Saggi

I serial Killer dell’anima

Mammoliti Cinzia

Descrizione: La violenza psicologica umilia la vittima attraverso azioni di manipolazione mentale che le fanno perdere fiducia in se stessa. Un omicidio dell’anima e della mente che richiede una sensibilizzazione collettiva. Molte volte, infatti, il crimine non viene denunciato perché a macchiarsene sono le persone che più si amano e che si sentono, per tale ragione, autorizzate a continuare. Questa guida si rivolge sia a chi si ritrova in una situazione di violenza psicologica sia a coloro che vogliono approfondire e prendere coscienza del problema, nonché agli operatori giudiziari, psicologici e sociali: analizza i contesti in cui si sviluppa la manipolazione mentale; spiega in cosa consiste la manipolazione, da chi viene effettuata, e quali sono le caratteristiche di chi la subisce; aiuta a uscire dalla relazione perversa vittima-carnefice, per riprendere in mano la propria vita. Con uno stile chiaro e diretto, la guida affronta un argomento ancora sottovalutato in Italia, fornendo gli strumenti per combattere la violenza psicologica.

Categoria: Saggi

Editore: Sonda

Collana: Benessere profondo

Anno: 2012

ISBN: 9788871066417

Trama

Le Vostre recensioni

Esistono assassini feroci, privi di ogni scrupolo. Belve assetate di linfa vitale, che si nutrono della vita altrui fino ad annientarla. Sono mostri ben diversi da quelli delle favole, a volte hanno un bell’aspetto, ma dietro quella maschera di normalità nascondono un animo nero e strisciante. Non è facile riconoscerli perché non impugnano armi quando avvicinano le loro vittime, spesso indossano sorrisi e profondono attenzioni. Come serpenti stringono lentamente le loro spire, fingendo carezze che alla fine diventeranno stretta letale. Sono I Serial Killer dell’anima e sono tra noi.

Cinzia Mammoliti ci guida con maestria nei meandri dell’animo contorto di questi mefitici individui armando le nostre menti e spiegando come riconoscerli. Ci fornisce le armi per difenderci dal pericolo di un incontro potenzialmente letale per il nostro spirito e spesso purtroppo, le cronache sempre più spesso lo ricordano, anche per la nostra vita.

I Serial Killer dell’anima è un saggio scritto con cognizione di causa da chi studia da sempre l’animo umano e le sue devianze e lavora per la prevenzione alla violenza psicologica. L’autrice suddivide la sua analisi in paragrafi che analizzano l’animo dei manipolatori aiutandoci prima a capire cosa sia in realtà la manipolazione psicologica, poi ci fornisce tutti i dati necessari per riconoscere un killer dell’anima, ci descrive il crescendo di una relazione perversa e alla fine spiega come riottenere la propria libertà e uscire da una simile trappola letale.

Cincia Mammoliti però non si limita ad analizzare il carnefice, aiuta anche le potenziali vittime a sapersi riconoscere in quegli animi predisposti a soccombere. Vittime predestinate, indebolite dall’insicurezza, afflitte dai sensi di colpa e dalla paura della scia dolorosa e delle conseguenze che possono conseguire alla rottura di una relazione malata. Più che un saggio I Serial Killer dell’anima è un quasi un manuale di sopravvivenza che apre gli occhi su sfumature non sempre individuabili, ma che aiuta anche a capire come difendersi e reagire all’oppressione di un manipolatore.

Cinzia Mammoliti è laureata in giurisprudenza e specializzata in Criminologia.  Da molti anni è impegnata nella prevenzione della violenza psicologica, della manipolazione relazionale, dello stalking e del mobbing. È inoltre docente di psicologia per la Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’interno e formatrice in materia di comunicazione strategica e gestione dei conflitti per numerosi Comandi di Polizia locale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cinzia

Mammoliti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mammoliti Cinzia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola

Peter, assiduo lettore di annunci matrimoniali, Davide, disincantato osservatore della realtà, Matteo, ostinato maniaco della pulizia, e Diego, inetto slacciatore di reggiseni, sono compagni d'appartamento. Vivono gli anni universitari barcamenandosi tra imprese goliardiche, crucci esistenziali e amori tormentati. “Cassonetti” racconta la loro storia, descrivendo tre giornate della loro vita esattamente a distanza di un anno, le une dalle altre. Ma il tempo non scorre lineare, stravolge gli eventi, portandoli a incontrare se stessi, senza riconoscersi, mentre compiono le stesse azioni. Come se la loro vita fosse un interminabile fermo immagine, sospesa nel tempo, fino al finale.

CASSONETTI

Antoni Gianluca

La mattina del 24 marzo 1946 Alexander Alekhine, campione del mondo di scacchi, celebre anche per la singolare crudeltà del suo gioco e l’eccentrica personalità, venne trovato privo di vita nella sua stanza d’albergo, a Estoril. Il medico che assisté all’autopsia certificò che la morte era avvenuta per asfissia, provocata da un pezzo di carne cruda conficcatosi nella laringe. “Non è stato rilevato alcunché di sospetto che possa far pensare a un suicidio, né tantomeno a un omicidio” dichiarò. Ma come mai una simile precisazione? Forse perché le foto del cadavere potevano far pensare a una messinscena? Solo un romanziere appassionato di scacchi come Maurensig poteva provare a rispondere a queste domande.

Teoria delle ombre

Maurensig Paolo

L’India dei bambini

Sabbatini Emanuela