Narrativa

Hugo e Rose

Bridget Foley

Descrizione: Rose è delusa dalla sua vita pur non avendone motivo: ha una bella famiglia e una deliziosa casa in un bel quartiere. Ma per Rose questa vita ordinaria è messa in ombra dalla sua altra vita, quella che vive ogni notte nei suoi sogni. Da bambina, in seguito a un incidente, ha iniziato a sognare una meravigliosa isola ricca di avventure. Su quest’isola non è mai stata sola: c’è sempre Hugo, un ragazzo coraggioso che cresce assieme a lei negli anni fino a diventare il suo eroe. Ma quando Rose incontra casualmente Hugo nella vita vera, sia i suoi sogni che la vita reale cambieranno per sempre. Si trova infatti davanti l’uomo che ha condiviso le sue incredibili avventure in luoghi impossibili, che è cresciuto assieme a lei, ma ambedue sono molto diversi da come si erano immaginati. Il loro incontro dà il via a una cascata di domande e bugie, e a una pericolosa ossessione, che minaccia di rovesciare il mondo di Rose. Lei vorrà veramente perdere tutto ciò che le è caro per capire lo straordinario rapporto che li unisce?

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2015

ISBN: 9788866326731

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Solo nei suoi sogni Rose è una donna veramente felice… Non che sia insoddisfatta nella vita di tutti i giorni: ha un marito che la ama e tre splendidi figli. Tuttavia la routine, si sa, uccide la passione e cancella ogni residuo di follia.

Di notte, invece, quando chiude gli occhi, Rose vola via, lontano… La sua mente infatti la trasporta su una strana isola, dove vive fantastiche avventure in compagnia di Hugo, il suo amico più caro.

É così da anni ormai, tanto che per Rose quella sull’isola è diventata una seconda vita appagante e divertente, un universo parallelo in cui ama rifugiarsi.

Un giorno, però, accade qualcosa che annulla e confonde il confine tra sogno e realtà e Rose si ritrova inevitabilmente a riflettere sulla natura delle proprie visioni.

Quando è cominciato tutto questo e perché? Quanto c’é di vero? Chi è Hugo?

Con il suo primo romanzo la Foley punta a stupire il lettore, e lo fa con un cambio d’atmosfera che lo catapulta dal mondo dei sogni a quello degli incubi.

Nelle prime pagine ci sono tutte le premesse per una lettura rilassante in attesa dell’immancabile lieto fine, dai personaggi tratteggiati con toni pacati alla scrittura lineare. Invece… Sorpresa! Il ritmo improvvisamente incalza e, a poco più della metà del testo si salta nel vuoto, viaggiando a velocità sostenuta.

Il passaggio risulta effettivamente inatteso ma anche ardito, perché rischia di farle perdere una fetta importante di pubblico: quella che cercava la fiaba, pretendendo un’unica e semplice conclusione.

Questa credo fosse l’idea dell’autrice, che insiste (anche troppo) con la storia della casalinga della porta accanto per favorire il processo d’identificazione e convincere il lettore a divorare il libro anziché sfogliarlo distrattamente, lasciarlo sul comodino e riprenderlo dopo qualche giorno pensando: dov’ero rimasto?

A questo punto non resta che chiedersi se la Foley sia riuscita nel suo ambizioso intento. La mia personalissima risposta è ni.

Ni perché questa Rose non mi ha convinta, perché il registro linguistico non è accattivante, perché le pagine dedicate ai sogni sono sì funzionali alla trama ma decisamente pesanti e a tratti puerili, perché lo stesso passaggio dalle tinte pastello al nero sembra buttato lì per caso, come se l’intuizione fosse arrivata a metà dell’opera, quando le fondamenta del romanzo erano già costruite.

L’esordio dell’autrice comunque va apprezzato per la lucidità calibrata e la sapiente alternanza dei capitoli. Probabilmente, sfrondando qua e là, anche la trama (non banale) ne guadagnerebbe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Foley

Bridget

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bridget Foley


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz

Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d'accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.

Il ritratto di Dorian Gray

Wilde Oscar

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume

Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Anteprima mondiale

Nove Aldo