Giallo - thriller - noir

I vasi di Ariosto

Lusetti Lorena

Descrizione: "Nessuno lo vedrà mai più, Stella, di questo puoi stare sicura. Ho un cugino che ha un allevamento di maiali vicino a Parma. Quelli mangiano di tutto." L'investigatrice privata Stella Spada ha superato il limite. La parte oscura della sua personalità sta prendendo il sopravvento, e questo non lo può permettere. Deve cambiare finché è ancora in tempo, ma tutto ha un prezzo. Non può continuare a lasciarsi coinvolgere dai casi su cui investiga fino a diventare lei stessa parte del crimine che persegue. Quanto è diversa la Stella che esce da questa nuova avventura?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Damster

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788868103255

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I vasi di Ariosto di Lorena Lusetti

E siamo così giunti alla quinta puntata della saga di Stella Spada. L’investigatrice più giustizialista d’Italia ha appena combinato qualche altra marachella penalmente rilevante nel romanzo precedente, L’orecchio del diavolo: la ritroviamo febbricitante in Via dell’Inferno (“Vicolo bolognese dal nome evocativo… posto nel suggestivo e antichissimo ghetto ebraico”), ma questa volta finalmente risoluta a convertirsi (“Chi è questa persona triste, vulnerabile, sensibile e nostalgica che ha preso il posto della cinica, sarcastica, egoista e individualista Stella Spada?”). Stella si ripromette dunque di resistere alla pericolosa tendenza (“Non posso più amministrare la giustizia secondo i miei canoni, non funziona. Ho finito per esagerare, mi son fatta prendere la mano e le mie azioni sono diventate sempre meno giuste”) che la spinge (e usiamo questo verbo non a caso) a sbarazzarsi del prossimo, in ciò sostituendosi – nelle diverse situazioni – a quella che normalmente chiamiamo giustizia terrena o divina…

Oltre che acciaccata per una brutta e prolungata influenza, Stella deve nuovamente fare i conti con la ristrettezza economica (“Se entro la settimana non mi arriva il bonifico… mando avanti la pratica di sfratto”) che la spinge (ancora questo verbo!) ad accettare un incarico apparentemente insignificante: Andrea Ariosto, un piacente giovanotto con un’accentuata mania per l’ordine, vuole scoprire quale sia la causa di un sospetto movimento dei vasi sul terrazzo (“Andrea Ariosto pensa che qualcuno gli sia entrato in casa dal terrazzo. Non manca nulla, ma i vasi sul suo terrazzo sono fuori posto”).

In concomitanza a questo ingaggio, proprio nel condominio ove abita il palestrato giovanotto, Stella fa la conoscenza del nuovo commissario di polizia (“Sono il commissario Delia Daviddi… sono stata mandata qui per sostituire il commissario Marconi”), che sostituisce l’affascinante Marconi misteriosamente scomparso (“Si sa dov’è andato?”). Delia sta indagando su un caso che ricorda in maniera sconcertante la strage di Olindo e Rosa a Erba (“Sono state uccise quattro persone all’arma bianca… un coltello grande, probabilmente da cucina, che non è stato ritrovato”): anche in questo caso i sospetti si concentrano inizialmente sul capofamiglia spacciatore, proprio come a Erba.

Stella agisce su due fronti: frequenta il giro della droga per comprendere se la strage familiare sia riconducibile a una ritorsione e, parallelamente, interroga (“Io devo indagare solo su alcuni vasi spostati e su un maniaco dell’ordine che lo trova preoccupante”) gli strani condòmini – quanto a stranezza sono degni di quelli che operano in Rosmary’s baby – per individuare quale possa essere la causa degli enigmatici spostamenti de I vasi di Ariosto (“Certo che in questa via succedono cose strane, dalle più insignificanti alle più terribili”).

In questo duplice percorso la detective bolognese scopre il ruolo illecito del proprio vicino, Carlo, e viene scritturata – e sarà la sua fortuna! – dall’amministratore del condominio antistante l’edificio di Ariosto (“Questi inquilini si trovano continuamente le pareti esterne dell’edificio imbrattate da graffiti di pessimo gusto”) per stanare i giovani writers che imbrattano i muri (“In fondo non sono poi così male, sembrano segni tribali”).

Le verità che Stella svela sono sorprendenti, il proposito di non perseverare nel suo vizietto (“Marconi è stato la mia ultima intemperanza, ora sono cambiata, sono una Stella nuova. Mai più, mi ripeto come un mantra, non mi farò mai più trasportare dall’istinto, la bestia è stata chiusa nella gabbia…”) viene in parte rispettato anche grazie a un paio di interventi di Draco, un boss del malaffare che ha metodi risolutivi (“Non vorrei che mi avessi scambiato per un’impresa di pulizie”) degni della parte oscura di Stella.

Ho confessato a Lorena Lusetti che la storia de I vasi di Ariosto mi ha evocato Grottesco del mio adorato Patrick McGrath (clicca qui per leggere il nostro commento): sia per un dettaglio (“Nessuno lo vedrà mai più, Stella. Di questo puoi stare sicura. Ho un cugino che ha un allevamento di maiali vicino a Parma. Quelli mangiano di tutto”), sia per la commistione di elementi noir-horror-humor della vicenda. L’autrice ha opportunamente replicato:
«Noi abbiamo certamente i maiali più famosi dei suoi. Non ho mai sentito parlare di prosciutto inglese, quello delle nostre parti invece…»
E la replica della Lusetti non fa una piega, vi pare?

Bruno Elpis

____________________________________________

 Clicca sui titoli per leggere i commenti agli altri episodi della serie:

1) L’ombra della Stella

2) Terra alla terra

3) Grigio come il sangue

4) L’orecchio del diavolo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Lusetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lusetti Lorena

Lezioni americane

Calvino Italo

Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Luigi Martinotti lavora in un fast food. Frigge patatine, ma in realtà la sua vocazione, vivissima malgrado l'interruzione degli studi universitari, è quella dello storico. Su un tavolo della Biblioteca comunale consuma tutte le ore di libertà, ricostruendo e interpretando eventi del passato. Ci sono momenti in cui riesce addirittura a distinguere, quasi fosse una visione, l'incontro fra Attila e papa Leone. È riuscito anche a elaborare una teoria storica, secondo la quale i mutamenti della società sono il prodotto di una terribile "insofferenza dell'insicurezza", che spinge gli uomini, cambiando continuamente, a inchiodare il mondo in un presente immobile e rassicurante. Anche la quiete apparente di Luigi Martinetti obbedisce a questa legge. La sua sensibilità, sospesa tra aspirazioni intellettuali e esposizione al fallimento, si lascia contaminare dall'imprevedibilità dei rapporti umani, ivi comprese l'intensa relazione sessuale con Antonella, cameriera del fast food, e l'inspiegabile tenerezza per il figlio di lei. Solo l'amico Giuseppe estroso insegnante affetto da una malattia genetica che lo getta in ricorrenti crisi depressive - riesce a tenere accesa la sua vocazione e a comunicargli una sorta di profonda serenità. Quando il fallimento come storico è definitivo, la sua mente vacilla.

LA VOCAZIONE

De Marchi Cesare

Il romanzo estremo dello sradicamento sotto le luci iperboliche e miserabili della mecca del cinema.

Sogni di Bunker Hill

Fante John