Letteratura americana

I racconti

Poe Edgar Allan

Descrizione: Tutti i racconti dell'incubo, del mistero e del terrore nella straordinaria versione di Giorgio Manganelli. Inventore del racconto poliziesco e del thriller psicologico, nella sua sterminata produzione Edgar Allan Poe ha affrontato atmosfere torbide e terrificanti, trame allucinanti e bizzarre, intrecci misteriosi decifrabili solo con l'utilizzo di una lucida logica, mondi inquietanti e anche grotteschi, riuscendo sempre a penetrare a fondo nell'anima delle situazioni fino alle più estreme conseguenze. Questo volume che raccoglie i suoi racconti restituisce tutta la sua suprema intelligenza, la sua visionaria lucidità, la sua acuta percezione della realtà. Il lungo saggio introduttivo di Julio Cortázar aiuta a leggere la vita e l'opera di Poe sotto una luce spogliata di quei riflessi che a partire dalla sua morte hanno così spesso fuorviato i lettori di uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi tascabili

Anno: 2009

ISBN: 9788806196509

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ogni racconto di Poe richiederebbe un commento speciale.

Qui propongo una selezione di racconti, linkati con i miei commenti, ben consapevole che una rassegna ha la pecca di trascurare tutte le altre storie che non vengono nominate.

Lo scarabeo d’oro, secondo me, è il racconto capostipite di un intero filone letterario che assume l’enigma come struttura narrativa.

La caduta della casa Usher è l’emblema della letteratura gotica: manovra sapientemente senso e gusto di un meccanismo che Freud definirà “il perturbante”.

L’ombra. Una parabola è un colto apologo dell’occultismo, confezionato all’interno di un’atmosfera permeata dal senso della catastrofe incombente.

Il gatto nero e La maschera della morte rossa ben rappresentano l’horror allo stato puro. L’horror dotato di purezza intrinseca, così lontano dalle derivazioni truci e sanguinolente che contaminano e privano di dignità artistica un genere del quale Poe è il maestro indiscusso.

Il manoscritto ritrovato in una bottiglia è una ghost story che fonde pirateria, spiritismo e angoscia di fronte alla potenza terrificante della natura.

Una discesa nel Maelström – alludendo al mistero cosmico e all’inconscio planetario – a parer mio ha ispirato molti racconti di un altro grande maestro della letteratura horror: H.P. Lovecraft.

Il cuore rivelatore è una bomba a orologeria creata per far esplodere la tensione secondo i ritmi del rimorso.

Il barile di Amontillado ci porta nei penetrali della terra, in un percorso di catacombe ove sprigionare claustrofobia e ansie. Soffocando.

Il genio della perversione è semplicemente perverso e geniale: nell’interpretare la maledizione, in una sceneggiatura tetra e fosca …

Il ritratto ovale io l’ho visto in rapporto a un altro capolavoro della letteratura: Il ritratto di Dorian Gray. Come l’opera di Oscar Wilde, anche il racconto di Poe infonde vitalità eteronoma, secondo le leggi della reciprocità e della compensazione, a un dipinto.

Berenice è un compendio delle fobie più ancestrali e viscerali dell’uomo.

La sfinge” è un affondo psicologico e visionario nel potere dell’autosuggestione.

L’elenco potrebbe continuare. Ma vuole anche essere una sfida, per tutti voi, ad allungare la selezione proposta da …

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Allan

Edgar

Poe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Poe Edgar Allan

L'amore coniugale è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale. Pubblicato per la prima volta nel 1949, è tra i romanzi più vivi e impegnati di Moravia.

L’amore coniugale

Moravia Alberto

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf

Rapsodia su un solo tema

Morandini Claudio

Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

NEKROS

Ciaccio Ugo