Letteratura americana

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.

Descrizione: Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930072

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I ragazzi selvaggi di William Seward Burroughs incarnano un ideale ibrido di estetica e protesta.

La scena è internazionale e occupa il pianeta, tra Messico, Marocco,  St Louis e non soltanto. Il pdv è plurimo: descrittivo, soggettivo, oggettivato dalla cinepresa (“Dietro alla cinepresa avverto l’intelligenza indagatrice di un insetto, piramidi più avanti campi e capanne”), addirittura osservato attraverso il peep show (ndr:  il peep show è uno strumento che permette di vedere immagini e oggetti attraverso un foro o una lente d’ingrandimento). Difficile seguire questa mobilità di visuale, se non si abbandona ogni forma di sclerosi personale.

I soggetti mutano, mai costretti dalla forma espositiva (“Joselito balza in piedi e si allontana a passi pesanti un fandango trionfale”), le visioni incalzano (“La scimmia grida mentre l’aquila se la porta via”), i ragazzi selvaggi calcano la scena nudi (“La maggior parte dei ragazzi indossa il sospensorio con i colori dell’arcobaleno ma altri sembrano completamente nudi”) o con accessori minimali, come elmetti e calzari di Mercurio.

Nei paragrafi intitolati “Il peep-show della sala giochi”, le immagini assumono toni psichedelici  (“Sugli schermi 2 e 3 due girandole in arrivo luce bianca e azzurra fa guizzare una faccia adolescente”), ma l’atmosfera stroboscopica e dissacratrice dilaga (“E la colonna visiva ovviamente prendiamo i film e li rimescoliamo con foto a colori foschia azzurra e mansarde sotto tetti d’ardesia tramonti foglie autunnali mele luna rossa nel cielo fumoso tutto mescolato con foto erotiche prendiamo cinque o sei cineprese una puntata sulla faccia una sui genitali…”) insieme alle orde dei giovani che esprimono la protesta (“Ragazzi selvaggi per le strade a branchi feroci come lupi famelici. Le forze dell’ordine sono scarsissime…”) e aggrediscono il potere (“Le cineprese mostrano l’uomo della CIA… Sullo schermo ragazzi nudi fumano hashish… Ma i tentacoli spregevoli di quel male stanno facendo breccia nelle famiglie americane perbene”).

E mentre il Davide collettivo (“Nel giro di pochi secondi in centinaia giacevano morti sotto il fuoco ormai devastante dei ragazzi”) si scaglia contro il Golia del potere (“Brindo alla vittoria gloriosa dei nostri coraggiosi alleati americani sui ragazzini armati di fionde e coltellini svizzeri”), le frotte degli eroi mutano in esperimenti zoomorfi (“Nella sabbia di un campo da golf ragazzi-serpente soffiano e si contorcono in lente copulazioni protetti da un anello di cobra”) e immagini allucinate (“Ragazzi-mamba neri come l’ossidiana con sospensori di pelle di mamba e pugnali malesi scivolano silenziosi”).

Questa lettura può rappresentare una novità, un viaggio inusitato, uno sguardo incuriosito sui trascorsi culturali degli anni beat e hippy, un percorso nelle alterazioni prodotte dal connubio tra creazione artistica e  sostanze psicotrope. Chi non abbia propensione o interesse per questo tipo di esperienza potrebbe rimanere deluso, o addirittura irritato.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

S.

William

Burroughs

Libri dallo stesso autore

Intervista a Burroughs William S.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Kaitlyn Fairchild è una ragazza speciale. I suoi occhi possono vedere delle cose che nessun altro vede. Ben presto Kaitlyn scopre che le visioni in realtà sono profezie: tutti gli eventi che le vengono mostrati dal suo straordinario dono si realizzano puntualmente. Il suo potere la spaventa e le impedisce di avere una vita normale, costringendola a richiudersi in un triste mondo solitario. Un giorno però la sua amica Lidya le parla di un istituto in California, dove potrà conoscere ragazzi simili a lei. Kaitlyn si trasferisce così allo Zetes Institute, e per un breve periodo tutti i suoi sogni diventano realtà. Conosce quattro ragazzi “speciali” come lei – Rob, Gabriel, Anna e Luis – e tra loro nasce un’amicizia così profonda da trasformarsi in un indissolubile legame psichico. Per la prima volta nella sua vita Kaitlyn è felice, si sente compresa e protetta, ha tutto quello che può desiderare. Ma l’istituto in realtà non è pacifico e tranquillo come potrebbe sembrare. E il signor Zetes, l’uomo che è riuscito a radunare tutti i ragazzi, nasconde dei terribili segreti. La sua ambizione non ha confini. Dopo averli attirati a sé, Zetes vuole ridurli in suo potere, sottomettere le loro menti e i loro corpi. Per i ragazzi dello Zetes Institute la battaglia ha inizio.

DARK VISIONS

Smith Lisa Jane

Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

Non basta la verità giudiziaria. Nel mare di accuse e veleni che continuano a inquinare i processi in corso sulla trattativa Stato-mafia, con particolare riferimento alle morti di Falcone e Borsellino, e che hanno addirittura coinvolto indirettamente il presidente della Repubblica, è necessario provare a spostare il nostro angolo visuale e fare un passo indietro. La storia ci viene in aiuto per capire che cosa sta succedendo. La partita è troppo grossa perché possa rimanere nelle aule di un tribunale. In gioco è la Repubblica italiana, il nostro Stato. Entrambi nati con l'appoggio fondamentale della mafia. L'autore spiega come e perché. Dalla vittoriosa cavalcata di Garibaldi aiutato dai picciotti siciliani durante la spedizione del 1860 agli omicidi impuniti d'inizio secolo che contaminano il tessuto economico-finanziario, all'alleanza col fascismo che si limitò a contrastare la manovalanza armata. Poi il patto di sangue con gli angloamericani nel 1943 per indirizzare la pace, seguito dagli omicidi e dalle stragi del dopoguerra perché la sinistra non avesse il sopravvento al Sud, fino alle tragiche vicende oggetto degli attuali processi. Difficile ammetterlo, però è così: la mafia è stata una risorsa decisiva per lo Stato italiano sin dai suoi albori unitari offrendo appoggio anche militare a chi vigilava sul controllo "democratico" del paese e talora a chi sosteneva veri e propri disegni eversivi. La magistratura non ce la può fare da sola a spaccare questa crosta spessa di bugie e inganni...

Una lunga trattativa

Fasanella Giovanni

Un manuale snello e ironico che demolisce la figura edificante e mielosa incarnata dalla donna che legge. Uno sguardo innovativo e iconoclasta sul rapporto tra una donna che legge e i libri. Un saggio divertente che libera le lettrici dal giogo imposto da secoli di posizione subalterna: la lettura diventa una liberazione che origina dal desiderio, si manifesta nel sesso (lettura e libri come liberazione sessuale?), attraversa il corpo della letteratura e il corpo delle donne. La lettura inaugura, così, l’apprendistato verso una consapevolezza piena e matura: se per Rousseau nessuna ragazza dai casti costumi dovrebbe leggere romanzi, Francesca Serra ne rovescia l’ammonimento, dichiarando a gran voce che ogni fanciulla, prima ancora di essere un’amante, deve imparare a diventare una grande lettrice; che si tratti di Alice prossima a gettarsi all’inseguimento del Bianconiglio, della Novella Eloisa che legge avidamente una lettera dell’amato Saint-Preux, di Marilyn Monroe, colta in uno dei suoi ultimi scatti sulla spiaggia di Coney Island, mentre sfoglia l’Ulisse di Joyce. Cosa sarebbe stato della povera Emma Bovary se ne avesse seguito i consigli?

Le brave ragazze non leggono romanzi

Serra Francesca