Narrativa

IL BAR DELLE GRANDI SPERANZE

Moehringer J. R.

Descrizione: Figlio unico di madre single, J.R. cresce ascoltando alla radio la voce del padre, un dj di New York che ha preso il Volo prima che lui dicesse la sua prima parola. Poi anche quella voce scompare. Sarà il bar di quartiere, con l'umanità varia che lo popola, a crescerlo e farne un uomo. Appassionata e malinconicamente divertente, una grande storia di formazione e riscatto, di turbolento amore tra una madre e il suo unico figlio, ma anche l'avvincente racconto della lotta di un ragazzo per diventare uomo e un indimenticabile ritratto di come gli uomini rimangano, nel fondo del loro cuore, dei ragazzi perduti.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: NumeriPrimi

Anno: 2005

ISBN: 9788866216155

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Quando un cactus comincia a inclinarsi da una parte fa crescere un braccio dall’altro lato, per raddrizzarsi. Poi, quando tende a piegarsi da quel lato, fa crescere un braccio dalla parte opposta. E così via. Ecco perché li vedi anche con diciotto bracci. Un cactus tenta continuamente di star su dritto. Una cosa che cerca così disperatamente di mantenere l’equilibrio merita ammirazione”. La metafora del cactus è sorprendente almeno quanto questo libro autobiografico nato dalla vita e dalla penna dello scrittore americano J.R. Moehringer. La lettura scorre piacevolmente attraverso il racconto dell’autore, che dall’infanzia arriva alla giovinezza attraverso vicissitudini familiari e personali a tratti commoventi ed ironiche.

J.R. è  figlio di una madre single e di un padre assente di cui gli è dato solo inseguire – con toccante assiduità  – la “Voce” alla radio: una figura, quella paterna, che J.R. inseguirà per anni fino al giorno in cui lo specchio della vita non gli rimanderà l’immagine reale di quell’uomo e gli farà dire – con un po’ di amarezza – “tuo padre non è un brav’uomo, ma tu non sei tuo padre”.

Il racconto di Moehringer passa dalla casa del nonno paterno – detto il Cesso – a Manhasset, Long Island, all’Università di Yale, sino alla redazione del New York Times, passando dall’Arizona e dalla libreria di Bill e Bud per poi tornare al Publicans, già Dickens, o più semplicemente al Bar. Il pub di Steve che, dal 1970, è un punto di riferimento, “un pezzo di terra consacrata”, “un rifugio in cui …amici e compagne di bevute” possono trovare “un senso di sicurezza e di compensazione”, finirà infatti per essere considerato nel Manhasset il Bar, così come con “la Città” si intende New York  e con “la Strada”,  Wall Street.

J.R. troverà nel Publicans il suo punto di riferimento, il luogo in cui tornare ogni volta che la vita gli restituirà, con gli interessi, il conto salato per aver tentato il riscatto, il salto verso l’affrancazione dalla precarietà del vivere e dalla dolorosa complessità dei rapporti umani.  Il Bar è anche i suoi volti familiari: lo zio Charles, Steve e il suo sorriso da stregatto, l’affidabile Joey D, Bobo ed il suo fedele cane Wilburn, Colt con la voce da orso Yoghi, e ancora Mavaffa, Bob il Poliziotto e Puzzolo. Perché al Publicans si ha un nome che ti porti dietro per sempre e che dice chi sei; al Bar sei quello che bevi ed una volta che diventi “un Sea Breeze Jack o un Dewars-and-Soda Jill”, quello è il tuo cocktail, quello che ti viene servito da zio Charlie ogni volta che varchi la porta. Un nome che racconta da dove vieni: come J.R., come Junior, come John Joseph Moehringer Jr, troppo ingombrante per ricordare un padre assente. J.R. cerca – oltre ad un nome – un posto nel mondo, per sé e per la madre sola e perennamente in lite con la calcolatrice perché i conti non tornano mai. Per questo  J.R. si spinge fino al sogno irrealizzabile di Yale – perché come avvocato avrebbe potuto fare causa al padre per ottenere il mantenimento -; si lascia ammaliare dalla borghese Sheryl; entra in punta di piedi nella redazione del New York Times.

Nulla però vuole funzionare. La realtà del vivere sembra voler ricordare al giovane J.R. che il luogo da cui vieni è quello che sei ed ogni tentativo per prenderti quello che meriti è destinato al fallimento. J.R. è facile preda dello scoraggiamento, della delusione e – ogni volta – sarà Il Publicans a ricordargli quanto sia importante credere per riuscire. Perché al Publicans nessuno è ciò che sembra, al di là dei soprannome affibbiato o al coktail che ti viene servito: zio Charlie non è solo un barista, ma un’amabile conoscitore di musica, Cager non è solo un giocatore di biliardo, ma è anche la guerra del Vietnam che si porta addosso, Bob il Poliziotto è un sorprendente divoratore di libri.

Dal Publicans si riparte dopo aver preso fiato, dopo la meritata pacca sulla spalla, dopo la parola di cui avevi bisogno, dopo la catarsi di una sbronza necessaria. Nel Publicans c’è il tempo per riflettere, per ascoltare e per confessarsi, senza la paura di essere giudicati o di dover dimostrare qualcosa. Nel Bar ci si spoglia del ruolo in cui la vita ti ha costretto, per mettersi a nudo e per vedersi finalmente allo specchio. Allora ricominciare diventa un’esigenza, lasciarsi alle spalle la porta del Publicans una necessità, perché la vita è fuori e va affrontata con coraggio per realizzare quello che si è.

Ed è così che nasce il romanzo di J.R. Moehringer, il romanzo del Publicans e delle grandi speranze.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

R.

J.

Moehringer

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moehringer J. R.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

Nulla sembra muoversi nell’assolata Minervino, patria della medium Eusapia Palladino. Finché in paese arriva il romanziere Guido Galliano, ingaggiato dal conte Ferdinando Canosa perché aiuti la volitiva moglie, Finizia, a finire il romanzo, proprio sulla vita della Palladino, cui invano lavora da anni. La cosa dovrà però accadere in segreto. Soprattutto senza che niente ne sappia Maddalena Nortano. E' infatti per contendere il primato a costei, sua rivale da quando le soffiò lo sposo sull’altare e ora, grazie ai suoi libri di storia locale, figura di spicco del Circolo “La Scesciola”, che Finizia coltiva il sogno di diventare scrittrice pur senza averne la benché minima capacità.

Una medium, due bovary e il mistero di Bocca di Lupo

Cappelli Gaetano

Un ragazzino di tredici anni che è ancora bambino, ma che comincia ad avvertire la pulsione di scoprire la vita; una madre, vedova, che è ancora fiorente e desiderosa di vivere; L'inquietudine, la difficoltà dei rapporti, la scoperta del sesso. I turbamenti sessuali ed esistenziali di un adolescente che scopre la vita in un grande romanzo che ha segnato un'epoca: un libro scritto nel 1941 ma giudicato troppo scabroso dalla censura fascista, uscito in libreria solo nel 1944.

Agostino di Alberto Moravia

Moravia Alberto

Denny ha solo sette anni, una madre tossica, un padre folle e alcolizzato, dei compagni di scuola che lo maltrattano e lo considerano pazzo. Quando è solo, per vincere il terrore inventa filastrocche inquietanti. Ha un unico amico, che si fa chiamare Uomo dei Sogni: è un vecchio crudele, trasandato, con un bastone in mano. Se qualcuno fa del male a Denny, l'Uomo dei Sogni non perdona. Arriva e vendica. Pietro di anni ne ha quattordici. È un autistico geniale col dono del disegno. Unico testimone oculare delle aberranti sparizioni di alcuni ragazzini, Pietro fa la sola cosa che gli riesce in modo esemplare: disegna ciò che ha visto. E ciò che ha visto è agghiacciante. Nessuno gli crede, nessuno tranne la sua educatrice professionale. Alice: quei disegni le tolgono il sonno e la precipitano nell'incubo, le ricordano qualcosa che molti anni prima aveva cercato di rimuovere... Ma ora il passato ritorna e travolge. E deve essere fermato.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza