Saggi

Ho fatto nascere gli animali

Marengo Silvio

Descrizione: Ho fatto nascere gli animali. Diario di un veterinario (Silvio Marengo)

Categoria: Saggi

Editore: Astegiano

Collana: Animali

Anno: 2006

ISBN: 9788861080065

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ho fatto nascere gli animali di Silvio Marengo

Scrivete ciò che sapete”, è uno dei consigli che Stephen King dà agli aspiranti scrittori in On writing (ndr: cliccate qui per leggere il nostro commento all’opera). Mentre viene attribuita a Ernest Hemingway questa convinzione: «Tra tutte le cose che conoscete e quelle che non conoscete, tirate fuori qualcosa, inventandola, che non sia una rappresentazione ma una cosa completamente nuova, più vera di qualsiasi altra viva e vera».

Silvio Marengo – veterinario nel cuneese – con l’opera intitolata Ho fatto nascere gli animali mette in pratica il consiglio di King e, in questo saggio che si è aggiudicato il premio internazionale Castel Govone 2020 nella sezione dedicata alla saggistica (ndr: cliccate su questo link), racconta esperienze realmente vissute nel corso della sua interessante professione attraverso una sequenza di episodi che testimoniano sia l’importanza di svolgere con passione il proprio lavoro, sia le emozioni che possono scaturire dal contatto diretto con la natura e le sue meravigliose creature.

Come documentato da molte belle fotografie che hanno per soggetto gli animali domestici che Silvio ha aiutato nel momento cruciale della nascita, il saggio ripercorre molte situazioni nelle quali l’intervento umano si è rivelato risolutivo: a partire dagli amici per eccellenza dell’uomo, i cani e i gatti, tanto destinatari di amore in alcuni casi, quanto vittime dell’incuria e dell’insensibilità umana in molti altri, fino a occuparsi di animali che non rientrano propriamente nelle nostre tradizioni (“La struzzomania ossia la tendenza a impiantare degli allevamenti di struzzi importati… La loro arma di difesa micidiale è il calcio sferrato con precisione chirurgica”).

L’opera è ricca di curiosità, principalmente legate al territorio ( “Gli asini… Nella città di Alba, poi, li fanno anche gareggiare. La tradizione del Palio degli Asini trova la sua origine… nel 1275, nell’Italia dei liberi comuni… Le truppe astigiane avevano posto l’assedio alle mura di Alba…”), riecheggia le atmosfere della cultura degli allevatori (“Non è il maiale che diventa vecchio, ma è il vecchio che diventa maiale”), non edulcora fatti talvolta cruenti  ( “L’elegante rapace poiana… si abbassava con volo sicuro sopra i piccoli che non avevano scampo, ne afferrava uno e lo sollevava…”), ripercorre incidenti nei quali sono incappati veterinari e allevatori, concede spazio all’ironia e a risvolti talvolta comici…

La lettura è consigliata a tutti gli amanti degli animali e, per l’equilibrio tra tecnicismo e gusto descrittivo (“Sull’alpeggio… gli animali, quando sono allevati nella maniera giusta, ripagano l’allevatore con emozioni intense e continuative”), può ben costituire un ottimo intrattenimento per tutti.

Bruno Elpis

Leggi l’articolo Finalborgo 2020, cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Silvio

Marengo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marengo Silvio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore - morto in circostanze misteriose -, nel giorno del funerale dell'amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera. È infatti giunto il momento di iscriversi all'Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell'amicizia e capirà che l'amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell'eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all'epilogo, tra le mura di un'antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda.

ALBION

Marconero Bianca

Blu non è più un bambino cattivo. Ora è un uomo di quarant’anni. Lavora come portiere in un ospedale e vive ancora insieme alla madre in un paese dello Yorkshire. Un’esistenza ordinaria, all’apparenza un po’ monotona. Una vita molto diversa da quella che l’uomo conduce nel mondo virtuale. Blu ha un blog su un sito chiamato “badguysrock”, una community che ha fondato lui stesso, dedicata a tutte le persone cattive. Su internet dà sfogo ai suoi desideri più nascosti, confessa ossessioni di morte, racconta la sua infanzia, quella di un bambino pericolosamente affascinato dal male. Pensieri oscuri che girano attorno a una terribile fantasia, quella di uccidere sua madre. Una donna dura, con cui ha sempre avuto un rapporto carico di misteri. Ma cosa è vero e cosa non lo è? Qual è il confine tra realtà e mondo virtuale? Blu era realmente un bambino malvagio o semplicemente si inventava tutto? Forse l’inquietante Albertine, che condivide con Blu un agghiacciante segreto, lo sa. O forse no. Una cosa è certa: Blu non è quello che sembra. E mentre post dopo post le parole le parole si fanno sempre più sinistre, la violenza cresce pericolosamente. C’è un solo modo per fermarla: scavare nel vero passato di Blu, un passato oscuro, un passato di rivalità e menzogne, il passato di un bambino incompreso, dotato di una sensibilità straordinaria. Fino a svelare il cuore malato di una famiglia profondamente disturbata. Solo così emergeranno le ragioni di un omicidio vecchio di vent’anni…

IL RAGAZZO CON GLI OCCHI BLU

Harris Joanne

È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Ci sono cose che non si dimenticano. Una è il nome del padre. L'altra è la casa della propria nascita. È così che Emilio, giovane e brillante professore universitario, decide di dare una svolta alla sua vita e di tornare alle origini, una vecchia casa persa nei boschi dell'Appennino. Lì lo aspettano il fratello Leone e il vecchio genitore, pronto a rinfacciargli dieci anni di assenza e una vita intera di scelte sbagliate. Protagonista della storia, insieme ai due fratelli e alla figura ancestrale e oscura del padre, è la montagna con i suoi boschi, i suoi animali, i suoi cieli sconfinati. La natura, teatro di una vita contadina che è lotta costante, ma anche scenario per piccoli e inattesi gesti di tenerezza che si tramutano in simboli, governa con grazia e violenza le vite dei tre uomini.

Ho portato sulle spalle mio padre di Armando Minuz

Minuz Armando