Narrativa

I gerani di Barcellona

Pobla Carolina

Descrizione: 1928. Le sorelle Torres abitano nella villa più bella di Málaga. Il padre l'ha costruita per loro, perché vivessero come delle principesse. Rosario, la maggiore, di una bellezza elegante e decisa, ama il canto ed è la preferita della famiglia. Remedios cresce nella sua ombra, comunque felice di dividere con lei i giochi nel loro posto magico: il giardino della villa, che di volta in volta si trasforma in un'isola deserta infestata dai pirati o in un castello incantato. Fino al giorno in cui l'idillio finisce. Una delle navi con cui il padre commercia spezie, tessuti e tappeti affonda. La bancarotta è una tragedia dalla quale l'uomo non si riprenderà più. Rosario e Remedios rappresentano il futuro della casata. Un fardello troppo pesante per due giovani donne. Ma, come la pianta simbolo della loro famiglia, il geranio, devono essere forti e coraggiose. Devono pensare alla primavera che, immancabilmente, torna a sbocciare dopo ogni inverno. Ed è proprio un seme di quel fiore che portano con loro a Barcellona, dove decidono di ricominciare. Tra le vie della grande e colorata città, all'inizio si sentono perse e il loro legame è tutto quello che hanno per affrontare il presente. Eppure Rosario e Remedios, anno dopo anno, si scoprono più diverse di quello che immaginavano. Una fa di tutto per trovarsi un lavoro e un marito che possa darle sicurezza, mentre l'altra insegue ancora i propri sogni e si innamora di un uomo ribelle come lei. Ma anche quando sembra che si siano perse per sempre, i balconi e le finestre delle loro case saranno pieni di gerani in fiore. Non è possibile dimenticare le proprie radici. Perché entrambe hanno una missione: restituire l'onore alla famiglia Torres.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni

Anno: 2020

ISBN: 9788811607243

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

I gerani di Barcellona

Carolina Poblainsegnante all’università di Barcellona, è al suo romanzo d’esordio con I gerani di Barcellona: un libro affascinante , liberamente ispirato ai nonni dell’autrice. Esempio classico di saga familiare, con uno stile leggero, fresco, piacevole, mai pesante o prolisso, narra la storia della famiglia Torresi, dei suoi lutti, delle sue gioie, ma anche della forza e del coraggio intrinseco che li caratterizza.

Simbolo della loro casata è il geranio, pianta di grande bellezza, ma anche forte, resistente a varie temperature e al mutare variopinto del clima. Sicuramente non poteva esistere migliore caratterizzazione per questa famiglia.

Il romanzo inizia nel 1928 a Malaga, dove nella più bella villa del paese abitano le sorelle Torres, Rosario e Remedios. Non fanno nulla di particolare, se non vivere allegramente e con spensieratezza la propria giovinezza. Ma ben presto l’incanto è destinato a rompersi. Il padre, a causa di investimenti errati, finisce in bancarotta. Sono costretti a trasferirsi in una dimora più umile e meno pretenziosa, aprono poi un negozio di armeria, che ben presto inizia a dare buoni frutti. Ma la tragedia e il male incombono nuovamente su di loro. E questa volta ricominciare sarà difficile. Riusciranno le due sorelle a vivere nuovamente e a quale prezzo?

Una saga che ricorda quella di Marquez, di Clara Sanchez, caratterizzata da uno stile molto descrittivo, sia nelle ambientazioni sia nei personaggi, scarsamente dialogico. La lettura non è mai noiosa né prolissa, per chi ama le saghe familiari e le belle descrizioni d’ambiente. Forse mancano azione e intrigo, ma tante avventure e tanto amore caratterizzano una trama che si legge con infinito piacere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carolina

Pobla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pobla Carolina

Grida il mio nome

Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

1960

Colombati Leonardo

"La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi", Così esordisce nel romanzo il protagonista Tullio Hermil. Costantemente infedele alla moglie Giuliana, in un tardivo tentativo dì riavvicinamento alla propria consorte egli scopre che questa porta in seno il frutto di un unico, irreparabile tradimento. Fra sé e la rinnovata passione verso Giuliana si frappone il piccolo intruso, e Tullio non esita a provocare la morte della creatura innocente. Influenzato da Tolstoij e Dostoevskij, pregno dell'incipiente decadentismo contemporaneo, intriso delle letture di neurologia e psichiatria, questo romanzo dannunziano conobbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia (dove fu subito tradotto) e nel resto dell'Europa, prima ancora che in Italia.

L’innocente

D'Annunzio Gabriele

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni