Narrativa

I giorni innocenti della guerra

Fortunato Mario

Descrizione: Vincitore del Premio Mondello e Super Mondello 2007 «Si può anche immaginare questo romanzo come uno splendido film, o come un mosaico: tutte le sue tessere compongono un quadro che ricorda i dipinti di David Hockney, e così quella raccontata è una Seconda guerra mondiale senza la solita epopea, ma con tutti i momenti tristi, felici, eccitanti e tragici della vita, restituiti da una scrittura asciutta e accurata» – Frankfurter Allgemeine Zeitung Centro Italia, alla vigilia del secondo conflitto mondiale. La vita di un gruppo di ragazzi e ragazze si trova nel pieno di quella che presto diventerà una guerra civile. Fra loro c'è Stefano Portelli, avvocato di belle speranze con la testa gonfia di utopie innamorato di Eleonora. E c'è la cognata Nina, legata in segreto a Sergio, capo partigiano quasi adolescente. Altre esistenze corrono parallele, incrociandosi poi in maniera imprevista: quella di Alastair Ormiston, pilota inglese della RAF, che adora i libri di Virginia Woolf e sogna il compagno ideale. E quella di Edna, l'amica del cuore che, in una Londra bombardata dai nazisti, scopre se stessa e la felicità. Se queste vite si incroceranno in maniera imprevista, rimescolando le carte della grande Storia, sarà per opera di un destino che le supera, bruciandole in un falò dove tutto si consuma – gioia e dolore insieme.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Tascabili narrativa

Anno: 2019

ISBN: 9788830101845

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I giorni innocenti della guerra di Mario Fortunato (Bompiani)

Alle falde del Monte Soratte, in un paesino del Lazio vivono l’avvocato Stefano Portelli, socialista, e Sergio, giovane prestante che incarna l’irruenza dei valori antifascisti nei tempi della guerra.

Stefano sposa Eleonora e s’introduce nella vita della famiglia della moglie. Quando la donna muore prematuramente – mentre i fratelli Giuseppe ed Ernesto partono rispettivamente per la Russia (“Parecchi cadevano…rimanevano in terra come macchie nere, come mosche nere in tutto il bianco della neve”) e l’Africa – non rimane che l’ultimogenita Nina (“C’era un segreto fra Nina e la povera Eleonora, un segreto che non verrà mai rivelato”), che Stefano sposa in seconde nozze, inizialmente per motivi di opportunità (“Nina e Stefano era tutto quello che restava della famiglia”). Nina accetta il compromesso di sposare Stefano, che si innamora di lei, non ricambiato in quanto il cuore di Nina batte per Sergio.

Oltremanica Alastair, giovane dal temperamento artistico (“Nell’ottobre 1939, Alastair ha incontrato i coniugi Woolf ma, poiché si trattava di una cena molto formale, non è riuscito a spiccicare una parola. Virginia ogni tanto lo guardava con attenzione…”), coltiva un’affinità elettiva meramente platonica con Edna e s’innamora di Steve. Dopo questo amore sfortunato, con la guerra, Alastair si arruola come pilota della RAF: Edna palpita per le sue sorti (“Edna traduce mentalmente: bombardamento di Rostock, Alastair torna alla base, il suo amico prediletto no: abbattuto dalla contraerea tedesca”), soprattutto quando Alastair viene fatto prigioniero in Italia in occasione del bombardamento di Genova (“Ogni particolare della morte di Percival, in Le onde, combacia con quello che Miranda Ormiston sta dicendo”). Qui i destini di Alastair, Sergio, Nina e Stefano si incrociano (“Ciò che manca è il senso perché il senso non è nella storia ma nella vita delle persone”) a scompaginare le loro vite in modo tragico sullo sfondo di una domanda:

Può, un bacio, distruggere l’esistenza di un individuo? Un bacio, non un’azione delittuosa, un gesto violento e contro le regole: un semplice, banalissimo bacio può cambiare il destino di un uomo gettandolo all’improvviso nella terra desolata della gelosia…”

La storia è ottimamente impostata e si nutre in modo fertile delle descrizioni dell’atmosfera bellica e delle tensioni sociali che contrapponevano gli antitetici orientamenti politici, ben dosando la dimensione erotico-sentimentale con quella storica.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mario

Fortunato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fortunato Mario

Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

"Nato a Palermo nel 1896, da una nobile famiglia siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa è un bambino solitario, uno di quelli che preferiscono «le cose alle persone» e che rifuggono la compagnia. Un giorno, dal nulla, nella sua vita arriva Antonno: un bambino bizzarro, «tutto al contrario»: se sfoglia un libro comincia dall’ultima pagina, se vuole andare avanti cammina all’indietro e conta al contrario, provando una infinità pietà per gli zeri. Per tutto il tempo della loro convivenza non c’è verso di fargli iniziare la settimana di lunedì o di togliergli dalla testa che si nasce morendo. Eppure Antonno, «l’albatro», come lui stesso si definirà (tenacissimo, l’albatro non abbandona il capitano nemmeno nella disgrazia) è l’unico spiraglio di luce in un’esistenza altrimenti buia e solitaria, l’unica compagnia di un bambino che vede e sente più degli altri, dotato di una sensibilità particolare, che lo porterà un giorno a diventare uno dei più grandi scrittori del Novecento. Ma all’improvviso, così come è arrivato, Antonno svanisce. Divenuto adulto, Giuseppe partecipa alla guerra del 1915-18 come ufficiale, rimanendo nell’esercito fino al 1925; dopodiché si ritira a vita privata, viaggiando e dimorando per lunghi periodi all’estero, dove si dedica alla stesura di saggi e racconti che non darà alle stampe. Sarà solo quando metterà mano a una storia che cova dentro di sé da tempo, e che ha intenzione di intitolare Il Gattopardo, che Antonno tornerà da lui, e con il suo modo di fare al rovescio accenderà in Giuseppe Tomasi la consapevolezza che «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi»."

L’albatro

Lo Iacono Simona

Texas, anni '40. Janis è una bambina tranquilla, sensibile, sempre sorridente. Ma l'adolescenza esplode come un tornado...

Il fuoco dentro

Baraldi Barbara

Romanzo tra i più intensi e riusciti della grande scrittrice inglese, "Mrs Dalloway" inaugura un originale modo di narrare e costituisce la prima opera in cui Virginia Woolf attinge alla propria esperienza femminile. Vi si racconta la giornata di Clarissa Dalloway, cinquantenne, esponente dell'alta borghesia londinese, impegnata a organizzare per la serata un sontuoso ricevimento nella propria casa. La protagonista esce per comprare dei fiori e nel suo itinerario scopre o intravede le esistenze di tanti sconosciuti, tra i quali lo sfortunato Septimus Warren Smith. La serata si svolge con pieno successo, anche se nel corso del ricevimento si apprende del suicidio di Septimus. L'incrociarsi di destini paralleli, ritmato dai rintocchi del Big Ben, conferisce alla narrazione un andamento musicale; nota dopo nota, frase dopo frase, il contrappunto drammatico dalla storia di Septimus spinge Mrs Dalloway, proprio grazie alla consapevolezza della fugacità e dell'"incompletezza" della nostra esistenza, a trasformare la certezza della fine in esaltazione della vita.

Mrs. Dalloway

Woolf Virginia