Narrativa

I cavalieri della grande laguna

Pratesi Fulco

Descrizione: Uno stormo di bellissimi uccelli migratori - i cavalieri d'Italia - ritorna nella laguna tirrenica dopo cent'anni di assenza. L'odissea di questi favolosi trampolieri rivissuta liricamente da uno dei più noti studiosi di ecologia animale.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 1979

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“I cavalieri della grande laguna” di Fulco Pratesi è opera che riconcilia lo spirito, particolarmente adatta al clima natalizio di questi giorni, soprattutto ripensando ai vecchi film della Disney, quelli più artistici e meno tecnologici, nei quali gli animali parlano e agiscono.
L’opera risale al 1979 e mi è stata regalata da un’amica che ama scovare libri sulle bancarelle dei mercatini, in ciò dimostrando il gusto antico della ricerca amatoriale che caratterizza i lettori più autentici e creativi.

La genesi della storia è svelata nell’introduzione dall’autore, che così festeggia la ricomparsa dell’elegante trampoliere – il cavaliere d’Italia – nella laguna di Orbetello: “Dopo aver osservato per ore col binocolo… ci decidemmo di andare a vedere. Il nido era lì, costruito di alghe verdi su una frasca secca semigalleggiante, con quattro uova verde-oliva screziate di bruno.
Un’emozione difficile da descriversi.
Dopo cento anni il cavaliere era tornato.”

La narrazione è una festa di animali-personaggi, capitanati dal leader Durante e dalla “sua compagna Sette (si chiamava così perché una volta invece di deporre quattro uova come tutte le altre ne aveva deposte sette)”, in un nugolo colorato di volatili (“le pittime e le pantane, le pettegole e gli albastrelli, le oche selvatiche e le gru… i pivieri dorati e le pavoncelle”) che inneggiano alla libertà e alla natura.
Con i loro rituali (“Rispetto che nel periodo degli amori si esplicava con formalismi magari esagerati… due passi; un inchino col becco, arma di difesa e di offesa, rivolto verso terra; altri due passi”), i protagonisti hanno nomi (“Pallino… si chiamava così perché riteneva sotto la pelle vermiglia della zampa sinistra un pallino di piombo sparatogli da un cacciatore”), caratteri ben delineati (“Coccodrillo – il suo nome derivava dal fatto che nel Grande Sud andava a beccare quasi in bocca ai coccodrilli, ma non per audacia quanto per distrazione”) e manifestano la loro visione del mondo grazie all’abilità d’immedesimazione (superato il terrore dell’applicazione degli anelli rilevatori, gli uccelli razionalizzano: “Il mio braccialetto è più bello”… è “una specie di portafortuna”) di Fulco Pratesi. In virtù di questa capacità, è facile seguire le vicende di uccelli che si destreggiano tra pericoli (“Un punto piccolissimo nel cielo che in pochi secondi si trasformava in un uccello scagliato a velocità incredibile verso il basso”) e insidie (“prima l’alluvione, poi la volpe, ora il falco”), nella lotta per la sopravvivenza della specie e per l’adattamento ad ambienti spesso contaminati (“Fermo, c’è la morte qui!”). Perché – come sempre – negli equilibri naturali interviene uno sciagurato protagonista: l’uomo, da sempre impegnato nell’autodistruzione e dedito ad attività destabilizzanti o discutibili come la caccia…
Dell’uomo avevano una paura antica. Ma non di tutti. Quelli neri che frequentavano i canneti delle paludi africane  non erano pericolosi. E così anche i bianchi che non portavano fucili (“bastoni di tuono” li chiamavano).”

E se i cavalieri d’Italia, con la loro innata signorilità (“A ogni movimento dei lunghi compassi rossi delle zampe…”), facilmente accettano la legge superiore che governa gli spietati meccanismi ecologici della selezione (“Con chi te la vuoi prendere? Mi pare che non ci sia nessuno con cui prendersela, tranne solo la Grande Legge”), per noi diventa inaccettabile aderire all’idea di un percorso pericoloso, che non può portare a nulla, se non impareremo a gustare i ritmi (“Il soggetto vero della storia è il misterioso e irresistibile moto di migrazione che vede ogni anno impegnati milioni e milioni di uccelli in tutto il mondo, che ci porta in primavera il canto dell’usignolo e in autunno quello del pettirosso…”) e rispettare le bellezze straordinarie del pianeta vivente, del quale siamo figli con la stessa dignità di ogni altra creatura.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fulco

Pratesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pratesi Fulco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Raphael - un giovane scrittore di successo, ora in crisi creativa, e ragazzo padre - da sei mesi ha una relazione con Anna. Anna è bella, dolce, intelligente, eppure nasconde qualcosa. Durante un weekend d'amore in Costa Azzurra, a sole tre settimane dal loro matrimonio, Raphael non riesce a trattenersi e, con insistenza, chiede ad Anna dettagli sul suo passato. Anna, esasperata, mostra a Raphael un'immagine dalla galleria fotografica del suo laptop, urlando: "Vedi questo? L'ho fatto io." Raphael inorridisce alla vista di quella immagine e fugge via. Un gesto di cui subito si pente. Ma al suo ritorno, Anna non è più lì. Raphael la cerca sul cellulare, che risulta spento. Torna a Parigi, dove spera di ritrovarla, ma Anna non è a Parigi. Raphael la ama, è pronto a perdonarle tutto. Ma deve ritrovarla. Chiede aiuto a un suo amico, ex poliziotto, Marc Caradec. Insieme perquisiscono la casa di Anna, ma il buio diventa ancora più profondo, e il mistero sempre più denso: nell'appartamento trovano 400.000 euro in contanti e due carte di identità false. Dunque Anna, forse, non è Anna; e le reticenze di Anna sulla propria vita non erano senza motivi; e quell'immagine, spaventosa, rimane, per Raphael, una delle poche tracce da seguire, per scoprire la verità sulla persona che ama.

La ragazza di Brooklyn

Musso Guillaume

Pietro è un ragazzino di città. La madre lavora in un consultorio di periferia, farsi carico degli altri è il suo talento. Il padre è un chimico, un solitario, e torna a casa ogni sera carico di rabbia. Ma sono uniti da una passione comune, fondativa: in montagna si sono conosciuti, innamorati, si sono addirittura sposati ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. La montagna li ha uniti da sempre, anche nella tragedia, e l'orizzonte lineare di Milano li riempie ora di rimpianto e nostalgia. Quando scoprono il paesino di Graines sentono di aver trovato il posto giusto: Pietro trascorrerà tutte le estati in quella Val d'Ayas "chiusa a monte da creste grigio ferro e a valle da una rupe che ne ostacola l'accesso" ma attraversata da un torrente che lo incanta dal primo momento. E lì, ad aspettarlo, c'è Bruno, capelli biondo canapa e collo bruciato dal sole: ha la sua stessa età ma si occupa del pascolo delle vacche. Sono estati di esplorazioni e scoperte, tra le case abbandonate, il mulino e i sentieri più aspri. Sono gli anni in cui Pietro inizia a camminare con suo padre, "la cosa più simile a un'educazione che io abbia ricevuto da lui". La montagna è un sapere, un modo di respirare, il suo vero lascito: "Eccola lì, la mia eredità: una parete di roccia, neve, un mucchio di sassi squadrati, un pino". Paolo Cognetti esordisce nel romanzo con un libro sui rapporti che possono essere accidentati ma granitici, sulla possibilità di imparare e sulla ricerca del nostro posto nel mondo.

Le otto montagne

Cognetti Paolo

A vent'anni, Elisa ha tutto: benessere, una famiglia che la ama e la coccola (anche troppo!), un amore, interessi che le riempiono la giornata e appagano la sua sensibilità. Solo una cosa le manca, ma lei non lo sa... fino a un freddo pomeriggio invernale in cui, non sapendo come trascorrere il tempo, apre un baule pieno di vecchie fotografie. Comincia così per lei un viaggio che la porta lontano, alla ricerca del tassello capace di ricomporre il disegno della sua vita.

Alla ricerca di un cuore

Melissano Manuela

Un'audace reinterpretazione della storia della creazione e del giardino dell'eden dal punto di vista degli angeli. Un gruppo di ribelli, tra insospettabili tradimenti ed enigmatici spiriti, decide di scoprire che cosa significhi libertà. Con un linguaggio dal sapore antico e ricco di riferimenti biblici e un'impaginazione in lettere capitali, Alessandro Cortese rivoluziona la lettura della Genesi, proiettando il lettore verso l'identificazione con Lucifero, custode della luce di eden. Un ribaltamento che seduce, invertendo l'eterna dialettica tra bene e male.

EDEN

Cortese Alessandro