Letteratura tedesca

I Buddenbrook

Mann Thomas

Descrizione: Il primo grande romanzo di Thomas Mann racconta la storia di una famiglia tedesca dell'Ottocento che dopo anni di prosperità è esposta a una tragica decadenza: le basi di un patrimonio e di una potenza che sembravano incrollabili sono sgretolate da una forza ostinata e segreta. Opera di ispirazione autobiografica, questo romanzo, capolavoro della letteratura europea, esprime compiutamente la concezione estetica e politica dello scrittore tedesco, il suo rimpianto per una mitica e solida. borghesia, la coscienza della crisi di un mondo e di valori destinati inesorabilmente a scomparire.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2006

ISBN: 9788806184070

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

I Brambilla: nascita, ascesa e decadenza di una grande famiglia della Brianza

Il console Giovanni detto Vanni diede inizio alla dinastia e allo sviluppo della ricchezza, tramandata al figlio Gianni, dal quale nacquero Tommaso e Antonietta, mischiando i danè con la politica, e andando in sfacelo con la morte dell’ultimo erede della casata, il giovane Annibale.

Un siffatto prodotto di narrativa non vincerebbe nemmeno il Premio Città di Lodi. Ma volgendo la storia e i nomi in tedesco, ha fruttato al suo autore, Thomas Mann, il premio Nobel per la Letteratura.

Il titolo è I Buddenbrook: decadenza di una famiglia, ed è uno dei libri più belli e importanti del ventesimo secolo. Inorgoglisce sapere che la stesura sia iniziata durante la permanenza in Italia dello scrittore tedesco.

Come usa dire nel mondo della finanza, la prima generazione costruisce, la seconda espande e consolida, la terza perisce. E questo succede alla famiglia Buddenbrook nel volgere di qualche decennio. Non inventiamo niente se diciamo che la dinastia mercantile del libro è presa pari pari dalla famiglia Mann, con trasposizione dei personaggi e variazione dei nomi.

L’atmosfera è decadente, nel senso letterario. Non come in Morte a Venezia, ma di risate non muore nessuno di certo nemmeno qui.

I personaggi principali sono gli eredi della dinastia di mezzo: Thomas, che alla ricchezza aggiungerà la carica di Senatore, e sua sorella Toni, all’anagrafe Antonie, plurisposata, pluriseparata. Due figure nobili di animo e consapevoli del ruolo e della funzione nella società mercantile di Lubecca, e non come i mobilieri di Cantù fiancheggiatori del potere politico e amministrativo per tornaconto.

Esistono anche le pecore nere, in una famiglia così: il figlio primogenito del capostipite che ha aperto una bottega e bussa sempre a soldi.

Johann Buddenbrook sembrava aver odiato sinceramente e amaramente quella nuova creatura, dal momento in cui i suoi primi violenti movimenti avevano causato atroci dolori alla madre, e fin quando era venuto alla luce sano e vitale mentre Josephine spirava, la testa esangue affondata nei cuscini, – e non aveva mai perdonato l’uccisione della madre a quell’intruso senza scrupoli, che cresceva forte e spensierato… Questo il console non lo capiva. Ella morì, pensava, adempiendo l’alto dovere della donna, e io avrei teneramente trasferito l’amore per lei sulla creatura cui aveva donato la vita, lasciandomela nell’istante del congedo… Ma il babbo, invece, non ha mai visto nel figlio maggiore altro che lo scellerato distruttore della sua felicità.”

O il fratello di Thomas, Christian, legato ad una donna alquanto discutibile, che vuole sposare subito dopo la morte della madre.

Christian era completamente fuori di sé; e incominciava a dire cose che non aveva mai dette. Era chino sul tavolo, vi picchiava senza posa con la punta dell’indice ricurvo, e con i baffi irti e gli occhi arrossati, fissava il fratello, che, ritto, pallido e con le palpebre socchiuse, lo guardava dall’alto in basso.

«Il tuo cuore è colmo di gelo, di ostilità e di disprezzo verso di me,» proseguì Christian, con una voce cupa e gracchiante al tempo stesso… «Per quanto io ricordi, tu hai avuto nei miei confronti una tale freddezza che alla tua presenza mi sono sempre sentito gelare… può essere una strana espressione, ma se sento così?… Tu mi respingi… Mi respingi se appena mi guardi, e anche questo non lo fai quasi mai.”

Il senatore Thomas e sua sorella Toni spiccano come giganti in mezzo a gente di mediocre ingegno. E che contegno, che portamento!

Purtroppo gli affari non vanno come dovrebbero, e la grande casa in cui vive tutta la famiglia Buddenbrook viene venduta ai rivali di sempre, gli Hagenstrom, cioè i mobilieri di Cantù dirimpetto a Tommaso. Una sconfitta.

Pure l’azienda viene messa in liquidazione: le condizioni di salute del senatore non sono splendide, e l’erede designato, Hanno, è poco propenso agli affari, prediligendo la musica del suo pianoforte e le lettere.

C’è molto Schopenauer nel senatore, circa l’insensatezza della vita per tutti gli esseri viventi, ma anche Nietzsche, che rappresenta la sublimazione della ricerca del senso della vita per un uomo d’affari e politica come era stato per quasi tutti i suoi giorni.

Dove sarò, quando sarò morto? Ma è chiarissimo, estremamente semplice! Sarò in tutti coloro che abbiano mai detto io, che lo dicono o lo diranno; ma specialmente in coloro che lo dicono più pienamente, più energicamente, più lietamente... ”

C’è molto di Thomas Mann nei due fratelli Buddenbrook e nel discendente Hanno: la solidità, il decoro, il senso degli affari, ma anche il temperamento artistico, la sensibilità, il tono sommesso.

Come non vedere nel senatore amante della filosofia, che ha interrotto gli studi per dedicarsi all’attività di famiglia, lo stesso Thomas Mann, la cui laurea è stata soltanto honoris causa?

L’aria alla fine del libro potrebbe essere sovrapponibile al cenno d’addio di Tadzio nel mare allo scrittore sulla riva in Morte a Venezia.

È Toni che tiene le redini della famiglia quando tutti i maschi Buddenbrook sono morti, facendo da testimonianza allo splendore che è stato. Bella e nobile fino alla fine.

In qualunque modo la signora Antonie era decisa ad andare avanti a testa alta, finché fosse rimasta al mondo e la gente avesse posato lo sguardo su di lei.”

Il libro è un’apologia del dovere, dove ognuno ha un ruolo e una funzione. Anelli di catena, viene detto. Come è proprio del luogo comune sui tedeschi.

Personalmente, sarei diventato volentieri il terzo marito di Toni. Ma anche quarto, quinto…

Veramente una gran signora.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Thomas

Mann

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mann Thomas

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

La violenza psicologica umilia la vittima attraverso azioni di manipolazione mentale che le fanno perdere fiducia in se stessa. Un omicidio dell’anima e della mente che richiede una sensibilizzazione collettiva. Molte volte, infatti, il crimine non viene denunciato perché a macchiarsene sono le persone che più si amano e che si sentono, per tale ragione, autorizzate a continuare. Questa guida si rivolge sia a chi si ritrova in una situazione di violenza psicologica sia a coloro che vogliono approfondire e prendere coscienza del problema, nonché agli operatori giudiziari, psicologici e sociali: analizza i contesti in cui si sviluppa la manipolazione mentale; spiega in cosa consiste la manipolazione, da chi viene effettuata, e quali sono le caratteristiche di chi la subisce; aiuta a uscire dalla relazione perversa vittima-carnefice, per riprendere in mano la propria vita. Con uno stile chiaro e diretto, la guida affronta un argomento ancora sottovalutato in Italia, fornendo gli strumenti per combattere la violenza psicologica.

I serial Killer dell’anima

Mammoliti Cinzia

Oxford, oggi. Kendra Van Zant è una studentessa americana che si trova in Inghilterra per scrivere la tesi sulla seconda guerra mondiale. È così che conosce Isabel McFarland, un'anziana pittrice sopravvissuta ai bombardamenti di Londra. Ma quella che sembra una semplice intervista diventerà un racconto pieno di sorprese: Isabel ha infatti diversi segreti da rivelare, a cominciare dalla sua vera identità... Londra, 1940. Mentre la città è ridotta in macerie dalle bombe della Luftwaffe, centinaia di bambini vengono evacuati nelle campagne, in cerca di un rifugio sicuro. È il destino delle sorelle Emmy e Julia Downtree, che si ritrovano in un cottage sulle colline dei Cotswolds, mentre Anna, la loro madre, rimane a lavorare a Londra. Emmy ha solo quindici anni, ma è cresciuta in fretta e si prende cura della sorellina e della casa con quieta determinazione... almeno finché la signora Crofton, proprietaria del Primrose Bridal, non le offre l'opportunità di diventare la sua apprendista. Per Emmy, quel negozio è un autentico paradiso, anche perché disegnare abiti da sposa è da sempre il suo sogno. Ma lavorare lì significa tornare a Londra, di nascosto dalla madre, mettere Emmy in pericolo e rischiare la vita. La guerra non perdona: costrette a separarsi, le due sorelle andranno incontro a destini diversi. E l'unico scopo di Emmy sarà ritrovare Julia...

Il segreto di Isabel

Meissner Susan

Pietro è un bambino autistico. Non riesce a comunicare con il mondo esterno, ma nei suoi disegni rappresenta tutto quello che vede, in ogni dettaglio. Un giorno un gruppo di ragazzi del quartiere lo prende di mira e si accanisce violentemente contro di lui. Lo fa assistere a una scena di masturbazione, lo insulta, lo deride, gli sputa addosso. Quella stessa sera un ragazzo del gruppo scompare sulle rive del fiume. Di lui si perde ogni traccia, e poi, qualche giorno dopo, scompaiono altri due ragazzi, anche il fratello di Pietro, mentre è in sua compagnia. Quando Alice, l'insegnante di Pietro, gli chiede di disegnare quello che è accaduto, nota un particolare inquietante: nel disegno c'è anche un vecchio seduto su una panchina, vestito di nero, con le scarpe bianche e un bastone. Alice conosce bene quel vecchio. È l'uomo degli incubi della sua infanzia. L'uomo dei Sogni. Presentazione di Valerio Evangelisti.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza