Letteratura tedesca

I dolori del giovane Werther

Goethe Johann Wolfgang

Descrizione: Uno dei più importanti romanzi d'amore della letteratura, in cui si ritrovano tutti i grandi problemi della lotta per lo sviluppo dell'individuo. Introduzione di Silvana De Lugnani. Testo tedesco a fronte.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Rizzoli

Collana: Bur classici

Anno: 1995

ISBN: 9788817170062

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I dolori del giovane Werther  di Johann Wolfgang Goethe ovvero l’archetipo dell’amore infelice, vissuto in epoca pre-romantica.

Nel libro primo è di scena lo scatenarsi della passione, nel libro secondo l’allontanamento come tentativo per sedare gli effetti devastanti dell’amore. La forma epistolare dei due libri (le lettere, per lo più indirizzate all’amico Guglielmo, sono datate dal 4/5/1771 al 6/12/1772) cede poi il passo alla narrativa de “L’editore al lettore”, necessitata dall’epilogo che attende il giovane Werther in prossimità del Natale del 1772.

Werther ha abilità per il disegno (“Un giovane contadino uscì da un’abitazione vicina, e si mise ad aggiustar qualche cosa all’aratro di cui poco prima avevo fatto un disegno”), legge opere classiche, su tutte Omero, si trova nel pittoresco villaggio di Wahlheim (“Proprio innanzi al villaggio è una fontana, una fontana a cui sono incantato, come Melusina con le sue sorelle”), ove familiarizza con la comunità locale (“Avevo fatto conoscenza col podestà”). In una di queste occasioni (“Scesi dalla carrozza come un sonnambulo”), un ballo, conosce Charlotte e se ne innamora (“Non mi ero mai sentito così leggero, alato”), nonostante Lotte sia fidanzata con Albert.
Werther comincia a frequentare la casa di Lotte, sulla quale – dalla morte della madre – grava la responsabilità di numerosi fratelli e sorelle più piccoli. Il sentimento  (“Che brivido nelle vene… Io mi ritraggo come se fosse fuoco, ma una forza occulta mi sospinge di nuovo – e una vertigine mi rapisce i sensi”), alimentato dalla simpatia che Lotte manifesta, divampa e patisce con il ritorno di Albert. Un dialogo sul suicidio tra Albert e Werther evidenzia le differenze culturali e di temperamento tra i due (“È lo stesso che se uno dicesse: che pazzo, a morire di febbre!”).
Indimenticabile la scena finale del primo libro: si svolge  al chiaro di luna e prelude all’addio (“Non mi accade mai di passeggiare al chiaro di luna, mai! Senza che mi venga il pensiero dei miei morti, il sentimento della morte e dell’eternità… ma ci ritroveremo?”).

Werther tenta di allontanarsi dalla fonte delle sue pene di amante infelice e accetta l’offerta dell’amico Guglielmo di trasferirsi in città per intraprendere la carriera diplomatica. Il tentativo è vano e naufraga vistosamente in occasione di una festa nel corso della quale Werther non rispetta il protocollo imposto dalla bella società. Il ritorno al villaggio è triste: il giovane incontra un paesano reso folle da un amore non corrisposto, apprende di un delitto passionale, e soprattutto soffre del matrimonio intervenuto tra Albert e Charlotte. Le letture di Ossian sostituiscono Omero (“Ossian ha preso il mio cuore al posto di Omero”) e la preferenza letteraria corrisponde allo stato d’animo di Werther.
Come porre fine al dolore?
Con un espediente pratico (“Volevo arruolarmi per la guerra”) o con una scelta tragica?

Charlotte invita l’amico a contenere il sentimento (“Si moderi”) e a convertirlo, ma Werther è sempre più vittima della propria ossessione. Le mani amate offriranno all’infelice l’unico strumento  che può riconsegnargli la pace in un finale destinato a restare celebre nel tempo (“Era vestito di tutto punto, fino agli stivaletti, col frak azzurro, col gilè giallo”).

Riprendendo alcuni spunti classici di Saffo e Catullo (“A poco a poco tutti i miei sensi si esaltano, e gli occhi mi si ottenebrano, l’udito mi si confonde, e mi sento alla gola come se un assassino mi strangolasse, e allora il cuore, selvaggiamente pulsando, vorrebbe dar sollievo ai sensi oppressi e non riesce che ad accrescerne il tumulto”), il tema amoroso si arricchisce di nuovi impulsi, si esalta nelle corrispondenze con gli spettacoli della natura, si tonifica nella sofferenza (“Io temo, temo che sia proprio l’impossibilità di avermi, che dà tanto fascino al suo desiderio”), s’impenna negli interrogativi esistenziali (“Quel po’ d’intelligenza che uno può avere conta poco o niente quando la passione infuria e i limiti che non si possono trasgredire ci soffocano”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Wolfgang

Johann

Goethe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Goethe Johann Wolfgang

Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili.

Dona Flor e i suoi due mariti

Amado Jorge

ANTONIA

Valentini Maria Rosaria

Una delle espressioni più comuni nella nostra epoca, per asserire che il mondo oggi va meglio di allora, è: "Non siamo mica nel Medioevo!". Eppure quel periodo definito buio non lo era poi quanto si crede e si dice.Troviamo qui le storie di venticinque donne che furono regine, sante e streghe. Quello che accomuna tutte loro è il potere, più o meno grande, che giunsero ad avere, nonostante la dominanza maschile vigente allora in quasi tutti i campi. Queste donne del Medioevo raccontano una realtà diversa da quella che viene proposta nei libri di storia. Le regine governano su vasti territori e sottomettono uomini, le sante e le mistiche sono donne di notevoli doti intellettuali che apportano alla comunità il loro sapere e indirizzano le scelte dei potenti, le streghe sono contadine che conoscono l'arte medica, e quelli che noi chiamiamo "i rimedi della nonna". I racconti, sintetici e incisivi, mostrano come il "periodo di mezzo" debba esser conosciuto anche per la vivacità intellettuale delle donne di allora, riconoscendo la loro grande forza e importanza, in modo che si possa ristabilire, nella storia di questo periodo, il giusto "equilibrio di genere".

Di regine, di sante e di streghe

Franceschi Susanna Berti

Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo