Letteratura araba

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

images-1

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’
Lo scorso sabato sono stati annunciati i nomi dei vincitori dell’edizione 2012 del Premio Sawiris.



Con Sons of Gebelawi, Ibrahim Farghali ha vinto il premio per il miglior romanzo nella categoria “senior writers”..

Sons of Gebelawi, inizialmente pubblicato nel 2009 da Dar al-Ain, prende le fila dal controverso romanzo di Naguib Mahfouz, Children of the Alley (pubblicato con il nome Figli di Gebelawi). Il romanzo del 1959 ha dato vita ad una contestazione di natura religiosa nei confronti di Mahfouz, che ha anche causato il tentativo di assassinio dell’autore vincitore del Premio Nobel.

Il romanzo di Farghali è stato pubblicato e diffuso in Egitto, mentre ha vissuto problemi di censura al di fuori dei suoi confini.  

Il premio per la migliore raccolta di racconti brevi, sempre per la categoria “senior writers” è andato a Ibrahim Dawoud, con il suo The Atmosphere (2011). Con 38 sketch, The Atmosphere dipinge I ritratti degli autori, poeti e artisti del Cairo nei cafè della città.

I premi per la categoria “senior writer” saranno accompagnati da un premio da 100,000LE.

La giuria per la categoria senior-writers includeva l’autore Gamal El-Ghitani, i critici Mona Tolba e Mohammed Badawy, e i professori Samia Mehrez e Mohammed Bererry.

Nella categoria giovani scrittori, il premio è stato assegnato a Yasser Ahmed per il suo romanzo Reverse Direction. In seconda posizione troviamo Mohamed Salem (Visual Cadres) e Mohamed Mahmoud Ghitani (Tango Dancer).

Mohammad Rafie ha invece vinto il primo premio come migliore raccolta di racconti brevi, con The Water’s Grandeur. Al secondo posto si sono posizionati Amira Hassan al-Desoki (Stop It, Youssef) e Muhammad Farouk Shams El-Din (The Qasr el-Nil Cinema).

I vincitori della categoria giovani autori hanno ricevuto un premio pari a 40,000LE per il vincitore, e 30,000LE per i secondi classificati. La giuria per la categoria giovani autori era composta dall’autore Ibrahim Abdel-Maguid, dal giornalista Karima Kamal, dal professore di filosifia Anwar Moghith, dal poeta Abdel-Monem Ramadan, e dal critico Saeed El-Wakeel.

L’elenco dei finalisti può essere trovato sul sitodella  Sawiris Foundation.

*     *      *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/03/ibrahim-farghali-wins-sawiris-novel-prize-for-sons-of-gebelawi/

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alcune giovani donne di Atlanta sono morte per mano di un killer che firma la sua opera con un unico agghiacciante atto di mutilazione. La polizia scatena una caccia frenetica, guidata da un detective con una lunga esperienza: lui si chiama Michael Ormewood e deve risolvere al più presto il caso, anche se il suo matrimonio sta vacillando e il temperamento esplosivo ne sta minacciando la carriera. Si aggiunge anche Angie Polaski, una poliziotta sexy ed ex amante di Michael, e un ex galeotto che si mette per caso sulle tracce del killer e che potrebbe diventare la chiave risolutiva del caso.

L’OMBRA DELLA VERITA’

Slaughter Karin

Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario

Pedro Páramo è un'opera al meno. È il lavoro della sottrazione continua.Una narrazione senza le astuzie del romanzo.Un brano di Storia senza date e senza eroi.Un tempo immobile.Una metafisica senza mondo. E anche per questo sta, come un sentiero di crinale, alla svolta della narrativa ispanoamericana del Novecento.

PEDRO PARAMO

Rulfo Juan

Tasso è un uomo con un piolo conficcato in testa, un po' lento (direbbe sua madre), ma molto sensibile alle attenzioni della signora Pilar. Anchise è disposto a pagare di tasca propria per poter continuare a suonare ogni sabato con la sua band, e scambiare quello sguardo di profondissima intesa con Diana, la bassista, prima che lei torni dal marito. E poi c'è una Polaroid che a un certo punto comincia a catturare non solo le immagini ma anche i pensieri, e una sala d'attesa in cui perdere la cognizione del tempo mentre aspetti invano che l'Assegnatore chiami il tuo numero. Insomma, questi racconti - cosi diversi fra loro e cosi inseparabili, quasi una classe scolastica eterogenea ma affiatata - sono un tripudio di fantasia e vividezza. E soprattutto irrompono sulla scena due elementi nuovissimi nella scrittura di Ligabue: la cornice surreale e la musica. La musica in tutte le sue declinazioni. La musica che, come il sesso e l'amore, sfugge fortunatamente a ogni tentativo di imbrigliarla. Perché solo nell'abbandono, nell'accettazione del mistero, nello stupore che ci afferra ogni volta come fosse la prima, possiamo sperimentare la loro - e la nostra - quotidiana spettacolare magia.

Scusate il disordine

Ligabue, Luciano