Romanzo storico

Il mistero della genesi

Bauval Robert

Brophy Thomas

Descrizione: È nel Sahara più profondo la soluzione all'enigma delle origini della civiltà egizia? È lì che bisogna andare per trovare le tracce delle conoscenze «soprannaturali» che gli egizi avevano in materia di astronomia e di astrologia? E quello che sostiene Robert Bauval che, sovvertendo le tesi dell’archeologia accademica, trova sorprendenti collegamenti fra gli antichi egizi e una popolazione nera che è vissuta nel Sahara migliaia di anni prima dell'ascesa dei faraoni e che ha edificato dei complessi megalitici misteriosi. La scoperta recente di località come Gilf Kebir, Uwainat e Nabta Playa dimostra, a differenza di quanto Hanno sempre ritenuto gli egittologi «ufficiali», che gli egizi si sono spinti a distanze «impossibili» e hanno intessuto relazioni con regni dell'Africa subsahariana di cui restano tracce nei geroglifici ritrovati nelle piramidi. Ma quale segreto condividevano queste popolazioni e quella egizia? Qual è il significato astronomico dei complessi megalitici e del posizionamento delle piramidi? Quale messaggio hanno voluto trasmettere ai posteri? Unendo storiografia, archeologia, linguistica, archeoastronomia e lo studio dell'allineamento dei grandi edifici egizi, Bauval scrive un capitolo affascinante e assolutamente inedito su una civiltà che ancora conserva molti misteri irrisolti.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Corbaccio

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788863800746

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

“Sappiamo che una delle trappole nello studio delle civiltà antiche è nutrire dei pregiudizi sulle loro conoscenze e capacità.”

Questa è la grande verità che traspare da “Il mistero della genesi“, un incrocio tra romanzo storico e saggio accessibile che cerca di calare il velo dei nostri pregiudizi , aprendo la mente a leggere quel che ci circonda con occhi sempre diversi.

Così, nel Sahara orientale, tra Libia ed Egitto, antichi resti parlerebbero di civiltà sofisticate, in continua relazione con l’ostile ambiente intorno.

Un calendario circolare, una vera e propria Stonehenge nel deserto, sculture sepolte, incisioni rupestri dimostrano che questi popoli avevano elevate conoscenze in campo astronomico, vivevano di allevamento e sembravano essere molto legati agli animali. Ma ciò che più sorprende è che questi popoli, provenienti dal Ciad, di colore nero e sicuramente di origine africana potrebbero essere i progenitori degli egizi, con cui hanno moltissime affinità. Secondo gli autori, infatti, intorno al 3500 a.C. per il totale inaridimento ciclico del deserto furono costretti a migrare verso la pianura del Nilo, dove trovarono un paradiso e diedero vita a una delle civiltà più belle del mondo.

Alcuni capitoli sono molto tecnicistici, ma rendono bene il lavoro che ha riportato alla luce queste ipotetiche verità. Le conclusioni a volte sono guidate da quella che in archeologia è chiamata “evidenza non tangibile”, cosicché sembrano nascere da intuizioni probabili cui non è facile abbandonarsi. Ma i dubbi restano e questo è il bello, come suggerisce ciò che gli autori sostengono sulla misteriosa sfinge.

Altre pagine ben scritte raccontano le avventure che molti esploratori hanno vissuto in quell’arido deserto, un posto che ci isola e ci mette a contatto con noi stessi . “Secondo un detto arabo, Dio vive nel deserto”. Questi uomini, come l’incredibile Ahmed Hassanein Bey, sono onorati nel libro da una circostanziata descrizione delle spedizioni e dal concreto alone romanzesco della loro vita.

Leggendo viene voglia di esclamare che, è proprio vero, la realtà supera sempre la fantasia!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Robert

Bauval

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brophy Thomas

Thomas

Brophy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brophy Thomas

Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara

Anime assassine. I casi dell’Ispettore Quetti

Diego Collaveri

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert