Narrativa

I VECCHI COMPAGNI

Cassola Carlo

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Gettoni

Anno: 1953

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Il romanzo breve “I vecchi compagni”, scritto dall’autore nel 1952, fu pubblicato nel 1953 nella collana “I Gettoni” di Einaudi, diretta da Elio Vittorini.

La storia è ambientata a Volterra, nel periodo della Resistenza. Gi amici Baba, Bottecchia, Piero, Vasco, Nello, Mario e il Bargagli condividono tutti l’ideologia comunista. Si tratta di persone semplici, tagliaboschi o alabastrai che si trovano a scontrarsi con le ristrettezze economiche legate alla guerra e ad affrontare insieme le violenze perpetrate dai fascisti locali. Nella lotta politica, però, e nella speranza che il Partito possa finalmente organizzarsi e indicar loro come dare il proprio apporto alla liberazione,

 trovano la loro stessa ragione di esistere
.
Tutto inizia con il suicidio di Arnaldo. Dopo un periodo passato in prigione, solo e senza voglia di vivere, rinuncia a lottare togliendosi la vita. Con questo episodio, che rimane poi marginale nel resto del racconto, l’autore vuole descrivere il clima di rassegnazione che molti vivevano in quegli anni difficili. Arnaldo, a differenza degli amici, rinuncia a lottare, eccessivamente provato per le esperienze vissute. Contrariamente a lui, gli altri riescono a trovare nelle difficoltà quotidiane la voglia di andare avanti. Uno fra tutti è Piero. Pur avendo perso padre e moglie nel giro di poco tempo, continua a credere nella politica. E’ evidente in tutti i personaggi lo sconforto e la delusione per una vita completamente diversa da quella che avrebbero desiderato.
Finita la guerra e venuta meno l’esigenza di combattere per la loro stessa sopravvivenza, i compagni superstiti si trovano coinvolti nella riorganizzazione locale del partito. Cassola descrive una situazione di scontro tra i vecchi che avevano partecipato alla Resistenza e i giovani militanti, molto meno disposti a venire a patti con i vecchi fascisti e i cattolici. Uno scontro di generazioni. E’ qui che Baba, nelle ultime pagine del libro, da solo nella propria bottega non più utilizzata (essendo ormai diventato un funzionario del partito) si accorge di come la vita fosse migliore durante la clandestinità “perché a ogni momento si rischiava di essere presi; e poi c’era più compattezza, allora, non c’erano le gelosie, le invidie, che erano venute fuori dopo”.
E’ proprio questa clima sconsolato che chiude il racconto di Cassola. La fine della guerra priva i protagonisti di quella che per molti anni è stata la ragione di esistere. L’autore ci consente di percepire in modo molto evidente la sensazione di vuoto che Baba e gli altri si trovano a vivere. Una sensazione forse simile, seppur certamente diversa, a quella che molti possono provare i primi giorni di vacanza dopo un periodo di lavoro molto intenso.
L’autore è molto abile a descrivere, in questo romanzo corale, lo stato d’animo dei suoi personaggi.

 Giuliano Malacorda, nel libro “Invito alla lettura di Cassola” evidenzia come la scrittura di Cassola, comparata a quella tipica del neorealismo, fosse “assai più attenta alla dimensione interiore dell’individuo visto nella sua generale umanità piuttosto che nella specifica condizione di cittadino”. Anche Elio Vittorini, nella seconda di copertina, sottolinea come Cassola, in questo secondo romanzo pubblicato nella collana da lui diretta: “insiste in un modo di raccontare che s’interessa soprattutto a quanto dell’uomo è la superficie mutevole della sua realtà: cioè ai suoi atteggiamenti di coscienza e alle azioni che nascono dai suoi atteggiamenti di coscienza”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

Cassola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassola Carlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C’è qualcuno che ride

Un’enorme dimora, rivestita di assicelle bianche e avvolta da glicini in fiore: così la casa del capitano James Pyke appare allo sguardo infantile di Lavinia McCarten, la mattina d’aprile del 1791 in cui la piccola irlandese mette per la prima volta piede in Virginia. Pyke, un uomo dalla corporatura imponente, i capelli grigi legati dietro la nuca e rughe profonde che gli solcano il viso segnato dal sole, ha raccolto la bambina dalla sua nave, appena approdata in America dopo la lunga traversata oceanica, e l’ha portata con sé per destinarla alle cucine della sua piantagione. Un modo come un altro per passare all’incasso del debito per la traversata, che i genitori di Lavinia, morti durante la navigazione, non hanno avuto la buona sorte di saldare. Stremata e debilitata, la bambina viene accolta nelle cucine della piantagione dalla famiglia di schiavi neri che vi lavorano: una piccola, operosa comunità composta da Mamma Mae, una donna dalla stazza possente che, con una pipa perennemente tra i denti, le concede subito la benedizione del suo sorriso; Papà George, un gigantesco orso bruno; Dory, Fanny e Beattie, le figlie; Ben, il figlio maschio, più grosso ancora del padre e dalla risata irresistibile e cristallina. Un mondo guidato da una responsabile delle cucine dai grandi occhi verdi e dai capelli neri e lucidi: Belle, un’attraente ragazza di diciotto anni. Frutto di un capriccio clandestino del capitano con una delle sue schiave nere, Belle è stata allontanata dalla casa padronale, finendo nelle cucine, il giorno in cui il capitano si è presentato nella piantagione con Martha, una moglie più giovane di lui di venti anni. Adottata dalla famiglia di Mamma Mae e maternamente accudita da Belle, Lavinia cresce come una servetta bianca ignara dell’abisso che separa la casa padronale dall’universo delle cucine. Finché è una bambina, Belle le cela opportunamente le verità del suo mondo: l’ambiguo rapporto che la lega al capitano padre-padrone, la dipendenza di Martha dal laudano, le punizioni inferte da Rankin, il sorvegliante violento e razzista, l’odio che il fratellastro Marshall nutre per lei. Le tace opportunamente che in Virginia chiunque abbia la pelle nera può essere picchiato, violentato, venduto e torturato nello stesso tempo. Non può fare nulla, tuttavia, quando Lavinia, cresciuta, si allontana dal suo mondo per ricongiungersi al mondo dei bianchi cui appartiene e per fare poi ritorno nella grande casa in compagnia di Marshall, il nuovo padrone divenuto nel frattempo un giovane bello e affascinante. Allora i vecchi legami sembrano distrutti, e le verità a lungo nascoste messe pericolosamente a nudo. Magnifica storia di segreti e inganni, di amore e tradimento, di violenza e riscatto, Il mondo di Belle è un romanzo che colpisce al cuore come pochi.

IL MONDO DI BELLE

Grissom Kathleen

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

Piccolo blu e piccolo giallo adorano giocare insieme. Ma quando si abbracciano diventano tutti verdi.

Piccolo blu e piccolo giallo

Lionni Leo