Romanzo storico

I leoni d’Europa

Silvestrin Tiziana

Descrizione: Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Scrittura e Scritture

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788889682227

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Non nascondo i dubbi con i quali mi sono accostato inizialmente a questo libro. Affronto la lettura di ogni nuovo romanzo storico con un certo scetticismo, consapevole delle grandi difficoltà che si celano dietro un genere letterario che richiede non solo buone capacità narrative, ma anche una profonda conoscenza del momento storico nel quale è ambientata la storia.

C’è voluto poco perchè mi rendessi conto dell’importante lavoro di ricerca condotto dall’autrice Tiziana Silvestrin, che abilmente riesce ad imbastire una trama alquanto complessa, calandola senza creare difficoltà alcuna per il lettore, in un contesto storico correttamente descritto.

Trovandomi a parlare di un romanzo storico, ritengo sia opportuno iniziare ad inquadrarne la collocazione spaziale e termporale. La narrazione ha inizio nella città di Mantova, che resta comunque il luogo dove si svolge la gran parte degli eventi, per spostarsi poi a Venezia ed in altre località italiane ed europee. Ci troviamo sul finire del XVI secolo, e più precisamente nel 1582, periodo nel quale Guglielmo Gonzaga è Duca di Mantova e del Monferrato.

In quel periodo nella corte dei Gonzaga aveva fatto la sua apparizione uno scozzese di nome James Crichton, un giovane di bell’aspetto e dalla grande cultura, nonché eccellente oratore. Il Critonio, com’era stato chiamato lo scozzese durante la sua permanenza a Venezia, era entrato subito nelle grazie del Duca, suscitando una certa gelosia nel figlio, il principe Vincenzo Gonzaga.

La sera del 3 luglio 1582, lo scozzese, in compagnia del suo amico Thomas, si reca presso la basilica palatina di Santa Barbara con l’intento di trafugarvi un qualche oggetto. Uscito dalla basilica a causa dell’avvicinarsi delle guardie, è assalito, dopo un breve inseguimento, da alcuni uomini. Ingaggiato il duello, lo scozzese riesce ad uccidere uno degli assalitori e, trovandosi davanti il compagno di questi, depone la propria spada dopo aver riconosciuto in lui il principe Vincenzo, il quale però non esita ad affondare la propria nel suo petto.

Le indagini sull’uccisione dello scozzese sono affidate al capitano di giustizia di Mantova, Biagio dell’Orso. Quest’ultimo viene incaricato di fare luce sulla misteriosa figura del Critonio e sulle relazioni di questi con un certo numero di personaggi di spicco i quali, appresa della sua morte, inviano lettere chiedendo spiegazioni sull’accaduto. L’indagine porta il capitano di giustizia a visitare Venezia, città dove lo scozzese ha vissuto prima di spostarsi a Mantova e presso la quale aveva riscosso un incredibile successo. Accurata la descrizione della Venezia rinascimentale ed azzeccato il coinvolgimento di alcuni personaggi di spicco dell’epoca, tra i quali il tipografo Aldo Manuzio (figlio dell’omonimo inventore del carattere corsivo chiamato, per l’appunto, Aldino).

L’autrice riesce ad alternare con successo la narrazione tra le vicende che seguono la morte del Critonio e la vita di quest’ultimo. Quello in cui è ambientata l’opera è un periodo storico dove forte è lo scontro in Europa tra cattolici e protestanti, che trova la sua massima espressione nella contropposizione di Spagna ed Inghilterra, governata dalla regina Elisabetta I. E’ proprio quest’ultima a dover fronteggiare i maggiori pericoli, rappresentati tra l’altro anche dalla cugina Maria Stuarda, regina di Scozia e devota cattolica. Proprio in questo contesto l’autrice riesce a tessere la trama del proprio romanzo dando vita ad un’inaspettata sequenza di eventi.

Un buon libro d’esordio, tutt’altro che noioso e consigliato agli amanti del genere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tiziana

Silvestrin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Silvestrin Tiziana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua "kolba" di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l'arrivo del giovedì, il giorno in cui il padre le fa visita e le parla di poeti e giardini meravigliosi, di razzi che atterrano sulla luna e dei film che proietta nel suo cinema. Mariam vorrebbe avere le ali per raggiungere la casa del padre, dove lui non la porterà mai perché Mariam è una "harami", una bastarda, e sarebbe un'umiliazione per le sue tre mogli e i dieci figli legittimi ospitarla sotto lo stesso tetto. Vorrebbe anche andare a scuola, ma sarebbe inutile, le dice sua madre, come lucidare una sputacchiera. L'unica cosa che deve imparare è la sopportazione. Laila è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell'aprile del 1978. Aveva solo due anni quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per questo, il giorno del loro funerale, le è difficile piangere. Per Laila, il vero fratello è Tariq, il bambino dei vicini, che ha perso una gamba su una mina antiuomo ma sa difenderla dai dispetti dei coetanei; il compagno di giochi che le insegna le parolacce in pashtu e ogni sera le dà la buonanotte con segnali luminosi dalla finestra. Mariam e Laila non potrebbero essere più diverse, ma la guerra le farà incontrare in modo imprevedibile. Dall'intreccio di due destini, una storia che ripercorre la storia di un paese in cerca di pace, dove l'amicizia e l'amore sembrano ancora l'unica salvezza.

MILLE SPLENDIDI SOLI

Hosseini Khaled

Venezia, 1725. Un uomo in Baùta si aggira, di notte, tra le calli della città. Il Nobilhomo Nicolò Testier Gritti è un giovane brillante, dedito al vizio e alle donne...

Venetia nigra

Vizzino Alessandro

Poesia del buonumore

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina