire dal contatto diretto con la natura e le sue meravigliose creature.

Come documentato da molte belle fotografie che hanno per soggetto gli animali domestici che Silvio ha aiutato nel momento cruciale della nascita, il saggio ripercorre molte situazioni nelle quali l’intervento umano si è rivelato risolutivo: a partire dagli amici per eccellenza dell’uomo, i cani e i gatti, tanto destinatari di amore in alcuni casi, quanto vittime dell’incuria e dell’insensibilità umana in molti altri, fino a occuparsi di animali che non rientrano propriamente nelle nostre tradizioni (“La struzzomania ossia la tendenza a impiantare degli allevamenti di struzzi importati… La loro arma di difesa micidiale è il calcio sferrato con precisione chirurgica”).

L’opera è ricca di curiosità, principalmente legate al territorio ( “Gli asini… Nella città di Alba, poi, li fanno anche gareggiare. La tradizione del Palio degli Asini trova la sua origine… nel 1275, nell’Italia dei liberi comuni… Le truppe astigiane avevano posto l’assedio alle mura di Alba…”), riecheggia le atmosfere della cultura degli allevatori (“Non è il maiale che diventa vecchio, ma è il vecchio che diventa maiale”), non edulcora fatti talvolta cruenti  ( “L’elegante rapace poiana… si abbassava con volo sicuro sopra i piccoli che non avevano scampo, ne afferrava uno e lo sollevava…”), ripercorre incidenti nei quali sono incappati veterinari e allevatori, concede spazio all’ironia e a risvolti talvolta comici…

La lettura è consigliata a tutti gli amanti degli animali e, per l’equilibrio tra tecnicismo e gusto descrittivo (“Sull’alpeggio… gli animali, quando sono allevati nella maniera giusta, ripagano l’allevatore con emozioni intense e continuative”), può ben costituire un ottimo intrattenimento per tutti.

Bruno Elpis

Leggi l’articolo Finalborgo 2020, cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Silvio

Marengo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marengo Silvio

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Parlami di me. Tutti hanno un posto a cui tornare - Il romanzo di Graziella Dotta, vincitrice del concorso letterario La Quercia del Myr

Parlami di me

Dotta Graziella

IL SISTEMA

Olsberg Karl

Un uomo è il romanzo della vita di Alekos Panagulis, che nel 1968 è condannato a morte nella Grecia dei colonnelli per l'attentato a Georgios Papadopulos, il militare a capo del regime. Segregato per cinque anni in un carcere dove subisce le più atroci torture, restituito brevemente alla libertà, conosce l'esilio, torna in patria quando la dittatura si sgretola, è eletto deputato in Parlamento e inutilmente cerca di dimostrare che gli stessi uomini della deposta Giunta continuano a occupare posizioni di potere. Perde la vita in un misterioso incidente d'auto nel 1976. Oriana Fallaci incontra Panagulis nel 1973 quando, graziato di una grazia che non aveva chiesto ma che il mondo intero reclamava per lui, esce dal carcere. I due si innamorano di un amore profondo, complice, battagliero. Lei lo affianca e ne condivide una lotta mai paga. "Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto e offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime."

UN UOMO

Fallaci Oriana