Classici

I Vicerè

De Roberto Federico

Descrizione: Storia di tre generazioni della potente famiglia catanese degli Uzeda di Francalanza, di antica origine spagnola, pronta a tutto pur di conservare la supremazia anche nella nuova, contraddittoria Italia unita. Il capolavoro di Federico De Roberto (Napoli 1861 - Catania 1927) è uno dei rari, grandi romanzi della letteratura italiana.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2006

ISBN: 9788806184438

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Un’opera ambientata a partire dal processo d’Unità d’Italia e dei primi decenni del governo del nuovo Stato, per poi attraversare ben tre generazioni della stessa famiglia: gli Uzeda, principi di Francalanza.

Molti hanno voluto definire questo grande capolavoro il modello con il quale Tomasi di Lampedusa si è confrontato per il suo capolavoro: indubbiamente il tema del trasformismo e, allo stesso tempo, dell’immobilismo politico, sono dei notevoli punti in comune, e non è difficile individuare spesso i tratti del futuro Tancredi in quelli del principino Consalvo. Ma lo stile e i temi divergono, a tal punto da creare due capolavori della nostra letteratura decisamente distinti.

Gli Uzeda sono i discendenti di un’aristocratica famiglia spagnola, giunta in Sicilia per svolgere l’incarico politico di Vicerè. L’orgoglio, la superbia, l’alterigia e il desiderio di potere sono i tratti che indistintamente caratterizzano tutti i componenti di questa famiglia, cambiando soltanto i mezzi e le modalità con i quali si intende raggiungere una posizione di dominio. Dalla carriera ecclesiastica, naturalmente imposta ai cadetti, a quella accademica; dai matrimoni per amore, contratti per la volontà di contrastare il potere oppressivo del genitore, a quello di convenienza, stipulato per rendere onore alla grande casata.
Ma l’argomento fondamentale è senza dubbio la politica: dopo un breve accenno ai fatti del 1848, si ripercorrono le fasi della liberazione della Sicilia, compiuta ad opera di Garibaldi, dell’unificazione, del governo della destra storica fino al trionfo della sinistra progressista nelle elezioni del 1882.

Prima il duca d’Oragua, fratello del principe Giacomo, poi con più maestria il principe Consalvo, sapranno adattarsi ai tempi, l’uno divenendo deputato e l’altro cercando di farsi strada sfruttando sì la propria influenza di nobile, ma anche aderendo all’ala democratica perchè persuaso dai propri studi che quel momento sarebbe stato propizio per quell’orientamento.

Mancherà a Consalvo la partecipazione emotiva, che invece caratterizzerà Benedetto Giuliente, ex-garibaldino, marito di sua zia Lucrezia, borghese e avvocato, il quale si avvicinerà con passione alla nuova monarchia. Il principino di Francalanza rinuncerà ad esprimere i proprio ideali e le convinzioni che gli derivano dalla propria tradizione familiare per far sì che possa di nuovo salire al potere, venendo eletto deputato. Esattamente come i suoi antenati avevano dominato, accettando dei compromessi con il re, così ora lui ha intenzione di fare: unica differenza è quella di cercare un compromesso con il popolo, che è diventato la fonte di legittimazione del potere.

Altro elemento che sicuramente percorre tutta l’opera è il tema della follia, o della malattia mentale: rappresentata da alcuni personaggi emblematici, come il principe Giacomo o il barone Giovannino, tuttavia essa è una caratteristica che avvolge tutta la famiglia. Tramandata in eredità da padre in figlio, si palesa come un segno evidente della degenerazione del sangue degli Uzeda, a riprova del fatto che tutto sta cambiando. Sarà però proprio Consalvo a dimostrare che in realtà la storia non cambia mai veramente: cambiano soltanto le modalità con le quali essa procede.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Federico

Roberto

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Roberto Federico

Camicetta immacolata, coda di cavallo, gonna al ginocchio. Abby Abernathy sembra la classica ragazza perbene, timida e studiosa. Ma in realtà Abby è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University insieme alla sua migliore amica per il primo anno di università, ha tutta l'intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo. Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una ragazza diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio. C'è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato per eccellenza. Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sente uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Eppure Abby è assolutamente determinata a non farsi affascinare. Lei no, non ci cadrà come tutte, lei sa quello che deve fare, quel ragazzo porta solo guai. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dover condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un'inaspettata mistura di dolcezza e passionalità. Solo lui è in grado di leggere fino in fondo all'anima tormentata di Abby e capire cosa si nasconde dietro i suoi silenzi e le sue improvvise malinconie. Solo lui è in grado di dare una casa al cuore sempre in fuga della ragazza. Ma Abby ha troppa paura di affidargli la chiave per il suo ultimo e più profondo segreto…

Uno splendido disastro

McGuire Jamie

Salwa Bakr sulle donne e la letteratura araba

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

In una Milano in cui non piove mai, il corpo di una donna giace accanto a un antiquato telefono. Poco distante, nell'appartamento al terzo piano, un brutto quadro immortala una seconda donna; e se la prima è una perfetta sconosciuta, quella ritratta potrebbe essere la madre di Luchino Girondi, fotografo ferrarese in forze alla Scientifica. Se è davvero lei, allora ha posato senza veli e quella crosta è finita nella casa di un morto. Un morto? Ma non avevamo detto che accanto al telefono c'era il corpo di una donna? Il mistero s'infittisce, le donne diventano tante e lavorano a L'amore corre sul filo. A investigare sull'omicidio saranno Luchino e Poirot, pastore belga a cui manca solo la parola. E forse è meglio così. Ma i due dovranno anche venire a capo del mistero del ritratto, per tacitare gli sfottò in ufficio e per rimettere ordine in famiglia.

Misfatto in crosta

Convento Gaia