Romanzo storico

I leoni d’Europa

Silvestrin Tiziana

Descrizione: Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Scrittura e Scritture

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788889682227

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Non nascondo i dubbi con i quali mi sono accostato inizialmente a questo libro. Affronto la lettura di ogni nuovo romanzo storico con un certo scetticismo, consapevole delle grandi difficoltà che si celano dietro un genere letterario che richiede non solo buone capacità narrative, ma anche una profonda conoscenza del momento storico nel quale è ambientata la storia.

C’è voluto poco perchè mi rendessi conto dell’importante lavoro di ricerca condotto dall’autrice Tiziana Silvestrin, che abilmente riesce ad imbastire una trama alquanto complessa, calandola senza creare difficoltà alcuna per il lettore, in un contesto storico correttamente descritto.

Trovandomi a parlare di un romanzo storico, ritengo sia opportuno iniziare ad inquadrarne la collocazione spaziale e termporale. La narrazione ha inizio nella città di Mantova, che resta comunque il luogo dove si svolge la gran parte degli eventi, per spostarsi poi a Venezia ed in altre località italiane ed europee. Ci troviamo sul finire del XVI secolo, e più precisamente nel 1582, periodo nel quale Guglielmo Gonzaga è Duca di Mantova e del Monferrato.

In quel periodo nella corte dei Gonzaga aveva fatto la sua apparizione uno scozzese di nome James Crichton, un giovane di bell’aspetto e dalla grande cultura, nonché eccellente oratore. Il Critonio, com’era stato chiamato lo scozzese durante la sua permanenza a Venezia, era entrato subito nelle grazie del Duca, suscitando una certa gelosia nel figlio, il principe Vincenzo Gonzaga.

La sera del 3 luglio 1582, lo scozzese, in compagnia del suo amico Thomas, si reca presso la basilica palatina di Santa Barbara con l’intento di trafugarvi un qualche oggetto. Uscito dalla basilica a causa dell’avvicinarsi delle guardie, è assalito, dopo un breve inseguimento, da alcuni uomini. Ingaggiato il duello, lo scozzese riesce ad uccidere uno degli assalitori e, trovandosi davanti il compagno di questi, depone la propria spada dopo aver riconosciuto in lui il principe Vincenzo, il quale però non esita ad affondare la propria nel suo petto.

Le indagini sull’uccisione dello scozzese sono affidate al capitano di giustizia di Mantova, Biagio dell’Orso. Quest’ultimo viene incaricato di fare luce sulla misteriosa figura del Critonio e sulle relazioni di questi con un certo numero di personaggi di spicco i quali, appresa della sua morte, inviano lettere chiedendo spiegazioni sull’accaduto. L’indagine porta il capitano di giustizia a visitare Venezia, città dove lo scozzese ha vissuto prima di spostarsi a Mantova e presso la quale aveva riscosso un incredibile successo. Accurata la descrizione della Venezia rinascimentale ed azzeccato il coinvolgimento di alcuni personaggi di spicco dell’epoca, tra i quali il tipografo Aldo Manuzio (figlio dell’omonimo inventore del carattere corsivo chiamato, per l’appunto, Aldino).

L’autrice riesce ad alternare con successo la narrazione tra le vicende che seguono la morte del Critonio e la vita di quest’ultimo. Quello in cui è ambientata l’opera è un periodo storico dove forte è lo scontro in Europa tra cattolici e protestanti, che trova la sua massima espressione nella contropposizione di Spagna ed Inghilterra, governata dalla regina Elisabetta I. E’ proprio quest’ultima a dover fronteggiare i maggiori pericoli, rappresentati tra l’altro anche dalla cugina Maria Stuarda, regina di Scozia e devota cattolica. Proprio in questo contesto l’autrice riesce a tessere la trama del proprio romanzo dando vita ad un’inaspettata sequenza di eventi.

Un buon libro d’esordio, tutt’altro che noioso e consigliato agli amanti del genere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tiziana

Silvestrin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Silvestrin Tiziana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma, anni Settanta, i giovani in rivolta. Ma stavolta è tutto diverso. Patrizia e Michele, due ragazzi di opposta estrazione sociale, ribelli verso il proprio destino. Sullo sfondo, il mito della rivoluzione: non più prerogativa solo degli oppressi e degli emarginati, ma anche dei figli della Roma bene, come succede in "Rosso totale", intenso romanzo di Fabio Calenda. Sotto i nostri occhi scorrono gli anni Settanta, vividi come non mai, ripresi da un'angolazione del tutto inedita. Oltre a Patrizia e Michele ci sono Paolo, Lisa, Guido e via via gli altri, sempre più immersi in un clima di sfida. Una sfida contro il potere della politica e della società, di volta in volta compiacente o repressivo a seconda degli interessi in gioco? Oppure contro il potere che si cela all'interno delle mura domestiche? In ogni caso un potere mascherato da indifferenza, ma che può anche rivelarsi più feroce quando si manifesta nel rancore irriducibile di una madre nei confronti di sua figlia. In un continuo mutamento di prospettiva, tra pulsioni ideali e deliri ideologici, tra impegno sociale e protagonismo narcisistico, "Rosso totale" ci dice anche quello che non sapevamo sugli Anni di piombo. E oltre.

ROSSO TOTALE

Calenda Fabio

Versailles, 1774. Giocatore d'azzardo, spadaccino ed ex spia del Doge di Venezia, Pietro Viravolta ha abbandonato la Serenissima per entrare nel Segreto del Re, una rete d'informatori al servizio di Luigi XV. Perciò non è sorpreso quando il duca d'Aiguillon, ministro della corona, lo convoca d'urgenza a corte per far luce sul brutale omicidio di una giovane donna. Tuttavia non può immaginare ciò che l'assassino ha lasciato accanto al cadavere: un'elegante edizione delle opere di La Fontaine e una pergamena, sulla quale sono stati vergati col sangue i titoli di dieci favole e una firma, "il Favolista". Il messaggio è chiaro: qualcuno si appresta a compiere una serie di omicidi, inscenando macabre rappresentazioni delle opere del celebre autore. E c'è un altro dettaglio, ancora più sconcertante: quattro anni prima, lo stesso Viravolta aveva ucciso un agitatore politico che si faceva chiamare il Favolista... In bilico tra lo sfarzo abbagliante di Versailles e gli oscuri meandri di una nobiltà inquieta, la spia veneziana verrà risucchiata in un vortice di tradimenti, inganni e morti efferate, un vortice che potrebbe cambiare il destino del regno di Francia...

Il traditore di Versailles

Delalande Arnaud

Πεταλούδες

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery