Classici

L’idiota

Dostoevskij Fedor Michajllov

Descrizione: Il principe Myskin, ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, è "uno che cerca nell'intimo della sua coscienza le motivazioni essenziali del suo modo di essere", mosso dalla candida fede nella fratellanza umana e dal proposito di fare il proprio dovere con onestà e sincerità. Tornato a Pietroburgo dopo un lungo soggiorno in Svizzera per curarsi dell'epilessia, viene travolto dalla vicenda di Nastas'ja Filippovna. Decide di chiederla in moglie per sottrarla ai suoi due contendenti: il violento Rogozin, che per un amore folle alza la propria offerta in denaro, e il segretario del generale Epancim, Ganja, che mira invece alla dote. Ma Nastas'ja, turbata dalla proposta, fugge con Rogozin, mentre del principe si innamora Aglaja, la figlia del generale.

Categoria: Classici

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica classici

Anno: 2014

ISBN: 9788807901003

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Leggere un classico è altro da ri-leggere un classico. Sembrerà ai più una considerazione da poco conto, ma è la sensazione che ho avuto tornando a ri-leggere, dopo “appena” dieci anni, L’idiota di F.M. Dostoevskij (1869).

Perché, diciamolo pure, la storia del principe Myskin come prototipo dell’uomo “positivamente buono”, di un “Cristo del XIX secolo” a vent’anni può anche annoiarti, ti fa pensare che più che buono magari è solo sfortunato. Ma poi… mutatis mutandis… scopri che il famoso “buono” in russo indica lo splendore della bellezza, ti balena nella mente l’ideale greco della “kalokagathia” e pensi che il principe Myskin è un personaggio talmente complesso e impenetrabile che solo a vent’anni puoi averlo giudicarlo “sfortunato”.

Il romanzo ha una trama apparentemente complicata, intessuta di tanti personaggi che sembrano quasi rincorrersi e sfuggirsi a vicenda: Rogozin, Nastas’ja, Gavrila e ancora Aglaja, Varvara, Ippolit e tanti altri; in realtà è più evidente un andamento ciclico, per cui inizio e fine hanno in comune il personaggio, il principe appunto, e nella sua condizione di malattia.

Il filo rosso è senza dubbio l’Amore: accomuna i personaggi, li spinge a fuggire e poi a ritrovarsi, per poi allontanarsi e riconoscersi e scoprirsi.

Su tutti, però, si erge lui, Myskin, un io che si annienta, uno spirito talmente puro che è incapace di adeguarsi al cinismo e alla meschinità imperante. Il mondo lo sfiora appena, gli passa accanto, ma è come se non si fissasse su di lui, come se passasse volutamente oltre: Nastas’ja lo ama ma non sta con lui perché crede di non meritarselo; Gavrila nel tentativo di schiaffeggiare Varvara colpirà lui; Rogozin sta per pugnalarlo ma un attacco epilettico spaventa l’aggressore e si salva; confessa di amare “ a suo modo” Aglaja ma quest’ultima sarà uccisa da Rogozin…

Il romanzo è ricco sì di avvenimenti, ma anche di molti spunti di riflessione sui vari aspetti della società europea del tempo. Basti pensare al Decadentismo europeo nella seconda metà dell’Ottocento e la figura dell’”idiota” non ci sembrerà così lontana, seppur con i dovuti distinguo, da quella del “vinto” di verghiana memoria o dell’inetto di Svevo.

Da leggere e ri-leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michajllov

Fedor

Dostoevskij

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dostoevskij Fedor Michajllov


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano

Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Da ventisette anni il sacerdote Niccolò Moretti varca le porte della Basilica di San Pietro, si genuflette di fronte alla Confessione e sale sull'impalcatura che avvolge il baldacchino del Bernini. Sta per iniziare il restauro in vista della Quaresima quando nota qualcosa disteso a terra e, mentre scende a vedere, si accorge che non è un uccello con un'ala rotta o una sciarpa dimenticata da qualche turista, come aveva pensato. È il cadavere di una donna. Pochi minuti dopo il Vaticano ha già contattato una persona fidata capace di sbrogliare quel mistero rapidamente e senza destare scalpore: Gabriel Allon, restauratore e imprendibile spia del nucleo più segreto dei servizi israeliani. Scampato per miracolo all'ultima missione, Allon si trova già a Roma per presenziare ai lavori di restauro della Deposizione di Cristo di Caravaggio e non ci mette molto ad accorrere nel luogo dell'incidente. Secondo gli inquirenti, la vittima, Claudia Andreatti, si sarebbe suicidata buttandosi di sotto dall'impalcatura del baldacchino, ma a Gabriel i conti non tornano: perché una studiosa giovane e affermata che ogni giorno lui incontrava sorridente avrebbe dovuto togliersi la vita? E, inoltre, perché l'avrebbe fatto nell'unico momento in cui le telecamere di sicurezza erano spente? Seguendo il misterioso invito di monsignor Luigi Donati, l'enigmatico segretario privato di papa Paolo VII, la spia israeliana accetta di non collaborare con la polizia ma inizia un'indagine solitaria.

L’angelo caduto

Silva Daniel

L’altare dei morti

James Henry