Giallo - thriller - noir

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas

Descrizione: Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 2014

ISBN: 9788845929175

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Il noir senza investigatori né poliziotti.

I diabolici” di Boileau e Narcejac fu pubblicato nel 1952 in Francia ed è stato proposto al pubblico italiano da Adelphi nel 2014. Il testo ebbe molto successo negli anni cinquanta in Francia e il regista Henri Clouzot si aggiudicò i diritti cinematografici sottraendoli a Hitchcock, che aveva lottato per ottenerli. Il film uscì nel 1955 e ne furono protagonisti Simone Signoret, Charles Vanel e Paul Meurisse. Successivamente Boileau e Narcejac scrissero per Hitchcock la sceneggiatura de “La donna che visse due volte”, che riscosse un enorme successo.

Con “I diabolici” siamo di fronte a un genere, il noir, che non ha più al centro l’indagine condotta da un investigatore o da un poliziotto. Boileau e Narcejac non ci fanno rimpiangere i Marlowe , i Poirot, gli Holmes. Qui l’indagine é un processo di autoanalisi compiuta dal protagonista che si trova a fare i conti con se stesso e la sua coscienza, per fare luce su una realtà che gli appare confusa e contraddittoria.

Sin dalle prime pagine del romanzo, Ravinel, uno dei tre componenti del classico triangolo – marito, moglie e amante – subito dopo il delitto, si sente sempre più stringere in una morsa soffocante che gli obnubila la mente e lo getta progressivamente nel panico.

I personaggi si muovono quasi  sempre di notte o avvolti da fitta nebbia. E la nebbia infatti diviene metafora della vicenda: essa assume un valore simbolico inquietante. “[…..] Non era  un caso. Quella nebbia aveva un significato preciso. [….] il sole non sarebbe mai sorto. Ne era sicuro.”

Ravinel si dibatte in una perenne incertezza che genera ansia e claustrofobia. La realtà che lo circonda diviene via via più ingannevole, più ambigua. I luoghi, urbani e extraurbani, appaiono caratterizzati da un contrasto continuo di luci e ombre. “ [….] Si mise a correre e, correndo, si imbatteva in altre ombre, si trovava davanti all’improvviso facce che sembravano prendere forma lì per lì, nel corpo stesso della nebbia, e che poi si deformavano e si scioglievano come statue di cera.

L’ambiguo rapporto con l’amante e con la moglie risveglia in Ravinel una coscienza sopita, crea intorno a lui una realtà spaventosa e fittizia, alimentata dal crescente senso di colpa.

L’indagine psicologica del personaggio procede in un crescendo ansiogeno, fino alle pagine finali che vogliono essere un vero coup de théâtre.

Un romanzo raffinato, una storia avvincente, con quella componente claustrofobica che ne ha reso possibile una realizzazione cinematografica di successo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pierre,

Boileau

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boileau Pierre, Narcejac Thomas


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La giornata della terra di i-libri.com

De divinatione

Cicerone Marco Tullio

"Io vi maledico" c'è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell'Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. "Io vi maledico", dice la figlia dell'imprenditore che si è ucciso strozzato dall'usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per la sua gente ma non ha trovato posto, la sindaca della Locride minacciata di morte, che vede andare milioni di euro in fumo. Sale dalle manifestazioni di piazza, dall'indifferenza offesa degli italiani assenti, una rabbia che è insieme fragilità, impotenza. La rabbia giusta dei giovani indignati che contagia le città di tutto il mondo e quella cieca di chi lancia sassi.

Io vi maledico

De Gregorio Concita

New York City, 1926. I vetri dei grattacieli risplendono dei bagliori di mille feste animate da balli sfrenati a ritmo di charleston e dal tintinnio delle perle sui vestiti luccicanti. L'alcol scorre a fiumi nonostante i divieti e, a giudicare dall'effervescenza di Manhattan, il mondo sembra destinato a un futuro radioso. È qui che in seguito all'ennesima eccentricità viene spedita dai genitori l'irriverente Evie O'Neill, una ragazza dell'Ohio che non aspetta altro che tuffarsi tra le infinite possibilità offerte dalla metropoli. A ospitarla è lo zio Will, un professore, parente dei Fitzgerald, che dirige il Museo Americano del Folklore, delle Superstizioni e dell'Occulto, detto anche Musco del Brivido: un luogo magico dal fascino decadente, che custodisce nelle sue teche e tra i suoi bui corridoi le tracce del retroterra misterioso dell'America. Ma quando lo sfolgorio della città viene oscurato da una serie di delitti a sfondo esoterico, New York precipita in un vortice di paura ed Evie, che da subito assiste lo zio nella consulenza alla polizia, è chiamata a collaborare alle indagini, anche per quel suo dono di vedere il passato delle persone toccando un oggetto a loro appartenuto. Muovendosi tra fumosi jazz club e bassifondi urbani, scintillanti negozi e sale spettrali, la ragazza s'inoltrerà insieme a molti compagni di strada in un gorgo di eventi evocato dal passato, e che nel passato dovrà essere ricacciato, pena il sopravvento di un antico male oscuro.

La stella nera di New York

Bray Libba