Classici

I vecchi e i giovani

Pirandello Luigi

Descrizione: Il fallimento dello slancio risorgimentale e il degrado morale nel nuovo stato unitario, le storie di uomini che sognano grandi progetti, ma franano in compromessi, incapaci di liberarsi degli interessi personali. Il romanzo più complesso di Pirandello racconta l’immobilismo del Paese e i limiti della natura dell’uomo.

Categoria: Classici

Editore: Giunti

Collana: Classici

Anno: 2011

ISBN: 9788809204652

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Il romanzo “I vecchi e i giovani” di Luigi Pirandello apparve nel 1913. Opera strutturalmente più tradizionale rispetto al “Fu Mattia Pascal”, non ne eguagliò il successo. Una storia che si ambienta nella Sicilia dei Fasci, movimento di massa che coinvolse trasversalmente la società dell’epoca, dal proletariato urbano, alle masse contadine, ai minatori, che si scontrarono con la severa repressione voluta da Francesco Crispi. Siamo alla fine dell’ottocento e agli albori del nuovo secolo, quando ormai appare in tutta la sua evidenza la delusione del sogno risorgimentale. Già De Roberto ne “ I viceré” aveva affrontato questo tema così sentito nell’isola e in tutto il sud dell’Italia da poco unificata. E sarà negli anni cinquanta, con la pubblicazione de “Il gattopardo” di Tomasi di Lampedusa, che questo tema riemergerà in tutta la sua attualità.

Ciò che colpisce, nel considerare quest’opera e in generale l’opera omnia di Pirandello, è come essa si contrapponga alla produzione letteraria di D’Annunzio, sia per i contenuti sia per lo stile. Due facce di una stessa epoca. Sono proprio gli eventi che coinvolgono i personaggi de “I vecchi e i giovani” e ne sconvolgono le vite che fanno di questo libro un romanzo storico. Qui si rivivono i momenti drammatici dello scandalo della Banca Romana, si affronta lo scottante problema della corruzione e della perdita di valori della politica. È assolutamente stupefacente e triste nello stesso tempo constatare come con il passare del tempo, dei secoli, addirittura, nulla sia cambiato nei costumi e nella gestione della cosa pubblica in Italia. La frattura tra il nord e il sud, ancora legato a principi borbonici che davano vita ad amministrazioni di tipo feudale che si basavano su un concetto di giustizia paternalistico ed arretrato, anziché colmarsi si accentua: “Quella terra, sola, senza patti, con impeto generoso s’era data all’Italia e in premio non aveva avuto altro che la miseria e l’abbandono.”

La famiglia, in questo romanzo, è il microcosmo che rappresenta il caos della società contemporanea. Ai ricchi e ai borghesi benestanti si contrappone la miseria del popolo delle campagne e degli operai.

I Laurentano rappresentano il passato, i figli di Don Ippolito un futuro utopico, mentre Flaminio Salvo è il presente senza scrupoli e volgare.

Ogni personaggio è vittima di questo mondo caotico e disgregato. Nè sono i giovani i soli responsabili di questo degrado, di questa perdita di valori, lo sono altresì i vecchi la cui eredità non ha saputo fornire le basi per una stabilità e un benessere futuro.

Come in tutte le opere pirandelliane, c’è un grande lavoro di analisi delle cause che generano gli eventi, un approfondimento dello spessore psicologico dei personaggi principali, lasciando agli altri, fin troppo numerosi, il ruolo di comparse. Anche per “I vecchi e i giovani”, in definitiva, come per molti altri testi di Pirandello, si può obiettivamente affermare, che si tratta di opere di un realismo a dir poco profetico.

__________________________________________

Il sito dedicato a Luigi Pirandello

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Berenice di Edgar Allan Poe

"Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell'oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un'unità". Dopo il 1915 gli scritti di Hesse si richiamano spesso ad una delle concezioni più antiche dell'umanità, la filosofia cinese dello yin e yang, forze opposte da cui scaturisce la tensione necessaria alla vita, alla trasformazione. Una fiaba d'amore gaia e luminosa, attinta dalla saggezza del Siddharta, dove parola e disegno si fondono come uomo e donna, come sole e luna, a raccontare il paradiso del perenne rinnovamento.

Favola d’amore

Hesse Hermann

A diary from a lifetime ago. A ghost from the past. And an infatuation long forgotten. Wedding singer Georgia Ray Miller dreams of becoming a "blues goddess," but her own doubts keep getting in the way. Besides, she's got enough to keep her occupied, living in a huge haunted (former) brothel with her hippie grandmother, her surrogate boyfriend, Jack, and the Big Easy's most infamous drag queen. Still, she can't help being mesmerized by stories from an old blues pianist. When she discovers a diary from a long-lost aunt, she finds out the blues is truly in her blood. But before Georgia gathers the courage to sing the Delta blues, she must first figure out the affairs of her heart. Does she remain in the comfortable relationship she's found with Jack? Does she run off with the love of her life, a man from her past with a roguish reputation? Or strike out on her own? She thinks she has it all figured out, but the ghosts of the past have a way of intruding on the present .

Diario di una signora del blues

Orloff Erica

Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo