Classici

L’idiota

Dostoevskij Fedor Michajllov

Descrizione: Il principe Myskin, ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, è "uno che cerca nell'intimo della sua coscienza le motivazioni essenziali del suo modo di essere", mosso dalla candida fede nella fratellanza umana e dal proposito di fare il proprio dovere con onestà e sincerità. Tornato a Pietroburgo dopo un lungo soggiorno in Svizzera per curarsi dell'epilessia, viene travolto dalla vicenda di Nastas'ja Filippovna. Decide di chiederla in moglie per sottrarla ai suoi due contendenti: il violento Rogozin, che per un amore folle alza la propria offerta in denaro, e il segretario del generale Epancim, Ganja, che mira invece alla dote. Ma Nastas'ja, turbata dalla proposta, fugge con Rogozin, mentre del principe si innamora Aglaja, la figlia del generale.

Categoria: Classici

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica classici

Anno: 2014

ISBN: 9788807901003

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Leggere un classico è altro da ri-leggere un classico. Sembrerà ai più una considerazione da poco conto, ma è la sensazione che ho avuto tornando a ri-leggere, dopo “appena” dieci anni, L’idiota di F.M. Dostoevskij (1869).

Perché, diciamolo pure, la storia del principe Myskin come prototipo dell’uomo “positivamente buono”, di un “Cristo del XIX secolo” a vent’anni può anche annoiarti, ti fa pensare che più che buono magari è solo sfortunato. Ma poi… mutatis mutandis… scopri che il famoso “buono” in russo indica lo splendore della bellezza, ti balena nella mente l’ideale greco della “kalokagathia” e pensi che il principe Myskin è un personaggio talmente complesso e impenetrabile che solo a vent’anni puoi averlo giudicarlo “sfortunato”.

Il romanzo ha una trama apparentemente complicata, intessuta di tanti personaggi che sembrano quasi rincorrersi e sfuggirsi a vicenda: Rogozin, Nastas’ja, Gavrila e ancora Aglaja, Varvara, Ippolit e tanti altri; in realtà è più evidente un andamento ciclico, per cui inizio e fine hanno in comune il personaggio, il principe appunto, e nella sua condizione di malattia.

Il filo rosso è senza dubbio l’Amore: accomuna i personaggi, li spinge a fuggire e poi a ritrovarsi, per poi allontanarsi e riconoscersi e scoprirsi.

Su tutti, però, si erge lui, Myskin, un io che si annienta, uno spirito talmente puro che è incapace di adeguarsi al cinismo e alla meschinità imperante. Il mondo lo sfiora appena, gli passa accanto, ma è come se non si fissasse su di lui, come se passasse volutamente oltre: Nastas’ja lo ama ma non sta con lui perché crede di non meritarselo; Gavrila nel tentativo di schiaffeggiare Varvara colpirà lui; Rogozin sta per pugnalarlo ma un attacco epilettico spaventa l’aggressore e si salva; confessa di amare “ a suo modo” Aglaja ma quest’ultima sarà uccisa da Rogozin…

Il romanzo è ricco sì di avvenimenti, ma anche di molti spunti di riflessione sui vari aspetti della società europea del tempo. Basti pensare al Decadentismo europeo nella seconda metà dell’Ottocento e la figura dell’”idiota” non ci sembrerà così lontana, seppur con i dovuti distinguo, da quella del “vinto” di verghiana memoria o dell’inetto di Svevo.

Da leggere e ri-leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michajllov

Fedor

Dostoevskij

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dostoevskij Fedor Michajllov

Il piccolo libri del Natale; dal nascere al mondo e alla vita; l'enorme mistero della maternità. Una lettura della storia di Maria che restituisce alla madre di Gesù la meravigliosa semplicità di una femminilità coraggiosa, la grazia umana di un destino che la comprende e la supera.

In nome della madre

De Luca Erri

Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Una peccatrice

Verga Giovanni

Un romanzo costruito di racconti concentrici, un puzzle le cui tessere sono sguardi diversi sulla stessa storia. Una donna ancora giovane, con una figlia bambina e una adolescente, una donna ancora bella e baciata dalla grazia di una eccezionale sensibilità creativa, si ritrova prigioniera della stessa prigione che si è chiusa attorno al corpo di suo marito, Pietro, anche lui giovane ancora bello, ancora forte, ridotto dalle conseguenze di un incidente a vegetare muto e inconsapevole, paralizzato e totalmente dipendente, senza potere vivere, senza poter morire. Si chiama Miriam, la donna. Corteggiata, amata. A quattro anni dalla tragedia si trova in bilico fra la voglia di ribellarsi al dolore e il bisogno di sacrificargli tutte le sue possibilità, tutto il suo possibile futuro, come a un Dio Minore da placare. Certa che non riceverà niente in cambio. Attorno a Miriam e alle sue oscillazioni “gli altri”: ciascuno a suo modo colpito e modificato, colpito e atterrito, colpito e affondato. Da lei, Miriam, da lui, Pietro. Gli altri: la bambina, la ragazza, l’uomo ancora giovane, l’uomo più vecchio. tutti a confrontarsi con se stessi e con Miriam, con Miriam e con Pietro, come ci si confronta, consapevoli o no, continuamente, con la morte e con l’amore.

MIRIAM E LA GEOMETRIA

Grosso Luisa

Satira della società, specchio di un’infanzia che osserva l’assurdo mondo dei “grandi”, storia di un sogno e bibbia del bizzarro. “Alice” è un magico gioco di intelletto e parole, che affascina da 150 anni i lettori di tutto il mondo. Con le eccentriche e argute annotazioni del matematico americano Gardner, le illustrazioni del più noto incisore di epoca vittoriana e la traduzione di un raffinato scrittore italiano, questa edizione, completa di entrambi i libri di Carroll, “Alice nel paese delle meraviglie” e “Dietro lo specchio”, riesce a rivelare tutte le curiosità e gli enigmi di un capolavoro letterario senza tempo.

Alice nel paese delle meraviglie

Carroll Lewis