Letteratura tedesca

I Buddenbrook

Mann Thomas

Descrizione: Il primo grande romanzo di Thomas Mann racconta la storia di una famiglia tedesca dell'Ottocento che dopo anni di prosperità è esposta a una tragica decadenza: le basi di un patrimonio e di una potenza che sembravano incrollabili sono sgretolate da una forza ostinata e segreta. Opera di ispirazione autobiografica, questo romanzo, capolavoro della letteratura europea, esprime compiutamente la concezione estetica e politica dello scrittore tedesco, il suo rimpianto per una mitica e solida. borghesia, la coscienza della crisi di un mondo e di valori destinati inesorabilmente a scomparire.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2006

ISBN: 9788806184070

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

I Brambilla: nascita, ascesa e decadenza di una grande famiglia della Brianza

Il console Giovanni detto Vanni diede inizio alla dinastia e allo sviluppo della ricchezza, tramandata al figlio Gianni, dal quale nacquero Tommaso e Antonietta, mischiando i danè con la politica, e andando in sfacelo con la morte dell’ultimo erede della casata, il giovane Annibale.

Un siffatto prodotto di narrativa non vincerebbe nemmeno il Premio Città di Lodi. Ma volgendo la storia e i nomi in tedesco, ha fruttato al suo autore, Thomas Mann, il premio Nobel per la Letteratura.

Il titolo è I Buddenbrook: decadenza di una famiglia, ed è uno dei libri più belli e importanti del ventesimo secolo. Inorgoglisce sapere che la stesura sia iniziata durante la permanenza in Italia dello scrittore tedesco.

Come usa dire nel mondo della finanza, la prima generazione costruisce, la seconda espande e consolida, la terza perisce. E questo succede alla famiglia Buddenbrook nel volgere di qualche decennio. Non inventiamo niente se diciamo che la dinastia mercantile del libro è presa pari pari dalla famiglia Mann, con trasposizione dei personaggi e variazione dei nomi.

L’atmosfera è decadente, nel senso letterario. Non come in Morte a Venezia, ma di risate non muore nessuno di certo nemmeno qui.

I personaggi principali sono gli eredi della dinastia di mezzo: Thomas, che alla ricchezza aggiungerà la carica di Senatore, e sua sorella Toni, all’anagrafe Antonie, plurisposata, pluriseparata. Due figure nobili di animo e consapevoli del ruolo e della funzione nella società mercantile di Lubecca, e non come i mobilieri di Cantù fiancheggiatori del potere politico e amministrativo per tornaconto.

Esistono anche le pecore nere, in una famiglia così: il figlio primogenito del capostipite che ha aperto una bottega e bussa sempre a soldi.

Johann Buddenbrook sembrava aver odiato sinceramente e amaramente quella nuova creatura, dal momento in cui i suoi primi violenti movimenti avevano causato atroci dolori alla madre, e fin quando era venuto alla luce sano e vitale mentre Josephine spirava, la testa esangue affondata nei cuscini, – e non aveva mai perdonato l’uccisione della madre a quell’intruso senza scrupoli, che cresceva forte e spensierato… Questo il console non lo capiva. Ella morì, pensava, adempiendo l’alto dovere della donna, e io avrei teneramente trasferito l’amore per lei sulla creatura cui aveva donato la vita, lasciandomela nell’istante del congedo… Ma il babbo, invece, non ha mai visto nel figlio maggiore altro che lo scellerato distruttore della sua felicità.”

O il fratello di Thomas, Christian, legato ad una donna alquanto discutibile, che vuole sposare subito dopo la morte della madre.

Christian era completamente fuori di sé; e incominciava a dire cose che non aveva mai dette. Era chino sul tavolo, vi picchiava senza posa con la punta dell’indice ricurvo, e con i baffi irti e gli occhi arrossati, fissava il fratello, che, ritto, pallido e con le palpebre socchiuse, lo guardava dall’alto in basso.

«Il tuo cuore è colmo di gelo, di ostilità e di disprezzo verso di me,» proseguì Christian, con una voce cupa e gracchiante al tempo stesso… «Per quanto io ricordi, tu hai avuto nei miei confronti una tale freddezza che alla tua presenza mi sono sempre sentito gelare… può essere una strana espressione, ma se sento così?… Tu mi respingi… Mi respingi se appena mi guardi, e anche questo non lo fai quasi mai.”

Il senatore Thomas e sua sorella Toni spiccano come giganti in mezzo a gente di mediocre ingegno. E che contegno, che portamento!

Purtroppo gli affari non vanno come dovrebbero, e la grande casa in cui vive tutta la famiglia Buddenbrook viene venduta ai rivali di sempre, gli Hagenstrom, cioè i mobilieri di Cantù dirimpetto a Tommaso. Una sconfitta.

Pure l’azienda viene messa in liquidazione: le condizioni di salute del senatore non sono splendide, e l’erede designato, Hanno, è poco propenso agli affari, prediligendo la musica del suo pianoforte e le lettere.

C’è molto Schopenauer nel senatore, circa l’insensatezza della vita per tutti gli esseri viventi, ma anche Nietzsche, che rappresenta la sublimazione della ricerca del senso della vita per un uomo d’affari e politica come era stato per quasi tutti i suoi giorni.

Dove sarò, quando sarò morto? Ma è chiarissimo, estremamente semplice! Sarò in tutti coloro che abbiano mai detto io, che lo dicono o lo diranno; ma specialmente in coloro che lo dicono più pienamente, più energicamente, più lietamente... ”

C’è molto di Thomas Mann nei due fratelli Buddenbrook e nel discendente Hanno: la solidità, il decoro, il senso degli affari, ma anche il temperamento artistico, la sensibilità, il tono sommesso.

Come non vedere nel senatore amante della filosofia, che ha interrotto gli studi per dedicarsi all’attività di famiglia, lo stesso Thomas Mann, la cui laurea è stata soltanto honoris causa?

L’aria alla fine del libro potrebbe essere sovrapponibile al cenno d’addio di Tadzio nel mare allo scrittore sulla riva in Morte a Venezia.

È Toni che tiene le redini della famiglia quando tutti i maschi Buddenbrook sono morti, facendo da testimonianza allo splendore che è stato. Bella e nobile fino alla fine.

In qualunque modo la signora Antonie era decisa ad andare avanti a testa alta, finché fosse rimasta al mondo e la gente avesse posato lo sguardo su di lei.”

Il libro è un’apologia del dovere, dove ognuno ha un ruolo e una funzione. Anelli di catena, viene detto. Come è proprio del luogo comune sui tedeschi.

Personalmente, sarei diventato volentieri il terzo marito di Toni. Ma anche quarto, quinto…

Veramente una gran signora.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Thomas

Mann

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mann Thomas

L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

Un sabato sera come tanti in una cittadina della provincia italiana. La tv sintonizzata su uno show televisivo, nel lavandino i piatti della cena da lavare. Un infarto fulminante uccide il settantenne Pietro Polizzi, ma Ines Banchero, sua moglie da quasi quarant’anni, se ne accorge solo alla fine della serata. E non chiede aiuto a nessuno, neppure ai due figli, Vittorio e Riccarda. Comincia così, con un decesso di cui tutti sono tenuti all’oscuro, un viaggio di quattro giorni dentro l’inferno domestico di una coppia all’apparenza normale, ma di fatto marchiata a fuoco da un trauma inconfessato. E mentre giorno dopo giorno la morte si impadronisce della scena, il confine fra normalità e follia si fa labile. Il talento è la condanna e l’ossessione di Ines. Eccellente disegnatrice da ragazza, rinuncia a seguire la propria vocazione per una vita «al sicuro»: quella di moglie e madre modello. Ma Ines non riconosce neppure il talento e le più genuine aspirazioni dell’amatissimo figlio Vittorio, campione di nuoto. Né accetta il talento della libera e tenace Riccarda, attrice di successo, sua grande delusione. Ines vive tra i fantasmi - i demoni - del passato. E in questo limbo vaga da sola, cercando qualche frammento di senso e una luce di riscatto.

La figlia sbagliata

Romagnolo Raffaella

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano