Letteratura americana

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.

Descrizione: Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930072

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I ragazzi selvaggi di William Seward Burroughs incarnano un ideale ibrido di estetica e protesta.

La scena è internazionale e occupa il pianeta, tra Messico, Marocco,  St Louis e non soltanto. Il pdv è plurimo: descrittivo, soggettivo, oggettivato dalla cinepresa (“Dietro alla cinepresa avverto l’intelligenza indagatrice di un insetto, piramidi più avanti campi e capanne”), addirittura osservato attraverso il peep show (ndr:  il peep show è uno strumento che permette di vedere immagini e oggetti attraverso un foro o una lente d’ingrandimento). Difficile seguire questa mobilità di visuale, se non si abbandona ogni forma di sclerosi personale.

I soggetti mutano, mai costretti dalla forma espositiva (“Joselito balza in piedi e si allontana a passi pesanti un fandango trionfale”), le visioni incalzano (“La scimmia grida mentre l’aquila se la porta via”), i ragazzi selvaggi calcano la scena nudi (“La maggior parte dei ragazzi indossa il sospensorio con i colori dell’arcobaleno ma altri sembrano completamente nudi”) o con accessori minimali, come elmetti e calzari di Mercurio.

Nei paragrafi intitolati “Il peep-show della sala giochi”, le immagini assumono toni psichedelici  (“Sugli schermi 2 e 3 due girandole in arrivo luce bianca e azzurra fa guizzare una faccia adolescente”), ma l’atmosfera stroboscopica e dissacratrice dilaga (“E la colonna visiva ovviamente prendiamo i film e li rimescoliamo con foto a colori foschia azzurra e mansarde sotto tetti d’ardesia tramonti foglie autunnali mele luna rossa nel cielo fumoso tutto mescolato con foto erotiche prendiamo cinque o sei cineprese una puntata sulla faccia una sui genitali…”) insieme alle orde dei giovani che esprimono la protesta (“Ragazzi selvaggi per le strade a branchi feroci come lupi famelici. Le forze dell’ordine sono scarsissime…”) e aggrediscono il potere (“Le cineprese mostrano l’uomo della CIA… Sullo schermo ragazzi nudi fumano hashish… Ma i tentacoli spregevoli di quel male stanno facendo breccia nelle famiglie americane perbene”).

E mentre il Davide collettivo (“Nel giro di pochi secondi in centinaia giacevano morti sotto il fuoco ormai devastante dei ragazzi”) si scaglia contro il Golia del potere (“Brindo alla vittoria gloriosa dei nostri coraggiosi alleati americani sui ragazzini armati di fionde e coltellini svizzeri”), le frotte degli eroi mutano in esperimenti zoomorfi (“Nella sabbia di un campo da golf ragazzi-serpente soffiano e si contorcono in lente copulazioni protetti da un anello di cobra”) e immagini allucinate (“Ragazzi-mamba neri come l’ossidiana con sospensori di pelle di mamba e pugnali malesi scivolano silenziosi”).

Questa lettura può rappresentare una novità, un viaggio inusitato, uno sguardo incuriosito sui trascorsi culturali degli anni beat e hippy, un percorso nelle alterazioni prodotte dal connubio tra creazione artistica e  sostanze psicotrope. Chi non abbia propensione o interesse per questo tipo di esperienza potrebbe rimanere deluso, o addirittura irritato.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

S.

William

Burroughs

Libri dallo stesso autore

Intervista a Burroughs William S.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio

DOMANI SARA’ UN GIORNO PERFETTO

Deffenu Carlo

In Confini di Pelle, attraverso otto storie, ci conduce in una estraniante realtà quotidiana, dove appare evidente come l'umanità abbia perso totalmente la sua unità di specie. Sono famiglie in fuga dalla guerra, folli in conflitto con meschine personalità latenti, mariti con segreti, ragazzi in lotta con i loro coetanei e donne che hanno riposto la propria fiducia in uomini sbagliati. Sono terribilmente umani i personaggi, fatti persone nell'accezione etimologica del termine, ovvero maschere, che escono dall'immaginazione di Valtieri, pur nulla conservando di immaginario.

Confini di pelle

Valtieri Maurizio