Racconti

I sensi dell’eros, l’amore in tutti i sensi

Autori vari

Descrizione: L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato. Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione. Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare.

Categoria: Racconti

Editore: Delos Digital

Collana: Senza sfumature

Anno: 2017

ISBN: 9788825402759

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

I sensi dell’eros, l’amore in tutti i sensi – Pubblichiamo gli incipit di tre delle sei storie contenute ne “I sensi dell’eros”, la raccolta di racconti erotici ispirati ai sensi, intuito compreso (il sesto senso), da noi commentata a questo link con Francesca Panzacchi, curatrice dell’opera: 

http://www.i-libri.com/scrittori/francesca-panzacchi-presenta-la-collana-eros-di-imperium/ 

La redazione di i-libri.com 

__________________________________

 (La vista) 

Di luce e d’ombra. Grazia lasciva di una giovane Dea
di Charmel Roses

Perché le città sono il luogo della memoria. Lungo le sue strade, la vita scorre veloce e gli attimi restano impigliati come tanti scatti che il tempo logora, ma non distrugge.
Ed è nella trama del mattino ancora lucido di sogni, quando quella vita sembra quieta, silente e lascia spazio alla melodia di soffici rumori, che quel ricordo si risveglia e tutto, ogni cosa, pare riaffiorare e vivere, tra le braccia di un’indefinita nostalgia.
Sull’onda di queste emozioni amavo vagare in quelle mattinate d’estate, quando tutto sembrava ancora assopito, fluttuante in una sorta di vuoto e assenza che si popola di fantasmi.
Approfittavo delle ferie e delle fughe verso il mare di gran parte degli abitanti, per poter godere della città spoglia, della magia che durante il resto dell’anno si celava nel caos di vite frenetiche e distratte, immortalandola con i miei scatti.
Con un certo rammarico, pensavo e sognavo una vita diversa, il dipanarsi di un’esistenza in cui avrei potuto fare scelte differenti, in cui avrei coltivato il mio presunto talento artistico di fotografo e vissuto eventi totalmente alieni alla noia e all’insoddisfazione in cui ero immerso.
Fantasticare su quelle possibilità, su ciò che non sarebbe mai potuto essere, era una sorta di passatempo che mi tranquillizzava e mi suggeriva una piacevole malinconia sebbene, spesso, avessi l’impressione che rappresentasse più che altro un’ossessione di cui non sapevo privarmi e che finiva con lo svilire e soffocare ogni speranza fino a bloccare qualsiasi possibile ipotesi di cambiamento…

*****

(L’udito)

La sindrome di Sherazade
di Bruno Elpis

Quando mi assalì la paura che il nostro amore potesse finire, misi in atto una strategia che l’intuito e la forza della disperazione mi suggerirono.
Mi perquisivi con occhi profondi e vessatori, meravigliandoti dell’apprensione che vibrava, palpabile nell’aria, e il tuo sguardo interrogativo mi rivolgeva domande mute: «Possibile che il futuro ti spaventi così tanto?»
E un’altra domanda sprizzava dal magnetismo di occhi selvatici:
«Perché temi che la nostra storia possa finire?»
Io pensavo a una morte incombente, sentivo fragile la speranza di sopravvivenza, perché vedevo il nostro amore minacciato da convenzioni e pregiudizi. Ma era soprattutto la paura dell’infedeltà, che percepivo connaturata alla tua indole, a farmi sentire come il funambolo che si destreggia pericolosamente nella necessità d’individuare il baricentro dell’equilibrio per non precipitare.
Fu allora che m’inventai uno stratagemma, fu allora che tra di noi sbocciò il fiore delle mille e una notte.
Tutto nacque da un brivido, che traeva origine da una forma assai particolare di eccitazione.
La tua voce blandiva i miei sensi, era una musica che mi entrava in profondità e si espandeva nelle membra con armonia invasiva, impennando una sensibilità già allertata dalla presenza erotica e da una vicinanza calda che tuttavia, nei miei timori, rischiava di scomparire.
Così tornavo ai tempi della prima conoscenza, quando mi avevi conquistato anche con la timbrica dei suoni, quando la prospettiva di un rapporto nuovo si era insinuata…

*****

(Il sesto senso)

Sesso fine a se stesso
di Frank Detari

«Non amo ricevere telefonate in questi orari.»
«Ma stiamo insieme. O no?»
«No. Lo sai che sono sposato.»
«Ma nun te dovevi separà? Che ce stai a fa’ a casa? Tù moje te sfrutta e tu fija se fa li cazzi sua. Nun c’hanno bisogno de te. Te hai bisogno di me.»
Oleg si alzò all’improvviso, livido dalla rabbia.
«Senti un po’, Cristina, chi te lo ha detto? Il tuo terapeuta?»
«No è che c’ho er sesto senso. So che sarai felice solo con me.»
L’uomo si lisciò la barba, scuotendo la testa. Avrebbe avuto il suo da fare a liberarsi da quella tipa.
Pagò il conto del ristorante cinese e fulminò con lo sguardo la donna, che gli era subito apparsa di fianco.
«Volevo er gelato de riso.»
«Un’altra volta. Ora devo andare.»
Mentre Oleg si allontanava verso via Oslavia, Cristina riaccese il vecchio scooter e provò a seguirlo, sperando che lui si voltasse, la baciasse. Invano…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori vari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le vecchie abitudini di punizioni e decotti “ristoratori” non sono cambiate, il rigore e l’acrimonia della nonna Esmeralda non si sono affievoliti col tempo. L’immaginario infantile di Margherita si ricostituisce e la costringe a rivivere emozioni accantonate, a riappropriarsi di quella parte del passato rimasta in bilico tra verità e leggenda, tra omissione e mistificazione. Margherita non avrebbe mai immaginato di dover viaggiare con la mente fino alla Francia degli anni ’20 e della poesia di Paul Valéry; di dover chinare la testa ed entrare nelle grotte a oltre 20 metri di profondità in cui le zie si rifugiavano durante la guerra e si divincolavano dalle braccia dei soldati tedeschi; di doversi domandare un giorno: sono figlia di un’assassina?

QUANDO LE VOLPI SI SPOSANO

Carturan Rossana

In seguito all'uragano Kathrina, due residenti di lunga data a New Orleans, Abdulrahman e Kathy Zeitoun, si ritrovano a dover combattere una battaglia assurda contro forze che vanno ben oltre quelle del vento e dell'acqua. In questa opera di non fiction, sorprendente e profondamente umana, i lettori potranno vedere con occhi nuovi il peggior disastro naturale degli Stati Uniti, scoprendo tutte le speranze e le contraddizioni di un momento unico della storia americana.

Zeitoun

Eggers Dave

Jonah ha una famiglia a dir poco difficile. Ha due genitori quasi assenti, che non ricordano più perché stanno insieme e a malapena riescono a tenere le fila di un matrimonio che sta rovinando la loro vita e quella dei figli. E ha due fratelli: Will, di pochi mesi, che piange incessantemente, e Jesse, di 16 anni. Il rapporto tra Jonah e Jesse va ben al di là dell'amore fraterno. Sì, perché Jonah è l'angelo custode di Jesse, colui che ogni giorno lo salva da morte sicura per soffocamento. Jesse soffre infatti di gravi allergie alimentari, soprattutto al latte e, dato che Will è ancora un poppante, Jesse non è mai al sicuro, nemmeno in casa. I suoi attacchi sono violenti, terribili, devastanti, tanto da spedirlo in ospedale. Jonah non può permettersi di perderlo mai di vista: controlla tutto ciò che mangia, tocca, respira. Si assicura anche che quella sbadata di sua madre non allatti Will e poi tocchi il fratello. Ogni volta che il cellulare squilla, il cuore di Jonah parte al galoppo per la paura che Jesse sia in fin di vita. Jonah vuole essere più forte, ha bisogno di essere più forte, per sorreggere una famiglia sull'orlo del baratro, per sostenere un fratello che rischia di morire ogni giorno, per non cedere al raptus omicida nei confronti di un bebè che riduce a brandelli i nervi di tutti. Rompersi le ossa e guarire è l'unico modo che Jonah conosce per rinforzarsi. Perché chiunque sa che un osso fratturato ha il potere di curarsi da solo e di ricrescere più forte, rinvigorito. E il primo pensiero di Jonah ogni mattina è quello di escogitare nuovi metodi per raggiungere lo scopo nella maniera più veloce ed efficace possibile. La sua è una storia di autodistruzione per amore. Dita, gomiti, femori, costole: il conto è minuziosamente riportato. E' un'impresa metodica. Una scarica di adrenalina, poi il dolore, intenso, nauseante. Un libro crudo e provocatorio, che descrive con realismo una forma estrema di autolesionismo. La storia di un ragazzo raccontata da una sedicenne: è sorprendente come la giovane scrittrice sia stata in grado di ricostruire le dinamiche psicologiche di un adolescente. Titolo originale: ''Break'' (2009).

BREAK. OSSA ROTTE

Moskowitz Hannah

Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna elegante, austera e vestita completamente di nero è sveglia da ore. Sta fissando, attraverso una piccola feritoia nel muro, un pezzo di cielo che volge all'azzurro mentre le stelle lentamente scompaiono. Sa che quello squarcio di cielo è l'unica cosa che riuscirà a guardare per il resto della sua vita. L'ultima pietra che, per decreto del palatino, la condanna a essere murata viva in quella stanza è appena stata posata. Ma la contessa Erzsébet Bathory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita. Erzsébet è solo una bambina innamorata dei libri quando, nella dimora in Transilvania dove vive insieme alla sua famiglia, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non potrà mai dimenticare. Neanche quando, a soli undici anni, è costretta a sposare l'algido, freddo e violento Ferenc Nadasdy; Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sarvar è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Questo le procura non pochi nemici e coincide con l'emergere dell'anima più nera della donna. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Si tratta di una cospirazione? O siamo di fronte a una donna malvagia e perversa? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere e lottare in un mondo dominato dagli uomini?

La contessa nera

Johns Rebecca