Racconti

I racconti dell’Alhambra

Washington Irving

Descrizione: Nel 1929 Washington Irving soggiornò a Granada all’interno dell’Alhambra, il massimo monumento dell’arte moresca in Spagna, “uno dei luoghi più belli, romantici, deliziosi del mondo”, come scrisse a un amico. Per lo scrittore americano, molto noto anche in Europa, il soggiorno all’Alhambra rappresentò un porto tranquillo, un luogo incantato e incantevole dove potersi dedicare alla scrittura e anche una fonte di argomenti che appassionavano l’immaginazione dei lettori dell’epoca, dominata dalla passione per il Romanticismo europeo e per le storie esotiche e orientaleggianti. Dal periodo trascorso all’Alhambra nacque così la raccolta di bozzetti, storie e leggende, The Alhambra, un libro che ebbe un grandissimo successo e che fu tradotto in molte lingue, rinnovando così la notorietà dello scrittore alla vigilia del suo ritorno negli Stati Uniti dopo il lungo soggiorno europeo.

Categoria: Racconti

Editore: Studio Tesi

Collana: Il flauto magico

Anno: 2016

ISBN: 9788876926143

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

I racconti dell’Alhambra dello scrittore americano Washington Irving sono l’equivalente di una macchina del tempo perché trasportano magicamente il lettore nel passato e precisamente “… nell’antico regno di Granada”, nel sud della Spagna, in quell’Andalusia colonizzata dai Mori che diedero un’impronta indelebile alla cultura e all’architettura del luogo. Regno che cessò di esistere definitivamente nel 1492, al termine della “reconquista” da parte della corona spagnola, con la cacciata dell’ultimo monarca mussulmano Boabdil.

Nel 1829 Washington Irving trascorse un periodo a Granada, presso il palazzo dell’Alhambra, soggiorno ancora oggi testimoniato da una targa commemorativa. Egli rimase veramente impressionato dall’atmosfera che si respirava, dalle meraviglie architettoniche della fortezza, dagli arabeschi, dall’incantevole  “… corte dei Leoni con la sua celebre fontana e le sue leggere arcate moresche…”,  tanto che decise di scrivere un libro di racconti sulla storia del luogo e le numerose leggende che si erano perpetrate nel tempo grazie al passaparola; una sorta di “Fiabe delle mille e una notte” in chiave più contemporanea. L’Alhambra era l’emblema della dominazione araba in Spagna, in quanto i Mori qui riprodussero un autentico paradiso terrestre per glorificare Allah, preoccupandosi di dotare queste terre di quanto più di prezioso ci potesse essere.  Evidente pertanto la contrapposizione con il nulla e l’aridità del deserto da cui queste popolazioni provenivano, territorio peraltro  simile all’Andalusia, che ci viene descritta da Irving come un paese “malinconico e severo, con aspre montagne e immense pianure senza alberi, di un silenzio e di una solitudine indescrivibili e che presenta, piuttosto, le caratteristiche dell’Africa selvaggia e desolata”. Solo seguendo questa logica diventa quindi possibile comprendere il perché di certe scelte stilistiche: la cura maniacale nell’ideare gli splendidi giardini interni al palazzo, come ad esempio “il giardino di Lindaraja con le sue rose, i suoi limoni, la sua macchia verde smeraldo”, la ricchezza di  fiori, piante, alberi da frutto e soprattutto acqua, con le tante fontane zampillanti e gli innumerevoli canali di irrigazione.

Naturale pertanto che questo evidente splendore, tuttavia in decadenza nel XIX secolo all’epoca della visita di Irving, fosse diventato la fonte di ispirazione di numerosi racconti e leggende tramandati dal popolo e giunti fino all’orecchio dell’autore, che decise così di riportarli per deliziare i lettori con la sua opera. In molti di questi non mancano mai favolosi tesori nascosti dai Mori nei sotterranei del palazzo o nelle caverne della Sierra attorno alla città di Granada, magari vegliati dagli spiriti dei soldati che ritorneranno alla fine del tempo per riprendersi la città e la fortezza; in altri si narra invece degli amori “impossibili” tra giovani principesse o ragazze mussulmane e valorosi cavalieri cristiani (e viceversa): comunque alla fine l’amore e i sentimenti trionfano sempre a scapito della rivalità e delle differenze religiose.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Irving

Washington

Libri dallo stesso autore

Intervista a Washington Irving


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

«Intimità e controllo sulla propria vita non c’erano piú. Alice per la maggior parte del tempo portava vestiti dell’ospedale. Si svegliava quando glielo dicevano, si lavava e si vestiva quando glielo dicevano, mangiava quando glielo dicevano. Alice si sentiva in prigione, come se l’avessero messa dentro per vecchiaia». Atul Gawande descrive e discute le principali difficoltà dei servizi assistenziali per gli anziani nell’Occidente industriale attraverso le storie paradigmatiche degli ultimi anni di vita di alcuni personaggi conosciuti personalmente. E propone alternative. La sua tesi è che lo stesso sistema sanitario che ha trasformato le nostre vite allungandole straordinariamente è però anche responsabile di una medicalizzazione della vecchiaia, in un’ottica concentrata esclusivamente sul binomio «sicurezza e salute» a discapito della centralità – soprattutto per le persone molto anziane – del controllo sulle proprie scelte di vita, anche di fronte alla morte.

Essere mortale

Gawande Atul

Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Paura di volare

Jong Erica

L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

L’opera al nero

Yourcenar Marguerite