Letteratura tedesca

I dolori del giovane Werther

Goethe Johann Wolfgang

Descrizione: Uno dei più importanti romanzi d'amore della letteratura, in cui si ritrovano tutti i grandi problemi della lotta per lo sviluppo dell'individuo. Introduzione di Silvana De Lugnani. Testo tedesco a fronte.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Rizzoli

Collana: Bur classici

Anno: 1995

ISBN: 9788817170062

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I dolori del giovane Werther  di Johann Wolfgang Goethe ovvero l’archetipo dell’amore infelice, vissuto in epoca pre-romantica.

Nel libro primo è di scena lo scatenarsi della passione, nel libro secondo l’allontanamento come tentativo per sedare gli effetti devastanti dell’amore. La forma epistolare dei due libri (le lettere, per lo più indirizzate all’amico Guglielmo, sono datate dal 4/5/1771 al 6/12/1772) cede poi il passo alla narrativa de “L’editore al lettore”, necessitata dall’epilogo che attende il giovane Werther in prossimità del Natale del 1772.

Werther ha abilità per il disegno (“Un giovane contadino uscì da un’abitazione vicina, e si mise ad aggiustar qualche cosa all’aratro di cui poco prima avevo fatto un disegno”), legge opere classiche, su tutte Omero, si trova nel pittoresco villaggio di Wahlheim (“Proprio innanzi al villaggio è una fontana, una fontana a cui sono incantato, come Melusina con le sue sorelle”), ove familiarizza con la comunità locale (“Avevo fatto conoscenza col podestà”). In una di queste occasioni (“Scesi dalla carrozza come un sonnambulo”), un ballo, conosce Charlotte e se ne innamora (“Non mi ero mai sentito così leggero, alato”), nonostante Lotte sia fidanzata con Albert.
Werther comincia a frequentare la casa di Lotte, sulla quale – dalla morte della madre – grava la responsabilità di numerosi fratelli e sorelle più piccoli. Il sentimento  (“Che brivido nelle vene… Io mi ritraggo come se fosse fuoco, ma una forza occulta mi sospinge di nuovo – e una vertigine mi rapisce i sensi”), alimentato dalla simpatia che Lotte manifesta, divampa e patisce con il ritorno di Albert. Un dialogo sul suicidio tra Albert e Werther evidenzia le differenze culturali e di temperamento tra i due (“È lo stesso che se uno dicesse: che pazzo, a morire di febbre!”).
Indimenticabile la scena finale del primo libro: si svolge  al chiaro di luna e prelude all’addio (“Non mi accade mai di passeggiare al chiaro di luna, mai! Senza che mi venga il pensiero dei miei morti, il sentimento della morte e dell’eternità… ma ci ritroveremo?”).

Werther tenta di allontanarsi dalla fonte delle sue pene di amante infelice e accetta l’offerta dell’amico Guglielmo di trasferirsi in città per intraprendere la carriera diplomatica. Il tentativo è vano e naufraga vistosamente in occasione di una festa nel corso della quale Werther non rispetta il protocollo imposto dalla bella società. Il ritorno al villaggio è triste: il giovane incontra un paesano reso folle da un amore non corrisposto, apprende di un delitto passionale, e soprattutto soffre del matrimonio intervenuto tra Albert e Charlotte. Le letture di Ossian sostituiscono Omero (“Ossian ha preso il mio cuore al posto di Omero”) e la preferenza letteraria corrisponde allo stato d’animo di Werther.
Come porre fine al dolore?
Con un espediente pratico (“Volevo arruolarmi per la guerra”) o con una scelta tragica?

Charlotte invita l’amico a contenere il sentimento (“Si moderi”) e a convertirlo, ma Werther è sempre più vittima della propria ossessione. Le mani amate offriranno all’infelice l’unico strumento  che può riconsegnargli la pace in un finale destinato a restare celebre nel tempo (“Era vestito di tutto punto, fino agli stivaletti, col frak azzurro, col gilè giallo”).

Riprendendo alcuni spunti classici di Saffo e Catullo (“A poco a poco tutti i miei sensi si esaltano, e gli occhi mi si ottenebrano, l’udito mi si confonde, e mi sento alla gola come se un assassino mi strangolasse, e allora il cuore, selvaggiamente pulsando, vorrebbe dar sollievo ai sensi oppressi e non riesce che ad accrescerne il tumulto”), il tema amoroso si arricchisce di nuovi impulsi, si esalta nelle corrispondenze con gli spettacoli della natura, si tonifica nella sofferenza (“Io temo, temo che sia proprio l’impossibilità di avermi, che dà tanto fascino al suo desiderio”), s’impenna negli interrogativi esistenziali (“Quel po’ d’intelligenza che uno può avere conta poco o niente quando la passione infuria e i limiti che non si possono trasgredire ci soffocano”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Wolfgang

Johann

Goethe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Goethe Johann Wolfgang

E' una squadra che agisce in Sicilia da mesi. Si fanno chiamare i 'Bastaddi'. Il loro capo è Aldo Ranieri, soprannominato 'Aldo l'indiano' per la sua abitudine di fare lo scalpo a tutti i mafiosi che ammazza. A Siracusa c'è un piccolo cinema. Lo gestisce Giovanna, scampata per miracolo a una strage mafiosa. Il capo dei capi vuole celebrarci la sua gloria con un film di mafia. Ci saranno più di cento mafiosi, radunati lì. Ospite d'onore: Totò Riina. I Bastaddi l'hanno saputo e preparano l'attacco. Ma anche Giovanna prepara la sua vendetta personale. Con un film e tante pellicole in fiamme. Un grande omaggio a Quentin Tarantino, al suo Bastardi senza gloria: Amato riprende la sua storia, con I mafiosi al posto dei nazisti, ambientandola in terra di Sicilia. E sogna una Sicilia bonificata dalla mafia, dopo una resa dei conti spettacolare e definitiva. Dal film al romanzo, dalla cacciata dei nazisti dalla Francia alla cacciata dei mafiosi dalla Sicilia, e tutto grazie a un piccolo cinema di periferia: una cover letteraria avvincente e liberatoria.

Bastaddi

Amato Stefano

In Una lama di luce avevamo lasciato Montalbano e Livia sconvolti per la fine di François, il protagonista del Ladro di merendine, il bambino che Livia avrebbe voluto adottare. Livia non si è mossa da Boccadasse e nelle lunghe telefonate con Salvo mostra tutta la sua prostrazione, ma in un’alba livida la telefonata di Fazio interrompe il sogno angoscioso di Montalbano per trascinarlo in una nuova indagine. Sono giorni di pioggia a Vigàta, quegli acquazzoni violenti e persistenti che non danno requie, fiumane d’acqua scatenata che travolgono case e terreni lasciando dietro di sé un mare di fango. È in una di queste giornate che un uomo, Giugiù Nicotra, viene trovato morto in un cantiere, mezzo nudo, colpito da un proiettile alle spalle. Aveva cercato scampo in una specie di galleria formata da grossi tubi per la costruzione di condotte d’acqua. L’indagine parte lenta e scivolosa, ma ben presto ogni indizio, ogni personaggio, conduce al mondo dei cantieri e degli appalti pubblici. Un mondo non meno viscido e fangoso della melma di cui ogni cantiere è ricoperto. Districandosi tra tutto quel fango nel quale «sguazzariano» costruttori, ditte, funzionari pubblici, una cosa Montalbano non riesce a togliersi dalla testa: che Nicotra, il morto, andando a morire dentro alla galleria, avesse voluto comunicare qualche cosa. «Lei poco fa ha detto una parola, piramide. E a me è tornato in mente… Sa che dentro alla piramide di Cheope nessuno per lungo tempo ci è potuto entrare perché non si riusciva a scoprire l’accesso? Poi qualcuno ha rotto gli indugi e ha praticato un foro nella parete, foro non autorizzato dai custodi della piramide. Ma così anche i custodi, che fino a quel momento erano stati costretti a starsene fuori, poterono penetrare all’interno».

La piramide di fango

Camilleri Andrea

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia

È stato addestrato dall'FBI negli Stati Uniti, è un esperto in rapimenti e torture, ha ucciso centinaia di persone e per vent'anni ha mantenuto la carica di comandante della polizia dello stato del Chihuahua, lavorando allo stesso tempo al soldo di un cartello messicano della droga. Nel suo mondo di corruzione, mantenere l'ordine significava operare contemporaneamente nell'interesse di entrambi, della polizia e dei narcotrafficanti: quando dirigeva la squadra speciale anti sequestro a Juàrez organizzava rapimenti nella stessa città; quando uccideva sotto ricompensa testava i fucili di precisione che facevano parte dell'equipaggiamento dei federali. Non era un fuorilegge. Non era un ribelle. Era lo Stato. Sembra una storia inventata, la paradossale sceneggiatura di un film d'azione, ma quello che Charles Bowden e Molly Molloy hanno trascritto in questo libro è la nuda verità, le parole ascoltate direttamente dalla bocca di un assassino. Frutto di giorni di colloqui proseguiti per un intero anno, El Sicario è il ritratto di una persona reale, un killer professionista che dopo aver commesso un'impressionante sequela di violenze ed essersi macchiato di terribili atrocità, ha deciso di smettere, uscendone vivo. Ora trascorre un' esistenza da fuggitivo perché sulla sua testa pende una taglia da 250.000 dollari.

El sicario

Bowden Charles