Narrativa

I gerani di Barcellona

Pobla Carolina

Descrizione: 1928. Le sorelle Torres abitano nella villa più bella di Málaga. Il padre l'ha costruita per loro, perché vivessero come delle principesse. Rosario, la maggiore, di una bellezza elegante e decisa, ama il canto ed è la preferita della famiglia. Remedios cresce nella sua ombra, comunque felice di dividere con lei i giochi nel loro posto magico: il giardino della villa, che di volta in volta si trasforma in un'isola deserta infestata dai pirati o in un castello incantato. Fino al giorno in cui l'idillio finisce. Una delle navi con cui il padre commercia spezie, tessuti e tappeti affonda. La bancarotta è una tragedia dalla quale l'uomo non si riprenderà più. Rosario e Remedios rappresentano il futuro della casata. Un fardello troppo pesante per due giovani donne. Ma, come la pianta simbolo della loro famiglia, il geranio, devono essere forti e coraggiose. Devono pensare alla primavera che, immancabilmente, torna a sbocciare dopo ogni inverno. Ed è proprio un seme di quel fiore che portano con loro a Barcellona, dove decidono di ricominciare. Tra le vie della grande e colorata città, all'inizio si sentono perse e il loro legame è tutto quello che hanno per affrontare il presente. Eppure Rosario e Remedios, anno dopo anno, si scoprono più diverse di quello che immaginavano. Una fa di tutto per trovarsi un lavoro e un marito che possa darle sicurezza, mentre l'altra insegue ancora i propri sogni e si innamora di un uomo ribelle come lei. Ma anche quando sembra che si siano perse per sempre, i balconi e le finestre delle loro case saranno pieni di gerani in fiore. Non è possibile dimenticare le proprie radici. Perché entrambe hanno una missione: restituire l'onore alla famiglia Torres.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni

Anno: 2020

ISBN: 9788811607243

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

I gerani di Barcellona

Carolina Poblainsegnante all’università di Barcellona, è al suo romanzo d’esordio con I gerani di Barcellona: un libro affascinante , liberamente ispirato ai nonni dell’autrice. Esempio classico di saga familiare, con uno stile leggero, fresco, piacevole, mai pesante o prolisso, narra la storia della famiglia Torresi, dei suoi lutti, delle sue gioie, ma anche della forza e del coraggio intrinseco che li caratterizza.

Simbolo della loro casata è il geranio, pianta di grande bellezza, ma anche forte, resistente a varie temperature e al mutare variopinto del clima. Sicuramente non poteva esistere migliore caratterizzazione per questa famiglia.

Il romanzo inizia nel 1928 a Malaga, dove nella più bella villa del paese abitano le sorelle Torres, Rosario e Remedios. Non fanno nulla di particolare, se non vivere allegramente e con spensieratezza la propria giovinezza. Ma ben presto l’incanto è destinato a rompersi. Il padre, a causa di investimenti errati, finisce in bancarotta. Sono costretti a trasferirsi in una dimora più umile e meno pretenziosa, aprono poi un negozio di armeria, che ben presto inizia a dare buoni frutti. Ma la tragedia e il male incombono nuovamente su di loro. E questa volta ricominciare sarà difficile. Riusciranno le due sorelle a vivere nuovamente e a quale prezzo?

Una saga che ricorda quella di Marquez, di Clara Sanchez, caratterizzata da uno stile molto descrittivo, sia nelle ambientazioni sia nei personaggi, scarsamente dialogico. La lettura non è mai noiosa né prolissa, per chi ama le saghe familiari e le belle descrizioni d’ambiente. Forse mancano azione e intrigo, ma tante avventure e tanto amore caratterizzano una trama che si legge con infinito piacere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carolina

Pobla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pobla Carolina

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

Le notti bianche

Dostoevskij Fëdor

Ancora oggi successo a teatro, Chi ha paura di Virginia Woolf? fu così schoccante per l'America di allora che non Vinse mai il meritatissimo premio Pulitzer, che invece Albee ottenne per ben tre volte con A delicate balance nel '67, Seascape nel '75 e il bellissimo Three tall women, tre figure femminili e un figlio diseredato in quanto gay (l'opera più autobiografica). Molti altri premi hanno costellato la lunga carriera di Albee, onoreficenze che gli permisero di aprire una Fondazione a suo nome nel '94 per sostenere il "William Flanagan Creative Persons Center", una colonia di scrittori ed artisti di Montauk.

Chi ha paura di Virginia Woolf?

Albee Edward

Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quarantaquattro anni e non trovo pace. Voglio scoprire perché sono questo tipo di adulto, deve esserci un'origine, ricordo, collego. Deve essere successo qualcosa. Qualcuno mi ha fatto del male. Ricordo, collego, invento. Cosa ha generato questa donna incompiuta?

La più amata

Ciabatti Teresa

Ginevra Lilli alla reggia di Monza