Letteratura araba

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

images-1

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’
Lo scorso sabato sono stati annunciati i nomi dei vincitori dell’edizione 2012 del Premio Sawiris.



Con Sons of Gebelawi, Ibrahim Farghali ha vinto il premio per il miglior romanzo nella categoria “senior writers”..

Sons of Gebelawi, inizialmente pubblicato nel 2009 da Dar al-Ain, prende le fila dal controverso romanzo di Naguib Mahfouz, Children of the Alley (pubblicato con il nome Figli di Gebelawi). Il romanzo del 1959 ha dato vita ad una contestazione di natura religiosa nei confronti di Mahfouz, che ha anche causato il tentativo di assassinio dell’autore vincitore del Premio Nobel.

Il romanzo di Farghali è stato pubblicato e diffuso in Egitto, mentre ha vissuto problemi di censura al di fuori dei suoi confini.  

Il premio per la migliore raccolta di racconti brevi, sempre per la categoria “senior writers” è andato a Ibrahim Dawoud, con il suo The Atmosphere (2011). Con 38 sketch, The Atmosphere dipinge I ritratti degli autori, poeti e artisti del Cairo nei cafè della città.

I premi per la categoria “senior writer” saranno accompagnati da un premio da 100,000LE.

La giuria per la categoria senior-writers includeva l’autore Gamal El-Ghitani, i critici Mona Tolba e Mohammed Badawy, e i professori Samia Mehrez e Mohammed Bererry.

Nella categoria giovani scrittori, il premio è stato assegnato a Yasser Ahmed per il suo romanzo Reverse Direction. In seconda posizione troviamo Mohamed Salem (Visual Cadres) e Mohamed Mahmoud Ghitani (Tango Dancer).

Mohammad Rafie ha invece vinto il primo premio come migliore raccolta di racconti brevi, con The Water’s Grandeur. Al secondo posto si sono posizionati Amira Hassan al-Desoki (Stop It, Youssef) e Muhammad Farouk Shams El-Din (The Qasr el-Nil Cinema).

I vincitori della categoria giovani autori hanno ricevuto un premio pari a 40,000LE per il vincitore, e 30,000LE per i secondi classificati. La giuria per la categoria giovani autori era composta dall’autore Ibrahim Abdel-Maguid, dal giornalista Karima Kamal, dal professore di filosifia Anwar Moghith, dal poeta Abdel-Monem Ramadan, e dal critico Saeed El-Wakeel.

L’elenco dei finalisti può essere trovato sul sitodella  Sawiris Foundation.

*     *      *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/03/ibrahim-farghali-wins-sawiris-novel-prize-for-sons-of-gebelawi/

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

Fred e Mick, due amici alla soglia degli ottanta, trascorrono una vacanza in un hotel di lusso sulle Alpi. Fred è un direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con tenerezza alla vita confusa dei loro figli, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna a concludere la sceneggiatura di quello che sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da anni ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole ad ogni costo vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.

Youth – La giovinezza

Sorrentino Paolo

'Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo": comincia così Anna Karenina e da quando Tolstoj ha usato queste parole per introdurre la storia di una delle famiglie più infelici della letteratura di tutti i tempi, a sentir parlare di "famiglie felici" vengono subito i brividi. Nemmeno le famiglie di Fuentes si sottraggono a questo destino: sedici racconti brevi intervallati da altrettante prose in versi in cui, inutile dirlo, nessuna famiglia è davvero felice né lo sarà mai. Un padre in punto di morte impone un diabolico rituale di lutto alle sue tre figlie. Un marito abbandona la sua bellissima moglie per una cugina molto meno avvenente. Una madre intrattiene una corrispondenza con l'assassino di sua figlia. Un fratello scredita l'altro pur di non compromettere la sua carriera. Un amante gay tradisce il suo storico partner per un giovincello.

TUTTE LE FAMIGLIE FELICI

Fuentes Carlos

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare all’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine...

LA PSICHIATRA

Dorn Wulf