Racconti

I sensi dell’eros

Roses Charmel, Elpis Bruno, Detari Frank

Descrizione: L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato. Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione. Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare. Antologia a cura di Francesca Panzacchi

Categoria: Racconti

Editore: Delos Digital

Collana: Senza sfumature

Anno: 2017

ISBN: 9788899143862

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

L’antologia I sensi dell’eros, edita da Delos Digital e curata da Francesca Panzacchi, in sei racconti vede alternarsi il feticismo angelicato e ispirato di Charmel Roses, gli echi dell’erotismo letterario di Anaïs Nin e delle “Mille e una notte” in Bruno Elpis, la scrittura esplicita, sanguigna e venata di noir di Frank Detari. Ecco il piano della raccolta:

la vista: “Di luce e d’ombra. Grazia lasciva di una giovane Dea” di Charmel Roses (“Scatto dopo scatto giunsi alle soglie del parco…”);

il gusto: “Sapore di mare” di Bruno Elpis (“Laura ha sapore mediterraneo e di conchiglia, perché il mare l’ha invasa…”);

il tatto: “Please don’t touch me” di Frank Detari (“Per una frazione d’istante rivisse la folgorazione patita da bambino…”);

l’olfatto: “Il profumo del ricordo” di Charmel Roses (“C’era profumo di pioggia, di sprazzi di temporali improvvisi ed effimeri che sprigionavano l’odore dell’erba e della terra, delle strade polverose di quei luoghi appartati in cui i sogni rimuginano e celebrano i ricordi”);

l’udito: “La sindrome di Sherazade” di Bruno Elpis (“Così tornavo ai tempi della prima conoscenza, quando mi avevi conquistato anche con la timbrica dei suoni…”);

il sesto senso: “Sesso fine a se stesso” di Frank Detari (“No è che c’ho er sesto senso. So che sarai felice solo con me”).

Segnalando che la curatrice dell’opera è presente nella collana “Senza sfumature” di Delos Digital con i titoli (nei titoli i link delle opere) Albergo a ore (di Cristina Origone, Francesca Panzacchi e Gabriella Saracco) e Il desiderio di Giulia, pubblichiamo la prefazione di Francesca Panzacchi a I sensi dell’eros:

“Prefazione

L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato.
Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione.
Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare.
Dalla vista che accende la bramosia negli occhi, all’udito che trasforma l’eros in parola, passando per l’olfatto, il gusto e il tatto, fino a giungere all’impalpabilità del sesto senso che muove il desiderio come una corrente sotterranea.
I sensi sembrano sfidarsi fra le pagine di questa raccolta erotica, ma poi si compenetrano e infine esplodono all’unisono in una percezione dell’altro non più parziale ma assoluta.
Ne “I sensi dell’eros”, come nella vita, l’amore e il sesso non sono mai un punto d’arrivo, ma un’infinita, incessante scoperta.” 

La redazione di i-libri.com

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elpis

Charmel,

Roses

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roses Charmel, Elpis Bruno, Detari Frank


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A Rabat, sullo sfondo di splendidi paesaggi marocchini, Maria ha sei anni e subisce ripetuti abusi da parte del padre, un diplomatico italiano temporaneamente di stanza all'estero. Una mattina, la madre Zaira, tornando verso casa nella Ville Nouvelle dov'è la residenza, dietro un muro di gente e polizia scopre il corpo del marito a terra, caduto dalla finestra e morto presumibilmente suicida mentre era solo in casa con la bambina. Alcuni anni dopo, a Roma, Maria è un'adolescente chiusa, aggressiva e turbata, che risente delle violenze passate tanto da rifarsi sulla madre con fare dispotico. Al culmine di una serie di provocazioni nei confronti di Zaira, sta la scena di seduzione del suo nuovo compagno, scena che avviene volutamente sotto gli occhi della donna, legata indissolubilmente al proprio passato e ai fantasmi in comune con la figlia.

La figlia femmina

Giurickovic Dato Anna

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Una seconda chance è sempre possibile. Basta alzare lo sguardo e tendere la mano. Qualcuno la afferrerà. Commovente e allegro, il romanzo-antidoto contro il cinismo bestseller in Francia. Ferdinand vive tutto solo nella sua grande fattoria in campagna. Figli e nipoti hanno tanti di quegli impegni, e a lui restano il gatto, un bicchierino ogni tanto, e un sacco di tempo libero. Un giorno, facendo visita alla vicina, Ferdinand scopre che un nubifragio le ha devastato il tetto. Non ci dorme tutta la notte. Ma il mattino successivo si fa coraggio e invita Marceline a trasferirsi da lui. Lei e tutti i suoi animali, ben inteso: il cane, un vecchio gatto, e l'asino Cornélius. Lo spazio proprio non manca. A poco a poco la fattoria si riempie di fermento, agitazione, nuova vita. Perché dopo Marceline arrivano anche un amico di Ferdinand rimasto vedovo di recente, due vecchine un po' smemorate, uno studente che rimette in sesto l'orto, e alla fine anche Paulette... Un'incantevole commedia di sentimenti e belle emozioni. Un romanzo lieve ma capace di far riflettere su il significato dell'amicizia e il dialogo tra le generazioni. Un successo sorprendente in Francia, per un libro che ha intenerito e fatto sorridere tantissimi lettori.

E POI… PAULETTE

Constantine Barbara

Che cosa va punito? In che modo? Con quali obiettivi? Come dobbiamo intendere la responsabilità e la colpa? Questioni come queste sono strettamente correlate ai mutevoli contesti politico-ideologici, alle tendenze culturali, all'evoluzione del pensiero filosofico e anche ai paradigmi elaborati dalle scienze. Il libro offre un quadro dei temi e dei problemi di fondo del diritto penale contemporaneo, sottolineando il rapporto di forte tensione, e in alcuni casi di contraddizione, tra i principi che dovrebbero conformare un diritto penale liberaldemocratico degno di questo nome e il concreto diritto penale che viene applicato nei tribunali.

Prima lezione di diritto penale

Fiandaca Giovanni