Narrativa

I VECCHI COMPAGNI

Cassola Carlo

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Gettoni

Anno: 1953

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Il romanzo breve “I vecchi compagni”, scritto dall’autore nel 1952, fu pubblicato nel 1953 nella collana “I Gettoni” di Einaudi, diretta da Elio Vittorini.

La storia è ambientata a Volterra, nel periodo della Resistenza. Gi amici Baba, Bottecchia, Piero, Vasco, Nello, Mario e il Bargagli condividono tutti l’ideologia comunista. Si tratta di persone semplici, tagliaboschi o alabastrai che si trovano a scontrarsi con le ristrettezze economiche legate alla guerra e ad affrontare insieme le violenze perpetrate dai fascisti locali. Nella lotta politica, però, e nella speranza che il Partito possa finalmente organizzarsi e indicar loro come dare il proprio apporto alla liberazione,

 trovano la loro stessa ragione di esistere
.
Tutto inizia con il suicidio di Arnaldo. Dopo un periodo passato in prigione, solo e senza voglia di vivere, rinuncia a lottare togliendosi la vita. Con questo episodio, che rimane poi marginale nel resto del racconto, l’autore vuole descrivere il clima di rassegnazione che molti vivevano in quegli anni difficili. Arnaldo, a differenza degli amici, rinuncia a lottare, eccessivamente provato per le esperienze vissute. Contrariamente a lui, gli altri riescono a trovare nelle difficoltà quotidiane la voglia di andare avanti. Uno fra tutti è Piero. Pur avendo perso padre e moglie nel giro di poco tempo, continua a credere nella politica. E’ evidente in tutti i personaggi lo sconforto e la delusione per una vita completamente diversa da quella che avrebbero desiderato.
Finita la guerra e venuta meno l’esigenza di combattere per la loro stessa sopravvivenza, i compagni superstiti si trovano coinvolti nella riorganizzazione locale del partito. Cassola descrive una situazione di scontro tra i vecchi che avevano partecipato alla Resistenza e i giovani militanti, molto meno disposti a venire a patti con i vecchi fascisti e i cattolici. Uno scontro di generazioni. E’ qui che Baba, nelle ultime pagine del libro, da solo nella propria bottega non più utilizzata (essendo ormai diventato un funzionario del partito) si accorge di come la vita fosse migliore durante la clandestinità “perché a ogni momento si rischiava di essere presi; e poi c’era più compattezza, allora, non c’erano le gelosie, le invidie, che erano venute fuori dopo”.
E’ proprio questa clima sconsolato che chiude il racconto di Cassola. La fine della guerra priva i protagonisti di quella che per molti anni è stata la ragione di esistere. L’autore ci consente di percepire in modo molto evidente la sensazione di vuoto che Baba e gli altri si trovano a vivere. Una sensazione forse simile, seppur certamente diversa, a quella che molti possono provare i primi giorni di vacanza dopo un periodo di lavoro molto intenso.
L’autore è molto abile a descrivere, in questo romanzo corale, lo stato d’animo dei suoi personaggi.

 Giuliano Malacorda, nel libro “Invito alla lettura di Cassola” evidenzia come la scrittura di Cassola, comparata a quella tipica del neorealismo, fosse “assai più attenta alla dimensione interiore dell’individuo visto nella sua generale umanità piuttosto che nella specifica condizione di cittadino”. Anche Elio Vittorini, nella seconda di copertina, sottolinea come Cassola, in questo secondo romanzo pubblicato nella collana da lui diretta: “insiste in un modo di raccontare che s’interessa soprattutto a quanto dell’uomo è la superficie mutevole della sua realtà: cioè ai suoi atteggiamenti di coscienza e alle azioni che nascono dai suoi atteggiamenti di coscienza”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

Cassola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassola Carlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A diary from a lifetime ago. A ghost from the past. And an infatuation long forgotten. Wedding singer Georgia Ray Miller dreams of becoming a "blues goddess," but her own doubts keep getting in the way. Besides, she's got enough to keep her occupied, living in a huge haunted (former) brothel with her hippie grandmother, her surrogate boyfriend, Jack, and the Big Easy's most infamous drag queen. Still, she can't help being mesmerized by stories from an old blues pianist. When she discovers a diary from a long-lost aunt, she finds out the blues is truly in her blood. But before Georgia gathers the courage to sing the Delta blues, she must first figure out the affairs of her heart. Does she remain in the comfortable relationship she's found with Jack? Does she run off with the love of her life, a man from her past with a roguish reputation? Or strike out on her own? She thinks she has it all figured out, but the ghosts of the past have a way of intruding on the present .

Diario di una signora del blues

Orloff Erica

Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

AMORI

Reyes Alina

Sulle tracce di La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Edgar Morin auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Insegnare a vivere

Morin Edgar

Entrato in un negozio per comprare una borsa alla fidanzata, Kemal Basmaci, trentenne rampollo di una famiglia altolocata di Istanbul, si imbatte in una commessa di straordinaria bellezza: la diciottenne Füsun, sua lontana cugina. Fra i due ha ben presto inizio un rapporto anche eroticamente molto intenso. Kemal tuttavia non si decide a lasciare Sibel, la fidanzata: per quanto di mentalità aperta e moderna, in lui sono comunque radicati i valori tradizionali (e anche un certo opportunismo). Così si fidanza e perde tutto: sconvolta dal suo comportamento, Füsun scompare, mentre Kemal, preda di una passione che non gli dà tregua, trascura gli affari e alla fine scioglie il fidanzamento. Quando, dopo atroci patimenti, i due amanti si ritrovano, nella vita di Füsun tutto è cambiato. Kemal però non si dà per vinto. In assoluta castità, continua a frequentarla per otto lunghi anni, durante i quali via via raccoglie un'infinità di oggetti che la riguardano: cagnolini di porcellana, apriscatole, righelli, orecchini... Poterli guardare, assaggiare, toccare è spesso la sua unica fonte di conforto. E quando la sua esistenza subisce una nuova dolorosa svolta, quegli stessi oggetti confluiranno nel Museo dell'innocenza, destinato a rendere testimonianza del suo amore per Füsun nei secoli futuri. La storia di un'incontenibile passione, ma allo stesso tempo uno sguardo ora severo, ora ironico, ma certamente non privo di profondo affetto sulla Istanbul di quegli anni e sulla sua contraddittoria borghesia.

Il museo dell’innocenza

Pamuk Orhan