Giallo - thriller - noir

I tuoi occhi sono foglie

Guglielmi Marilena

Descrizione: La vita di Mouans Sartoux, piccolo borgo provenzale, è turbata da una serie di tragici eventi: Laetitia Chevalier è scomparsa nel nulla; Etienne Blondel muore a seguito di una ubriacatura; Rkia Azergui è coinvolta in un improbabile incidente con il motorino. Tra le distese di campi che circondano il paese si nasconde un casolare abbandonato. Andrea, giovane studioso di botanica, aggira la recinzione ed entra insieme all'amico Mathieu: è l'inizio di un viaggio senza ritorno sulle tracce di un segreto sepolto tra i ricordi dell'infanzia. Nella narrazione giocano un ruolo fondamentale la natura e le piante: il profumo del caprifoglio provoca incubi, il narciso induce al sonno, l'aconito è velenoso, il frutto del melograno ha il colore del sangue...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Il canneto Editore

Collana: Adastra

Anno: 2022

ISBN: 9791280239228

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I tuoi occhi sono foglie di Marilena Guglielmi è un’opera che richiama alla mente, per connessione di riferimenti, autrici come Emily Dickinson, la Matilde Serao di L’anima dei fiori e la Pia Pera di Al giardino ancora non l’ho detto (ndr: clicca sui titoli delle due opere per leggere i nostri commenti), che hanno fatto della vita segreta delle piante motivo di pathos e di ispirazione artistica (“Fino a oggi ho creduto che fosse nocivo tenere piante in camera da letto… Se fosse vero, i campeggiatori che dormono in un bosco, sotto una tenda, al mattino sarebbero tutti morti…”).

In questo romanzo piante e fiori (“Il tronchetto della felicità… la casa ne è piena… Mio figlio ha il pollice verde”) intitolano i capitoli lungo i quali si dipana la storia di Andrea Boitano (“Sopra il suo letto… una gigantografia di un comune dente di leone”), giovane studente di botanica (“Stringe le palpebre, cerca il respiro in fondo ai polmoni e avverte, come un abbraccio possente, il conforto delle piante”), che – dopo una serata trascorsa con l’amico d’infanzia Mathieu a Mouans Sartoux, borgo provenzale – si ritrova malconcio, senza memoria e con un disturbo che mina la vista e lo splendore dei suoi occhi azzurri (“Yuri resta senza parole, e pensa agli occhi azzurri di suo fratello, lo sguardo intento a seguire le nervature di una foglia di platano”).

“Cos’è successo la sera del 27 febbraio?… Andrea non ricorda quasi nulla”? Gli eventi sono forse riconducibili al rave che era in corso lì vicino?

E cosa conteneva la bevanda assunta dai due ragazzi? (“Senecio Jacobaea, o Erba di San Giovanni, o Astro dei fossi. I primi sintomi dell’avvelenamento si manifestano subito…”)

Che fine ha fatto Mathieu (“Sono forse il guardiano di mio fratello?”)?

Con l’aiuto del fratello Yuri e stimolato dalla madre Anna Bianca, nella quale è ancora vivo il dolore per la perdita della figlia Lea (“Un ricordo, come un banco di nebbia, le impedisce di avanzare… Choc ritardato”) e sulla quale incombe l’onere di rivelare ai figli un segreto impegnativo, Andrea si reca sul luogo dell’incidente e lì ritrova il gioiello di un’altra amica d’infanzia (Laetitia).

Ben presto la ricostruzione degli eventi conduce a connettere le morti di Laetitia, Rkia ed Etienne, tutti ex compagni di Andrea. Quando anche il corpo di Mathieu viene ritrovato (“La morte di Mathieu, il ritrovamento del cadavere di Laetitia Chevalier, suo padre colpito da un attacco cerebrale e subito dopo la notizia che è sospettato di omicidio”), il disegno criminoso diventa la filigrana di una tragedia collettiva (“Eppure, finora abbiamo scoperto quattro omicidi commessi a cadenza regolare: uno ogni anno, nel mese di febbraio. Devono essere per forza collegati”), che affonda le radici nel disagio, nella gelosia, forse anche nell’invidia.

La descrizione e le assonanze del mondo vegetale (“Non ti scordar di me… La scatola chiedeva di essere aperta…”), lo psicologismo (“La memoria si apre di fronte a Yuri e Andrea come un lungo tunnel buio che diventa sempre più luminoso mano a mano che avanzano”) e gli ottimi riferimenti culturali sono i fili conduttori di una vicenda che, sin dalle prime pagine, cattura apprensione (“Il fulmine può picchiare due volte nello stesso punto?”), interesse ed empatia del lettore e si regge su una tensione che scava nei legami di amore e di amicizia per consegnare una storia ricca di suspense e di rivelazioni progressive (“E la felicità?… Ci voleva la dracena per ricordargliela… ci voleva un’altra tragedia”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marilena

Guglielmi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Guglielmi Marilena

A seguito di un malore Marina, ex ballerina in pensione, viene portata, suo malgrado, dai nipoti in una casa di riposo. Nella stessa casa di riposo lavora Clara che, dopo un passato da donna in carriera che le ha causato la perdita di tutti gli affetti, è riuscita a reinventarsi una vita dedicandosi con estrema devozione agli ospiti dell'Istituto. Nonostante la reciproca diffidenza iniziale le due donne stringono un'amicizia profonda, costellata da una serie di coincidenze inattese che segnano il loro rapporto. Finché un giorno arriva la nipote di Marina, Michela, con un pacco marrone legato con uno spago. A Clara non sfugge la reazione sconvolta della sua amica. Il pacco contiene delle lettere. Sono lettere dal passato di Marina, scritte negli anni del terrorismo dal suo uomo, poliziotto prima a Milano, poi a Roma e infine a Bologna. Lettere che ci fanno rivivere il clima degli anni di piombo. Piombo, come quello che ha avvolto il cuore di Marina quando l'ennesima strage si è portata via il suo Rossano. A nulla è servito il tempo trascorso, soltanto Clara, con la sua amicizia, riuscirà ad ammorbidire il cuore di Marina. La convincerà ad accettare il passato, a ricongiungersi con i suoi ricordi. Lo stesso farà Marina con Clara, aiutandola a comprendere e ad affrontare i suoi demoni. Grazie a Marina, Clara rimedierà ai suoi errori e si riconcilierà con la sua famiglia.

Il filo che ci lega

Dotta Graziella

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

«Creano queste lettere dialoghi intersecati e simultanei la cui verità, capace di destare l’interesse del lettore, sta nel montaggio finale delle varie voci. Per ottenere questo montaggio di voci, di ambienti, di climi, di situazioni alcune espresse altre taciute ma intraviste, di echi che in qualche caso sono chiari più a chi legge che a chi scrive, la raccolta doveva essere il più possibile completa, variata e senza privilegio di destinatari.» – Nico Naldini Questo volume riunisce per la prima volta in forma completa l’epistolario di Pier Paolo Pasolini. I curatori Antonella Giordano e Nico Naldini – mancato poco prima della conclusione dell’impresa – hanno interpellato per anni archivi di fondazioni, biblioteche e istituti culturali, contattato i destinatari dello scrittore o i loro eredi, consultato giornali e riviste riuscendo così a integrare con oltre trecento lettere il corpus finora conosciuto. Spiccano tra le inedite quelle indirizzate a Paolo Volponi, Elsa Morante, Gianfranco Contini, Giuseppe Ungaretti, Attilio Bertolucci, Giorgio Bassani, Vanni Scheiwiller, che arricchiscono una raccolta già tra le più ampie e significative della letteratura italiana. Il risultato è un carteggio unico per qualità degli interlocutori e ampiezza dei registri, l’equivalente di una vera e propria autobiografia. A introdurre i testi vi è una nuova Cronologia della vita e delle opere di Pasolini che segue l’impianto ideato da Nico Naldini e viene qui ampliata con integrazioni, aggiornamenti e rettifiche sia su fatti biografici sia sulle opere, tenendo conto degli studi e dei ritrovamenti degli ultimi anni e dando ampio spazio alla voce dell’autore.

Le lettere

Pasolini Pier Paolo