Letteratura tedesca

I dolori del giovane Werther

Goethe Johann Wolfgang

Descrizione: Uno dei più importanti romanzi d'amore della letteratura, in cui si ritrovano tutti i grandi problemi della lotta per lo sviluppo dell'individuo. Introduzione di Silvana De Lugnani. Testo tedesco a fronte.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Rizzoli

Collana: Bur classici

Anno: 1995

ISBN: 9788817170062

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I dolori del giovane Werther  di Johann Wolfgang Goethe ovvero l’archetipo dell’amore infelice, vissuto in epoca pre-romantica.

Nel libro primo è di scena lo scatenarsi della passione, nel libro secondo l’allontanamento come tentativo per sedare gli effetti devastanti dell’amore. La forma epistolare dei due libri (le lettere, per lo più indirizzate all’amico Guglielmo, sono datate dal 4/5/1771 al 6/12/1772) cede poi il passo alla narrativa de “L’editore al lettore”, necessitata dall’epilogo che attende il giovane Werther in prossimità del Natale del 1772.

Werther ha abilità per il disegno (“Un giovane contadino uscì da un’abitazione vicina, e si mise ad aggiustar qualche cosa all’aratro di cui poco prima avevo fatto un disegno”), legge opere classiche, su tutte Omero, si trova nel pittoresco villaggio di Wahlheim (“Proprio innanzi al villaggio è una fontana, una fontana a cui sono incantato, come Melusina con le sue sorelle”), ove familiarizza con la comunità locale (“Avevo fatto conoscenza col podestà”). In una di queste occasioni (“Scesi dalla carrozza come un sonnambulo”), un ballo, conosce Charlotte e se ne innamora (“Non mi ero mai sentito così leggero, alato”), nonostante Lotte sia fidanzata con Albert.
Werther comincia a frequentare la casa di Lotte, sulla quale – dalla morte della madre – grava la responsabilità di numerosi fratelli e sorelle più piccoli. Il sentimento  (“Che brivido nelle vene… Io mi ritraggo come se fosse fuoco, ma una forza occulta mi sospinge di nuovo – e una vertigine mi rapisce i sensi”), alimentato dalla simpatia che Lotte manifesta, divampa e patisce con il ritorno di Albert. Un dialogo sul suicidio tra Albert e Werther evidenzia le differenze culturali e di temperamento tra i due (“È lo stesso che se uno dicesse: che pazzo, a morire di febbre!”).
Indimenticabile la scena finale del primo libro: si svolge  al chiaro di luna e prelude all’addio (“Non mi accade mai di passeggiare al chiaro di luna, mai! Senza che mi venga il pensiero dei miei morti, il sentimento della morte e dell’eternità… ma ci ritroveremo?”).

Werther tenta di allontanarsi dalla fonte delle sue pene di amante infelice e accetta l’offerta dell’amico Guglielmo di trasferirsi in città per intraprendere la carriera diplomatica. Il tentativo è vano e naufraga vistosamente in occasione di una festa nel corso della quale Werther non rispetta il protocollo imposto dalla bella società. Il ritorno al villaggio è triste: il giovane incontra un paesano reso folle da un amore non corrisposto, apprende di un delitto passionale, e soprattutto soffre del matrimonio intervenuto tra Albert e Charlotte. Le letture di Ossian sostituiscono Omero (“Ossian ha preso il mio cuore al posto di Omero”) e la preferenza letteraria corrisponde allo stato d’animo di Werther.
Come porre fine al dolore?
Con un espediente pratico (“Volevo arruolarmi per la guerra”) o con una scelta tragica?

Charlotte invita l’amico a contenere il sentimento (“Si moderi”) e a convertirlo, ma Werther è sempre più vittima della propria ossessione. Le mani amate offriranno all’infelice l’unico strumento  che può riconsegnargli la pace in un finale destinato a restare celebre nel tempo (“Era vestito di tutto punto, fino agli stivaletti, col frak azzurro, col gilè giallo”).

Riprendendo alcuni spunti classici di Saffo e Catullo (“A poco a poco tutti i miei sensi si esaltano, e gli occhi mi si ottenebrano, l’udito mi si confonde, e mi sento alla gola come se un assassino mi strangolasse, e allora il cuore, selvaggiamente pulsando, vorrebbe dar sollievo ai sensi oppressi e non riesce che ad accrescerne il tumulto”), il tema amoroso si arricchisce di nuovi impulsi, si esalta nelle corrispondenze con gli spettacoli della natura, si tonifica nella sofferenza (“Io temo, temo che sia proprio l’impossibilità di avermi, che dà tanto fascino al suo desiderio”), s’impenna negli interrogativi esistenziali (“Quel po’ d’intelligenza che uno può avere conta poco o niente quando la passione infuria e i limiti che non si possono trasgredire ci soffocano”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Wolfgang

Johann

Goethe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Goethe Johann Wolfgang


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

INSEPARABILI

Piperno Alessandro

Le scelte di Erica

Mariel Sandrolini

Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele...

Io so chi sei

Barbato Paola

LA SCUOLA E’ FINITA

Grevet Yves