Letteratura femminile

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary

Descrizione: Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Nord

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788842923138

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nel nuovo romanzo della scrittrice e giornalista inglese Hilary Boyd ci sono tutti gli ingredienti della love story: un matrimonio sicuro ma stantio, una donna infelice, l’incontro con l’uomo (l’altro) dei sogni, baci e abbracci al parco e un mucchio di ostacoli da superare (sensi di colpa, mariti caparbi e figlie riluttanti).

C’è solo una cosa che proprio non ci si aspetta: i protagonisti, la bella Jeanie e il fascinoso Ray, sono due nonni di mezza età.

L’occasione “galeotta” è l’uscita al parco pomeridiano con i rispettivi nipotini: Ellie, figlia di Chanty e nipote di Jeanie e Dylan, nipote di Ray.

Nonostante gli anni, che qui sono portati davvero bene (Ray è istruttore di aikido e uno skipper navigato), quella che può sembrare una tenera amicizia si trasforma ben presto in una passione da ventenni.

Sembra semplice e lo sarebbe se Jeanie non avesse un marito tanto premuroso quanto rassegnato al volgere-travolgere degli anni. Incapace di desiderarla, da dieci anni ha abbandonato il letto coniugale per condividere con lei solo piccole tenerezze, mentre la moglie sente di avere ancora molto da dare, in termini di passione.

Tra cedimenti, ripensamenti e fughe in campagna, Jeanie non sa gestire le proprie scelte. Così il povero Ray – già innamorato – dovrà rassegnarsi agli eventi e alla drastica decisione imposta dalla donna che – pressata da un marito in quasi crisi di identità – verrà trascinata (si fa per dire) nel Somerset, lontano da Londra e, ovviamente, da Ray.

Jeanie aspettava ogni notte – come se dovesse accogliere un amante – il momento in cui George saliva al piano di sopra e lei rimaneva finalmente sola nella sua camera da letto. A quel punto piangeva, si lasciava andare con profondi singhiozzi soffocati sotto il piumone, che la facevano boccheggiare in cerca di aria. Le lacrime non erano solo per Ray. Cominciavano per quel motivo, ma poi sembravano trasformarsi in una tristezza molto più profonda che comprendeva la sua infanzia rigidamente controllata, la malattia e la morte del fratello, la menzogna in cui aveva vissuto con suo marito da quando aveva lasciato il suo letto, l’uomo che George era diventato.”

Il romanticismo non ha nulla da temere: ci sono davvero dei momenti di grande intensità in questo libro. Tutti gli occhi sono puntati su Ray, l’uomo perfetto, a parte qualche macchia da marito traditore nel suo passato e una crisi esistenziale appena trascorsa.

L’uomo del parco sembra impossibile, ma esiste davvero. Jeanie, tuttavia, ci metterà solo un po’ di tempo per capirlo (ben 382 pagine).

La Boyd, con il suo romanzo, ha sorpreso un po’ tutti, pubblico compreso. Un libro uscito in sordina che è diventato, nel giro di poche settimane, un best seller.

Motivo? I nostri giovedì al parco è esattamente il libro che ti aspetti. E’ rassicurante e si legge velocemente. Non mancano le atmosfere autunnali e invernali che fanno tanto abbracci sotto il piumone e a Londra, si sa, può fare davvero molto freddo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hilary

Boyd

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boyd Hilary


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna

Lazzaro è un uomo quasi cinquantenne che ritorna a casa, nella terra natia di Puglia, dopo trent'anni di esilio volontario in Argentina. A riportarlo a casa è un omicidio e un'ingiustizia, di cui è stato testimone. Nel ritornare in Italia, Lazzaro ricava una nuova consapevolezza di sé pacificando i fantasmi del passato e le incognite del futuro. Un romanzo avvincente, una storia che emozionerà il lettore e lo trascinerà in un mistero a sfondo familiare, dove violenza e amore sono le due forse contrapposte.

Il segreto di Lazzaro

Vicidomini Letizia

Un ricercatore in filosofia si imbatte del tutto casualmente nel nome di Gaspard Languenhaert, oscuro filosofo del Settecento propugnatore di una singolare quanto esclusiva "filosofia dell'egoismo", dottrina in base alla quale il mondo non esiste in quanto fatto oggettivo, ma è semplicemente una proiezione mentale dell'individuo. Attraverso le scoperte del ricercatore, quindi, il lettore viene a conoscenza della strana dottrina dell'uomo che affermava di essere l'unica entità realmente esistente, e della vita assurdamente comica da lui condotta in un mondo che non è "vero"... Il tutto culmina in un finale a sorpresa che giustifica pienamente come il mondo, negato dal filosofo, non abbia conservato del filosofo alcuna traccia. “La scuola degli egoisti” esce dalla fucina del miglior Schmitt, uno Schmitt d'antan (1994) che ha da poco lasciato la carriera di professore universitario di filosofia per dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Il suo stile veloce e incisivo ci porta con altrettanta facilità a ragionare su concetti che danno le vertigini e a ridere di gusto per le avventure del filosofo convinto di essere l'unico autore della realtà, un filosofo che ci rimane malissimo quando constata che la realtà esterna non corrisponde alla sua volontà, e che ha seri problemi a gestire una Scuola degli Egoisti dove ogni singolo affiliato è graniticamente convinto di essere l'unica cosa vera al mondo!

LA SCUOLA DEGLI EGOISTI

Schmitt Eric-Emmanuel