Classici

I Vicerè

De Roberto Federico

Descrizione: Storia di tre generazioni della potente famiglia catanese degli Uzeda di Francalanza, di antica origine spagnola, pronta a tutto pur di conservare la supremazia anche nella nuova, contraddittoria Italia unita. Il capolavoro di Federico De Roberto (Napoli 1861 - Catania 1927) è uno dei rari, grandi romanzi della letteratura italiana.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2006

ISBN: 9788806184438

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Un’opera ambientata a partire dal processo d’Unità d’Italia e dei primi decenni del governo del nuovo Stato, per poi attraversare ben tre generazioni della stessa famiglia: gli Uzeda, principi di Francalanza.

Molti hanno voluto definire questo grande capolavoro il modello con il quale Tomasi di Lampedusa si è confrontato per il suo capolavoro: indubbiamente il tema del trasformismo e, allo stesso tempo, dell’immobilismo politico, sono dei notevoli punti in comune, e non è difficile individuare spesso i tratti del futuro Tancredi in quelli del principino Consalvo. Ma lo stile e i temi divergono, a tal punto da creare due capolavori della nostra letteratura decisamente distinti.

Gli Uzeda sono i discendenti di un’aristocratica famiglia spagnola, giunta in Sicilia per svolgere l’incarico politico di Vicerè. L’orgoglio, la superbia, l’alterigia e il desiderio di potere sono i tratti che indistintamente caratterizzano tutti i componenti di questa famiglia, cambiando soltanto i mezzi e le modalità con i quali si intende raggiungere una posizione di dominio. Dalla carriera ecclesiastica, naturalmente imposta ai cadetti, a quella accademica; dai matrimoni per amore, contratti per la volontà di contrastare il potere oppressivo del genitore, a quello di convenienza, stipulato per rendere onore alla grande casata.
Ma l’argomento fondamentale è senza dubbio la politica: dopo un breve accenno ai fatti del 1848, si ripercorrono le fasi della liberazione della Sicilia, compiuta ad opera di Garibaldi, dell’unificazione, del governo della destra storica fino al trionfo della sinistra progressista nelle elezioni del 1882.

Prima il duca d’Oragua, fratello del principe Giacomo, poi con più maestria il principe Consalvo, sapranno adattarsi ai tempi, l’uno divenendo deputato e l’altro cercando di farsi strada sfruttando sì la propria influenza di nobile, ma anche aderendo all’ala democratica perchè persuaso dai propri studi che quel momento sarebbe stato propizio per quell’orientamento.

Mancherà a Consalvo la partecipazione emotiva, che invece caratterizzerà Benedetto Giuliente, ex-garibaldino, marito di sua zia Lucrezia, borghese e avvocato, il quale si avvicinerà con passione alla nuova monarchia. Il principino di Francalanza rinuncerà ad esprimere i proprio ideali e le convinzioni che gli derivano dalla propria tradizione familiare per far sì che possa di nuovo salire al potere, venendo eletto deputato. Esattamente come i suoi antenati avevano dominato, accettando dei compromessi con il re, così ora lui ha intenzione di fare: unica differenza è quella di cercare un compromesso con il popolo, che è diventato la fonte di legittimazione del potere.

Altro elemento che sicuramente percorre tutta l’opera è il tema della follia, o della malattia mentale: rappresentata da alcuni personaggi emblematici, come il principe Giacomo o il barone Giovannino, tuttavia essa è una caratteristica che avvolge tutta la famiglia. Tramandata in eredità da padre in figlio, si palesa come un segno evidente della degenerazione del sangue degli Uzeda, a riprova del fatto che tutto sta cambiando. Sarà però proprio Consalvo a dimostrare che in realtà la storia non cambia mai veramente: cambiano soltanto le modalità con le quali essa procede.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Federico

Roberto

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Roberto Federico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

QUANDO ERO UN’OPERA D’ARTE

Schmitt Eric-Emmanuel

Versailles, 1774. Giocatore d'azzardo, spadaccino ed ex spia del Doge di Venezia, Pietro Viravolta ha abbandonato la Serenissima per entrare nel Segreto del Re, una rete d'informatori al servizio di Luigi XV. Perciò non è sorpreso quando il duca d'Aiguillon, ministro della corona, lo convoca d'urgenza a corte per far luce sul brutale omicidio di una giovane donna. Tuttavia non può immaginare ciò che l'assassino ha lasciato accanto al cadavere: un'elegante edizione delle opere di La Fontaine e una pergamena, sulla quale sono stati vergati col sangue i titoli di dieci favole e una firma, "il Favolista". Il messaggio è chiaro: qualcuno si appresta a compiere una serie di omicidi, inscenando macabre rappresentazioni delle opere del celebre autore. E c'è un altro dettaglio, ancora più sconcertante: quattro anni prima, lo stesso Viravolta aveva ucciso un agitatore politico che si faceva chiamare il Favolista... In bilico tra lo sfarzo abbagliante di Versailles e gli oscuri meandri di una nobiltà inquieta, la spia veneziana verrà risucchiata in un vortice di tradimenti, inganni e morti efferate, un vortice che potrebbe cambiare il destino del regno di Francia...

Il traditore di Versailles

Delalande Arnaud

James Purdy e la sua scrittura rimangono un rebus oggi come ieri. Amato da autori che non potrebbero essere più diversi - tra gli altri Jonathan Franzen, Gore Vidal e David Means che firma l'introduzione a questo libro -, non ha mai incontrato il favore del grande pubblico né lo ha mai ricercato. Forse proprio perché non l'abbiamo capito meriterebbe ancora un'altra chance per confonderci e sviarci, per mostrarci come la letteratura possa ancora essere un oggetto misterioso che prescinde da regole di scrittura fissate come fossero le tavole del tempio. La prosa di Purdy potrebbe suonare anacronistica, con le sue didascalie, il suo marchiano "tell don't show", questi personaggi che fulminano a bruciapelo gli interlocutori con domande sul senso delle cose, stridenti nella loro chiarezza e crudeli nel loro essere stralunate. I neon di un cinema notturno piuttosto equivoco squillano "uomini uomini uomini", e nella sala buia qualche marchettaro è intento a conoscere col tatto corpi e fremiti propri e altrui. Così come gli Holden efebici che perlustrano gli anfratti più bui di un parco sordido varcano quel territorio di confine che è l'omosessualità, allo stesso modo la lingua di Purdy sta e si misura fra ciò che dice e ciò che esclude dall'esser detto, ciò che rimane fuori ma soprattutto sotto l'abito di parole confezionato da questo formalissimo sarto letterario. Sotto una spessa patina di urbanità e manierismi, pulsa una voragine di desiderio e gli interpreti azzimati e ossequiosi di queste turpitudini mai esibite, ma solo ruminate e vissute, hanno un'onomastica e una "quirkin"...

Non chiamarmi col mio nome

Purdy James

Campagna inglese, anni Trenta. Per quattro ragazzi è il tempo delle conversazioni con gli animali, delle zuffe al villaggio, della casa-albero che custodisce segreti, dell'amicizia con Ned, eroe di guerra, un raro adulto che sa parlare coi bambini. Un giorno una pecora sprofonda in un tumulo, rivelando la tomba di un antico guerriero da cui il protagonista ruba un bracciale d'oro: lo spettro lo cerca, lascia tracce di sangue accanto alla sua stanza, prende le sembianze di un mastino nero. Tra le bugie e i misteri dei grandi, la ferocia di due gemelli troppo biondi e una tragedia ingiusta, la Gente Bassa scoprirà suo malgrado e tutto in una volta il male di vivere.

Il piccolo regno

Wu Ming 4