Narrativa

Ho smesso tutto

Il Cile

Descrizione: Una vita ricostruita attraverso le storie d'amore. Dodici ritratti femminili, dodici donne diversissime luna dall'altra ma accomunate dal forte e immarcescibile sentimento amoroso. Frammenti di vita che si incastrano per formare un puzzle caleidoscopico il cui risultato è sicuramente un inno all'amore, al sesso, alle donne. C'è Campy, la ragazza di campagna, che ama le moto e i motociclisti. C'è Vacuy, la perfetta groupie armata di macchina fotografica per immortalare tutti i concerti. C'è Soldy, conosciuta sui social e che presto si rivela un vero e proprio incubo. Ci sono loro e c'è il protagonista. E anche un finale insolito, inaspettato, originale. È tutta finzione o è tutta verità?

Categoria: Narrativa

Editore: Kowalski

Collana: Narrativa

Anno: 2014

ISBN: 9788874968442

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

Molti lo conoscono come Il Cile, giovane cantautore dalla penna tagliente e originale. Altri lo hanno notato al fianco di artisti importanti tra cui J-Ax, Negrita e Club Dogo.
Magari ascoltato nella categoria “Giovani” a Sanremo nel 2013, dove, con il brano Le parole non servono più, ha vinto il premio Asso Musica e il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo.
Lui è Lorenzo Cilembrini e con il suo primo romanzo Io ho smesso tutto ci racconta la storia di un rocker ormai stanco, stanco di tutto.

Adesso è giunto il momento di riflettere
Io devo riflettere
Io devo risolvere
IO HO SMESSO TUTTO

Dodici storie, dodici donne, dodici stereotipi, altrettanti modi di amare. Questo è solo il contorno, la superficie delle cose. Il resto è tutto dentro, è una lama che penetra lenta nella carne, la consapevolezza di ciò che si è e di come lo si è diventati.

La necessità di smettere tutto è un must, tracciato chiaramente sin dal primo capitolo.

Non si tratta di un autobiografia, ma nella prosa si possono riconoscere senz’altro alcune caratteristiche dello stile in versi che lo ha fatto apprezzare al pubblico. Chi ha assaporato i testi delle sue canzoni, quindi, non si troverà deluso leggendo questo breve romanzo. Una storia scorrevole, fatta di pagine che scivolano veloci tra le dita, come rapidi defluiscono i ricordi, quelli di una vita intensa. Un vortice di emozioni che può arrivare a sommergere un’esistenza fatta di Vittorie, Sconfitte, Preghiere, Insulti, Speranze, Grandi depressioni, ineluttabili termini di fine corsa.

Leggendo Ho smesso tutto si viene trascinati nell’abisso di una dimensione interiore tanto ironica quanto spietata e sincera. Sembra quasi di ascoltare la schiettezza del giovane Holden dalle labbra di un rocker navigato che, vagando nei ricordi, mette a nudo pian piano il proprio lato umano. Dove alla franchezza corrisponde eguale senso di inadeguatezza.

Così, pagina dopo pagina, riga dopo riga, parola dopo parola. il respiro si fa sempre più corto. Cilembrini scava dentro, con una prosa piacevole, costruita su parole taglienti che descrivono la mascherata durezza dell’essere artisti. Rockstar che dietro lo schermo appaiono come idoli, che non possono essere scalfite da alcuna pena, sono in realtà fragili creature umane. Non solamente fiere da camera affamate di sesso, sempre pronte a banchettare con la prossima fan di turno.

Il romanzo è uno zibaldone, come lo definisce lo stesso autore. Una raccolta, un diario, fatto di racconti che si reggono in piedi anche da soli che però si rincorrono, trasformando ben presto la storia in un inno alle donne e in un tributo a quel sogno che tanti giovani portano in grembo: la Musica .

Voglio avvisare il lettore.
Negli gli ultimi capitoli c’è il rischio di sciogliersi sul foglio…

Qui il sito ufficiale dell’autore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cile

Il

Libri dallo stesso autore

Intervista a Il Cile


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chiedete a un uomo qualunque il segreto del suo successo. Molto probabilmente vi risponderà: quale successo? Non l'avvocato Giuseppe Ilario Sobreroni. Nessuna crisi, nessuna precarietà per lui, Giuseppe ce l'ha fatta: ha una famiglia ideale, un solido conto in banca, una carriera in ascesa. Ma proprio quando un'intervista in uscita sulla principale rivista di settore e l'invito al più esclusivo dei ricevimenti sono lì a decretare il suo trionfo, quel mondo così perfetto mostra tutte le sue crepe e, pezzo dopo pezzo, comincia a franare. Sprezzante e narcisista, Giuseppe non ha intenzione di rinunciare alla sua fetta di paradiso. A volte però, tenersi stretto il proprio posto sulla vetta può richiedere molto più di un po' di ambizione e qualche riga sul curriculum. In una Milano canicolare, popolata da un'umanità alla ricerca disperata di un modo per stare a galla o quantomeno di un parcheggio vicino al ristorante, Federico Baccomo allestisce una commedia caustica e brillante, per raccontare con spietata ironia il ghigno di un uomo che, pagina dopo pagina, ha sempre meno motivi per ridere.

LA GENTE CHE STA BENE

Baccomo Federico

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.

Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

Un romanzo rivolto, soprattutto, ai ragazzi e ai giovani adulti. E’ la storia di quattro studenti, Fil, Miluna, Cecio e Pauline che frequentano il liceo artistico di Bologna, la Squola: detta così per la scritta che campeggia sul muro esterno dell’edificio dove qualcuno ha volutamente sbagliato a scrivere il termine. L’istituto liceale è la cornice narrativa dentro cui nascono le storie inventate da Marilù Oliva, scrittrice di riferimento in Italia per la narrativa noir e fantastica al femminile. Le vicende dei quattro protagonisti sono una perfetta rappresentazione della vita dei giovani alle porte dei vent’anni, tra eccessi, passioni, conflitti sociali e famigliari, sesso. La difficoltà di diventare grandi, la diversità sociale tipica degli studenti, è il tema vincente che l’autrice mette in gioco. La trama si sviluppa su cinque piani narrativi: le quattro voci dei ragazzi più quella della scuola. Fil è un ragazzo belloccio, subordinato al bullo della scuola, Sauro, con il quale trafuga le preziose tavole di fumetti, giunte dall’America, per esporle in una mostra nel liceo. La bravata, che finirà male, renderà Fil un ragazzo più consapevole grazie anche all’amore per la più bella della scuola: Miluna. La ragazza ha una situazione famigliare difficile, senza padre e con una madre allo sbando al punto da acconsentire che la figlia si prostituisca. Miluna, infatti, conduce una squallida doppia vita, alterna weekend con clienti di lusso ai sogni strampalati e romantici di una adolescente. Gli altri due protagonisti, e voci narranti sono Cecio e Pauline. Cecio fa il primo anno, è un ragazzino minuto, insicuro, pieno di debolezza ma anche di tenerezze. Pauline, invece, è la classica ragazza geniale ma svogliata, arrabbiata con il mondo e sempre in lotta con genitori e professori. Quando si rende conto di essersi innamorata di Fil lo seduce…

La squola – di storie ce ne sono tante

Oliva Marilù