Narrativa

Hugo e Rose

Bridget Foley

Descrizione: Rose è delusa dalla sua vita pur non avendone motivo: ha una bella famiglia e una deliziosa casa in un bel quartiere. Ma per Rose questa vita ordinaria è messa in ombra dalla sua altra vita, quella che vive ogni notte nei suoi sogni. Da bambina, in seguito a un incidente, ha iniziato a sognare una meravigliosa isola ricca di avventure. Su quest’isola non è mai stata sola: c’è sempre Hugo, un ragazzo coraggioso che cresce assieme a lei negli anni fino a diventare il suo eroe. Ma quando Rose incontra casualmente Hugo nella vita vera, sia i suoi sogni che la vita reale cambieranno per sempre. Si trova infatti davanti l’uomo che ha condiviso le sue incredibili avventure in luoghi impossibili, che è cresciuto assieme a lei, ma ambedue sono molto diversi da come si erano immaginati. Il loro incontro dà il via a una cascata di domande e bugie, e a una pericolosa ossessione, che minaccia di rovesciare il mondo di Rose. Lei vorrà veramente perdere tutto ciò che le è caro per capire lo straordinario rapporto che li unisce?

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2015

ISBN: 9788866326731

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Solo nei suoi sogni Rose è una donna veramente felice… Non che sia insoddisfatta nella vita di tutti i giorni: ha un marito che la ama e tre splendidi figli. Tuttavia la routine, si sa, uccide la passione e cancella ogni residuo di follia.

Di notte, invece, quando chiude gli occhi, Rose vola via, lontano… La sua mente infatti la trasporta su una strana isola, dove vive fantastiche avventure in compagnia di Hugo, il suo amico più caro.

É così da anni ormai, tanto che per Rose quella sull’isola è diventata una seconda vita appagante e divertente, un universo parallelo in cui ama rifugiarsi.

Un giorno, però, accade qualcosa che annulla e confonde il confine tra sogno e realtà e Rose si ritrova inevitabilmente a riflettere sulla natura delle proprie visioni.

Quando è cominciato tutto questo e perché? Quanto c’é di vero? Chi è Hugo?

Con il suo primo romanzo la Foley punta a stupire il lettore, e lo fa con un cambio d’atmosfera che lo catapulta dal mondo dei sogni a quello degli incubi.

Nelle prime pagine ci sono tutte le premesse per una lettura rilassante in attesa dell’immancabile lieto fine, dai personaggi tratteggiati con toni pacati alla scrittura lineare. Invece… Sorpresa! Il ritmo improvvisamente incalza e, a poco più della metà del testo si salta nel vuoto, viaggiando a velocità sostenuta.

Il passaggio risulta effettivamente inatteso ma anche ardito, perché rischia di farle perdere una fetta importante di pubblico: quella che cercava la fiaba, pretendendo un’unica e semplice conclusione.

Questa credo fosse l’idea dell’autrice, che insiste (anche troppo) con la storia della casalinga della porta accanto per favorire il processo d’identificazione e convincere il lettore a divorare il libro anziché sfogliarlo distrattamente, lasciarlo sul comodino e riprenderlo dopo qualche giorno pensando: dov’ero rimasto?

A questo punto non resta che chiedersi se la Foley sia riuscita nel suo ambizioso intento. La mia personalissima risposta è ni.

Ni perché questa Rose non mi ha convinta, perché il registro linguistico non è accattivante, perché le pagine dedicate ai sogni sono sì funzionali alla trama ma decisamente pesanti e a tratti puerili, perché lo stesso passaggio dalle tinte pastello al nero sembra buttato lì per caso, come se l’intuizione fosse arrivata a metà dell’opera, quando le fondamenta del romanzo erano già costruite.

L’esordio dell’autrice comunque va apprezzato per la lucidità calibrata e la sapiente alternanza dei capitoli. Probabilmente, sfrondando qua e là, anche la trama (non banale) ne guadagnerebbe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Foley

Bridget

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bridget Foley

Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

ENON

Harding Paul

Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

"Il fico che cresce sulle rovine della fortezza, emblema e geroglìfico del nuovo libro di Claudio Damiani, ha i giorni contati. Verrà qualcuno a restaurare gli spalti del diroccato maniero aristocratico dove cresce, sradicando quella forma di vita abusiva, vita incurante della sua propria bellezza, capace di assentire al suo destino senza opporgli un'assurda resistenza. Dall'albero il poeta ricava l'insegnamento supremo: è possibile amare la vita senza avvelenarla con la paura della morte. È possibile, dunque, la felicità, quella pura e gratuita vibrazione dell'essere qui, dell'esserci ora, minuscolo filo saldamente intrecciato all'arazzo del cosmo? Come un saggio taoista, Damiani non si stanca mai di dipingere a rapidi colpi di pennello paesaggi nei quali gli uomini e le bestie, le piante e le pietre, le nuvole e le acque sono gli elementi solidali dello stesso prodigio, ovvero una sola materia senza più nome, disponibile a tutti gli esperimenti di un'alchimia interiore capace di trasformare in oro il fardello dell'impermanenza e l'angoscia del tempo che fugge. Oltre il piacere del testo, ai lettori di questo libro si offre una terapia sottile ed efficace come solo sanno essere i consigli di chi è capace di curare se stesso, e non smette mai di farlo." (Emanuele Trevi)

il fico sulla fortezza

Damiani Claudio