Saggi

I serial Killer dell’anima

Mammoliti Cinzia

Descrizione: La violenza psicologica umilia la vittima attraverso azioni di manipolazione mentale che le fanno perdere fiducia in se stessa. Un omicidio dell’anima e della mente che richiede una sensibilizzazione collettiva. Molte volte, infatti, il crimine non viene denunciato perché a macchiarsene sono le persone che più si amano e che si sentono, per tale ragione, autorizzate a continuare. Questa guida si rivolge sia a chi si ritrova in una situazione di violenza psicologica sia a coloro che vogliono approfondire e prendere coscienza del problema, nonché agli operatori giudiziari, psicologici e sociali: analizza i contesti in cui si sviluppa la manipolazione mentale; spiega in cosa consiste la manipolazione, da chi viene effettuata, e quali sono le caratteristiche di chi la subisce; aiuta a uscire dalla relazione perversa vittima-carnefice, per riprendere in mano la propria vita. Con uno stile chiaro e diretto, la guida affronta un argomento ancora sottovalutato in Italia, fornendo gli strumenti per combattere la violenza psicologica.

Categoria: Saggi

Editore: Sonda

Collana: Benessere profondo

Anno: 2012

ISBN: 9788871066417

Trama

Le Vostre recensioni

Esistono assassini feroci, privi di ogni scrupolo. Belve assetate di linfa vitale, che si nutrono della vita altrui fino ad annientarla. Sono mostri ben diversi da quelli delle favole, a volte hanno un bell’aspetto, ma dietro quella maschera di normalità nascondono un animo nero e strisciante. Non è facile riconoscerli perché non impugnano armi quando avvicinano le loro vittime, spesso indossano sorrisi e profondono attenzioni. Come serpenti stringono lentamente le loro spire, fingendo carezze che alla fine diventeranno stretta letale. Sono I Serial Killer dell’anima e sono tra noi.

Cinzia Mammoliti ci guida con maestria nei meandri dell’animo contorto di questi mefitici individui armando le nostre menti e spiegando come riconoscerli. Ci fornisce le armi per difenderci dal pericolo di un incontro potenzialmente letale per il nostro spirito e spesso purtroppo, le cronache sempre più spesso lo ricordano, anche per la nostra vita.

I Serial Killer dell’anima è un saggio scritto con cognizione di causa da chi studia da sempre l’animo umano e le sue devianze e lavora per la prevenzione alla violenza psicologica. L’autrice suddivide la sua analisi in paragrafi che analizzano l’animo dei manipolatori aiutandoci prima a capire cosa sia in realtà la manipolazione psicologica, poi ci fornisce tutti i dati necessari per riconoscere un killer dell’anima, ci descrive il crescendo di una relazione perversa e alla fine spiega come riottenere la propria libertà e uscire da una simile trappola letale.

Cincia Mammoliti però non si limita ad analizzare il carnefice, aiuta anche le potenziali vittime a sapersi riconoscere in quegli animi predisposti a soccombere. Vittime predestinate, indebolite dall’insicurezza, afflitte dai sensi di colpa e dalla paura della scia dolorosa e delle conseguenze che possono conseguire alla rottura di una relazione malata. Più che un saggio I Serial Killer dell’anima è un quasi un manuale di sopravvivenza che apre gli occhi su sfumature non sempre individuabili, ma che aiuta anche a capire come difendersi e reagire all’oppressione di un manipolatore.

Cinzia Mammoliti è laureata in giurisprudenza e specializzata in Criminologia.  Da molti anni è impegnata nella prevenzione della violenza psicologica, della manipolazione relazionale, dello stalking e del mobbing. È inoltre docente di psicologia per la Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’interno e formatrice in materia di comunicazione strategica e gestione dei conflitti per numerosi Comandi di Polizia locale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cinzia

Mammoliti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mammoliti Cinzia

Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell'abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l'abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di animali e di piante. È scritto in codice, ma le prime parole sono in latino: Io, Barthomieu, monaco dell'abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia. Per migliaia di anni è rimasto immerso nell'oscurità. Poi un'intuizione ha squarciato le tenebre. Incredulo, l'archeologo Luc Simard cammina in quel grandioso complesso di caverne, interamente decorate con splendidi dipinti rupestri. E arriva all'ultima grotta, la più sorprendente, dove sono raffigurate alcune piante: le stesse riprodotte nell'enigmatico manoscritto medievale… Per un tempo indefinibile è rimasto avvolto nel mistero. È stato custodito da santi e da assassini, è stato una fonte di vita e una ragione di morte. Poi un imprevisto ha rischiato di svelarlo agli occhi del mondo. Spietati, gli abitanti di Ruac non hanno dubbi: i forestieri devono essere fermati. Perché la cosa più importante è difendere il loro segreto. A ogni costo.

LA MAPPA DEL DESTINO

Cooper Glenn

Sulle colline di Montebudello, tra Bologna e Modena, durante uno scavo una ruspa porta alla luce un cadavere seppellito da oltre dieci anni. È una sera gelida, c'è il pericolo che la pioggia battente si trasformi in tormenta di neve. Un inferno per i tecnici della Scientifica. Giornalisti e curiosi si accalcano intorno alla zona del ritrovamento: ben presto l'attenzione di tutto il Paese si concentra su quel macabro mistero. L'architetto Gabriele Moretti sta guardando il servizio alla televisione. Ha trentasei anni, una bella famiglia a cui è molto legato e la sua carriera è decollata. Eppure, dopo aver visto quel servizio di cronaca, il suo umore cambia improvvisamente e le sue notti si popolano di incubi, invasi da luoghi oscuri, presenze spettrali e cadaveri resuscitati. Agli incubi si aggiungono emicranie, allucinazioni e la sensazione di essere seguito. Come se non bastasse trova biglietti anonimi lasciati in ascensore, e persino la moglie e i suoceri sembrano mutare atteggiamento nei suoi confronti. Che cosa è accaduto davvero dieci anni fa su quelle colline? Gabriele ancora non lo sa, ma c'è una verità oscura che sta per tornare alla luce: altri efferati omicidi stanno per essere commessi.

La collina dei delitti

Carboni Roberto

Aurora Scalviati torna in un thriller impetuoso, costruito con precisione chirurgica, sorprendente fino all'ultima pagina. Per trovare salvezza non basta cambiare la pelle. Serve cambiare le ossa. Torino, 1988. Tito Ferretti ha solo quattro anni quando assiste all'omicidio di sua madre e del suo amante: è opera del "mostro", il serial killer che sta terrorizzando la città e che sarà catturato, dopo un'indagine serrata, dal sostituto procuratore Francesco Scalviati. Sono passati 34 anni da allora. Il ricordo di quei fatti è lontano, ma il rinvenimento di un cadavere sfigurato sembra improvvisamente riaprire l'incubo: è Tito Ferretti. L'hanno massacrato con un antico spaccaossa, terza vittima di un assassino che agisce secondo una precisa, feroce dinamica. C'è un collegamento con il mostro, e quale? Il commissario Damiano Provera sa che solo una persona può venirne a capo: Aurora Scalviati, figlia del magistrato che negli anni Ottanta seguì il caso del mostro, venuta al mondo la stessa notte in cui le mani del padre si macchiarono di sangue. Capace, soprattutto, di scorgere le connessioni che nessun altro vede, e farne materia per identificare il killer. Aurora realizza subito che, anche se non sembrano avere nulla in comune, le vittime sono state scelte in base a un disegno preciso. E viene attratta da due indizi inquietanti: delle inspiegabili incisioni sulle ossa di Ferretti e un libro misterioso sulle connessioni fra teoria quantistica e fede. Mentre cerca di decifrare l'enigma arriva un'altra notizia sconvolgente: Giorgia, una ragazzina di dodici anni, è appena stata rapita... È l'inizio di un viaggio allucinante dove Aurora dovrà ricostruire un meccanismo perfetto e spietato, confrontarsi con la potenza della mente umana e capire, una volta di più, che il passato è l'unica chiave per penetrare il presente. E l'unica possibilità di redimersi. Aurora Scalviati torna in un thriller impetuoso, costruito con precisione chirurgica, sorprendente fino all'ultima pagina.

Cambiare le ossa

Baraldi Barbara

Tratto dal diario non censurato di Anaïs Nin, questo ritratto autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra il 1931 e il 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che segnerà una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e turbata dalla fisicità di June, la giovane Anaïs Nin inizia una sorta di educazione erotico-sentimentale che la condurrà alla completa maturazione emotiva e personale. Da questo gioco a tre, sotto la magistrale “regia” di Miller, sullo sfondo della Parigi negli anni trenta, si sviluppa un libro dai risvolti morbosi che completa l’immagine provocatoria di una scrittrice ormai consacrata tra i nomi più illustri della letteratura contemporanea.

Henry & June

Nin Anais