Narrativa

I LEONI D’EUROPA

Silvestrin Tiziana

Descrizione: Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

Categoria: Narrativa

Editore: Scrittura & Scritture

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788889682227

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Non nascondo i dubbi con i quali mi sono accostato inizialmente a questo libro. Affronto la lettura di ogni nuovo romanzo storico con un certo scetticismo, consapevole delle grandi difficoltà che si celano dietro un genere letterario che richiede non solo buone capacità narrative, ma anche una profonda conoscenza del momento storico nel quale è ambientata la storia.

C’è voluto poco perchè mi rendessi conto dell’importante lavoro di ricerca condotto dall’autrice Tiziana Silvestrin, che abilmente riesce ad imbastire una trama alquanto complessa, calandola senza creare difficoltà alcuna per il lettore, in un contesto storico correttamente descritto.

Trovandomi a parlare di un romanzo storico, ritengo sia opportuno iniziare ad inquadrarne la collocazione spaziale e termporale. La narrazione ha inizio nella città di Mantova, che resta comunque il luogo dove si svolge la gran parte degli eventi, per spostarsi poi a Venezia ed in altre località italiane ed europee. Ci troviamo sul finire del XVI secolo, e più precisamente nel 1582, periodo nel quale Guglielmo Gonzaga è Duca di Mantova e del Monferrato.

In quel periodo nella corte dei Gonzaga aveva fatto la sua apparizione uno scozzese di nome James Crichton, un giovane di bell’aspetto e dalla grande cultura, nonché eccellente oratore. Il Critonio, com’era stato chiamato lo scozzese durante la sua permanenza a Venezia, era entrato subito nelle grazie del Duca, suscitando una certa gelosia nel figlio, il principe Vincenzo Gonzaga.

La sera del 3 luglio 1582, lo scozzese, in compagnia del suo amico Thomas, si reca presso la basilica palatina di Santa Barbara con l’intento di trafugarvi un qualche oggetto. Uscito dalla basilica a causa dell’avvicinarsi delle guardie, è assalito, dopo un breve inseguimento, da alcuni uomini. Ingaggiato il duello, lo scozzese riesce ad uccidere uno degli assalitori e, trovandosi davanti il compagno di questi, depone la propria spada dopo aver riconosciuto in lui il principe Vincenzo, il quale però non esita ad affondare la propria nel suo petto.

Le indagini sull’uccisione dello scozzese sono affidate al capitano di giustizia di Mantova, Biagio dell’Orso. Quest’ultimo viene incaricato di fare luce sulla misteriosa figura del Critonio e sulle relazioni di questi con un certo numero di personaggi di spicco i quali, appresa della sua morte, inviano lettere chiedendo spiegazioni sull’accaduto. L’indagine porta il capitano di giustizia a visitare Venezia, città dove lo scozzese ha vissuto prima di spostarsi a Mantova e presso la quale aveva riscosso un incredibile successo. Accurata la descrizione della Venezia rinascimentale ed azzeccato il coinvolgimento di alcuni personaggi di spicco dell’epoca, tra i quali il tipografo Aldo Manuzio (figlio dell’omonimo inventore del carattere corsivo chiamato, per l’appunto, Aldino).

L’autrice riesce ad alternare con successo la narrazione tra le vicende che seguono la morte del Critonio e la vita di quest’ultimo. Quello in cui è ambientata l’opera è un periodo storico dove forte è lo scontro in Europa tra cattolici e protestanti, che trova la sua massima espressione nella contropposizione di Spagna ed Inghilterra, governata dalla regina Elisabetta I. E’ proprio quest’ultima a dover fronteggiare i maggiori pericoli, rappresentati tra l’altro anche dalla cugina Maria Stuarda, regina di Scozia e devota cattolica. Proprio in questo contesto l’autrice riesce a tessere la trama del proprio romanzo dando vita ad un’inaspettata sequenza di eventi.

Un buon libro d’esordio, tutt’altro che noioso e consigliato agli amanti del genere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tiziana

Silvestrin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Silvestrin Tiziana

Gelsomina - detta Mina - Settembre è una borghese napoletana in «trasferta» nei Quartieri Spagnoli; in possesso di una non comune sensibilità sociale, determinata a proteggere i deboli dalle prevaricazioni, anche a dispetto delle regole, Mina è guardata con sospetto dove lavora, perché è pur sempre una «signora». Le sue contraddizioni sembrano riflettersi sul suo corpo; 42 anni ben portati, aggraziata, ma con un fisico prosperoso che non accetta e che cerca di nascondere con maglioni sformati che le attirano pesanti reprimende dall’acida madre, con cui è tornata ad abitare suo malgrado dopo la separazione, e non la preservano dalle volgari attenzioni di Rudy, portinaio anziano ma tutt’altro che rassegnato all’età. Anche la sua vita sentimentale è una contraddizione vivente, sospesa com’è tra Claudio, ex marito magistrato, protettivo e un po’ grigio, ancora innamorato di lei, e Domenico, ginecologo imbranato e inconsapevole che lavora nel suo stesso consultorio. In uno strano mese di settembre in una Napoli luminosa e disperata Mina è alle prese con una penosa situazione di degrado sociale, innocenti da sottrarre alla prevaricazione di un delinquente protetto dalla solita falla legislativa; e una tempesta sentimentale da fronteggiare, con il bel Domenico che non si decide a corteggiarla e la madre, determinata a renderle la vita un vero inferno. Nel frattempo l’ex marito magistrato porta avanti con assoluta riservatezza un’indagine sull’Assassino delle Rose, un pazzo che ammazza gente senza un criterio dopo avergli fatto trovare in casa o sul posto di lavoro una rosa. Quello che Claudio non sa è che anche Mina riceve ogni giorno una rosa. Rossa, come il sangue.

Dodici rose a Settembre

De Giovanni Maurizio

Elena, giovane studentessa, abita sull'isola di Ortigia insieme al padre, ex militante del Partito comunista, e alla ma-dre, che vive chiusa in camera da diversi anni, circondata da libri che impila secondo un ordine chiaro solo nella sua testa. Quando all'improvviso la donna va via di casa, Elena cerca di elaborare la sua assenza dando inizio a un viaggio ri-tuale attraverso i luoghi dell'Isola, quasi fosse una dispersione delle ceneri. Parallelamente, nel tentativo di fare luce su un evento traumatico della sua infanzia, di cui porta addosso i segni indelebili, la ragazza capirà che i ricordi molto spesso non sono altro che l'invenzione del passato.

Le isole di Norman

Galletta Veronica

Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un’esperta storica dell’arte. E’ capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, senza farsi travolgere dal senso di colpa. E’ generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d’ombra. “Ho il ghibli” dice, secondo l’immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l’ha conosciuta, presto il commissario Maurizi – incaricato delle indagini sulla sua sparizione – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto. Proprio come nel movimento dei corpi al centro dell’affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, Non toccarmi…

Noli me tangere

Camilleri Andrea

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Scritto sul corpo

Winterson Jeanette