Classici

I poteri delle tenebre – Dracula

Stoker Bram - Asmundsson Valdimar

Descrizione: Nel 1900 lo scrittore islandese Valdimar Ásmundsson cominciò a tradurre il celebre Dracula, il capolavoro gotico del 1897 di Bram Stoker. Fu pubblicato lo stesso anno con una prefazione di Stoker, ma nessuno al di fuori dell'Islanda ne aveva mai letta una pagina. Fino a quando, un secolo dopo, il ricercatore Hans De Roos fece una scoperta sensazionale: Ásmundsson non si era limitato a tradurre Dracula, ma - con l'aiuto dell'autore - ne aveva scritto una versione diversa, rielaborando la trama e aggiungendo nuovi personaggi. Il risultato è un romanzo più breve, più erotico e forse persino più ricco di suspense dell'originale. Tanti sono i misteri che circondano questo manoscritto: e se fosse un'altra versione della storia del conte Dracula, a cui Bram Stoker stava lavorando in segreto e che per più di un secolo è riuscito abilmente a nascondere? La prefazione di Dacre Stoker, pronipote ed erede dell'autore, le annotazioni del ricercatore de Ross sul contesto storico e letterario e una postfazione dello studioso John Edgar Browning forniscono indizi interessanti...

Categoria: Classici

Editore: Carbonio

Collana: Origine

Anno: 2019

ISBN: 9788899970291

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I poteri delle tenebre – Dracula – Il manoscritto ritovato di Bram Stoker – Valdimar Asmudsson

I poteri delle tenebre – Dracula – Il manoscritto ritovato di Bram Stoker – Valdimar Asmudsson è il prodotto di un’operazione sorprendente. Uno studioso scopre infatti che la pubblicazione a puntate su una rivista islandese del Dracula di Bram Stoker è avvenuta in modo creativo: il traduttore islandese non si è infatti limitato a riversare il testo in una delle lingue più “isolate” dell’Europa, ma ci ha anche messo del suo: ha introdotto varianti e modifiche al testo originario e ha così fornito alla storia una nuova veste.

Ecco che allora, dopo molti anni dalla pubblicazione, la riconversione dalla lingua islandese regala agli appassionati dell’horror gotico un nuova modulazione della storia del più celebre e terrificante Signore della notte.

La vicenda la conosciamo tutti: fin dall’inizio del suo viaggio in Transilvania, il promettente Thomas s’imbatte in segnali sinistri (“Tutti i cani della mia città si erano dati appuntamento sotto la mia finestra per ululare”) e premonitori (“Ho visto che sul davanzale si era appollaiato un pipistrello”), nella paura della gente del posto (“Quando ho raccontato loro dei cani e del pipistrello, ho notato che si sono scambiati una rapida occhiata e si sono fatti furtivamente il segno della croce”), nelle leggende che riguardano la misteriosa figura (“Il Conte era noto per condurre una vita ritirata”) di chi ospiterà il giovane avvocato inglese (“È stato sposato tre volte e per tre volte è rimasto vedovo”).
Ma Thomas confida nella ragione (“La superstizione è contagiosa come la peste”) e mantiene il suo profilo razionale (“Non ero un avventuriero alle prese con fantasmi e demoni, ma il solido Thomas Harker – giovane avvocato, attualmente impiegato presso lo studio legale di… Peter Hawkins, che mi aveva mandato dal conte Dracula, in Transilvania, per concludere l’acquisto… di una proprietà a Londra”), anche se giocoforza esercita l’arte del sospetto (“Ho infilato la mano in tasca, in cerca della rivoltella”).

Le varianti rispetto alla storia originale (“Mi ha trasmesso l’impressione che fosse sordomuta”) vengono puntigliosamente annotate dal curatore dell’opera. L’arrivo al castello (“Benvenuto nella mia casa! Entrate liberamente e con gioia!”) regala le prime immagini di un mito: “Con gli occhi profondamente infossati, le sopracciglia folte e un a naso simile al becco di un avvoltoio, il suo volto aveva un aspetto alquanto aspro… denti impeccabili, a parte i canini, insolitamente lunghi; e mani bianche ed eleganti, benché non ne abbia mai viste di così pelose.”

“C’era qualcosa di indecente nella sua voce e nella sua risata.” 

“Mi sono procurato un brutto taglio con la lama… Non ho mai visto l’aspetto di qualcuno cambiare così drasticamente… sembrava una belva feroce.” 

“Il Conte era un vecchio libertino.” 

“Il Conte era ricco come Creso.”

La descrizione del castello (“Le vecchie dimore come queste contengono molte cose che gli estranei non devono vedere”) è il trionfo del gotico (“Mi sono ritrovato in una sorta di chiesa o di tempio… ho intravisto strani simboli”) e proprio nella cripta (“La sala delle bare doveva fungere da cripta sotterranea ed essere collegata alla cappella”) avviene la più intensa contaminazione della storia originale con la tradizione islandese. Lo studio condotto dal curatore è molto serio: la struttura del castello e le planimetrie sono disponibili online

Quando Thomas decide di fuggire, cerca la complicità degli zingari che si aggirano intorno al castello (“Le voci dei tatari, ruvide e sguaiate, riempiono la corte e i loro fuochi ardono nella notte”), ma il tentativo gli si ritorce contro. I misteriosi traffici che si svolgono nel castello preludono alla seconda parte (“Secondo antichi testi, non potevano attraversare i corsi d’acqua, il loro potere si riduceva alla luce del giorno e, benché fossero in grado di mescolarsi agli umani, di tanto in tanto avevano bisogno di riposare nella terra consacrata in cui erano stati seppelliti un tempo”), in Inghilterra, ove Wilma e Lucia, la fidanzata di Thomas, cadono vittime di una pestilenza misteriosa (“Il signore di Carfax era … il Conte Dracula”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

-

Bram

Stoker

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stoker Bram - Asmundsson Valdimar


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

1960

Colombati Leonardo

Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Viva il re!

Travaglio Marco

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

1° agosto 1937, una sfilata piena di bandiere rosse attraversa Parigi. È il corteo funebre per Gerda Taro, la prima fotografa morta su un campo di battaglia che proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto. È stato lui a insegnarle l'uso della Leica e poi sono partiti assieme per la Guerra di Spagna. Nella folla seguono altri che sono legati a Gerda da molto prima che diventasse la ragazza di Capa. Ruth Cerf, l'amica di Lipsia, con cui ha vissuto nei tempi più duri a Parigi, dopo che entrambe erano fuggite dalla Germania. Willy Chardack, che s'accontenta del ruolo di cavalier servente da quando l'irresistibile ragazza gli aveva preferito Georg Kuritzkes, che ora combatte nelle Brigate Internazionali. Per tutti Gerda Taro rimarrà una presenza più forte e viva dell'eroina antifascista celebrata dai discorsi funebri. Gerda li ha spesso delusi e feriti, ma la sua gioia di vivere, la sua sete di libertà, erano scintille capaci di riaccendersi a distanza di decenni. Basta che Willy e Georg si risentano per tutt'altro motivo. La telefonata intercontinentale avvia un romanzo caleidoscopico, incardinato sulle fonti originali, di cui Gerda Taro è il cuore attivo.

La ragazza con la Leica

Janeczek Helena