Letteratura araba

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

images-1

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’
Lo scorso sabato sono stati annunciati i nomi dei vincitori dell’edizione 2012 del Premio Sawiris.



Con Sons of Gebelawi, Ibrahim Farghali ha vinto il premio per il miglior romanzo nella categoria “senior writers”..

Sons of Gebelawi, inizialmente pubblicato nel 2009 da Dar al-Ain, prende le fila dal controverso romanzo di Naguib Mahfouz, Children of the Alley (pubblicato con il nome Figli di Gebelawi). Il romanzo del 1959 ha dato vita ad una contestazione di natura religiosa nei confronti di Mahfouz, che ha anche causato il tentativo di assassinio dell’autore vincitore del Premio Nobel.

Il romanzo di Farghali è stato pubblicato e diffuso in Egitto, mentre ha vissuto problemi di censura al di fuori dei suoi confini.  

Il premio per la migliore raccolta di racconti brevi, sempre per la categoria “senior writers” è andato a Ibrahim Dawoud, con il suo The Atmosphere (2011). Con 38 sketch, The Atmosphere dipinge I ritratti degli autori, poeti e artisti del Cairo nei cafè della città.

I premi per la categoria “senior writer” saranno accompagnati da un premio da 100,000LE.

La giuria per la categoria senior-writers includeva l’autore Gamal El-Ghitani, i critici Mona Tolba e Mohammed Badawy, e i professori Samia Mehrez e Mohammed Bererry.

Nella categoria giovani scrittori, il premio è stato assegnato a Yasser Ahmed per il suo romanzo Reverse Direction. In seconda posizione troviamo Mohamed Salem (Visual Cadres) e Mohamed Mahmoud Ghitani (Tango Dancer).

Mohammad Rafie ha invece vinto il primo premio come migliore raccolta di racconti brevi, con The Water’s Grandeur. Al secondo posto si sono posizionati Amira Hassan al-Desoki (Stop It, Youssef) e Muhammad Farouk Shams El-Din (The Qasr el-Nil Cinema).

I vincitori della categoria giovani autori hanno ricevuto un premio pari a 40,000LE per il vincitore, e 30,000LE per i secondi classificati. La giuria per la categoria giovani autori era composta dall’autore Ibrahim Abdel-Maguid, dal giornalista Karima Kamal, dal professore di filosifia Anwar Moghith, dal poeta Abdel-Monem Ramadan, e dal critico Saeed El-Wakeel.

L’elenco dei finalisti può essere trovato sul sitodella  Sawiris Foundation.

*     *      *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/03/ibrahim-farghali-wins-sawiris-novel-prize-for-sons-of-gebelawi/

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oggi vede suo padre per la prima volta. Sono diciotto anni che aspetta questo momento. Una settimana fa l'ha visto in televisione, l'ha cercato e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all'altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui ha qualcosa da finire, le chiede soltanto un attimo; diciotto anni e un attimo. "Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l'avrei mai fatto" le dice poi. Non ci sono abbracci. Gelido freddo invernale, dentro e fuori di lì. Ha un bel salire e scendere da autobus e tram, Lidia, per andarlo a trovare. Passano i mesi e non c'è disgelo. Ma il destino è disegnato nel cielo, ha un cappello bianco da cowboy, è da anni che la cerca dappertutto e ancora non l'ha trovata. Aspettami, non ti muovere, gli dice Lidia, ti troverò io. Va a cercarlo lontano, su una montagna a duemila metri, dove il lavoro principale è sorridere, e non fermarsi mai. E proprio lì, di colpo, una pioggia di sms cambia tutto. Per tanto tempo la vita non ha fatto che dirle no no no, dopo dopo dopo, e ora finalmente le dice sì sì sì, ora! ora! ora! Suo padre le scrive sono cambiato, prima non ero pronto e adesso sì. Adesso vuole stare con lei. Ha trovato il grande amore ed è pronto a cominciare una nuova fase della vita. Ecco come si stanno mettendo le cose. Davvero molto bene. Talmente bene che Lidia ogni due minuti si chiede: ma sarà vero? Non ci sarà qualcosa che non va? "Il mio regalo sei tu" è la storia di un amore negato: l'avventura di una piccola donna coraggiosa nelle spire di un padre serpente.

IL MIO REGALO SEI TU

Spinazzola Sarah

Bambino del dopoguerra, Ninni cresce diviso tra due grandi mondi, quello antico e agricolo dell’Emilia diventata rossa e quello ferocemente industriale della provincia lombarda. Diviso anche tra le figure dominanti del suo piccolo mondo, la nonna, sempre e per principio dalla sua parte, il babbo, sempre e per principio contro, e la mamma che si barcamena, lo protegge ma dubita. C’è in lui infatti un lato inspiegabile, “oscuro persino, inquietante”. Ninni inoltre tartaglia e la maestra che assomiglia alla Tordella lo prende per ritardato. Da ragazzino si innamora di Milano, della città che sale, della sua forza vitale, della sua ostinazione a migliorare. Più avanti ancora, diventato ragazzo e costretto a non essere più Ninni, ma Gianni, si scoprirà trascinato da un’insaziabile curiosità, di sapere, osservare, leggere la realtà. Le sue conquiste passano attraverso l’amore per i libri, la prima colonia estiva e i primi amori, la scoperta del sesso, il rapporto libero e affettuoso con la sorella, la partecipazione politica, l’incontro fondante con alcuni maestri. Nella storia di formazione di un “ragazzo italiano” c’è la storia dell’intero Paese, il dopoguerra, la modernizzazione sia rurale che urbana, la vicenda di una generazione figlia della guerra ma capace di proiettare sogni e progetti oltre quella tragedia. Un’Italia dove la scuola è ancora un fattore di promozione sociale e il futuro ha in serbo qualcosa di importante per chi ha capacità, curiosità e sa investire su di sé. Un’Italia che forse non esiste più, ma da cui si può ancora attingere e che sicuramente vive nella memoria profonda di moltissimi italiani. Ferrari le ridà corpo e respiro, con uno stile elegante, affabile, precisissimo nella rievocazione storica, ma nondimeno emotivo, capace di far emergere dalle pagine una moltitudine di personaggi lampeggianti futuro.

Ragazzo italiano

Ferrari Gian Arturo

Marchiati a fuoco, prima di essere barbaramente uccisi ed esposti come monito per le strade di Roma. Questa è la sorte che toccava agli Illuminati, l'antica setta di scienziati perseguitata in secoli oscuri dalla Chiesa cattolica. Un rituale crudele, ben conosciuto da Robert Langdon, lo studioso di iconologia del "Codice da Vinci". Ma quando la storia si ripresenta, il fascino si trasforma in raccapriccio. Svegliato in piena notte e trasportato dagli Stati Uniti in Svizzera, Langdon è costretto a esaminare, nei laboratori del CERN di Ginevra, un cadavere orrendamente mutilato. Sul petto della vittima, impresso a fuoco, il terribile segno degli Illuminati: lo scienziato ucciso ha difeso fino all'ultimo il segreto di un'arma sperimentale rubata dagli assassini.

Angeli e demoni

Brown Dan