Letteratura tedesca

I Buddenbrook

Mann Thomas

Descrizione: Il primo grande romanzo di Thomas Mann racconta la storia di una famiglia tedesca dell'Ottocento che dopo anni di prosperità è esposta a una tragica decadenza: le basi di un patrimonio e di una potenza che sembravano incrollabili sono sgretolate da una forza ostinata e segreta. Opera di ispirazione autobiografica, questo romanzo, capolavoro della letteratura europea, esprime compiutamente la concezione estetica e politica dello scrittore tedesco, il suo rimpianto per una mitica e solida. borghesia, la coscienza della crisi di un mondo e di valori destinati inesorabilmente a scomparire.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2006

ISBN: 9788806184070

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

I Brambilla: nascita, ascesa e decadenza di una grande famiglia della Brianza

Il console Giovanni detto Vanni diede inizio alla dinastia e allo sviluppo della ricchezza, tramandata al figlio Gianni, dal quale nacquero Tommaso e Antonietta, mischiando i danè con la politica, e andando in sfacelo con la morte dell’ultimo erede della casata, il giovane Annibale.

Un siffatto prodotto di narrativa non vincerebbe nemmeno il Premio Città di Lodi. Ma volgendo la storia e i nomi in tedesco, ha fruttato al suo autore, Thomas Mann, il premio Nobel per la Letteratura.

Il titolo è I Buddenbrook: decadenza di una famiglia, ed è uno dei libri più belli e importanti del ventesimo secolo. Inorgoglisce sapere che la stesura sia iniziata durante la permanenza in Italia dello scrittore tedesco.

Come usa dire nel mondo della finanza, la prima generazione costruisce, la seconda espande e consolida, la terza perisce. E questo succede alla famiglia Buddenbrook nel volgere di qualche decennio. Non inventiamo niente se diciamo che la dinastia mercantile del libro è presa pari pari dalla famiglia Mann, con trasposizione dei personaggi e variazione dei nomi.

L’atmosfera è decadente, nel senso letterario. Non come in Morte a Venezia, ma di risate non muore nessuno di certo nemmeno qui.

I personaggi principali sono gli eredi della dinastia di mezzo: Thomas, che alla ricchezza aggiungerà la carica di Senatore, e sua sorella Toni, all’anagrafe Antonie, plurisposata, pluriseparata. Due figure nobili di animo e consapevoli del ruolo e della funzione nella società mercantile di Lubecca, e non come i mobilieri di Cantù fiancheggiatori del potere politico e amministrativo per tornaconto.

Esistono anche le pecore nere, in una famiglia così: il figlio primogenito del capostipite che ha aperto una bottega e bussa sempre a soldi.

Johann Buddenbrook sembrava aver odiato sinceramente e amaramente quella nuova creatura, dal momento in cui i suoi primi violenti movimenti avevano causato atroci dolori alla madre, e fin quando era venuto alla luce sano e vitale mentre Josephine spirava, la testa esangue affondata nei cuscini, – e non aveva mai perdonato l’uccisione della madre a quell’intruso senza scrupoli, che cresceva forte e spensierato… Questo il console non lo capiva. Ella morì, pensava, adempiendo l’alto dovere della donna, e io avrei teneramente trasferito l’amore per lei sulla creatura cui aveva donato la vita, lasciandomela nell’istante del congedo… Ma il babbo, invece, non ha mai visto nel figlio maggiore altro che lo scellerato distruttore della sua felicità.”

O il fratello di Thomas, Christian, legato ad una donna alquanto discutibile, che vuole sposare subito dopo la morte della madre.

Christian era completamente fuori di sé; e incominciava a dire cose che non aveva mai dette. Era chino sul tavolo, vi picchiava senza posa con la punta dell’indice ricurvo, e con i baffi irti e gli occhi arrossati, fissava il fratello, che, ritto, pallido e con le palpebre socchiuse, lo guardava dall’alto in basso.

«Il tuo cuore è colmo di gelo, di ostilità e di disprezzo verso di me,» proseguì Christian, con una voce cupa e gracchiante al tempo stesso… «Per quanto io ricordi, tu hai avuto nei miei confronti una tale freddezza che alla tua presenza mi sono sempre sentito gelare… può essere una strana espressione, ma se sento così?… Tu mi respingi… Mi respingi se appena mi guardi, e anche questo non lo fai quasi mai.”

Il senatore Thomas e sua sorella Toni spiccano come giganti in mezzo a gente di mediocre ingegno. E che contegno, che portamento!

Purtroppo gli affari non vanno come dovrebbero, e la grande casa in cui vive tutta la famiglia Buddenbrook viene venduta ai rivali di sempre, gli Hagenstrom, cioè i mobilieri di Cantù dirimpetto a Tommaso. Una sconfitta.

Pure l’azienda viene messa in liquidazione: le condizioni di salute del senatore non sono splendide, e l’erede designato, Hanno, è poco propenso agli affari, prediligendo la musica del suo pianoforte e le lettere.

C’è molto Schopenauer nel senatore, circa l’insensatezza della vita per tutti gli esseri viventi, ma anche Nietzsche, che rappresenta la sublimazione della ricerca del senso della vita per un uomo d’affari e politica come era stato per quasi tutti i suoi giorni.

Dove sarò, quando sarò morto? Ma è chiarissimo, estremamente semplice! Sarò in tutti coloro che abbiano mai detto io, che lo dicono o lo diranno; ma specialmente in coloro che lo dicono più pienamente, più energicamente, più lietamente... ”

C’è molto di Thomas Mann nei due fratelli Buddenbrook e nel discendente Hanno: la solidità, il decoro, il senso degli affari, ma anche il temperamento artistico, la sensibilità, il tono sommesso.

Come non vedere nel senatore amante della filosofia, che ha interrotto gli studi per dedicarsi all’attività di famiglia, lo stesso Thomas Mann, la cui laurea è stata soltanto honoris causa?

L’aria alla fine del libro potrebbe essere sovrapponibile al cenno d’addio di Tadzio nel mare allo scrittore sulla riva in Morte a Venezia.

È Toni che tiene le redini della famiglia quando tutti i maschi Buddenbrook sono morti, facendo da testimonianza allo splendore che è stato. Bella e nobile fino alla fine.

In qualunque modo la signora Antonie era decisa ad andare avanti a testa alta, finché fosse rimasta al mondo e la gente avesse posato lo sguardo su di lei.”

Il libro è un’apologia del dovere, dove ognuno ha un ruolo e una funzione. Anelli di catena, viene detto. Come è proprio del luogo comune sui tedeschi.

Personalmente, sarei diventato volentieri il terzo marito di Toni. Ma anche quarto, quinto…

Veramente una gran signora.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Thomas

Mann

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mann Thomas


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Carla ha quasi quarant'anni, un compagno praticamente perfetto, un lavoro stimolante e un certo fascino. Ma non riesce ad avere un figlio. E per una come lei, abituata a centrare l'obiettivo, il senso di fallimento brucia senza consumarsi. Perché l'ossessione della maternità si può affinare al punto da dare dipendenza. Accade a molte delle donne che Carla incontra quando decide di tentare la fecondazione assistita. Tutte stanno in fila, mese dopo mese, per eseguire lo stesso rituale: gli ormoni, il pick-up, il transfer, l'attesa. Conoscono il proprio corpo e i suoi segnali con una precisione maniacale. Usano un oscuro gergo da iniziate. Perché loro non aspettano un bambino, «fanno la cova», non rimangono incinte, «s'incicognano». Mentre a forza di medicine si gonfiano come galline d'allevamento, le donne «difettose » si sfogano, si danno conforto, nelle sale ospedaliere o nelle chat. Nel suo viaggio alla ricerca della maternità, e di una forma di saggezza che pare sempre scivolarle fra le dita, Carla può contare su di loro, ma anche su due guide spirituali d'eccezione: Seneca, oggetto dei suoi studi di latinista, e nonna Rina, che prima di diventare solida come una quercia era stata fragile come un albero rinsecchito. Nonostante persino la Bibbia sia piena di vecchie sterili che all'improvviso riescono a procreare, Carla forse deve mettersi in testa che un figlio non è un diritto, come le dice Marco, il suo compagno, con quella sua franchezza generosa e un po' leggera. Un esordio intelligente e lieve che racconta la speranza della maternità, e in cui il chiacchiericcio cosí vero di tante femmine energiche, sconsolate o allegre, ci restituisce una realtà complessa, lasciandoci perennemente in bilico tra divertimento e commozione.

LE DIFETTOSE

Mazzoni Eleonora

Lei & Lui

Levy Marc

Durante una cena in un'elegante casa di Greenwich un amico di un amico dei padroni di casa si alza da tavola e non torna più. Si scopre che si è chiuso nella stanza degli ospiti e non ha la minima intenzione di uscire. Perché ha preso questa decisione? Cosa spera di ottenere? E soprattutto chi è Miles Garth? Gen, la padrona di casa, si mette alla ricerca di amici e parenti del suo ospite indesiderato che possano convincerlo a desistere dal suo proposito inspiegabile. Comincia così una carrellata di personaggi, ricordi, situazioni buffe o commoventi che prendono spunto dalla presenza/assenza di Miles, ma in realtà sono un'occasione per la scrittrice di esplorare vari aspetti della vita quotidiana nell'Inghilterra di oggi. Una scrittura divertente e divertita, una girandola di giochi di parole e rimandi che vanno da Shakespeare al punk passando per i musical e le canzoni dell'Eurofestival. Il nuovo splendido romanzo di Ali Smith cerca di rispondere a una domanda semplicissima: perché siamo qui?

C’E’ MA NON SI

Smith Ali

È la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchè si sentiva troppo solo lassù: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro. Prefazione di Nico Orengo. Edizione speciale per i 70 anni. Età di lettura: da 8 anni.

Il piccolo principe

De Saint-Exupery Antoine