Racconti

I sensi dell’eros

Roses Charmel, Elpis Bruno, Detari Frank

Descrizione: L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato. Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione. Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare. Antologia a cura di Francesca Panzacchi

Categoria: Racconti

Editore: Delos Digital

Collana: Senza sfumature

Anno: 2017

ISBN: 9788899143862

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

L’antologia I sensi dell’eros, edita da Delos Digital e curata da Francesca Panzacchi, in sei racconti vede alternarsi il feticismo angelicato e ispirato di Charmel Roses, gli echi dell’erotismo letterario di Anaïs Nin e delle “Mille e una notte” in Bruno Elpis, la scrittura esplicita, sanguigna e venata di noir di Frank Detari. Ecco il piano della raccolta:

la vista: “Di luce e d’ombra. Grazia lasciva di una giovane Dea” di Charmel Roses (“Scatto dopo scatto giunsi alle soglie del parco…”);

il gusto: “Sapore di mare” di Bruno Elpis (“Laura ha sapore mediterraneo e di conchiglia, perché il mare l’ha invasa…”);

il tatto: “Please don’t touch me” di Frank Detari (“Per una frazione d’istante rivisse la folgorazione patita da bambino…”);

l’olfatto: “Il profumo del ricordo” di Charmel Roses (“C’era profumo di pioggia, di sprazzi di temporali improvvisi ed effimeri che sprigionavano l’odore dell’erba e della terra, delle strade polverose di quei luoghi appartati in cui i sogni rimuginano e celebrano i ricordi”);

l’udito: “La sindrome di Sherazade” di Bruno Elpis (“Così tornavo ai tempi della prima conoscenza, quando mi avevi conquistato anche con la timbrica dei suoni…”);

il sesto senso: “Sesso fine a se stesso” di Frank Detari (“No è che c’ho er sesto senso. So che sarai felice solo con me”).

Segnalando che la curatrice dell’opera è presente nella collana “Senza sfumature” di Delos Digital con i titoli (nei titoli i link delle opere) Albergo a ore (di Cristina Origone, Francesca Panzacchi e Gabriella Saracco) e Il desiderio di Giulia, pubblichiamo la prefazione di Francesca Panzacchi a I sensi dell’eros:

“Prefazione

L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato.
Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione.
Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare.
Dalla vista che accende la bramosia negli occhi, all’udito che trasforma l’eros in parola, passando per l’olfatto, il gusto e il tatto, fino a giungere all’impalpabilità del sesto senso che muove il desiderio come una corrente sotterranea.
I sensi sembrano sfidarsi fra le pagine di questa raccolta erotica, ma poi si compenetrano e infine esplodono all’unisono in una percezione dell’altro non più parziale ma assoluta.
Ne “I sensi dell’eros”, come nella vita, l’amore e il sesso non sono mai un punto d’arrivo, ma un’infinita, incessante scoperta.” 

La redazione di i-libri.com

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elpis

Charmel,

Roses

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roses Charmel, Elpis Bruno, Detari Frank


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giuseppe Berto è stato il primo scrittore italiano ad avere il coraggio di uscire allo scoperto parlando della propria esperienza di depresso cronico. La grandezza de Il male oscuro, tuttavia, non risiede soltanto nel tentativo dell’autore di liberarsi terapeuticamente di un peso e di andare alle radici di un problema medico, ma sta soprattutto nella volontà di rompere il muro di ipocrisia e di indifferenza dietro il quale si era trincerata la società degli anni Sessanta. Attraverso un flusso di coscienza che ricorda La coscienza di Zeno di Italo Svevo, Giuseppe Berto intraprende la ricerca delle cause del "male oscuro" che lo attanaglia, partendo dalla cronaca di alcuni avvenimenti della propria infanzia: dal difficile rapporto con il padre (la cui morte sarà il motivo scatenante della depressione) al complesso di Edipo; dall’ambigua e latente conflittualità sessuale allo smodato desiderio di gloria del protagonista, che gli provocò sempre un forte senso di colpa. Quella di Berto è un’indagine lunga, profonda, non priva di momenti ironici e grotteschi che, dopo aver messo a fuoco gli anni del matrimonio, quelli della nascita della figlia Augusta e della fuga in Calabria a seguito del tradimento della moglie, si soffermano meticolosamente sullo snodo centrale della vita di Berto: la scoperta della psicanalisi e di un terapista che lo aiuterà a guarire da alcuni dei suoi sintomi più dolorosi. Un sapiente miscuglio di comicità e tragicità che ne fa, ancora oggi, un romanzo che per la sua attualità tematica, e la sua umanità, può essere apprezzato in qualsiasi epoca.

Il male oscuro

Berto Giuseppe

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri

Londra, 1940. Mentre nel cielo incrociano gli Spitfire e i Messerschmitt di Göring, il dottor Haggard riceve la visita di James Vaughan, un giovane aviatore che gli si presenta con una frase letale: «Penso che lei abbia conosciuto mia madre». Strappato di colpo alle sue fiale di morfina e al culto feticistico di una donna perduta per sempre, Haggard intraprende una lunga, tormentosa confessione, raccontando per la prima volta la vicenda che tre anni prima ha distrutto la sua vita. Ma nel ricostruire il décor e le atmosfere di un amore feroce e claustrofobico, tutto consumato fra stanze in penombra, strade immerse nella nebbia, teatri d’anatomia popolati dai fantasmi di un’ossessione, Haggard si rende conto di avere ancora una volta liberato una forza oscura e terribile, una forza che ora lo spinge irresistibilmente verso il ragazzo e che l’inquietante somiglianza fra questi e sua madre non basta a spiegare. Ed è come se le pagine di questo intenso romanzo fossero avvolte dall’aura di un morbo senza nome – lo stesso che (forse) abita nell’amore e che sembra trasformare Vaughan in qualcos’altro e noi nei voyeur della sua trasformazione.

IL MORBO DI HAGGARD

McGrath Patrick

Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia