Letteratura araba

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

images-1

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’
Lo scorso sabato sono stati annunciati i nomi dei vincitori dell’edizione 2012 del Premio Sawiris.



Con Sons of Gebelawi, Ibrahim Farghali ha vinto il premio per il miglior romanzo nella categoria “senior writers”..

Sons of Gebelawi, inizialmente pubblicato nel 2009 da Dar al-Ain, prende le fila dal controverso romanzo di Naguib Mahfouz, Children of the Alley (pubblicato con il nome Figli di Gebelawi). Il romanzo del 1959 ha dato vita ad una contestazione di natura religiosa nei confronti di Mahfouz, che ha anche causato il tentativo di assassinio dell’autore vincitore del Premio Nobel.

Il romanzo di Farghali è stato pubblicato e diffuso in Egitto, mentre ha vissuto problemi di censura al di fuori dei suoi confini.  

Il premio per la migliore raccolta di racconti brevi, sempre per la categoria “senior writers” è andato a Ibrahim Dawoud, con il suo The Atmosphere (2011). Con 38 sketch, The Atmosphere dipinge I ritratti degli autori, poeti e artisti del Cairo nei cafè della città.

I premi per la categoria “senior writer” saranno accompagnati da un premio da 100,000LE.

La giuria per la categoria senior-writers includeva l’autore Gamal El-Ghitani, i critici Mona Tolba e Mohammed Badawy, e i professori Samia Mehrez e Mohammed Bererry.

Nella categoria giovani scrittori, il premio è stato assegnato a Yasser Ahmed per il suo romanzo Reverse Direction. In seconda posizione troviamo Mohamed Salem (Visual Cadres) e Mohamed Mahmoud Ghitani (Tango Dancer).

Mohammad Rafie ha invece vinto il primo premio come migliore raccolta di racconti brevi, con The Water’s Grandeur. Al secondo posto si sono posizionati Amira Hassan al-Desoki (Stop It, Youssef) e Muhammad Farouk Shams El-Din (The Qasr el-Nil Cinema).

I vincitori della categoria giovani autori hanno ricevuto un premio pari a 40,000LE per il vincitore, e 30,000LE per i secondi classificati. La giuria per la categoria giovani autori era composta dall’autore Ibrahim Abdel-Maguid, dal giornalista Karima Kamal, dal professore di filosifia Anwar Moghith, dal poeta Abdel-Monem Ramadan, e dal critico Saeed El-Wakeel.

L’elenco dei finalisti può essere trovato sul sitodella  Sawiris Foundation.

*     *      *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/03/ibrahim-farghali-wins-sawiris-novel-prize-for-sons-of-gebelawi/

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

COSI’ ERA MILANO – di Bruno Pellegrino

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

«Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

La morte della Pizia

Durrenmatt Friedrich

Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.