Narrativa

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

Descrizione: Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Nuovo Melangolo

Collana: Extra collana

Anno: 2018

ISBN: 978-88-6983-127-0

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Jacopo Ricciardi, che per anni ha misurato il suo mondo attraverso la poesia (ndr: leggi il nostro commento ai Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, cliccando sul titolo dell’opera), si cimenta qui con una prosa a dir poco densa e riflessiva. I Quarantanove giorni rivelano una capacità inusuale di registrazione del pensiero meditativo, in una dimensione vissuta contemporaneamente dentro e fuori il tempo convenzionale

Caparbietà dettagliata dell’autore nel catturare i singoli fotogrammi del suo pensare filosofico, e determinazione a fissarli inesorabilmente sulla carta, laddove peraltro si radunano senza interrompere il loro inestinguibile movimento intrinseco; il loro fermento frenetico, un incalzare senza cedimenti, responsabile di quando in quando di una certa pressione nel lettore inconsapevolmente complice.

Durante la lettura si percepisce una dilatazione continua di ragionamenti e sensazioni, che scorre su una spirale nascosta dietro le apparenze del quotidiano, anche quelle più semplici o addirittura banali. Ma nulla può veramente essere semplice o banale in questo movimento in profondità intrapreso da Ricciardi.

Così capisco che devo cominciare dal giorno che entra dentro di me e io dentro il giorno, con un ordine in cui io lascio apparire questa esperienza di ora, e la vivo, aprendola e lasciandola parlare, nella sua forma completa, completamente visitata. Questo giorno è la mappa della mia vita che io devo visitare.

Lo scrittore coinvolge il lettore nella sua riflessione visionaria, dove la creatura umana si fonde con l’universo e altresì si staglia da esso, ricostruendolo con le sue parole più intime. La voce interiore è il filo conduttore di questo diario sui generis, veste di una realtà “altra”, capace di dissimulare se stessa mentre sfiora con le dita nude brandelli pulsanti di intuizioni cosmiche.

Tutto è agitato da un vento marino, ma che ha la portata dell’oceano, e del nord, tutto è intriso di questo vento, io rimango stordito, non ho voglia di soffermarmi sulla bellezza estrema e cangiante di tutte le cose, come se potessi accorgermi della rivoluzione del pianeta, e tutto viene raccolto proprio qui accanto a dove mi trovo, il cuore è una sorgente, non posso dimenticare il suono, non resisto, sono ancora troppo debole per la vita, ma dentro di me poggia l’enorme roccia dell’universo, la forza più va a fondo dentro di me più emerge, sensibile, fino allo sfinimento della natura tutta, e ancora di più, fino all’universo stesso…

Jacopo Ricciardi esplora e rincorre la consapevolezza delle cose, del gesto umano nella sua totalità, e nel ventaglio delle singole possibilità, come nella dimensione della scrittura.

…inaspettatamente sempre in fondo al mio sguardo si raccoglie tutto il mondo, il mondo di qualche istante è già tutto, formato, completato, tendo questa scrittura, credo, così può stare nella mano, questa scrittura è dentro quel preciso pensiero vòlto a concentrarsi su quella scrittura, ebbene, io sono pronto a srotolare pianissimo e con precisa attenzione la scrittura dal suo vortice che ci tiene dentro di lui, svelando piano il mondo, dal cuore, dal suo centro, fino alla fine della scrittura, fino all’esterno che ci lascia liberi nel mondo, questa scrittura è il percorso della nostra creazione, noi non siamo cose create ma possiamo esserlo, possiamo diventarlo, questa è la costruzione della nostra creazione, e mentre la nostra creazione si libera  mano a mano che si svolge questa scrittura io mi libero, nel mondo, con la mia creazione libera, bisogna solo seguire la scrittura, essa è cosa iniziata, ora bisogna semplicemente svolgerla, lasciarla fluire verso il cielo…

Lo scrittore ci descrive l’universo prendendo in prestito la realtà (o la metafora) della natura: la luce calda del sole, la potenza dei mari, la calma dei fiumi, il segreto del fogliame, la lente speciale di una boccia piena d’acqua, da cui getta il suo sguardo enigmatico un pesce silenzioso.

Un universo rivisitato dallo sguardo originale e sorprendente dell’arte, e di alcuni dei suoi protagonisti che l’autore ci tiene a nominare con affettuosa familiarità. Un pensiero artistico, che attinge all’arte in tutte le sue forme espressive, nutrendosi delle sue immagini e dei suoi colori. Una strada privilegiata per accostarsi al tempo infinito. Anche attraverso una fotografia.

…io vedo il durare della vita nell’eternità. Così, vedo dentro di me crescere il potere della vita, io in casa mia sposo questa foto che tu mamma hai voluto mettere in casa mia, io so che essa esiste oltre di sé, …..io visito qualcosa di più ampio della mente guardando e non guardando la foto, mi accorgo della vita che sta ancora fluendo fra noi e che non solo non ha smesso ma che forse proprio adesso, riappropriandosi di tutto….e se io la guardassi resterei bloccato in un infinito vivo, che cresce e si muove nella vita.

Un libro complesso, questo di Jacopo Ricciardi, un rincorrere sé stesso forse nello spasmodico tentativo di assolvere il dictat dei nostri antichi maestri, quel conosci te stesso che in ogni istante ti sembra di poter afferrare e immediatamente ti accorgi che si è già spostato, perché nulla è statico nel nostro universo in divenire.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jacopo

Ricciardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ricciardi Jacopo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.