Narrativa

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John

Descrizione: Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: BestBUR

Anno: 2013

ISBN: 9788817064071

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Berlino, 1940. Bruno, nove anni, è il figlio di un importante ufficiale al servizio del Fuhrer, incaricato del progetto di eliminazione degli ebrei d’Europa nei campi di sterminio. Per la buona riuscita della missione, nonostante il disappunto del ragazzo e della sorella Gretel, la famiglia è tenuta a trasferirsi ad “Auscit”, una piccola località tedesca nei pressi della capitale.

Nella novella dimora i berlinesi faticano ad ambientarsi: la casa è infatti ben diversa da quella a cinque piani lasciata nel cuore di Berlino; non solo, non ci sono bambini con cui giocare e con cui relazionarsi, gli unici uomini in abiti “civili” sono i servitori, ovvero gli ebrei. Ma con loro Bruno non può interloquire, il padre non vede di buon occhio la frequentazione; anzi, scambiare qualche parola è quanto di più grave ci sia, per tutta la famiglia. Nessuno escluso.

Ma, si sa, i più piccoli per definizione sono curiosi e, se si sentono soli, come possono resistere a rapportarsi con un loro coetaneo? Cosa importa se indossa un pigiama e a righe, cosa importa se a separarli vi è del filo spinato, che differenza fa se l’altro ha così tanta fame da essere disposto a mangiare qualsiasi cosa? Ė pur sempre un altro bambino con cui confrontarsi, parlare, ridere, scherzare e in qualche modo (provare a) giocare!

Nasce così la segreta amicizia tra Bruno e Shmuel, un legame coltivato per un anno e che si conclude nel più atroce dei modi, lasciando chi legge senza parole, profondamente turbato, inevitabilmente commosso.

Questa è anche la prospettiva con cui il tema dell’olocausto viene esaminato da Bruno-Boyne: con l’innocenza di un piccolo uomo, con l’intrinseca voglia di conoscere, scoprire ed esplorare in una situazione di duplice solitudine. Perché entrambi, sia il tedesco sia l’ebreo polacco, vengono strappati alla loro vita e catapultati in una serie di eventi concatenati dei quali i due ragazzi sono solo parzialmente consapevoli.

John Boyne, irlandese, classe 1971, si avvale di uno stile semplice, fluente, adatto a tutte le età, sostenuto da un ritmo narrativo quasi fiabesco grazie all’ingenuità degli occhi dei fanciulli, e ci trascina in una realtà che oggi risulta quasi impossibile immaginare, in un periodo storico che ha segnato indelebilmente l’umanità. Lo fa obbligando il lettore a calarsi nei panni della coppia di amici, tenendolo stretto in quella morsa che è il finale: un epilogo annunciato a chi legge sin dalla metà del romanzo e che lascia l’amaro in bocca, il cuore dolorante, e tante riflessioni nella mente. Per non dimenticare…

E non si ferma qui l’autore. A distanza di dieci anni dalla pubblicazione dell’opera che ne ha consacrato il valore, egli torna a parlare delle persecuzioni naziste con “Il bambino in cima alla montagna”, edito da Rizzoli e disponibile in libreria dal 14 gennaio 2016.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Boyne

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boyne John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Gli ospiti dell’Hotel Haworth hanno trascorso un Capodanno davvero indimenticabile. L’albergo non è tra i più lussuosi, e oltre tutto è in via di ristrutturazione, ma le tariffe, cenone compreso, sono un affare e l’offerta di intrattenimenti ricca e varia. Così una nutrita clientela composta di famiglie con pargoli al seguito, pensionati e coppie più o meno regolari si è ritrovata, la notte del 31, nella sala ristorante dell’albergo per partecipare all’eccitante serata in maschera a tema, questa volta dedicata al «Misterioso Oriente». Alla luce soffusa delle candele, si sono susseguite portate dai nomi pretenziosi, alcol a volontà, giochi e danze, il tutto pervaso dall’allegria un po’ sopra le righe delle feste comandate. Insomma, un vero successo. Ma il programma per il primo dell’anno ha in serbo una sorpresa di troppo per gli ospiti ancora frastornati dai postumi della lunga nottata. In una delle stanze dell’hotel riposa - in eterno - un uomo per il quale l’anno nuovo si è già concluso con un brutale colpo alla testa. Neanche per Morse e Lewis l’anno inizia sotto i migliori auspici, costretti come sono ad abbandonare le innocenti distrazioni delle vacanze natalizie dall’infaticabile quotidianità del male. La caccia all’assassino insinuatosi tra seducenti danzatrici del ventre, finti sceicchi e misteriose donne velate, tuttavia, sarà abbastanza intrigante da non far rimpiangere al capo ispettore l’abituale Quizzone del primo dell’anno al suo pub preferito. Mentre il povero sergente Lewis, strappato al calore della vita familiare, riuscirà a superare la malinconia solo grazie al suo impeccabile senso del dovere e alla ruvida amicizia di Morse. Tra le tante maschere e menzogne che occultano la realtà, non sarà facile per i due poliziotti dare un volto e un nome al cadavere sfigurato della stanza numero 3 e al suo misterioso carnefice.

Il segreto della camera 3

Dexter Colin

È uno strano prete, don Leo. Emotivo, poco paziente, anticonformista, pieno di dubbi, detesta le gerarchie e non riesce a nascondere un profondo rancore verso suo padre, che reagì al matrimonio sbagliato semplicemente andandosene quando lui era un bambino. Proprio per questo ha deciso di prendere i voti: per trovare una famiglia, un conforto, risposte a domande insostenibili. Così, a trentatré anni, Leo affianca l’anziano don Fermo in una parrocchia a due passi dalla nuova Milano dei grattacieli. In un mondo in cui il Male è quasi inevitabile perché diffuso, e il Bene difficile da immaginare, Leo cerca ostinatamente Dio in ogni cosa, anche se una voce interiore gli sussurra che forse dovrebbe smettere.

Bruciare tutto

Siti Walter

In un'esclusiva clinica neuropsichiatrica di Los Angeles Maria Wyeth, attrice fallita, ripensa alla sua vita, frammentata in episodi che appaiono ormai distanti e freddi come gli astri nella volta celeste. Dal deserto del Nevada alle colline di Hollywood, da modella a protagonista in film minori: la sua parabola è quella di una stella che non ha mai davvero brillato. Dopo anni di scelte sbagliate e di ferite emotive, Maria ha smesso di provare ogni sentimento e lascia che la vita le passi accanto. Anestetizza il dolore guidando per ore senza meta sulle autostrade della California, navigando nel traffico come nelle acque di un immenso fiume. Nonostante tutto, continua a voler giocare la sua partita forse motivata dall'unica scintilla d'amore che riserva per Kate, la figlia malata che vede di rado. Joan Didion seziona con la sua penna affilata la fauna umana che orbita intorno a Hollywood, che sfodera sorrisi e false promesse in infiniti cocktail party, che teme il fallimento come una malattia infettiva, pronta a tutto pur di riempire il vuoto che la assedia. Romanzo dalla lingua essenziale e spietata, "Prendila così" fotografa gli aspetti più vacui e autodistruttivi della società americana, raccontando quanto sia doloroso vivere e quanto più facile semplicemente esistere.

Prendila così

Didion Joan

Tutto ha inizio con una lista di nomi. Non sono nomi qualunque, ma quelli di pericolosi terroristi che minacciano la sicurezza internazionale tanto da dover essere eliminati uno a uno. Solo sette persone nelle segrete stanze di Washington conoscono l¿esistenza della "lista nera", tra queste il presidente degli Stati Uniti. La minaccia è reale, ma deve rimanere top secret o si scatenerà il panico. Il primo di questi nomi è anche il più temibile: "il Predicatore", un fondamentalista islamico senza scrupoli che ha come unico scopo la distruzione degli infedeli. Incita all'odio attraverso messaggi che diffonde tramite il web e riesce a raccogliere attorno a sé una folla di proseliti che scatenano una serie incontrollabile di eventi mortali. Gli omicidi si moltiplicano, non solo negli Stati Uniti ma anche sul territorio inglese, dove cadono altre vittime. Troppe. Solo un uomo può compiere quella che sembra una missione impossibile: l'ex marine Kit Carson, soprannominato "il Segugio", che viene prontamente incaricato di trovare e uccidere il responsabile di quell'inferno. Kit, però, non sa che faccia abbia il suo nemico, dove si nasconda e quale sia il suo vero nome. Sarà un giovane ed espertissimo hacker a rintracciare per lui le postazioni del Predicatore e dei suoi complici utilizzando solo la tecnologia. Si scatena così una guerra tra due schieramenti, totalmente diversi tra loro ma con un obiettivo comune: la distruzione dell'avversario. Con La lista nera Frederick Forsyth si riconferma un maestro del genere firmando un thriller che non lascia scampo, in cui attualità e fiction si mescolano grazie a un eccellente lavoro di documentazione che svela i retroscena dei servizi segreti britannici, americani, pachistani e israeliani.

LA LISTA NERA

Forsyth Frederick