Narrativa

IL BAMBINO INDACO

Franzoso Marco

Descrizione: Forse non è cosí vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Cosí succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa. «Quando infine mi passarono il bambino, una fitta di felicità mi lacerò il petto. Respirai forte per non crollare. Lo tenni in braccio e pensai che ce l'avevamo fatta. Almeno fino a lí ce l'avevamo fatta».

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Coralli

Anno: 2012

ISBN: 9788806210144

Trama

Le Vostre recensioni


Un libro di poco più di un centinaio di pagine, che si leggerebbero tutte d’un fiato se l’angoscia, la rabbia, la tristezza e lo sdegno non ti costringessero a prenderlo a piccole dosi.

Il bambino indaco del titolo, cioè l’essere fuori dal comune venuto al mondo per migliorarlo e per annunciare una nuova era, è il figlio di Carlo e Isabel , una coppia normale e apparentemente felice. Almeno fino a quando lei rimane incinta (di un bambino indaco, come le viene pronosticato)  e diventa ossessionata dalla purezza e dalla ricerca della perfezione.
Esasperando le teorie New Age e il veganismo, decide di purificare se stessa e il bambino cibandosi in maniera quasi ascetica e seguendo terapie alternative. Il rigore diventa ossessione e poi follia: Isabel, preda dei propri demoni, sempre più felice e appagata, raggiunge un peso limite, mentre il bambino, sempre più debole e affamato, non cresce, anzi regredisce.
Carlo, un padre privato fin dall’inizio del suo ruolo, assiste passivo alla tragedia che gli si sta consumando davanti agli occhi, stordito, incosciente, incapace. Paralizzato dal terrore e dalla paura di peggiorare le cose, finge che sia tutto normale. Quando finalmente prova a fare qualcosa, trova nuovi e inaspettati ostacoli proprio negli organi preposti a garantire cura, assistenza e aiuto: i servizi sociali.
La situazione ovviamente precipita e si consuma una vera e propria tragedia.
Un romanzo sconvolgente che parla di come l’amore a volte diventi malato e si faccia follia, persino quell’amore che dovrebbe essere il più grande: quello per un figlio.
Un romanzo in cui, e questo è ancora più sconvolgente, dall’inizio alla fine è sospeso qualunque giudizio, sono raccontati solo i fatti e solo dal punto di vista di Carlo.
Franzoso è riuscito a raccontare, senza commentare, una storia tragica, sconvolgente, una di quelle che potremmo leggere la mattina sulle pagine di cronaca di un  giornale.
E’ un romanzo, scritto benissimo peraltro, che consiglio senza dubbio di leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Franzoso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Franzoso Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il suo nome è associato ai più gravi episodi della strategia della tensione. Gli hanno dato la caccia le polizie di mezzo mondo. Gli hanno attribuito rapporti opachi con apparati deviati dello Stato. Ora, dopo una lunghissima attesa, Delle Chiaie racconta la sua versione dei fatti. Dagli esordi in politica, con la fondazione di Avanguardia Nazionale, al Golpe Borghese, di cui fornisce la sua "verità"; poi la fuga nella Spagna franchista e l'avventurosa attività da protagonista in Cile, Portogallo, Spagna, Bolivia e Angola. E, ovviamente, in Italia, allora stritolata dagli "opposti estremismi".

L’aquila e il condor

Delle Chiaie Stefano

Heroides: Lettere d’amore

Ovidio

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore

Jean è uno scrittore solitario che fatica a distinguere il presente dal passato, i ricordi veri da quelli immaginari. Eppure non ha sognato: sul suo vecchio taccuino nero degli anni Sessanta sono infatti annotati nomi, numeri di telefono, date di appuntamenti, e persino brevi testi «che hanno qualcosa a che fare con la letteratura». Fra questi nomi spicca quello di Dannie e Paul Chastagnier, Duwelz e tutta la loro banda di loschi personaggi che frequentano locali equivoci come l’Unic Hotel o il bar «66» vicino ai giardini del Luxembourg, teatro di frequenti retate notturne. Nelle sue lunghe passeggiate negli stessi quartieri di allora, fra i palazzi e la folla anonima della Parigi moderna, Jean ricorda un’epoca in cui non esistevano gli iPhone, un tempo in cui la città era diversa: una topologia dove il reale trascolora nel sogno, quasi un paesaggio interiore dove a volte si apre un varco nel tempo, e dalla memoria scaturiscono fantasmi del passato o scrittori come Gérard de Nerval, Tristan Corbière e perfino Jeanne Duval, la musa di Baudelaire. Così, riaffiorano alla mente dettagli incompiuti, segreti mai svelati, misteri irrisolti: perché la polizia lo aveva interrogato? Cos’era successo al pianoterra di quell’appartamento sul lungosenna? C’è forse un legame con la guerra d’Algeria e l’affare Ben Barka? E poi, quale significato attribuire alle parole di Dannie: «Cosa diresti se io avessi ucciso qualcuno» e, soprattutto, alla sua improvvisa scomparsa? La verità è lì a un passo, eppure irraggiungibile. Un romanzo onirico, evocativo che incanta con la sua melodia coinvolgente e risuona a lungo nella memoria e nel cuore, come il sassofono preciso e malinconico di Stan Getz.

L’erba delle notti

Modiano Patrick