Libri per ragazzi

I cavalieri della vita

De Riggi Maria

Descrizione: Due ragazze, Miriam e Giulia, si risvegliano in un bosco, senza più ricordare nulla. La loro mente è vuota. I ricordi cancellati. Iniziano allora un incredibile viaggio, costellato di stranezze da incubo, alla ricerca della propria identità. Il loro destino è legato a quello di un ragazzo di nome Dominique. I ragazzi scoprono di essere i detentori di un’essenza divina che è stata divisa in tre parti, permettendo la loro nascita. Miriam racchiude in sé il seme del Bene, Giulia quello del Male, mentre Dominique è l’Equilibratore tra le due forze opposte. Solo la ricostituzione dell’essenza divina permetterà a Miriam di ricevere un prezioso dono, talmente potente da cambiare le sorti dell’umanità. Autore Maria De Riggi è autrice di racconti e poesie pubblicate in varie antologie dagli editori Delos Books, La mela avvelenata, Alcheringa, Butterfly. La scrittura per lei ha una doppia valenza. Da un lato rappresenta una sorta di ricerca interiore, dall’altra è un modo per esplicare se stessa.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Edizioni EVE

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788899394417

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Due ragazze si risvegliano in un luogo freddo e buio. Non rammentano come ci siano arrivare, non ricordano più nulla del passato, neanche i propri nomi. Stravolte e sofferenti si aggrappano l’una all’altra, riescono a fuggire e a chiedere aiuto ma, si rendono conto che nessuno riesce a vederle o a sentire le loro grida. Disperate e infreddolite, si rifugiano in una chiesa, dove incontrano un giovane, Dominique, l’unico che sembra riuscire a percepire la loro presenza e decidono di seguirlo. Sarà così che, con lui, si troveranno ad affrontare un viaggio mistico e onirico, alla ricerca della spiritualità e dell’essenza della vita, durante il quale affronteranno le loro paure più profonde e riusciranno a svelare misteri inimmaginabili. I cavalieri della vita è un romanzo ricco d’intrecci emotivi, avventura, e soprattutto mistero. È una storia narrata con garbo che affronta con delicatezza temi riguardanti i valori più profondi della vita e che lascia il lettore con una sensazione di ricchezza interiore.

Lo stile narrativo di Maria de Riggi è delicato e nitido, solo a tratti un po’ enfatico, ma va riconosciuta all’autrice la capacità di intrecciare la trama fantasy con la misticità dei temi trattati, riuscendo a divertire, sorprende, ma soprattutto, a lanciare messaggi profondi. I cavalieri della vita è dunque una storia d’amore e di fede, ma è soprattutto la metafora di una profonda ricerca dell’essenza della vita che concede diversi spunti di riflessione.

Maria de Riggi è un’autrice di rara sensibilità, ma non solo, è anche poetessa, pittrice e ama dedicarsi a creazioni di artigianato.  È nata in Svizzera, ma vive in Campania con il marito, i due figli e una splendida gattina di nome Hestia. Ha pubblicato numerosi racconti in antologie anche di grande prestigio, diverse delle quali con il marchio Delos Book. I cavalieri della vita è il suo romanzo d’esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Riggi

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Riggi Maria

Elf è sempre stata la più bella. Ha stile, idee geniali, ti fa morir dal ridere; le capitali del mondo la ricoprono allegramente di dollari per farle suonare il pianoforte e gli uomini si innamorano perdutamente di lei. Yoli è la sorella squinternata. Ha messo al mondo figli con padri diversi, ha un amante avvocato, se si rompe la macchina fa sesso con il meccanico, ha il conto sempre in rosso e una carriera mancata. E cos’è adesso questa storia che Elf vuole morire? Proprio in questo momento, poi, a due settimane da un’importantissima tournée. “Elfie, ma ti rendi conto di quanto mi mancheresti?” Quali sono le cose giuste da dire per salvare una vita? Yoli la prende in giro, la consola, la sgrida, aggredisce lo psichiatra dell’ospedale, cammina lungo il fiume tumultuoso del disgelo, non sa più che pesci pigliare. Cospira con la madre, con zia Tina, con il tenero marito scienziato di Elf, con Claudio, il suo agente italiano, e tra cene alcoliche, sms di figli ed ex mariti, sorrisi e ultime frontiere del pianto, lottano tutti per convincere Elf a restare. E in questo lungo duello di parole, carezze, umorismo nero si celebra la grazia e l’energia che occorrono per accettare il dono fragile della vita. Scritto per dare forma a un dolore vero, I miei piccoli dispiaceri è un’esplosione di intelligenza, comicità e calore.

I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews

Toews Miriam

Mandragola

Machiavelli Niccolò

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

La leggenda del santo bevitore

Roth Joseph

In un'esclusiva clinica neuropsichiatrica di Los Angeles Maria Wyeth, attrice fallita, ripensa alla sua vita, frammentata in episodi che appaiono ormai distanti e freddi come gli astri nella volta celeste. Dal deserto del Nevada alle colline di Hollywood, da modella a protagonista in film minori: la sua parabola è quella di una stella che non ha mai davvero brillato. Dopo anni di scelte sbagliate e di ferite emotive, Maria ha smesso di provare ogni sentimento e lascia che la vita le passi accanto. Anestetizza il dolore guidando per ore senza meta sulle autostrade della California, navigando nel traffico come nelle acque di un immenso fiume. Nonostante tutto, continua a voler giocare la sua partita forse motivata dall'unica scintilla d'amore che riserva per Kate, la figlia malata che vede di rado. Joan Didion seziona con la sua penna affilata la fauna umana che orbita intorno a Hollywood, che sfodera sorrisi e false promesse in infiniti cocktail party, che teme il fallimento come una malattia infettiva, pronta a tutto pur di riempire il vuoto che la assedia. Romanzo dalla lingua essenziale e spietata, "Prendila così" fotografa gli aspetti più vacui e autodistruttivi della società americana, raccontando quanto sia doloroso vivere e quanto più facile semplicemente esistere.

Prendila così

Didion Joan