Classici

L’idiota

Dostoevskij Fedor Michajllov

Descrizione: Il principe Myskin, ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, è "uno che cerca nell'intimo della sua coscienza le motivazioni essenziali del suo modo di essere", mosso dalla candida fede nella fratellanza umana e dal proposito di fare il proprio dovere con onestà e sincerità. Tornato a Pietroburgo dopo un lungo soggiorno in Svizzera per curarsi dell'epilessia, viene travolto dalla vicenda di Nastas'ja Filippovna. Decide di chiederla in moglie per sottrarla ai suoi due contendenti: il violento Rogozin, che per un amore folle alza la propria offerta in denaro, e il segretario del generale Epancim, Ganja, che mira invece alla dote. Ma Nastas'ja, turbata dalla proposta, fugge con Rogozin, mentre del principe si innamora Aglaja, la figlia del generale.

Categoria: Classici

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica classici

Anno: 2014

ISBN: 9788807901003

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Leggere un classico è altro da ri-leggere un classico. Sembrerà ai più una considerazione da poco conto, ma è la sensazione che ho avuto tornando a ri-leggere, dopo “appena” dieci anni, L’idiota di F.M. Dostoevskij (1869).

Perché, diciamolo pure, la storia del principe Myskin come prototipo dell’uomo “positivamente buono”, di un “Cristo del XIX secolo” a vent’anni può anche annoiarti, ti fa pensare che più che buono magari è solo sfortunato. Ma poi… mutatis mutandis… scopri che il famoso “buono” in russo indica lo splendore della bellezza, ti balena nella mente l’ideale greco della “kalokagathia” e pensi che il principe Myskin è un personaggio talmente complesso e impenetrabile che solo a vent’anni puoi averlo giudicarlo “sfortunato”.

Il romanzo ha una trama apparentemente complicata, intessuta di tanti personaggi che sembrano quasi rincorrersi e sfuggirsi a vicenda: Rogozin, Nastas’ja, Gavrila e ancora Aglaja, Varvara, Ippolit e tanti altri; in realtà è più evidente un andamento ciclico, per cui inizio e fine hanno in comune il personaggio, il principe appunto, e nella sua condizione di malattia.

Il filo rosso è senza dubbio l’Amore: accomuna i personaggi, li spinge a fuggire e poi a ritrovarsi, per poi allontanarsi e riconoscersi e scoprirsi.

Su tutti, però, si erge lui, Myskin, un io che si annienta, uno spirito talmente puro che è incapace di adeguarsi al cinismo e alla meschinità imperante. Il mondo lo sfiora appena, gli passa accanto, ma è come se non si fissasse su di lui, come se passasse volutamente oltre: Nastas’ja lo ama ma non sta con lui perché crede di non meritarselo; Gavrila nel tentativo di schiaffeggiare Varvara colpirà lui; Rogozin sta per pugnalarlo ma un attacco epilettico spaventa l’aggressore e si salva; confessa di amare “ a suo modo” Aglaja ma quest’ultima sarà uccisa da Rogozin…

Il romanzo è ricco sì di avvenimenti, ma anche di molti spunti di riflessione sui vari aspetti della società europea del tempo. Basti pensare al Decadentismo europeo nella seconda metà dell’Ottocento e la figura dell’”idiota” non ci sembrerà così lontana, seppur con i dovuti distinguo, da quella del “vinto” di verghiana memoria o dell’inetto di Svevo.

Da leggere e ri-leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michajllov

Fedor

Dostoevskij

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dostoevskij Fedor Michajllov


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo "Vaticano Spa", "Sua santità", "Via crucis", tre inchieste che ci hanno introdotto nelle stanze e nei segreti più profondi del Vaticano, in questo nuovo libro Gianluigi Nuzzi ricompone, attraverso documenti inediti, carte riservate dell'archivio Ior e testimonianze sorprendenti, i tre fili rossi - quello del sangue, dei soldi e del sesso - che collegano e spiegano la fitta trama di scandali, dal pontificato di Paolo VI fino a oggi. Una ragnatela di storie dagli effetti devastanti, che hanno suscitato nel tempo interrogativi sempre rimasti senza risposta e che paralizzano ogni riforma di papa Francesco. L'autore ricostruisce molte verità che mancavano, a cominciare dal mistero della morte di papa Luciani...; la trattativa riservata tra Vaticano e procura di Roma per chiudere il caso Emanuela Orlandi; i conti di cardinali, attori, politici presso lo lor, tra operazioni milionarie, lingotti d'oro, fiumi di dollari e trame che portano al traffico internazionale di droga; l'evidenza di una lobby gay che condiziona pesantemente le scelte del Vaticano, tra violenze e pressioni perpetrate nei sacri palazzi e qui per la prima volta documentate. Ecco il "fuori scena" di un blocco di potere per certi aspetti criminale, ramificato, che continua ad agire impunito, più forte di qualsiasi papa (Ratzinger è stato costretto alle dimissioni aprendo però la strada a Bergoglio), sempre capace di rigenerarsi, che ostacola con la forza del ricatto e dei privilegi ogni tentativo di riforma.

Peccato originale

Nuzzi Gianluigi

Denny ha solo sette anni, una madre tossica, un padre folle e alcolizzato, dei compagni di scuola che lo maltrattano e lo considerano pazzo. Quando è solo, per vincere il terrore inventa filastrocche inquietanti. Ha un unico amico, che si fa chiamare Uomo dei Sogni: è un vecchio crudele, trasandato, con un bastone in mano. Se qualcuno fa del male a Denny, l'Uomo dei Sogni non perdona. Arriva e vendica. Pietro di anni ne ha quattordici. È un autistico geniale col dono del disegno. Unico testimone oculare delle aberranti sparizioni di alcuni ragazzini, Pietro fa la sola cosa che gli riesce in modo esemplare: disegna ciò che ha visto. E ciò che ha visto è agghiacciante. Nessuno gli crede, nessuno tranne la sua educatrice professionale. Alice: quei disegni le tolgono il sonno e la precipitano nell'incubo, le ricordano qualcosa che molti anni prima aveva cercato di rimuovere... Ma ora il passato ritorna e travolge. E deve essere fermato.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza

Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Cresciuto in Svezia, figlio di una donna che non ha mai conosciuto e di un guardaboschi che cerca disperatamente di scorgere all’orizzonte quel mare che ha dovuto lasciare da bambino, Hans Olofson è arrivato per caso nello Zambia. Profondamente colpito dall’immensa bellezza dell’Africa, pensa di potersi fermare per sempre. Ma un giorno, qualcuno uccide i suoi vicini, bianchi come lui. E Olofson comincia a sentirsi minacciato.

L’occhio del leopardo

Mankell Henning