Romanzo storico

I leoni d’Europa

Silvestrin Tiziana

Descrizione: Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Scrittura e Scritture

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788889682227

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Non nascondo i dubbi con i quali mi sono accostato inizialmente a questo libro. Affronto la lettura di ogni nuovo romanzo storico con un certo scetticismo, consapevole delle grandi difficoltà che si celano dietro un genere letterario che richiede non solo buone capacità narrative, ma anche una profonda conoscenza del momento storico nel quale è ambientata la storia.

C’è voluto poco perchè mi rendessi conto dell’importante lavoro di ricerca condotto dall’autrice Tiziana Silvestrin, che abilmente riesce ad imbastire una trama alquanto complessa, calandola senza creare difficoltà alcuna per il lettore, in un contesto storico correttamente descritto.

Trovandomi a parlare di un romanzo storico, ritengo sia opportuno iniziare ad inquadrarne la collocazione spaziale e termporale. La narrazione ha inizio nella città di Mantova, che resta comunque il luogo dove si svolge la gran parte degli eventi, per spostarsi poi a Venezia ed in altre località italiane ed europee. Ci troviamo sul finire del XVI secolo, e più precisamente nel 1582, periodo nel quale Guglielmo Gonzaga è Duca di Mantova e del Monferrato.

In quel periodo nella corte dei Gonzaga aveva fatto la sua apparizione uno scozzese di nome James Crichton, un giovane di bell’aspetto e dalla grande cultura, nonché eccellente oratore. Il Critonio, com’era stato chiamato lo scozzese durante la sua permanenza a Venezia, era entrato subito nelle grazie del Duca, suscitando una certa gelosia nel figlio, il principe Vincenzo Gonzaga.

La sera del 3 luglio 1582, lo scozzese, in compagnia del suo amico Thomas, si reca presso la basilica palatina di Santa Barbara con l’intento di trafugarvi un qualche oggetto. Uscito dalla basilica a causa dell’avvicinarsi delle guardie, è assalito, dopo un breve inseguimento, da alcuni uomini. Ingaggiato il duello, lo scozzese riesce ad uccidere uno degli assalitori e, trovandosi davanti il compagno di questi, depone la propria spada dopo aver riconosciuto in lui il principe Vincenzo, il quale però non esita ad affondare la propria nel suo petto.

Le indagini sull’uccisione dello scozzese sono affidate al capitano di giustizia di Mantova, Biagio dell’Orso. Quest’ultimo viene incaricato di fare luce sulla misteriosa figura del Critonio e sulle relazioni di questi con un certo numero di personaggi di spicco i quali, appresa della sua morte, inviano lettere chiedendo spiegazioni sull’accaduto. L’indagine porta il capitano di giustizia a visitare Venezia, città dove lo scozzese ha vissuto prima di spostarsi a Mantova e presso la quale aveva riscosso un incredibile successo. Accurata la descrizione della Venezia rinascimentale ed azzeccato il coinvolgimento di alcuni personaggi di spicco dell’epoca, tra i quali il tipografo Aldo Manuzio (figlio dell’omonimo inventore del carattere corsivo chiamato, per l’appunto, Aldino).

L’autrice riesce ad alternare con successo la narrazione tra le vicende che seguono la morte del Critonio e la vita di quest’ultimo. Quello in cui è ambientata l’opera è un periodo storico dove forte è lo scontro in Europa tra cattolici e protestanti, che trova la sua massima espressione nella contropposizione di Spagna ed Inghilterra, governata dalla regina Elisabetta I. E’ proprio quest’ultima a dover fronteggiare i maggiori pericoli, rappresentati tra l’altro anche dalla cugina Maria Stuarda, regina di Scozia e devota cattolica. Proprio in questo contesto l’autrice riesce a tessere la trama del proprio romanzo dando vita ad un’inaspettata sequenza di eventi.

Un buon libro d’esordio, tutt’altro che noioso e consigliato agli amanti del genere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tiziana

Silvestrin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Silvestrin Tiziana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.

Cinquanta sfumature di nero

James E. L.

Araba e colta, la protagonista è una scrittrice nata e cresciuta a Damasco, poi trasferitasi a Parigi dove lavora all’università e si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, erotico, carnale, pornografico. La passione per il corpo diventa passione per la parola: clandestine, come i suoi incontri amorosi, sono le letture rapinose dei testi di letteratura erotica araba antica. Il Corano stesso si rivela un trattato sul piacere sessuale e perfino le famigerate fatwàt assumono un’ambiguità che sembra lasciare spazio al piacere. I ricordi dell’infanzia siriana, le memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni, le chiacchiere femminili negli hammam, le confidenze delle amiche, tutto diventa materia di una ricerca dentro il mistero fascinoso della carne, di una via della conoscenza che fa appunto del corpo e non dello spirito il mezzo e il fine della ricerca stessa. E Salwa al-Neimi – o la protagonista – intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato ma una grazia di Dio, un “assaggio”, un “memento” dei piaceri che ci attendono in paradiso.

LA PROVA DEL MIELE

Al-Neimi Salwa

Al centro del romanzo troviamo Milo, un'anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, egli preferisce infatti continuare a vivere una vita dopo l'altra rimanendo nel ciclo della reincarnazione, così da poter continuare la sua relazione con la Morte (o "Suzie", come preferisce essere chiamata). Ciò che ancora Milo non sa è che le anime non sono eterne: si sta rapidamente avvicinando il momento in cui il suo ciclo si esaurirà e lui sarà cancellato per sempre se non raggiungerà la perfezione. Avrà solo altre cinque vite per provarci, e gli serviranno tutte per riuscire a salvare se stesso e, forse, l'intero genere umano. Reincarnation Blues ci porta ovunque, dall'antica India a una colonia penale posta su una lontana galassia del futuro, con soste a Vienna, sul Sole e nell'Ohio. Vivendo ogni tipo di esistenza immaginabile, Milo avrà la possibilità di scoprire cosa renda perfetta una persona. Neil Gaiman incontra Kurt Vonnegut in questa dark comedy profondamente fantasiosa sui segreti della vita, della morte e dell'amore.

Reincarnation blues

Poore Michael

Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

MABEL DICE SI’

Ricci Luca