Narrativa

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John

Descrizione: Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: BestBUR

Anno: 2013

ISBN: 9788817064071

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Berlino, 1940. Bruno, nove anni, è il figlio di un importante ufficiale al servizio del Fuhrer, incaricato del progetto di eliminazione degli ebrei d’Europa nei campi di sterminio. Per la buona riuscita della missione, nonostante il disappunto del ragazzo e della sorella Gretel, la famiglia è tenuta a trasferirsi ad “Auscit”, una piccola località tedesca nei pressi della capitale.

Nella novella dimora i berlinesi faticano ad ambientarsi: la casa è infatti ben diversa da quella a cinque piani lasciata nel cuore di Berlino; non solo, non ci sono bambini con cui giocare e con cui relazionarsi, gli unici uomini in abiti “civili” sono i servitori, ovvero gli ebrei. Ma con loro Bruno non può interloquire, il padre non vede di buon occhio la frequentazione; anzi, scambiare qualche parola è quanto di più grave ci sia, per tutta la famiglia. Nessuno escluso.

Ma, si sa, i più piccoli per definizione sono curiosi e, se si sentono soli, come possono resistere a rapportarsi con un loro coetaneo? Cosa importa se indossa un pigiama e a righe, cosa importa se a separarli vi è del filo spinato, che differenza fa se l’altro ha così tanta fame da essere disposto a mangiare qualsiasi cosa? Ė pur sempre un altro bambino con cui confrontarsi, parlare, ridere, scherzare e in qualche modo (provare a) giocare!

Nasce così la segreta amicizia tra Bruno e Shmuel, un legame coltivato per un anno e che si conclude nel più atroce dei modi, lasciando chi legge senza parole, profondamente turbato, inevitabilmente commosso.

Questa è anche la prospettiva con cui il tema dell’olocausto viene esaminato da Bruno-Boyne: con l’innocenza di un piccolo uomo, con l’intrinseca voglia di conoscere, scoprire ed esplorare in una situazione di duplice solitudine. Perché entrambi, sia il tedesco sia l’ebreo polacco, vengono strappati alla loro vita e catapultati in una serie di eventi concatenati dei quali i due ragazzi sono solo parzialmente consapevoli.

John Boyne, irlandese, classe 1971, si avvale di uno stile semplice, fluente, adatto a tutte le età, sostenuto da un ritmo narrativo quasi fiabesco grazie all’ingenuità degli occhi dei fanciulli, e ci trascina in una realtà che oggi risulta quasi impossibile immaginare, in un periodo storico che ha segnato indelebilmente l’umanità. Lo fa obbligando il lettore a calarsi nei panni della coppia di amici, tenendolo stretto in quella morsa che è il finale: un epilogo annunciato a chi legge sin dalla metà del romanzo e che lascia l’amaro in bocca, il cuore dolorante, e tante riflessioni nella mente. Per non dimenticare…

E non si ferma qui l’autore. A distanza di dieci anni dalla pubblicazione dell’opera che ne ha consacrato il valore, egli torna a parlare delle persecuzioni naziste con “Il bambino in cima alla montagna”, edito da Rizzoli e disponibile in libreria dal 14 gennaio 2016.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Boyne

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boyne John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi

Liber è un uomo in fuga, anzi no, è un uccello. Liber è un uomo libero, anzi no, è un assassino. Liber è uno solo, anzi no, Liber sono tanti. Un personaggio ricorrente, che come nei sogni attraversa città e dimensioni, tracciando ogni volta una storia diversa. Si ramificano così molteplici possibilità di vita e di narrazione. Liber è un personaggio che fugge dalle situazioni difficili, dai ricordi dolorosi, dalle città caotiche, ma ogni fuga non è altro che l'inizio di un viaggio. E così Liber sfugge alle trame dei racconti, si maschera da vecchio, da uomo volante, da miglioratore del mondo, da bambino sognante. Ogni alter ego racconta una storia in più. Trasformarsi, mutare, viaggiare, raccontare: tutto ciò permette a Liber di tenere fede al suo nome, di restare un essere libero.

Tanti modi di fuggire da una città

Casacca Stefano

Due sorelle, all'inizio degli anni Settanta: l'università, le lotte nel movimento studentesco, la disubbidienza femminista, l'amore e il sesso sperimentati come liberazione, la politica come passione. Succede qualcosa, qualcosa di oscuro che le coinvolge. Aprile 2003: una serie di eventi casuali pone Giulia di fronte agli interrogativi inquietanti sulla morte della sorella Viola, avvenuta trent'anni prima. Sullo sfondo, la Milano di oggi, in bilico fra la memoria delle proprie radici morali e i nuovi miti del presunto progresso; e quella di ieri, con i suoi quartieri, le osterie, la cultura vissuta come rivoluzione, le ingenuità e gli eccessi di una partecipazione politica che credeva negli ideali.

VIOLA

Paccini Pervinca

Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Antigone

Sofocle