Narrativa

Ho smesso tutto

Il Cile

Descrizione: Una vita ricostruita attraverso le storie d'amore. Dodici ritratti femminili, dodici donne diversissime luna dall'altra ma accomunate dal forte e immarcescibile sentimento amoroso. Frammenti di vita che si incastrano per formare un puzzle caleidoscopico il cui risultato è sicuramente un inno all'amore, al sesso, alle donne. C'è Campy, la ragazza di campagna, che ama le moto e i motociclisti. C'è Vacuy, la perfetta groupie armata di macchina fotografica per immortalare tutti i concerti. C'è Soldy, conosciuta sui social e che presto si rivela un vero e proprio incubo. Ci sono loro e c'è il protagonista. E anche un finale insolito, inaspettato, originale. È tutta finzione o è tutta verità?

Categoria: Narrativa

Editore: Kowalski

Collana: Narrativa

Anno: 2014

ISBN: 9788874968442

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

Molti lo conoscono come Il Cile, giovane cantautore dalla penna tagliente e originale. Altri lo hanno notato al fianco di artisti importanti tra cui J-Ax, Negrita e Club Dogo.
Magari ascoltato nella categoria “Giovani” a Sanremo nel 2013, dove, con il brano Le parole non servono più, ha vinto il premio Asso Musica e il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo.
Lui è Lorenzo Cilembrini e con il suo primo romanzo Io ho smesso tutto ci racconta la storia di un rocker ormai stanco, stanco di tutto.

Adesso è giunto il momento di riflettere
Io devo riflettere
Io devo risolvere
IO HO SMESSO TUTTO

Dodici storie, dodici donne, dodici stereotipi, altrettanti modi di amare. Questo è solo il contorno, la superficie delle cose. Il resto è tutto dentro, è una lama che penetra lenta nella carne, la consapevolezza di ciò che si è e di come lo si è diventati.

La necessità di smettere tutto è un must, tracciato chiaramente sin dal primo capitolo.

Non si tratta di un autobiografia, ma nella prosa si possono riconoscere senz’altro alcune caratteristiche dello stile in versi che lo ha fatto apprezzare al pubblico. Chi ha assaporato i testi delle sue canzoni, quindi, non si troverà deluso leggendo questo breve romanzo. Una storia scorrevole, fatta di pagine che scivolano veloci tra le dita, come rapidi defluiscono i ricordi, quelli di una vita intensa. Un vortice di emozioni che può arrivare a sommergere un’esistenza fatta di Vittorie, Sconfitte, Preghiere, Insulti, Speranze, Grandi depressioni, ineluttabili termini di fine corsa.

Leggendo Ho smesso tutto si viene trascinati nell’abisso di una dimensione interiore tanto ironica quanto spietata e sincera. Sembra quasi di ascoltare la schiettezza del giovane Holden dalle labbra di un rocker navigato che, vagando nei ricordi, mette a nudo pian piano il proprio lato umano. Dove alla franchezza corrisponde eguale senso di inadeguatezza.

Così, pagina dopo pagina, riga dopo riga, parola dopo parola. il respiro si fa sempre più corto. Cilembrini scava dentro, con una prosa piacevole, costruita su parole taglienti che descrivono la mascherata durezza dell’essere artisti. Rockstar che dietro lo schermo appaiono come idoli, che non possono essere scalfite da alcuna pena, sono in realtà fragili creature umane. Non solamente fiere da camera affamate di sesso, sempre pronte a banchettare con la prossima fan di turno.

Il romanzo è uno zibaldone, come lo definisce lo stesso autore. Una raccolta, un diario, fatto di racconti che si reggono in piedi anche da soli che però si rincorrono, trasformando ben presto la storia in un inno alle donne e in un tributo a quel sogno che tanti giovani portano in grembo: la Musica .

Voglio avvisare il lettore.
Negli gli ultimi capitoli c’è il rischio di sciogliersi sul foglio…

Qui il sito ufficiale dell’autore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cile

Il

Libri dallo stesso autore

Intervista a Il Cile


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Elegie di Patti Smith

Il caso di Charles Dexter Ward, pubblicato nel 1941, è il romanzo di un pazzo: Ward, personaggio schivo, opaco e studioso, si trasforma, lentamente, in una sorta di alieno, che incute terrore e sgomento. A indagare sul caso è uno psichiatra, che ha conosciuto Ward fin dalla giovinezza, e che scioglie il mistero scoprendo una realtà di orrore insospettabile, svelando pratiche ancestrali di resurrezione dei morti e oscure forze soprannaturali.

Il caso di Charles Dexter Ward

Lovecraft Howard P.

La storia di Brooke Shields, una delle donne più belle del mondo, che partorisce a 38 anni la piccola Rowan e non smette di piangere dal primo istante in cui gliela mettono in braccio e scivola in una tremenda depressione da cui si riprenderà solo molti mesi dopo, e quella di Valentina Vezzali, il "cobra", che dopo appena diciotto giorni dalla nascita del figlio Pietro riprende gli incontri di scherma e le bastano tre mesi di allenamento per vincere i campionati del mondo. La storia delle madri di Plaza de Mayo, a cui la dittatura argentina ha rubato i figli, capaci di un amore assoluto per le proprie creature scomparse, perché l'amore materno perfetto è solo quello per chi non c'è più, e quella di Mercè Anglada, ostetrica di 44 anni, che per aver dedicato l'intera vita a far nascere i figli degli altri non si è mai sposata e non ne ha mai avuti di propri. Storie di madri e di maternità, storie di amore e di paura, storie di gioia e di terribili depressioni. Concita De Gregorio compie un viaggio, attraverso venti racconti di maternità, in una realtà circondata da moltissimi luoghi comuni, per cercare di dare voce a una realtà silenziosa: la fatica di essere madri in un mondo in cui per le madri non c'è posto.

Una madre lo sa

De Gregorio Concita

“Una foschia rosso porpora” è la più scrupolosa e dettagliata biografia di Jimi Hendrix mai scritta, uno sterminato mosaico di informazioni e dati che non ha eguali nella letteratura rock. Il volume di Shapiro e Glebbeek si estende dalla musica a immagini rare, ai dischi, a quella labirintica “Discoteca di Babele” che fra opere ufficiali, antologie e bootleg conta centinaia di pezzi, qui sistemati dagli autori con precisione maniacale. A quarant’anni dalla morte di Jimi Hendrix ritorna in libreria l’opera definitiva su un maestro ancora influente e venerato, che con la sua chitarra ha ridisegnato i confini della musica americana del Novecento.

Una foschia rosso porpora

Glebbeek Caesar