Fantasy

I VERMI CONQUISTATORI

Keene Brian

Descrizione: Teddy Garnett è un arzillo vecchietto e non vuole saperne di lasciare la casa in cima agli Appalachi dove ha vissuto per anni con la compianta Rose. Non gli importa della pioggia incessante, un diluvio catastrofico che ha messo in ginocchio l'intero pianeta, né di essere l'unico essere umano ancora vivo nella piccola comunità di Punkin' Center, ormai ridotta a un isolotto in mezzo alle acque. Senza paura, Teddy aspetta il giorno in cui si avvererà il suo unico desiderio: riabbracciare la moglie. Ma quando riceve la visita di Carl, il suo migliore amico creduto morto o portato in salvo dalla Guardia Nazionale, scopre che ci sono cose peggiori della pioggia. Cose che serpeggiano sottoterra, creature striscianti che tarlano il sottosuolo e scavano verso la superficie per rivelarsi al mondo. E conquistarlo.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni XII

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788895733302

Trama

Le Vostre recensioni

Il diluvio. Uno dei miti più antichi dell’uomo. Compare nella cultura ebraico-cristiana, mesopotamica, greca… e in molte altre. Brian Keene lo reinterpreta in chiave horror/fantascientifica. Un romanzo ben fatto, che tributa i necessari omaggi al ciclo di Cthulu di Lovecraft e alle atmosfere apocalittiche de La Strada di Cormack Mc Carthy e alla struttura de La Guerra dei Mondi di Herbert George Wells. Impossibile, poi, non pensare che l’ispirazione primigenia non derivi dalla poesia di Edgard Allan Poe intitolata proprio “Conqueror Worm” (al singolare), “Il verme conquistatore”. Riferimenti illustri che più illustri non si può, quindi, che vengono sapientemente mischiati da Keene.

Il  racconto inizia nel quarantesimo giorno di pioggia ininterrotta, quello che nella tradizione biblica segnerebbe la fine del diluvio. Cosa che nel romanzo non accade. Guida del lettore è l’ottuagenario Teddy Garnett che, dalla sua casa sugli Appalachi nel villaggio di Punkin’ Center (nomen omen), vede il mondo sommergersi. Non è successo nulla di particolare. Semplicemente, un giorno ha cominciato a piovere e non ha più smesso. Nell’arco di sette giorni, tutte le città costiere degli Stati Uniti furono obliterate e il resto della nazione iniziò ad allagarsi. E questo è solo l’inizio. Dopo è peggiorata. L’elettricità viene presto a mancare e con essa le notizie sul resto del mondo. Quanti sono i superstiti? E’ vero che ci sono grandi navi che ospitano, al largo di oceani sempre più sterminati, i potenti della terra?

Certo è che la Guardia Nazionale cerca di salvare le persone con gli elicotteri. Teddy rifiuta di essere trasferito, così come l’amico Carl Seaton lo raggiunge. Entrambi assistono impotenti all’abbattimento proprio di un elicottero da parte di un vicino, paranoico e appassionato di armi. Da quel momento, le vicende di Ted e Carl si intrecciano con quelle degli occupanti superstiti, Kevin e Sarah, precipitati sugli Appalachi dopo una fuga precipitosa da una città sommersa in cui un antico dio del mare, il Leviatano, si è svegliato e reclama vendetta per l’uccisione della compagna, la terribile Sirena. Perché, se dall’alto arriva la pioggia, è dalle profondità del pianeta che escono le cose più terribili. I vermi conquistatori, appunto. Piccoli, grandi e immensi, guidati da Behemoth, il più tremendo dei mostri mitologici creati da Keene.

Brian Keene dimostra, con questo romanzo, di essere un ottimo autore, davvero troppo poco noto nel nostro paese, mentre negli USA è considerato un maestro del genere. Perché è vero che un conto è bere Barolo e un altro è bere Prosecco. Ma se il Prosecco è buono, è un gran bel bere, altroché!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Brian

Keene

Libri dallo stesso autore

Intervista a Keene Brian

1944. In un’Italia spaccata in due, in mano per metà alle forze alleate e per l’altra metà all’oppressione nazifascista, ci si arrabatta per portare a casa la pelle. E Orvieto, dichiarata città aperta per preservare la ricchezza del suo patrimonio artistico, si trova malgrado ciò a fronteggiare la furia distruttrice dei bombardamenti che ne dilaniano il territorio, arrivando a sfiorare l’altissima rupe di tufo. Ma per quale ragione, in una di quelle terribili notti di guerra, qualcuno decide di sfidare il coprifuoco aggirandosi tremante fra lapidi e croci? Cosa sotterra di così prezioso da rischiare la vita mentre dal cielo imperversa una pioggia fatale di spezzoni incendiari? E come mai, a distanza di più di sessant’anni, quel vecchio episodio sconosciuto torna a incidere sulla piccola comunità orvietana di cui la libraia Matilde Ferraris è entrata stabilmente a far parte?

LA LIBRAIA DI ORVIETO. L’ULTIMA EREDITA’

Pattavina Valentina

Quattro pensionati - un giudice, un avvocato, un pubblico ministero e un boia - ammazzano il tempo inscenando i grandi processi della storia: a Socrate, Gesù, Dreyfus. Ma certo è più divertente quando alla sbarra finisce un imputato in carne e ossa: come Alfredo Traps, rappresentante di commercio, che il fato conduce un giorno alla villetta degli ex uomini di legge. La sua automobile ha avuto una panne lì vicino, ma lui non se ne rammarica, anzi: pregusta già il lato piccante della situazione. Si ritrova invece fra i quattro vegliardi, che gli illustrano il loro passatempo. L'ospite è spiacente: non ha commesso, ahimè, nessun delitto. Come aiutarli? Niente paura, lo rassicurano: "un crimine si finisce sempre per trovarlo". E se la colpa non viene alla luce, la si confeziona su misura: "bisogna confessare, che lo si voglia o no, c'è sempre qualcosa da confessare". Tra grandi abbuffate e abbondanti libagioni, il gioco si fa sempre più pericoloso, finché il piazzista si avvede d'essere non già un tipo banale, mosso solo da meschine aspirazioni di carriera e sesso, bensì un delinquente machiavellico, capace di usare la sua amante come un'arma infallibile contro il superiore cardiopatico.

La panne

Dürrenmatt Friedrich

Un monologo fulminante che ripercorre i patimenti della reclusione forzata di Frida Kahlo, i lucidi deliri artistici di pittrice affamata di colore, la relazione con Diego Rivera. In un Messico quanto mai reale e al tempo stesso immaginifico, Pino Cacucci mette in scena la sintesi infuocata di un’esistenza, la parabola di una grande pittrice la cui opera continua a ottenere altissimi riconoscimenti. In poche pagine c’è il Messico, c’è il risveglio dell’immaginazione, c’è la storia di una donna, c’è la rincorsa di una passione mai spenta per un uomo. L’ardente esistenza di Frida Kahlo dal vertice estremo dei suoi giorni. Un breve libro che contiene una storia immensa.

¡VIVA LA VIDA!

Cacucci Pino

Quando la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha bussato alla sua porta, David Kepesh l'ha accolta con entusiasmo, trasformandola nel momento di verità della propria vita. Da allora ha giurato a se stesso che non avrebbe mai più avuto una relazione stabile con una donna, e per trent'anni ha mantenuto fede al proposito, conducendo l'esistenza dell'«uomo emancipato». Ma un giorno, nell'aula del suo corso di critica letteraria all'università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore. «Forse, ora che mi sto avvicinando alla morte, anch'io segretamente desidero non essere libero», pensa Kepesh, ma non immagina quale sarà lo svolgimento tormentato della sua relazione con Consuela, e soprattutto il suo epilogo tragico. E poiché non può fare a meno di interrogarsi sulla propria vita e sul mondo, e non può fare a meno di spiegare agli altri le proprie convinzioni («la didattica è il mio destino»), tanto più doloroso è dover ammettere di essere in preda a una forza nuova che lo sta trascinando verso l'abisso. Dopo aver concluso con La macchia umana la trilogia sull'America del dopoguerra, Philip Roth conferma il suo momento di grazia con un romanzo di eccezionale intensità, dove i temi intrecciati dell'eros e della morte trovano un nuovo sviluppo tra i sogni della liberazione sessuale e l'immutata fragilità degli esseri umani.

L’ANIMALE MORENTE

Einaudi