Racconti

I racconti dell’Alhambra

Washington Irving

Descrizione: Nel 1929 Washington Irving soggiornò a Granada all’interno dell’Alhambra, il massimo monumento dell’arte moresca in Spagna, “uno dei luoghi più belli, romantici, deliziosi del mondo”, come scrisse a un amico. Per lo scrittore americano, molto noto anche in Europa, il soggiorno all’Alhambra rappresentò un porto tranquillo, un luogo incantato e incantevole dove potersi dedicare alla scrittura e anche una fonte di argomenti che appassionavano l’immaginazione dei lettori dell’epoca, dominata dalla passione per il Romanticismo europeo e per le storie esotiche e orientaleggianti. Dal periodo trascorso all’Alhambra nacque così la raccolta di bozzetti, storie e leggende, The Alhambra, un libro che ebbe un grandissimo successo e che fu tradotto in molte lingue, rinnovando così la notorietà dello scrittore alla vigilia del suo ritorno negli Stati Uniti dopo il lungo soggiorno europeo.

Categoria: Racconti

Editore: Studio Tesi

Collana: Il flauto magico

Anno: 2016

ISBN: 9788876926143

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

I racconti dell’Alhambra dello scrittore americano Washington Irving sono l’equivalente di una macchina del tempo perché trasportano magicamente il lettore nel passato e precisamente “… nell’antico regno di Granada”, nel sud della Spagna, in quell’Andalusia colonizzata dai Mori che diedero un’impronta indelebile alla cultura e all’architettura del luogo. Regno che cessò di esistere definitivamente nel 1492, al termine della “reconquista” da parte della corona spagnola, con la cacciata dell’ultimo monarca mussulmano Boabdil.

Nel 1829 Washington Irving trascorse un periodo a Granada, presso il palazzo dell’Alhambra, soggiorno ancora oggi testimoniato da una targa commemorativa. Egli rimase veramente impressionato dall’atmosfera che si respirava, dalle meraviglie architettoniche della fortezza, dagli arabeschi, dall’incantevole  “… corte dei Leoni con la sua celebre fontana e le sue leggere arcate moresche…”,  tanto che decise di scrivere un libro di racconti sulla storia del luogo e le numerose leggende che si erano perpetrate nel tempo grazie al passaparola; una sorta di “Fiabe delle mille e una notte” in chiave più contemporanea. L’Alhambra era l’emblema della dominazione araba in Spagna, in quanto i Mori qui riprodussero un autentico paradiso terrestre per glorificare Allah, preoccupandosi di dotare queste terre di quanto più di prezioso ci potesse essere.  Evidente pertanto la contrapposizione con il nulla e l’aridità del deserto da cui queste popolazioni provenivano, territorio peraltro  simile all’Andalusia, che ci viene descritta da Irving come un paese “malinconico e severo, con aspre montagne e immense pianure senza alberi, di un silenzio e di una solitudine indescrivibili e che presenta, piuttosto, le caratteristiche dell’Africa selvaggia e desolata”. Solo seguendo questa logica diventa quindi possibile comprendere il perché di certe scelte stilistiche: la cura maniacale nell’ideare gli splendidi giardini interni al palazzo, come ad esempio “il giardino di Lindaraja con le sue rose, i suoi limoni, la sua macchia verde smeraldo”, la ricchezza di  fiori, piante, alberi da frutto e soprattutto acqua, con le tante fontane zampillanti e gli innumerevoli canali di irrigazione.

Naturale pertanto che questo evidente splendore, tuttavia in decadenza nel XIX secolo all’epoca della visita di Irving, fosse diventato la fonte di ispirazione di numerosi racconti e leggende tramandati dal popolo e giunti fino all’orecchio dell’autore, che decise così di riportarli per deliziare i lettori con la sua opera. In molti di questi non mancano mai favolosi tesori nascosti dai Mori nei sotterranei del palazzo o nelle caverne della Sierra attorno alla città di Granada, magari vegliati dagli spiriti dei soldati che ritorneranno alla fine del tempo per riprendersi la città e la fortezza; in altri si narra invece degli amori “impossibili” tra giovani principesse o ragazze mussulmane e valorosi cavalieri cristiani (e viceversa): comunque alla fine l’amore e i sentimenti trionfano sempre a scapito della rivalità e delle differenze religiose.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Irving

Washington

Libri dallo stesso autore

Intervista a Washington Irving


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Antigone

Parrella Valeria

Cartongesso è un'invettiva viscerale e drammatica contro il Veneto attuale e contro un intero paese, l'Italia tutta. Michele Tessari è un avvocato che avvocato non vuole essere, ex necroforo, affetto da un disturbo bipolare, intrappolato nella vita come una cavia isterica ma consenziente, persino complice. Un "complice debole" del mondo in cui è immerso. Il disfacimento della sua terra si rispecchia in quello della sua esistenza, inquinata da un odio "che cammina come l'infezione, dalle caviglie alla bocca", dove si trasforma in grido. Un grido che investe la classe politica, le carceri, la giustizia, il sistema universitario, giù giù fino ai singoli individui, fino al narratore stesso, imbibito degli stessi mali contro cui si scaglia. Non c'è consolazione in queste pagine, nessuna catarsi: solo letteratura. E, in letteratura, "coraggio" è soprattutto raccontare la verità.

Cartongesso di Francesco Maino

Maino Francesco

Le tre minestre che danno il titolo a questo libro rappresentano in realtà tre ministre, come Vitali ribattezza segretamente le zie che hanno accompagnato la sua infanzia: Cristina, ministro degli Interni, è preposta alle faccende domestiche e alla cucina; Colomba, ministro dell'Agricoltura, si occupa dell'orto e delle attività agricole di famiglia; Paola infine, ministro degli Esteri, è impegnata professionalmente fuori casa e cura le relazioni con vicini e parenti. Le zie circondano il ragazzino di un affetto "rustico ma profumato", dettato dal buon senso ma ancora pregno di superstizioni, retaggio di una cultura popolare di altri tempi. Siamo infatti in un'Italia di provincia, negli anni Sessanta, dove ancora si parla il dialetto e "la saggezza si esprime in assiomi che non ammettono repliche". Dal racconto autobiografico di Andrea Vitali emerge uno spaccato di vita vissuta e di costume di grande suggestione, delicatamente nostalgico e al contempo ironico. Un autentico tuffo nel passato al quale contribuisce anche il ricettario della tradizione locale che affonda le radici nel territorio, tra le sponde del lago di Como e le valli retrostanti.

Le tre minestre

Vitali Andrea

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio