Letteratura americana

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.

Descrizione: Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930072

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I ragazzi selvaggi di William Seward Burroughs incarnano un ideale ibrido di estetica e protesta.

La scena è internazionale e occupa il pianeta, tra Messico, Marocco,  St Louis e non soltanto. Il pdv è plurimo: descrittivo, soggettivo, oggettivato dalla cinepresa (“Dietro alla cinepresa avverto l’intelligenza indagatrice di un insetto, piramidi più avanti campi e capanne”), addirittura osservato attraverso il peep show (ndr:  il peep show è uno strumento che permette di vedere immagini e oggetti attraverso un foro o una lente d’ingrandimento). Difficile seguire questa mobilità di visuale, se non si abbandona ogni forma di sclerosi personale.

I soggetti mutano, mai costretti dalla forma espositiva (“Joselito balza in piedi e si allontana a passi pesanti un fandango trionfale”), le visioni incalzano (“La scimmia grida mentre l’aquila se la porta via”), i ragazzi selvaggi calcano la scena nudi (“La maggior parte dei ragazzi indossa il sospensorio con i colori dell’arcobaleno ma altri sembrano completamente nudi”) o con accessori minimali, come elmetti e calzari di Mercurio.

Nei paragrafi intitolati “Il peep-show della sala giochi”, le immagini assumono toni psichedelici  (“Sugli schermi 2 e 3 due girandole in arrivo luce bianca e azzurra fa guizzare una faccia adolescente”), ma l’atmosfera stroboscopica e dissacratrice dilaga (“E la colonna visiva ovviamente prendiamo i film e li rimescoliamo con foto a colori foschia azzurra e mansarde sotto tetti d’ardesia tramonti foglie autunnali mele luna rossa nel cielo fumoso tutto mescolato con foto erotiche prendiamo cinque o sei cineprese una puntata sulla faccia una sui genitali…”) insieme alle orde dei giovani che esprimono la protesta (“Ragazzi selvaggi per le strade a branchi feroci come lupi famelici. Le forze dell’ordine sono scarsissime…”) e aggrediscono il potere (“Le cineprese mostrano l’uomo della CIA… Sullo schermo ragazzi nudi fumano hashish… Ma i tentacoli spregevoli di quel male stanno facendo breccia nelle famiglie americane perbene”).

E mentre il Davide collettivo (“Nel giro di pochi secondi in centinaia giacevano morti sotto il fuoco ormai devastante dei ragazzi”) si scaglia contro il Golia del potere (“Brindo alla vittoria gloriosa dei nostri coraggiosi alleati americani sui ragazzini armati di fionde e coltellini svizzeri”), le frotte degli eroi mutano in esperimenti zoomorfi (“Nella sabbia di un campo da golf ragazzi-serpente soffiano e si contorcono in lente copulazioni protetti da un anello di cobra”) e immagini allucinate (“Ragazzi-mamba neri come l’ossidiana con sospensori di pelle di mamba e pugnali malesi scivolano silenziosi”).

Questa lettura può rappresentare una novità, un viaggio inusitato, uno sguardo incuriosito sui trascorsi culturali degli anni beat e hippy, un percorso nelle alterazioni prodotte dal connubio tra creazione artistica e  sostanze psicotrope. Chi non abbia propensione o interesse per questo tipo di esperienza potrebbe rimanere deluso, o addirittura irritato.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

S.

William

Burroughs

Libri dallo stesso autore

Intervista a Burroughs William S.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

Una delle espressioni più comuni nella nostra epoca, per asserire che il mondo oggi va meglio di allora, è: "Non siamo mica nel Medioevo!". Eppure quel periodo definito buio non lo era poi quanto si crede e si dice.Troviamo qui le storie di venticinque donne che furono regine, sante e streghe. Quello che accomuna tutte loro è il potere, più o meno grande, che giunsero ad avere, nonostante la dominanza maschile vigente allora in quasi tutti i campi. Queste donne del Medioevo raccontano una realtà diversa da quella che viene proposta nei libri di storia. Le regine governano su vasti territori e sottomettono uomini, le sante e le mistiche sono donne di notevoli doti intellettuali che apportano alla comunità il loro sapere e indirizzano le scelte dei potenti, le streghe sono contadine che conoscono l'arte medica, e quelli che noi chiamiamo "i rimedi della nonna". I racconti, sintetici e incisivi, mostrano come il "periodo di mezzo" debba esser conosciuto anche per la vivacità intellettuale delle donne di allora, riconoscendo la loro grande forza e importanza, in modo che si possa ristabilire, nella storia di questo periodo, il giusto "equilibrio di genere".

Di regine, si sante e di streghe

Franceschi Susanna Berti

Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna