Narrativa

Hugo e Rose

Bridget Foley

Descrizione: Rose è delusa dalla sua vita pur non avendone motivo: ha una bella famiglia e una deliziosa casa in un bel quartiere. Ma per Rose questa vita ordinaria è messa in ombra dalla sua altra vita, quella che vive ogni notte nei suoi sogni. Da bambina, in seguito a un incidente, ha iniziato a sognare una meravigliosa isola ricca di avventure. Su quest’isola non è mai stata sola: c’è sempre Hugo, un ragazzo coraggioso che cresce assieme a lei negli anni fino a diventare il suo eroe. Ma quando Rose incontra casualmente Hugo nella vita vera, sia i suoi sogni che la vita reale cambieranno per sempre. Si trova infatti davanti l’uomo che ha condiviso le sue incredibili avventure in luoghi impossibili, che è cresciuto assieme a lei, ma ambedue sono molto diversi da come si erano immaginati. Il loro incontro dà il via a una cascata di domande e bugie, e a una pericolosa ossessione, che minaccia di rovesciare il mondo di Rose. Lei vorrà veramente perdere tutto ciò che le è caro per capire lo straordinario rapporto che li unisce?

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2015

ISBN: 9788866326731

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Solo nei suoi sogni Rose è una donna veramente felice… Non che sia insoddisfatta nella vita di tutti i giorni: ha un marito che la ama e tre splendidi figli. Tuttavia la routine, si sa, uccide la passione e cancella ogni residuo di follia.

Di notte, invece, quando chiude gli occhi, Rose vola via, lontano… La sua mente infatti la trasporta su una strana isola, dove vive fantastiche avventure in compagnia di Hugo, il suo amico più caro.

É così da anni ormai, tanto che per Rose quella sull’isola è diventata una seconda vita appagante e divertente, un universo parallelo in cui ama rifugiarsi.

Un giorno, però, accade qualcosa che annulla e confonde il confine tra sogno e realtà e Rose si ritrova inevitabilmente a riflettere sulla natura delle proprie visioni.

Quando è cominciato tutto questo e perché? Quanto c’é di vero? Chi è Hugo?

Con il suo primo romanzo la Foley punta a stupire il lettore, e lo fa con un cambio d’atmosfera che lo catapulta dal mondo dei sogni a quello degli incubi.

Nelle prime pagine ci sono tutte le premesse per una lettura rilassante in attesa dell’immancabile lieto fine, dai personaggi tratteggiati con toni pacati alla scrittura lineare. Invece… Sorpresa! Il ritmo improvvisamente incalza e, a poco più della metà del testo si salta nel vuoto, viaggiando a velocità sostenuta.

Il passaggio risulta effettivamente inatteso ma anche ardito, perché rischia di farle perdere una fetta importante di pubblico: quella che cercava la fiaba, pretendendo un’unica e semplice conclusione.

Questa credo fosse l’idea dell’autrice, che insiste (anche troppo) con la storia della casalinga della porta accanto per favorire il processo d’identificazione e convincere il lettore a divorare il libro anziché sfogliarlo distrattamente, lasciarlo sul comodino e riprenderlo dopo qualche giorno pensando: dov’ero rimasto?

A questo punto non resta che chiedersi se la Foley sia riuscita nel suo ambizioso intento. La mia personalissima risposta è ni.

Ni perché questa Rose non mi ha convinta, perché il registro linguistico non è accattivante, perché le pagine dedicate ai sogni sono sì funzionali alla trama ma decisamente pesanti e a tratti puerili, perché lo stesso passaggio dalle tinte pastello al nero sembra buttato lì per caso, come se l’intuizione fosse arrivata a metà dell’opera, quando le fondamenta del romanzo erano già costruite.

L’esordio dell’autrice comunque va apprezzato per la lucidità calibrata e la sapiente alternanza dei capitoli. Probabilmente, sfrondando qua e là, anche la trama (non banale) ne guadagnerebbe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Foley

Bridget

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bridget Foley


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Paolo ha trent’anni e si sente senza forze, sperduto, sfiduciato: gli sembra di non andare da nessuna parte. Così lascia la città dov’è nato e cresciuto e se ne va a stare in montagna, in una baita a duemila metri. Qui, nella solitudine quasi totale, riscopre una vita più essenziale e rapporti umani sinceri con gli unici due vicini di casa. La storia vera di una fuga e di un viaggio per ritrovare se stessi, per fare i conti con il passato, una lotta a mani nude contro il dolore.

Il ragazzo selvatico

Cognetti Paolo

Passa il tempo di Ilaria Spes, poesia interpretata da Luigi Maria Corsanico

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Io sono un gatto

Soseki Natsume