Letteratura irlandese

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

Descrizione: Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

Categoria: Letteratura irlandese

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2003

ISBN: 9788804519027

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Capolavoro satirico, figlio del suo secolo, il Settecento, “I viaggi di Gulliver” è l’opera più nota di Jonathan Swift, scrittore e giornalista che scrive una parodia dei racconti di viaggio ,tanto di moda all’epoca, per denunciare i mali e le brutture della società e della politica del suo tempo.

Erroneamente considerato da molti contemporanei come un libro per ragazzi, come testimoniano alcune trasposizioni cinematografiche decisamente poco appropriate, il libro inizia con la denuncia della politica inglese nella prima parte dedicata alla permanenza del medico Lemuel Gulliver, protagonista della storia, a Lilliput, l’isola abitata da individui minuscoli.

La situazione si modifica totalmente nella seconda parte, dove Gulliver si ritrova a Brobdignag, terra dei giganti.
Oltre a soffermarsi sull’importanza delle dimensioni che possono determinare grossi problemi nella vita pratica (persino le mosche e le zanzare diventano fonte di pericolo), l’autore continua a criticare pesantemente le forme di governo e la politica europea, caratterizzandosi ancora una volta come un fustigatore di costumi e pensieri.

Il terzo libro, dedicato a Laputa, è senza dubbio più complesso: nell’accademia di Lagado, capitale di questa stravagante isola “volante”, il protagonista incontra degli scienziati dediti a studi totalmente inutili e ancora continuando il suo vagabondare ha modo di conoscere gli uomini più infelici della terra: immortali destinati a invecchiare, con tutte le terribili conseguenze del caso.

L’ultima parte, nella quale ormai la denuncia arriva ad attaccare l’intero genere umano, Gulliver incontra gli Houhymnns, cavalli sapienti che sono serviti dagli Yahoos, strani individui umani nell’aspetto ma bestiali nel comportamento.

Storia decisamente amara, che si conclude con il rifiuto perpetuo da parte del protagonista di avere contatti con esseri umani, quindi decisamente poco adatta agli spensierati gusti infantili e invece degna di maggiore analisi e speculazione.
Scritto in prima persona attribuendone a Gulliver la paternità, il racconto è arricchito da cartine e disegni dei vari luoghi visitati da Gulliver, a testimoniarne la presunta “verosimiglianza”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jonathan

Swift

Libri dallo stesso autore

Intervista a Swift Jonathan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Henry Chinasky, abituale alter ego di Bukowsky e protagonista in prima persona di questo romanzo, ha deciso di lavorare come postino. Superati non senza affanno i test d'ammissione, si ritrova con la borsa di cuoio sulle spalle a girare in lungo e in largo per la periferia di Los Angeles. Perennemente in ritardo, vessato dal capufficio e insofferente ai regolamenti, si scontra ben presto con la rigida e burocratica macchina organizzativa. Tra sbronze e scommese all'ippodromo, Chinasky trova il tempo per vivere una degradante storia d'amore con Betty, per sposare una texana ricca e ninfomane da cui verrà abbandonato e infine per licenziarsi.

Post office

Bukowski Charles

Amy e Nick si incontrano a una festa in una gelida sera di gennaio. Uno scambio di sguardi ed è subito amore. Lui la conquista con il sorriso sornione, l'accento ondulato del Missouri, il fisico statuario. Lei è la ragazza perfetta, bella, spigliata, battuta pronta, il tipo che non si preoccupa se bevi una birra di troppo con gli amici. Sono felici, innamorati, pieni di futuro. Qualche anno dopo però tutto è cambiato. Da Brooklyn a North Carthage, Missouri. Da giovani professionisti in carriera a coppia alla deriva. Amy e Nick hanno perso il lavoro e sono stati costretti a reinventarsi: lui proprietario del bar di quartiere accanto alla sorella Margo, lei casalinga in una città di provincia anonima e sperduta. Fino a che, la mattina del loro quinto anniversario, Amy scompare. È in quel momento, con le tracce di sangue e i segni di colluttazione a sfregiare la simmetria del salotto, che la vera storia del matrimonio di Amy e Nick ha inizio. Che fine ha fatto Amy? Quale segreto nasconde il diario che teneva con tanta cura? Chi è davvero Nick Dunne? Un marito devoto schiacciato dall'angoscia, o un cinico mentitore e violento, forse addirittura un assassino? Raccontato dalle voci alternate di Nick e Amy, "L'amore bugiardo" è una incursione nel lato oscuro del matrimonio. Un thriller costruito su una serie di rovesciamenti e colpi di scena che costringerà il lettore a chiedersi se davvero sia possibile conoscere la persona che gli dorme accanto.

L’amore bugiardo

Flynn Gillian

Marcovaldo

Calvino Italo

E’ questione di pelle

Gabriella Franceschini