Narrativa

Il bambino che sognava la fine del mondo

Scurati Antonio

Descrizione: "Correte. Mio padre sta uccidendo mia madre". La telefonata arriva alla stazione di polizia alle due del mattino. A farla è un bambino biondo con due grandi occhi blu che fissano il vuoto. Ma la mamma gli toglie la cornetta dalle mani: non è vero, non è accaduto niente, suo figlio urla nel sonno, si aggira per la città nel cuore della notte, suo figlio è sonnambulo. È un bambino che, notte dopo notte, sogna la fine del mondo. Trenta anni più tardi, un terribile sospetto scuote una città del Nord Italia: i bambini di una scuola materna accusano gli adulti di azioni orribili. Ben presto, propagato da giornali e televisioni come una pestilenza del nuovo millennio, il contagio della paura si allarga all'intero Paese. Tutta l'Italia si sente minacciata dal Male. In molti cominciano a sussurrare il nome del Diavolo. È in atto una cospirazione diabolica o si sta scatenando una caccia alle streghe?

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria Italiana

Anno: 2009

ISBN: 9788845262418

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

L’inizio de Il bambino che sognava la fine del mondo di Antonio Scurati mi ha ricordato un po’ “Le Vergini Suicide”, di Jeffrey Eugenides: una sorta di cronaca romanzata.

Il bambino che sognava la fine del mondo” è la storia di una suggestione di massa, del desiderio inconscio del terrore, della necessità di una contrapposizione netta tra il Male e il Bene.

Specchio fedele e sofferto dei nostri tempi, è ben narrato.

Migliore conclusione sarebbe stata a pagina 285…

Voto: 8 pieno.

Un professore universitario viene incaricato da un giornale di condurre un’inchiesta che non lo entusiasma particolarmente: l’orribile scandalo scoppiato in una scuola materna.

Un numero sempre crescente di bambini denuncia abusi e violenze, e il panico si diffonde rapidamente, prima tra i genitori, poi nel paese, e infine nell’intera nazione.

Ma un dubbio si insinua: è tutto vero?

Il passaparola, l’attenzione morbosa dei media, il gusto della gente per il macabro, l’esigenza di dare a qualcuno la colpa dei nostri fallimenti… Scurati ci dimostra che la paura è straordinariamente e pericolosamente contagiosa, e che, soprattutto in un periodo di generale instabilità ed insicurezza, siamo tutti più influenzati dalle esperienze altrui.

Ciò che senti alla radio, leggi sui giornali e vedi in TV ti sembra di averlo vissuto, ti immedesimi al punto da sentirti protagonista, forse perché hai bisogno di condividere qualcosa con gli altri, sia pure il dolore, forse perché hai bisogno di individuare un nemico comune contro cui combattere… Capire quale sia “il Male” è un passo importante per poter riconoscere e ritrovare “il Bene”.

“Soltanto parecchio tempo dopo, quando quell’inizio insignificante avrebbe per puro caso portato una catena di drammatiche conseguenze, soltanto allora, voltandoci indietro, tutti noi avremmo imparato a guardare a esso come a ciò che già serbava in sé l’autorità perentoria di un’origine”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Scurati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scurati Antonio

L’impossibile di Ognibene

6 domande a giovani poeti su Pier Paolo Pasolini è un’inchiesta, una ricognizione sul rapporto fra la giovane poesia italiana, rappresentata da 18 poeti del nord, del centro e del sud della penisola, e il pensiero, la produzione artistica e letteraria, la poesia di Pier Paolo Pasolini, a cento anni dalla nascita. 18 giovani poeti, nati fra il 2001 e il 1984, sorprendono per acume e intelligenza critica, rispondendo alle 6 domande, formulate seguendo la lezione moraviana delle indagini di «Nuovi Argomenti». Un volume per tornare alla poesia di Pier Paolo Pasolini, cogliendo, attraverso lo sguardo limpido e la voce chiara di giovani poeti, la presenza fastidiosa del Poeta delle Ceneri e la sua disperata inattualità, che è nello stupore di un uomo innamorato dell’antico barbarico, e si volge al nostro presente, più contemporaneo di ogni contemporaneo.

Pier Paolo Pasolini – 6 domande a giovani poeti

Favaro Angelo

Riccardin dal ciuffo (Riquet à la houppe)

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.