Libri per ragazzi

I cavalieri della vita

De Riggi Maria

Descrizione: Due ragazze, Miriam e Giulia, si risvegliano in un bosco, senza più ricordare nulla. La loro mente è vuota. I ricordi cancellati. Iniziano allora un incredibile viaggio, costellato di stranezze da incubo, alla ricerca della propria identità. Il loro destino è legato a quello di un ragazzo di nome Dominique. I ragazzi scoprono di essere i detentori di un’essenza divina che è stata divisa in tre parti, permettendo la loro nascita. Miriam racchiude in sé il seme del Bene, Giulia quello del Male, mentre Dominique è l’Equilibratore tra le due forze opposte. Solo la ricostituzione dell’essenza divina permetterà a Miriam di ricevere un prezioso dono, talmente potente da cambiare le sorti dell’umanità. Autore Maria De Riggi è autrice di racconti e poesie pubblicate in varie antologie dagli editori Delos Books, La mela avvelenata, Alcheringa, Butterfly. La scrittura per lei ha una doppia valenza. Da un lato rappresenta una sorta di ricerca interiore, dall’altra è un modo per esplicare se stessa.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Edizioni EVE

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788899394417

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Due ragazze si risvegliano in un luogo freddo e buio. Non rammentano come ci siano arrivare, non ricordano più nulla del passato, neanche i propri nomi. Stravolte e sofferenti si aggrappano l’una all’altra, riescono a fuggire e a chiedere aiuto ma, si rendono conto che nessuno riesce a vederle o a sentire le loro grida. Disperate e infreddolite, si rifugiano in una chiesa, dove incontrano un giovane, Dominique, l’unico che sembra riuscire a percepire la loro presenza e decidono di seguirlo. Sarà così che, con lui, si troveranno ad affrontare un viaggio mistico e onirico, alla ricerca della spiritualità e dell’essenza della vita, durante il quale affronteranno le loro paure più profonde e riusciranno a svelare misteri inimmaginabili. I cavalieri della vita è un romanzo ricco d’intrecci emotivi, avventura, e soprattutto mistero. È una storia narrata con garbo che affronta con delicatezza temi riguardanti i valori più profondi della vita e che lascia il lettore con una sensazione di ricchezza interiore.

Lo stile narrativo di Maria de Riggi è delicato e nitido, solo a tratti un po’ enfatico, ma va riconosciuta all’autrice la capacità di intrecciare la trama fantasy con la misticità dei temi trattati, riuscendo a divertire, sorprende, ma soprattutto, a lanciare messaggi profondi. I cavalieri della vita è dunque una storia d’amore e di fede, ma è soprattutto la metafora di una profonda ricerca dell’essenza della vita che concede diversi spunti di riflessione.

Maria de Riggi è un’autrice di rara sensibilità, ma non solo, è anche poetessa, pittrice e ama dedicarsi a creazioni di artigianato.  È nata in Svizzera, ma vive in Campania con il marito, i due figli e una splendida gattina di nome Hestia. Ha pubblicato numerosi racconti in antologie anche di grande prestigio, diverse delle quali con il marchio Delos Book. I cavalieri della vita è il suo romanzo d’esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Riggi

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Riggi Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

RISVEGLIO

Rice Anna

1947. La fortuna cade letteralmente dal cielo per Arthur Wise, piccolo avvocato di provincia, sotto forma di un aereo della Boston Airlines che precipita nel New England. La class action che intenterà farà di lui un uomo temuto e ricchissimo. In contrasto, però, con il figlio adolescente innamorato di una ragazza nera. Un finale assolutamente a sorpresa riallaccia i nodi di vicende fino a quel momento misteriose e svela segreti conservati per oltre trent'anni.

La fortuna dei Wise

Nadler Stuart

Parigi, un appartamento senza inquilini nel centro della città, silenzioso, troppo perfetto per non nascondere misteri. Madeline, una giovane poliziotta di Londra, lo prende in affitto per cercare un po' di riposo, dopo una serie di casi non risolti e la crisi della sua storia d'amore. Per un errore tecnico, nella stessa casa arriva anche Gaspard, venuto a Parigi per isolarsi e scrivere in tranquillità la sua nuova opera teatrale. Queste due anime solitarie e irrequiete sono così costrette a vivere assieme per qualche giorno. L'appartamento era di proprietà del celebre pittore Sean Lorenz che lo usava anche come studio, e in quelle stanze si respira ancora la sua passione per i colori e per la luce. Distrutto dall'assassinio del giovane figlio, Lorenz è morto l'anno precedente l'arrivo dei due inquilini, lasciando in eredità tre dipinti, che tuttavia risultano oggi scomparsi. Affascinati dal suo genio e colpiti dai molti misteri che avvolgono la sua vita e, soprattutto, la sua morte, Madeline e Gaspard decidono di unire le forze per ritrovare le opere dell'artista. Ma per arrivare a scoprire il segreto che si nasconde dietro l'enigmatica figura di Sean Lorenz, Madeline e Gaspard dovranno affrontare i loro demoni in un'indagine che li cambierà per sempre.

Un appartamento a Parigi

Musso Guillaume

Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

IO, UN ALTRO

Kertész Imre