Fantasy

I VERMI CONQUISTATORI

Keene Brian

Descrizione: Teddy Garnett è un arzillo vecchietto e non vuole saperne di lasciare la casa in cima agli Appalachi dove ha vissuto per anni con la compianta Rose. Non gli importa della pioggia incessante, un diluvio catastrofico che ha messo in ginocchio l'intero pianeta, né di essere l'unico essere umano ancora vivo nella piccola comunità di Punkin' Center, ormai ridotta a un isolotto in mezzo alle acque. Senza paura, Teddy aspetta il giorno in cui si avvererà il suo unico desiderio: riabbracciare la moglie. Ma quando riceve la visita di Carl, il suo migliore amico creduto morto o portato in salvo dalla Guardia Nazionale, scopre che ci sono cose peggiori della pioggia. Cose che serpeggiano sottoterra, creature striscianti che tarlano il sottosuolo e scavano verso la superficie per rivelarsi al mondo. E conquistarlo.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni XII

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788895733302

Trama

Le Vostre recensioni

Il diluvio. Uno dei miti più antichi dell’uomo. Compare nella cultura ebraico-cristiana, mesopotamica, greca… e in molte altre. Brian Keene lo reinterpreta in chiave horror/fantascientifica. Un romanzo ben fatto, che tributa i necessari omaggi al ciclo di Cthulu di Lovecraft e alle atmosfere apocalittiche de La Strada di Cormack Mc Carthy e alla struttura de La Guerra dei Mondi di Herbert George Wells. Impossibile, poi, non pensare che l’ispirazione primigenia non derivi dalla poesia di Edgard Allan Poe intitolata proprio “Conqueror Worm” (al singolare), “Il verme conquistatore”. Riferimenti illustri che più illustri non si può, quindi, che vengono sapientemente mischiati da Keene.

Il  racconto inizia nel quarantesimo giorno di pioggia ininterrotta, quello che nella tradizione biblica segnerebbe la fine del diluvio. Cosa che nel romanzo non accade. Guida del lettore è l’ottuagenario Teddy Garnett che, dalla sua casa sugli Appalachi nel villaggio di Punkin’ Center (nomen omen), vede il mondo sommergersi. Non è successo nulla di particolare. Semplicemente, un giorno ha cominciato a piovere e non ha più smesso. Nell’arco di sette giorni, tutte le città costiere degli Stati Uniti furono obliterate e il resto della nazione iniziò ad allagarsi. E questo è solo l’inizio. Dopo è peggiorata. L’elettricità viene presto a mancare e con essa le notizie sul resto del mondo. Quanti sono i superstiti? E’ vero che ci sono grandi navi che ospitano, al largo di oceani sempre più sterminati, i potenti della terra?

Certo è che la Guardia Nazionale cerca di salvare le persone con gli elicotteri. Teddy rifiuta di essere trasferito, così come l’amico Carl Seaton lo raggiunge. Entrambi assistono impotenti all’abbattimento proprio di un elicottero da parte di un vicino, paranoico e appassionato di armi. Da quel momento, le vicende di Ted e Carl si intrecciano con quelle degli occupanti superstiti, Kevin e Sarah, precipitati sugli Appalachi dopo una fuga precipitosa da una città sommersa in cui un antico dio del mare, il Leviatano, si è svegliato e reclama vendetta per l’uccisione della compagna, la terribile Sirena. Perché, se dall’alto arriva la pioggia, è dalle profondità del pianeta che escono le cose più terribili. I vermi conquistatori, appunto. Piccoli, grandi e immensi, guidati da Behemoth, il più tremendo dei mostri mitologici creati da Keene.

Brian Keene dimostra, con questo romanzo, di essere un ottimo autore, davvero troppo poco noto nel nostro paese, mentre negli USA è considerato un maestro del genere. Perché è vero che un conto è bere Barolo e un altro è bere Prosecco. Ma se il Prosecco è buono, è un gran bel bere, altroché!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Brian

Keene

Libri dallo stesso autore

Intervista a Keene Brian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando è avvenuto l’incidente, sua sorella era sul punto di rivelargli un segreto… Adesso è gravemente ferita e mentre aspetta, angosciato, che lei esca dalla sala operatoria, Antoine fa un bilancio amaro della sua vita: la moglie l’ha lasciato, i figli adolescenti gli sfuggono, i lavoro non lo soddisfa più, il padre è ormai anziano e tirannico… Come ha fatto ad arrivare fino a questo punto? E quale segreto stava per confidargli Mélanie? Antoine si sente schiacciare dal peso del passato, ma riceverà un aiuto inatteso nella sua ricerca della verità da Angèle, una persona molto particolare…

SEGRETI DI FAMIGLIA

De Rosnay Tatiana

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores

Tre racconti, una sola storia. 1944. I nazisti occupano Parigi. Edifici crollati, i corpi delle vittime campeggiano come vessilli nei luoghi degli scontri. Fame, disperazione e rassegnazione riempiono gli animi avviliti dei parigini. Ma c'è ancora speranza nei cuori di chi non si è mai arreso, di chi combatte, di chi ogni giorno ravviva la fiamma del ricordo e di una promessa. C'è bisogno di lotta nel cuore di Vincent, che ha perso tutto ma vuole difendere il futuro di sua figlia. C'è entusiasmo, voglia di vivere e di riconquistare la libertà, nei cuori di un gruppo di operai che non sanno nulla di guerra, di odio, di armi, ma scelgono di ribellarsi al nazismo e di riscrivere il finale ad una insulsa pagina di storia, per la loro città occupata.

La gatta che suonava il piano

Nicodemo Nicola